Approfondimenti

La stretta del Viminale sui cortei, a Glasgow si prepara la bozza delle conclusioni e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 9 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Da domani saranno proibiti i cortei nei centri storici, permessi solo “i sit in con misure di distanziamento” e “in zone periferiche”. E vale per qualsiasi manifestazione, non solo per quelle dei no green pass. Stasera si capirà se la circolare del Viminale verrà limata, per esempio dando ai prefetti la possibilità di fare delle concessioni. Per la prima volta da settembre, i positivi al Covid sono oltre i 100mila. Ma il tasso di positività scende sotto l’1 per cento. Stasera alla Cop26 di Glasgow è attesa una bozza sulle conclusioni, e in giornata è stato presentato un nuovo studio: nel 2100 la temperatura globale sarà superiore di 2,4 gradi a quella dell’era pre-industriale. Infine, l’andamento dell’epidemia di Covid in Italia.

Consentite solo “manifestazioni stanziali” e in “zone periferiche”

La stretta sui cortei del Viminale è dietro l’angolo. Questa sera verrà diramata la circolare a prefetti a questori. Le nuove disposizioni consentono solo manifestazioni stanziali, sit in con misure di distanziamento in zone periferiche della città. Le indiscrezioni apparse sulla stampa sono state confermate nel pomeriggio. Per porre fine alle manifestazioni non autorizzate dei no green pass, che hanno mandato nel caos il centro di città come Milano, il ministero degli Interni ha varato una norma generale per tutte le manifestazioni.

di Michele Migone

Il testo sarà scritto in questi minuti. Divieto per tutti i cortei. Vediamo se verrà confermata oppure se verrà smussata dando al prefetto la possibilità di concedere o no l’autorizzazione a seconda della natura della manifestazione. A confermare le indiscrezioni oggi pomeriggio è stato Carlo Sibilia, Movimento 5 Stelle, sottosegretario al ministero degli interni. Lo abbiamo intervistato

La stretta del Viminale sui cortei no green pass era stata chiesta da tempo. La ministra Lamorgese ha deciso di intervenire adesso per almeno tre ragioni. La prima è che il movimento sta perdendo di forza numerica. Le piazze calde sono ormai solo quattro o cinque. Ora, è più facile da controllare da un punto di vista dell’ordine pubblico. La seconda ragione è una conseguenza della prima. E’ cambiato il clima politico attorno al green pass. La questione non è più usata come strumento di scontro contro o dentro il governo. Le limitazioni del ministero degli Interni arrivano infatti dopo che anche la Lega ha mollato il Movimento contrario al certificato verde. Il motivo è semplice: tra i manifestanti , da una parte, e i commercianti, dall’altra- uno storico e potente bacino elettorale del centrodestra – la Lega ha scelto i commercianti. La terza ragione, non meno importante, ma forse meno determinante del quadro politico nella tempistica del Viminale, è quella dei contagi. Il focolaio Covid legato ai cortei no green pass a Trieste “ha superato 200 contagi”, ha detto il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi. Domani a Roma è prevista una manifestazione dei sindacati confederali dell’ex Ilva. Abbiamo parlato con Francesco Brigati, della Fiom di Taranto. Ci ha detto che loro vogliono manifestare in ogni caso. Sentiamolo

 

Le dieci proposte sul reddito di cittadinanza

(di Massimo Alberti)

Il comitato di valutazione del reddito di cittadinanza istituito dal ministro del Lavoro Andrea Orlando e guidato dalla sociologa Chiara Saraceno ha concluso il suo lavoro, consegnando i 10 punti di proposta di modifica della legge. E sono punti che, in gran parte, vanno nella direzione opposta a quelli decisi dal governo e molto lontani dal sentire della maggioranza che lo sostiene.
Quattro i punti essenziali: meno paletti per gli immigrati che rappresentano una fetta importante dei poveri in Italia, una diversa modulazione dell’assegno tra singoli e le famiglie numerose ora penalizzate nel calcolo, possibilità di risparmio togliendo l’obbligo di spendere l’intera somma entro un mese, possibilità di cumulare redditi da lavoro e sussidio. La quinta parte invece va nella direzione di quanto già deciso dal governo, proponendo di stringere i vincoli per l’accettazione di un lavoro da parte dei beneficiari, pur contestando alcune scelte giudicate fin troppo restrittive. “La manovra non ha cambiato il reddito di cittadinanza, ne ha irrigidito le condizioni sulla base di una sopravvalutazione del rifiuto dei lavoro da parte dei beneficiari che non è fondata”, osserva Saraceno.
Il ministro del Lavoro Orlando rimanda all’analisi da parte del parlamento della manovra, dove è contenuto il capitolo sul reddito di cittadinanza. Un modo elegante per dire che il lavoro del comitato scientifico, già pronto da tempo, viene presentato dopo che la legge è già stata cambiata. Orlando sa perfettamente che le proposte di estensione come il passaggio da 10 a 5 anni di residenza per gli stranieri, non passeranno mai in una maggioranza che in gran parte il reddito lo vorrebbe abolire con un livore ideologico che ha trovato il fianco in molte campagne stampa, decisamente poco giornalistiche. Mentre la parte sui vincoli ad accettare un lavoro va nella direzione già decisa dal governoe non cambierebbe nulla della situazione attuale. Nel lavoro del comitato i paletti c’erano, a partire dai saldi: le proposte di modifica restano dentro quegli 8-9 miliardi all’anno stanziati. Non un soldo di più. Di fatto una redistribuzione tra poveri, tra famiglie e singoli. “Non si poteva fare più di così” è quanto fuori microfono ammette chi ha lavorato al testo. Il governo dei competenti però non ha voluto ascoltare proposte di modifiche note da settimane, ma rese pubbliche in realtà a giochi fatti. Lasciando un tema delicato come la povertà in mano alle pulsioni elettorali dei partiti.

Cop26, lo studio: nel 2100 la temperatura si alzerà di 2,4 gradi

Nel pomeriggio la presidenza della Cop26 ha annunciato che stasera sarà pubblicata una bozza delle conclusioni del vertice, attese tra pochi giorni. Domani il “padrone di casa” della conferenza, il premier britannico Boris Johnson, tornerà a Glasgow per cercare di spingere verso un risultato finale che permetta di definire la Cop come un successo. Oggi al vertice è stato presentato uno studio secondo cui al momento il rischio è che nel 2100 la temperatura globale sia superiore di 2,4 gradi a quella dell’era pre-industriale, quindi ben oltre il grado e mezzo che non andrebbe superato. Ne parliamo con Luca Iacoboni, il responsabile campagna energia e clima di Greenpeace Italia

 

Al confine tra Polonia e Bielorussia

Il ministero della difesa della Bielorussia ha convocato un rappresentante dell’ambasciata polacca a Minsk. Il motivo è che le autorità polacche accusano i militari bielorussi di aiutare le persone che vorrebbero passare il confine tra i due paesi. In queste ore nella zona di frontiera ci sarebbero circa 4mila migranti. Il regime bielorusso è accusato di usarli per fare pressione sull’Unione europea, come ritorsione contro le sanzioni destinate a colpire proprio il regime di Alexander Lukashenko, che oggi ha sentito al telefono Vladimir Putin. Sempre oggi il presidente russo è stato accusato dal primo ministro polacco di essere il vero regista di tutta l’operazione.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1458119682721001481

Foto | Le proteste a Glasgow, il 9 novembre 2021

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta