Approfondimenti

Il confronto tra governo e opposizione, i nuovi raid di Israele a Gaza e le altre notizie della giornata

tavolo confronto governo ANSA

Il racconto della giornata di martedì 9 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi è iniziato il confronto tra governo e opposizione sulla riforma della Costituzione in senso presidenzialista a cui punta la destra, ma serviranno anni perché arrivi a termine, se la maggioranza ce la farà. Intanto la maggioranza ha dato uno schiaffo alle lavoratrici cancellando di fatto “Opzione Donna”, il meccanismo per permettere alle donne di smettere prima di lavorare. Eni era a conoscenza degli effetti della crisi climatica, ma li ha ignorati: è l’accusa rivolta al gruppo petrolifero da Greenpeace e ReCommon. Israele ha avviato questa notte un’operazione militare a Gaza e una nuova escalation sembra più probabile col passare delle ore.

Il primo confronto tra governo e opposizione sulla riforma della Costituzione

Oggi è iniziato il confronto tra governo e opposizione sulla riforma della Costituzione in senso presidenzialista a cui punta la destra. Alla Camera Giorgia Meloni ha visto tutti i partiti di minoranza. Disponibilità al dialogo dalla delegazione centrista di Matteo Renzi e Carlo Calenda, contraria solo all’elezione diretta del Capo dello Stato. No anche a quella della Presidenza del Consiglio dal Movimento 5 stelle, che però si è mostrato pronto a discutere su come rendere più stabili i governi e chiede di farlo in una commissione formata ad hoc. “A noi più che lo strumento interessa la qualità del confronto” ha risposto la segretaria Pd Elly Schlein, anche lei contraria all’elezione diretta, sia per la Presidenza della Repubblica sia per quella del Consiglio.

Presidenzialismo sì, ma quanti?

Con che atteggiamento invece è arrivata Meloni a questo appuntamento e come comincia il suo tentativo di cambiare la Costituzione?

(di Luigi Ambrosio)

Presidenzialismo? Semi presidenzialismo? Premierato? Sì, ma premierato forte o debole? E poi che tipo di presidenzialismo? Alla francese, all’americana? E se poi alla fine fosse un cancellierato alla tedesca? Va bene, ma le autonomie delle regioni, le inseriamo? Giorgia Meloni ha fatto della riforma presidenzialista il punto forte della sua proposta politica.
Cambiare le architravi dello Stato. Archiviare il principio cardine voluto dai Costituenti che dopo la dittatura fascista vollero evitare di accentrare potere nelle mani di uno solo. Chiamare finalmente il popolo a eleggere direttamente chi li governerà. Un progetto che è l’anima della destra. Talmente importante che al primo giro di consultazioni si scopre che la destra di progetti ne ha addirittura tre. O forse sarebbe meglio dire che non si può permettere di imporne uno su tutti, in questo momento. Quel che conta è “attualizzare la Costituzione” come ha detto Lollobrigida. Ma in primo luogo a Fratelli d’Italia interessa vincere la partita. È tutto un giocare di tattica, per vedere le carte degli avversari, per cercare un terreno comune, per contare sulle divisioni che potrebbero nascere tra le opposizioni, e non sarebbe una novità, per dividerle. Ma la partita, Meloni la deve vincere anche in maggioranza, visto che nemmeno tra di loro gli alleati di governo sono d’accordo. E in ballo ci sono anche riforme connesse come le autonomie regionali o questioni più immediate, come le nomine, a cominciare da quelle della Rai.
Passare dai grandi principi alle lotte crude per il potere, come sempre quando si parla di riforme, è un attimo.

Un percorso lungo anni, se la maggioranza ce la farà

Il percorso della riforma voluta dalla destra quindi è avviato, ma serviranno anni perché arrivi a termine, se la maggioranza ce la farà.

(di Andrea Monti)

Le leggi che cambiano la Costituzione devono essere votate almeno due volte da ognuna delle due Camere, obbligate a far passare almeno tre mesi tra un sì e l’altro. Se alla fine il testo passa con una maggioranza di almeno i due terzi sia alla Camera sia al Senato, entra direttamente in vigore. Altrimenti ci sono altri tre mesi in cui un quinto dei membri di una delle Camere, cinque consigli regionali o 500mila tra elettori ed elettrici possono chiedere un referendum. È successo sia con la riforma del centrosinistra approvata nel 2001, sia con quelle di Berlusconi e Renzi respinte nel 2005 e 2016. Alle urne non è necessario raggiungere nessun quorum: qualsiasi sia l’affluenza, la legge è confermata se ottiene la maggioranza dei voti validi. Nel complesso quindi un percorso lungo: nell’ultimo caso – quello di Renzi – passarono due anni e otto mesi tra la presentazione in Parlamento del testo e il referendum che lo bocciò.

Lo schiaffo del governo alle lavoratrici

(di Massimo Alberti)

Lo schiaffo del governo alle lavoratrici. La maggioranza ha di fatto cancellato “Opzione Donna” il meccanismo per permettere alle donne di smettere prima di lavorare. Bocciate le mozioni delle opposizioni che ne chiedevano il ripristino, la maggioranza ha approvato un generico impegno a contrastare il divario pensionistico di genere, ma compatibilmente con la finanza pubblica. Dopo però mesi di tagli e restrizioni. Nella manovra del governo Meloni, parte rilevante dei tagli e dei risparmi arrivava dalle pensioni. Quelle più consistenti erano il taglio della rivalutazione oltre i 2.100 euro e la cosiddetta quota 103. Ma una fetta importante arrivava anche dalla revisione di opzione donna. Che penalizzava, appunto proprio le lavoratrici, su cui il governo ha fatto cassa. Di fatto alzando loro l’età per la pensione e relegandola ad un gruppo ristretto di poche migliaia di possibili beneficiarie: 60 anni, un anno di sconto per ogni figlio fino a 2. Ma solo per donne con invalidità civile oltre il 74%, o che assistono parenti con handicap, licenziate o dipendenti di imprese con aperto un tavoli di crisi. Insomma, la fine sancita ora dal voto del parlamento, era già scritta. Di fatto sulle pensioni è stato quindi sospeso il principio per cui le donne hanno diritto ad un anticipo rispetto agli uomini. Quota 103 infatti è accessibile ai nati nel 59, 60 o 61 e ha iniziato a lavorare entro l’82. Addirittura erano otto le finestre per gli uomini, 5 per le donne per una possibilità di cui, eliminando le differenze di genere, hanno usufruito soprattutto uomini senza interruzioni di carriera. Una penalizzazione ulteriore, insomma, per chi già è penalizzato nel mercato del lavoro da salari in media più bassi, dovuti alla quota maggiore di part-time più o meno involontario, alla precarietà, e appunto alla discontinuità lavorativa dovuta al ruolo di cura, od alla maternità. Tutto per risparmiare poche centinaia di milioni. Creando un grave problema di iniquità, per cui i differenziali di reddito da pensione tra uomini e donne arrivano al 40%. Gran risultato per la prima donna a guidare un governo.

Le accuse mosse contro Eni da Greenpeace e ReCommon

Eni era a conoscenza degli effetti della crisi climatica, ma li ha ignorati. È l’accusa rivolta al gruppo petrolifero da Greenpeace e ReCommon. Le associazioni, insieme a dodici cittadini italiani, hanno fatto causa alla società e ai suoi azionisti pubblici, ministero dell’Economia e Cassa depositi e prestiti. Le accuse si basano su alcuni studi, commissionati da Eni, che già tra gli anni ‘70 e ‘80 evidenziavano come fosse a conoscenza degli effetti del consumo di combustibili fossili sul pianeta. “L’operato di Eni è in aperta violazione degli accordi sul clima di Parigi”, dicono Greenpeace e ReCommon che ora puntano a portare il gruppo petrolifero di fronte a un giudice, come già accaduto alla Shell in Olanda. Si tratta della prima causa civile in Italia contro un’azienda per motivi climatici. Antonio Tricarico di ReCommon:


 

La nuova operazione militare di Israele a Gaza

Israele ha avviato questa notte un’operazione militare a Gaza, definita dall’esercito di anti-terrorismo, durante la quale già 15 persone sono state uccise. Questa notte un raid aereo ha colpito le abitazioni di alcuni esponenti della jihad islamica, uccidendo però anche le loro famiglie, per un totale di 3 militanti e 10 civili uccisi, compresi 4 bambini. Nel pomeriggio un altro attacco, nel sud della striscia di Gaza, ha ucciso altri due militanti della jihad.
La comunità internazionale, dall’Onu all’Unione Europea, ha condannato Israele per la morte dei civili chiedendo alle due parti di evitare l’escalation. Hamas, però, ha annunciato che gli attacchi verranno vendicati e che la risposta sarà dura e unitaria. Israele ha a sua volta minacciato di uccidere i leader di Hamas a Gaza se l’organizzazione dovesse attaccare lo Stato ebraico.
Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante una riunione di Gabinetto a Tel Aviv, ha detto che Israele è nel mezzo di una campagna e l’esercito è pronto a tutto. “Suggerisco ai nostri nemici di non scherzare con noi”, ha detto il premier.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta