Approfondimenti

Il vertice NATO a Washington, i negoziati post-elettorali in Francia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 9 luglio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Cosa prometterà la NATO all’Ucraina? Come si comporterà Biden, osservato dai democratici americani e dai leader europei? La strategia di logoramento di Mosca potrebbe non essere vincente. Al Cairo, è stata una giornata intensa di negoziati. Mentre il presidente Emmanuel Macron si prepara a partire per il vertice della NATO a Washington, a Parigi le trattative post-elettorali si fanno intense. Quando il Ddl sicurezza sarà legge, le donne incinte e le madri con i loro bambini piccoli potranno essere messe in cella. Gli ultimi dati OCSE confermano il calo degli stipendi reali, che pone l’Italia in coda all’Europa industrializzata.

Vertice Nato, le promesse a Kiev e l’Incognita Biden

(di Emanuele Valenti)

I piani sono due.
Cosa prometterà la NATO all’Ucraina. Come si comporterà Biden, osservato speciale dai democratici americani, ma anche dagli altri leader europei che temono un vuoto al centro dell’Alleanza Atlantica.
Oltretutto una performance di Biden in linea con le sua ultime uscite potrebbe voler dire l’ennesimo punto a favore di Trump. E i leader europei temono molto la vittoria di ques’ultimo il prossimo novembre, perché potrebbe voler dire un cambiamento radicale della politica estera degli Stati Uniti. Già abbiamo visto qualche anno fa.

Per questo alla presenza di Zelensky, già arrivato a Washington, i capi di stato e di governo della NATO proveranno a rassicurare Kiev sul loro supporto e sul loro impegno nella guerra contro la Russia.
Non ci sarà l’invito ufficiale per avviare i negoziati di adesione, ma nel documento finale dovrebbe esserci un riferimento al processo ormai irreversibile che un giorno porterà Kiev nella NATO.
Questo dovrebbe anche essere il senso di altre misure, come la creazione di un centro di comando in Germania per coordinare gli aiuti militari all’Ucraina e addestrare i militari di Kiev.
Un modo per istituzionalizzare gli aiuti anche per i prossimi anni, a prova quindi di una nuova presidenza Trump.
Stoltenberg avrebbe voluto un pacchetto di aiuti pluriennali ma per alcuni paesi sarebbe stato troppo.

La strategia di logoramento russa funzionerà?

(di Michele Migone)
Nei prossimi mesi i russi non riusciranno a fare significative conquiste di territorio in Ucraina. Gli esperti militari occidentali concordano. Avanzeranno in qualche punto del fronte, per qualche chilometro, ma non ci saranno sfondamenti delle difese ucraine. Le previsioni sono basate su ciò che è accaduto sul terreno negli ultimi mesi. Nel momento peggiore per l’esercito di Kiev, quando mancavano le riserve di munizioni perché gli aiuti americani erano bloccati, i russi non sono riusciti ad assestare colpi decisivi. Non lo hanno fatto a Kharkiv, dove l’avanzata è stata bloccata. Non l’hanno fatto nel Donetz, dove gli obiettivi principali non sono stati raggiunti. I generali russi hanno lanciato contro le trincee ucraine migliaia di uomini, l’esercito di Mosca ha perso decine di soldati al giorno per conquistare poche centinaia di metri di terreno. Gli ucraini hanno retto. E ora, seppur a corto di uomini, con il progressivo arrivo delle armi Usa, si sono assestati. Vladimir Putin ha teorizzato che questa strategia di logoramento possa indurre gli ucraini ad arrendersi, ma Mosca, tra morti e feriti, ogni mese deve reclutare tra i 20 e i 30mila soldati. Che, male addestrati, vengono mandati subito in prima linea. A morire. Alla lunga, nonostante la quantità di uomini che il Cremlino è in grado di arruolare, questa tattica rischia di diventare troppo pesante da sopportare anche per un paese come la Russia. I bombardamenti aerei e missilistici sono le altri armi della strategia di logoramento. Gli obiettivi sono – da una parte – le infrastrutture – e – dall’altra – terrorizzare la popolazione civile, come è successo ieri con il raid contro l’ospedale pediatrico di Kiev. Gli Ucraini sono ancora in difficoltà a bloccare questi attacchi. La loro contraerea è insufficiente. Per questo chiedono altre batterie di Patriots. Allo stato attuale, gli ucraini hanno le armi e gli uomini a sufficienza per non perdere la guerra. I russi non hanno più le armi per vincerla.

I negoziati per un cessate il fuoco in Medio Oriente

Al Cairo è stata una giornata intensa di negoziati nel tentativo di trovare un’intesa tra Israele e Hamas per un cessate il fuoco e lo scambio di ostaggi e prigionieri; i mediatori affermano che le posizioni tra le parti non sembrano essersi avvicinate di molto. Domani la delegazione egiziana sarà a Doha, in Qatar, per proseguire i colloqui.

Sulla Striscia intanto continuano i bombardamenti, che da questa mattina si sono concentrati soprattutto sulla parte centrale della Striscia: si contano almeno 29 morti tra Nuseirat e il campo profughi di Burej, tra le vittime anche 5 bambini; altri 10 morti a Khan Yunis, dove un raid ha colpito una scuola dell’Onu, che secondo Israele era utilizzata dai miliziani.

Dopo la morte, nei giorni scorsi, di altri bambini per fame, oggi all’Onu un gruppo indipendente di esperti di diritti umani ha accusato Israele di aver portato avanti una campagna mirata alla carestia, ormai presente in tutta l’enclave.
A pesare sulla grave situazione umanitaria è anche il caldo, come spiega
il funzionario dell’Unrwa Sam Rose in questo intervento diffuso sui canali social dell’agenzia Onu

Ancora nessuna intesa per il nome del futuro premier francese

Mentre il presidente Emmanuel Macron è in partenza per il vertice della Nato a Washington, a Parigi le trattative del post elezioni entrano nel vivo.
I partiti del Nuovo Fronte Popolare, coalizione che ha insieme il maggior numero di seggi in parlamento, sembrano lontani da un’intesa su un candidato premier che metta tutti d’accordo.

Oggi anche il segretario del Partito socialista francese, Olivier Faure, si è proposto come primo ministro, mentre, secondo la tv Bfm, un gruppo di dissidenti de La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon avrebbe proposto agli ecologisti e ai comunisti di formare un nuovo gruppo parlamentare.

E mentre a sinistra si tratta, a destra nuova tegola per il Rassemblement National: la leader del partito Marine le Pen è indagata per finanziamento illecito nella sua campagna elettorale per le presidenziali del 2022.
L’inchiesta è stata aperta il 2 luglio, ma la notizia si è diffusa solo oggi, dopo i ballottaggi di domenica scorsa. Fra le ipotesi di reato, appropriazione indebita nell’esercizio di funzioni pubbliche, truffa e falso.

Ddl sicurezza, le donne incinta o con figli piccoli potranno andare in carcere

Nessun emendamento al Ddl sicurezza è passato: e tra quelli bocciati c’era anche il tentativo di re-inserire l’obbligo di rinviare la pena per le donne incinte e con figli piccoli. Ci hanno provato le opposizioni: ma Lega e Fratelli d’Italia hanno fatto muro. Forza Italia, invece si è astenuta.
Dunque quando il provvedimento sarà legge, le donne incinte e le madri con i loro bambini piccoli potranno essere messe in cella. La norma è stata pensata e utilizzata, in particolare dalla Lega, nella campagna contro le donne rom che farebbero molti figli per evitare il carcere.

Lia Sacerdote, presidente dell’associazione Bambini senza Sbarre, che da molti anni si occupa del tema

 

L’Italia ha un problema e sono i salari bassi

(di Massimo Alberti)
Gli ultimi dati Ocse confermano il calo degli stipendi reali, che ci mettono in coda all’Europa industrializzata. I rinnovi contrattuali non bastano a recuperare la perdita del potere d’acquisto.
Non è la prima volta che l’Ocse mette in evidenza il problema dei salari italiani troppo bassi. L’ultimo dato evidenzia che siamo il Paese in cui i salari reali, cioè al netto del caro vita, hanno avuto il calo più marcato nei paesi dell’Europa industriale, terzultimi in Europa davanti solo a Repubblica Ceca e Svezia. Nel primo trimestre del 2024 i salari reali erano ancora inferiori del 6,9% rispetto a prima della pandemia, rileva l’Ocse. Ma la questione è strutturale, visto che se andiamo indietro nel tempo, agli ultimi 30 anni, l’italia resta l’unico paese con gli stipendi in calo, dalla fine della scala mobile. Questo è accaduto nonostante alcuni importanti rinnovi contrattuali. E le previsioni sono che la curva di crescita non basterà a recuperare la perdita di potere d’acquisto. Ribadire le ragioni è ormai esercizio ripetitivo: va sempre ricordato che le imprese italiane sono invece quelle con la quota profitto più alta in Europa, a ridosso del 45%, e la quota salari più bassa. La costanza del problema richiama alla struttura del mercato del lavoro creata dai governi degli ultimi 30 anni,tra deindustralizzazione a vantaggio di lavori a basso valore aggiunto, discontinuità lavorativa, part time involontario, imprese che campano di sussidi e stipendi bassi e possono permettersi produttività bassissime e innovazione nulla senza intaccare, anzi incrementando, i margini di profitto. Ma è un elemento di riflessione anche per il sindacato: non basta la concertazione, non è mai bastata. Ed è segnale evidente di perdita di potere di un sindacato confederale che ha ormai dimenticato il conflitto. Non per nulla la povertà assoluta aumenta anche tra chi lavora. Ocse critica infatti anche i sostituti del reddito di cittadinanza: troppo limitati, non proteggono i vulnerabili. I dati Inps diffusi oggi lo confermano: viene raggiunto la metà di chi era coperto dal reddito di cittadinanza, già troppo restrittivo per arrivare a tutti coloro che ne avrebbero avuto bisogno.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 21/07 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 21/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 21/07/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 21/07/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Supertele di domenica 21/07/2024

    I momenti più dorati nei nostri ricordi sono spesso legati ai caldi mesi di giugno, luglio e agosto. Supertele sa di malinconia, di nostalgia ma anche di divertimento, di spensieratezza. Supertele sa di estate. Musica e racconti di Elisa Graci. La Domenica alle 15.35 su Radio Popolare.

    Supertele - 21-07-2024

  • PlayStop

    Fatty Furba La Radio di domenica 21/07/2024

    Fatty Furba La Radio è la versione radiofonica e tutta dedicata al mondo della musica, senza filtry, genery ed età, del Podcast, che potete trovare su tutte le piattaforme di streaming. Margherita Devalle (Fatty Furba), attraverso interviste con artiste, addette ai lavori e tanta musica fresh vi porterà alla scoperta del dietro le quinte della musica contemporanea. Ah dimenticavo, Fatty Furba con la Y Aiuto redazione: Chiara Narciso Video: Margherita Mazzera Sigla: Francesco Sacco

    Fatty Furba La Radio - 21-07-2024

  • PlayStop

    Dieci città di domenica 21/07/2024

    "Dieci Città - 10 voci x 10 storie" è una trasmissione che esplora il fascino e l'influenza di dieci città attraverso gli occhi di dieci diversi conduttori di RP. Ogni episodio offre un viaggio unico, rivelando come l'atmosfera, la cultura e l'energia di ogni città plasmano la vita e le esperienze di chi le abita o le visita. Un racconto coinvolgente che intreccia storie personali e scoperte urbane.

    Dieci Città - 21-07-2024

  • PlayStop

    Camera a sud di domenica 21/07/2024

    Un'ora di radio per anime volatili

    Camera a sud - 21-07-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 21/07/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 21-07-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 21/07/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 21-07-2024

  • PlayStop

    Microfono aperto di domenica 21/07/2024

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 21-07-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 21/07/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 21-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

Adesso in diretta