Approfondimenti

La fuga a piedi da Gaza City, i tanti dubbi sull’accordo tra Italia e Albania e le altre notizie della giornata

fuga da Gaza City ANSA

Il racconto della giornata di martedì 7 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi l’esercito israeliano ha iniziato a combattere nel cuore di Gaza City, mentre oltre 5mila persone sono fuggite a piedi verso il sud della striscia, dove Israele sta continuando a bombardare. Il giorno dopo l’annuncio dell’accordo tra Italia e Albania sull’immigrazione il Pd ha chiesto al governo di rendere pubblico il testo del patto annunciato ieri, definendolo “illegittimo e inefficace”. I medici scioperano contro la manovra del governo Meloni: due sindacati dei dirigenti sanitari, Anaao e Cimo, hanno proclamato l’agitazione per il 5 dicembre. Si sono autodenunciati gli attivisti per la libertà di scelta che hanno aiutato Sibilla Barbieri, paziente oncologica terminale, a ricorrere al suicidio assistito in Svizzera.

L’esercito israeliano è entrato a Gaza City

“Per la prima volta da decenni l’esercito israeliano sta combattendo nel cuore di Gaza City”, così il comandante del fronte meridionale dell’esercito ha annunciato quello che sembra un avanzamento delle truppe dentro la striscia di Gaza. Nelle scorse ore era stato annunciato che la città era stata circondata completamente e oggi Tel Aviv ha concesso 4 ore ai civili rimasti dentro Gaza City per evacuare al sud. Secondo le Nazioni Unite oggi circa 5mila persone sono scappate a piedi verso il sud.
Il ministro della difesa Yoav Gallant, questa sera, ha descritto Gaza come “la più grande base terroristica che l’umanità abbia mai costruito” e ha detto che le forze di terra stanno stringendo la morsa intorno a Gaza prendendo d’assalto le “roccaforti del terrore” da tutte le direzioni.
Durante una conferenza stampa, Gallant è sembrato anche parzialmente smentire le dichiarazioni di questa mattina del premier Netanyahu che, su AbcNews, ha detto che il suo Paese avrà “la responsabilità generale della sicurezza” della Striscia di Gaza “per un periodo indefinito” una volta terminata la guerra con Hamas. Su quest’opzione sentiamo Ugo Tramballi, corrispondente da Gerusalemme de IlSole24ore:


 

La fuga a piedi di migliaia di persone verso il sud della striscia

Oggi migliaia di persone hanno lasciato Gaza city per raggiungere il sud. Le città del sud verso cui scappano i civili però non sono considerate sicure: ancora questa mattina Israele ha bombardato Khan Yunis e Rafah, dove nelle ultime settimane sono arrivati molti sfollati scappati dal nord, distruggendo molti edifici e uccidendo almeno 23 persone.
Sami, cooperante palestinese a Gaza che in questo mese ci ha più volte raccontato ciò che succede dentro la striscia, si trovava molto vicino al luogo colpito a Khan Yunis:

Si moltiplicano in tutto il mondo e tra le organizzazioni umanitarie le richieste di un cessate il fuoco. Oggi anche l’OMS ha chiesto la fine dei bombardamenti, denunciando che più della metà degli ospedali hanno smesso di funzionare. “Nessun posto a Gaza è sicuro” ha ribadito oggi l’agenzia per i rifugiati palestinesi dell’Onu, aggiungendo che in un mese di guerra 66 persone sono state uccise mentre cercavano rifugio nelle loro scuole. Le condizioni umanitarie in questi rifugi, poi, sono gravissime. Come ci ha raccontato Jacopo Intini, cooperante del Ciss, rimasto dentro Gaza per tre settimane e riuscito a uscire da Rafah solo il 1° novembre insieme agli altri stranieri:


 

I punti da chiarire sull’accordo tra Italia e Albania sull’immigrazione

L’accordo tra Italia e Albania sull’immigrazione. Oggi il Pd ha chiesto al governo di rendere pubblico il testo del patto annunciato ieri, definendolo “illegittimo e inefficace”. L’obiettivo dichiarato del piano è portare nello Stato balcanico una parte delle persone che saranno salvate in mare dalle navi militari del nostro Paese, per poi decidere in Albania se hanno diritto a essere accolte in Italia. “Se non ce l’hanno e non riuscite a rimpatriarle dovrete riprendervele” ha detto oggi il primo ministro albanese Edi Rama.

(di Anna Bredice)

Dovrà passare per il voto in Parlamento il protocollo di intesa tra Roma e Tirana. I numeri naturalmente la maggioranza li ha, anche se ci sono alcuni punti che hanno a che fare con i diritti sanciti dalla Costituzione italiana, oltre che dal diritto comunitario e internazionale. Il protocollo per ora è una scatola con alcuni contenuti, ma con altri punti assolutamente non chiari e che delineano al momento un grande pasticcio giuridico. Per il Pd che aspetta il protocollo in Parlamento l’accordo “è illegittimo a livello nazionale e internazionale, inefficace come disincentivo all’immigrazione e ininfluente per l’accoglienza. Costerà solo molto di più”, dice Matteo Mauri del Pd e chissà se nei costi sono compresi gli aiuti economici e i rapporti commerciali con Tirana, il cui premier però quasi in una posizione subordinata nei confronti di Roma – ieri aveva detto: “Se l’Italia chiama l’Albania c’è” – oggi comincia a mettere un po’ i puntini sulle i. “Se i migranti dovranno essere rimpatriati l’Italia se li deve riprendere”, dice. Una frase che mostra la confusione che c’è intorno a questo trattato. Chi deve fare le identificazioni? Chi ha il diritto di chiedere asilo politico potrà rimanere in un centro di detenzione? Chi stabilisce la libertà per i migranti e su quali territorio? Esulta Salvini, il quale forse inconsapevolmente sottolinea già una incongruenza del diritto internazionale. “Due centri in Albania, scrive entusiasta sui social, porteremo 36 mila richiedenti asilo in Albania”, ma i richiedenti asilo non andrebbero detenuti in un Cpr, tra l’altro in una struttura extraterritoriale, fuori dall’Unione europea.

Oggi una portavoce della Commissione Europea ha detto che l’istituzione di Bruxelles è stata informata dell’accordo prima che fosse annunciato. “Siamo in contatto con le autorità italiane e abbiamo chiesto dettagli sul patto, che dalle prime informazioni sembra diverso da quello tra Gran Bretagna e Ruanda” ha aggiunto la portavoce, allontanando il paragone col piano portato avanti dal governo di Londra per costringere migranti sbarcati in Inghilterra ad andare nel Paese africano.

Lo sciopero dei medici contro la manovra del governo Meloni

I medici scioperano contro la manovra del governo Meloni. Due sindacati dei dirigenti sanitari, Anaao e Cimo, hanno proclamato l’agitazione. La data fissata è quella del 5 dicembre. Sotto accusa c’è soprattutto il taglio delle pensioni deciso dalla legge di bilancio per i medici. Una stangata – dicono i sindacati – che prevede una riduzione tra il 5 e il 25% all’anno dell’assegno previdenziale e che colpirà circa 50mila dipendenti. Pierino Di Silverio è il segretario dell’Anaao Assomed:


 

Marco Cappato chiede le dimissioni del Presidente della Regione Lazio

Si sono autodenunciati gli attivisti per la libertà di scelta che hanno aiutato Sibilla Barbieri, paziente oncologica terminale, a ricorrere al suicidio assistito in Svizzera. Si tratta di Marco Cappato, Marco Perduca e del figlio dell’attrice, Vittorio Parpaglioni. Allo stesso tempo, la famiglia ha presentato due esposti nei confronti dell’Asl Roma 1 che ha negato a Barbieri l’aiuto a morire in Italia. Per gli attivisti, la donna era in possesso dei requisiti previsti dalla sentenza della Corte Costituzionale sul tema, per l’azienda sanitaria romana invece no. “È stata una violenza di Stato”, ha detto Marco Cappato che ha chiesto al presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, di chiarire quanto accaduto o rassegnare le dimissioni. Marco Perduca dell’Associazione Luca Coscioni:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

Adesso in diretta