Approfondimenti

La corsa contro il tempo per una tregua a Gaza, lo scontro istituzionale sull’inchiesta di Perugia e le altre notizie della giornata

gaza ANSA

Il racconto della giornata di martedì 5 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dall’Egitto, dove sono in corso i colloqui tra Hamas e i mediatori, non arrivano buone notizie, il dialogo tra le parti sembra giunto ad una fase di stallo. Anche Giorgia Meloni ha detto la sua sull’inchiesta sul presunto dossieraggio a Perugia . La Corte penale internazionale ha emesso 2 mandati di arresto nei confronti di alti ufficiali russi per crimi di guerra e contro l’umanità. Il tribunale di Padova ha dato ragione alle mamme arcobaleno: gli atti di nascita dei loro bambini non possono essere cancellati. Dopo le reazioni che ha suscitato, Donatella Di Cesare ha rimosso il post di commemorazione della brigatista Barbara Balzerani. Il Consiglio di Amministrazione di Errepi Spa ha nominato Lorenza Ghidini direttrice editoriale di Radio Popolare.

Lo stallo dei negoziati per il cessate il fuoco in Medio Oriente

“Se non ci sarà una tregua a Gaza entro il Ramadan sarà molto pericoloso”. Sono parole del presidente degli Stati Uniti Joe Biden parlando ai giornalisti da Camp David, mentre dall’Egitto, dove sono in corso i colloqui con Hamas e i mediatori, non arrivano buone notizie. Poco fa Il Cairo ha detto che le trattative continuano, e che domani ci sarà un nuovo round, ma il dialogo tra le parti sembra ad una fase di stallo.

(di Martina Stefanoni)
Potremmo definirlo un dialogo tra sordi quello tra Hamas e Israele in questo momento. I mediatori – Qatar Egitto e Stati Uniti – continuano a ribadire che i negoziati continuano ma tutti ammettono la grande difficoltà in questo momento. Difficoltà che emerge anche dalle dichiarazioni delle due parti. Israele sostiene di non aver ricevuto risposte dal gruppo palestinese, mentre Hamas dice che la palla ora è nel campo di Washington e di Tel Aviv. Il punto in questa fase, sembra essere uno: lo scambio di prigionieri. Israele non avrebbe ancora risposto alle richieste fatte da Hamas sui prigionieri palestinesi che andrebbero liberati nell’ambito di un’intesa, mentre Hamas non vuole – o non può perché non ha la situazione sotto controllo – fornire la lista degli ostaggi ancora in vita e quindi nemmeno la lista di quanti verrebbero liberati in una prima ipotetica fase di accordo. Il punto è che la scadenza del Ramadan si avvicina e anche se non è una scadenza ufficiale ma potremmo dire “auspicata”, non arrivare ad un cessate il fuoco entro la prossima settimana, quando inizierà il mese sacro per i musulmani, il rischio è che alla situazione a Gaza si aggiunga l’esplosione delle tensioni in Cisgiordania e che quindi il conflitto salga ulteriormente di livello. In tutto questo, nelle ultime ore Israele ha intensificato i bombardamenti soprattutto nel sud della striscia, colpendo ancora Rafah e Khan Younis. Un tentativo, probabilmente di fare pressioni ad Hamas affinché accetti la proposta che secondo lo stesso presidente Usa Biden, sarebbe sul tavolo.


Intanto la situazione umanitaria nella striscia di Gaza è sempre più grave. Gli allarmi di malnutrizione e rischio di carestia, soprattutto dei bambini, sono sempre di più e le organizzazioni umanitarie continuano a chiedere un corridoio umanitario per portare gli aiuti nel nord della striscia, dove la popolazione sta morendo di fame.

Serena Baldini, della ONG Vento di Terra oggi era al valico di Rafah, dal lato egiziano, con una carovana di cooperanti e politici italiani dove hanno incontrato delegati delle nazioni unite appena usciti dalla striscia.

 

Il nuovo scontro istituzionale sull’inchiesta di Perugia

(di Luigi Ambrosio)
Oggi destra e sinistra sembra pronuncino le stesse parole sulla inchiesta di Perugia, i dossier confezionati da un ufficiale della Guardia di Finanza in servizio alla direzione investigativa antimafia a danno di politici, imprenditori, perfino personalità dello spettacolo.

Sembra.

Elly Schlein, la segretaria del Partito Democratico, ha parlato di una cosa di una gravità inaudita, di uno scandalo, di una schedatura illegittima di centinaia di persone.
E per questo ha rivendicato la scelta del Pd di sentire in commissione antimafia il procuratore dell’antimafia Melillo e quello di Perugia Cantone.

La presidente del Consiglio Meloni ha definito gravissimo il fatto che ci siano funzionari dello stato che -ha scritto- “hanno passato il loro tempo a violare la legge facendo verifiche su cittadini, comuni e non, a loro piacimento per poi passare queste informazioni alla stampa, ed in particolare ad alcuni esponenti della stampa”.

Schlein ha sottolineato come si sia di fronte a uno scenario torbido, e il Pd si è mosso nelle sedi istituzionali. Meloni ha attaccato i giornalisti. Non lo ha detto esplicitamente ma le inchieste che non ha digerito sono quelle sull’attuale ministro della Difesa Crosetto per un suo presunto conflitto di interessi.

Da due giorni è così. Le opposizioni cercano di separare gli ambiti, la destra attacca a tutto spiano giornalisti e magistrati.

Il clima è pesante e Mattarella oggi è intervenuto in maniera piuttosto esplicita, per la seconda volta dopo la condanna delle manganellate della Polizia agli studenti di Pisa.
“La libertà di stampa è fondamentale per la nostra democrazia” ha detto Mattarella.
Nel rispetto dei fatti e della libertà altrui. Ma è un elemento indispensabile della nostra democrazia, ha sottolineato. Mattarella parlava alla Casagit, la cassa sanitaria dei giornalisti. Ma il messaggio è stato ascoltato anche nei palazzi vicini al Quirinale.

La Corte Penale Internazionale ha emesso mandati d’arresto per due ufficiali russi

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto con soddisfazione i due mandati di arresto emessi dalla Corte penale internazionale nei confronti di due alti ufficiali russi per la guerra in Ucraina. “Ogni comandante russo che ordina di colpire i civili e le infrastrutture critiche deve sapere che sarà fatta giustizia” ha scritto sui suoi canali social.
Kiev intanto ha fatto anche sapere che più di 7 persone sono morte e circa 6 sono rimaste gravemente ferite nell’attacco ucraino della notte scorsa contro il pattugliatore russo ‘Sergiy Kotov’. Secondo il portavoce delle forze navali ucraine a bordo della nave affondata nelle acque della Crimea ci sarebbe stato anche un elicottero d’assalto.
Sentiamo il nostro collaboratore Sabato Angieri, appena tornato dall’Ucraina

 

Il Tribunale di Padova riconosce la validità degli atti di nascita per le coppie omogenitoriali

“Hanno vinto coraggio e buon senso, contro un accanimento ideologico. Hanno vinto i nostri figli, che possono continuare a chiamarci mamme”. Dopo mesi di lotta, possono finalmente esultare le mamme arcobaleno di Padova. Oggi il tribunale ha dato loro ragione: gli atti di nasciti dei loro bambini registrati con il doppio cognome, sia quella della madre biologica che quello della cosiddetta madre intenzionale, non possono essere cancellati. Il giudice ha respinto i ricorsi della Procura contro più di 30 famiglie. Una vicenda che risale al giugno scorso. “Era impossibile immaginare che ci fossero bambini di serie A e bambini di serie B”, ha detto il sindaco di Padova.
Oggi è un passo avanti, che arriva dalle aule di un tribunale, dicono le famiglie Arcobaleno, ma sui diritti civili l’Italia è ancora molto indietro.
Alessia Crocini, presidente delle Famiglie Arcobaleno.

 

Donatella Di Cesare ha rimosso il post di commemorazione della brigatista Barbara Balzerani

Donatella Di Cesare oggi pomeriggio ha rimosso il post di commemorazione della brigatista Barbara Balzerani, morta ieri, dopo le reazioni che ha suscitato. E ha scritto: “sono stata fraintesa”.
La professoressa Di Cesare, già al centro delle polemiche per le sue posizioni sull’invasione russa dell’Ucraina, ieri aveva scritto: “la tua rivoluzione è stata anche la mia. Le vie diverse non cancellano le idee. Con malinconia un addio alla compagna Luna”. Molte le voci contro di lei di esponenti politici. Ma la presa di posizione più importante è stata quella della rettrice dell’Università La Sapienza, dove Di Cesare insegna filosofia: “l’altissimo tributo di sangue pagato dall’Università Sapienza nella stagione del terrorismo, conferma la ferma condanna di ogni forma di violenza e prende le distanze da qualsiasi dichiarazione di condivisione o vicinanza a idee, fatti e persone che non rispettano o hanno rispettato le leggi della Repubblica e i principi democratici espressi dalla Costituzione” ha scritto la rettrice Antonella Polimeni

Lorenza Ghidini è la nuova direttrice di Radio Pop

Il Consiglio di Amministrazione di Errepi Spa ha nominato Lorenza Ghidini direttrice editoriale di Radio Popolare: Ghidini assumerà l’incarico dal 5 marzo 2024.
La candidatura di Lorenza Ghidini approvata dall’assemblea della Cooperativa è stata fatta propria dal CdA di Errepi Spa.

La nomina è stata poi sottoposta al voto di gradimento vincolante dei lavoratori e delle lavoratrici, dei collaboratori e delle collaboratrici della radio: l’esito è stato favorevole.

La sua nomina arriva dopo aver ricoperto per dieci anni il ruolo di caporedattrice e aver fatto parte degli organismi interni di governance di Radio Popolare.

Lorenza Ghidini è la prima donna eletta direttrice editoriale e a lei vanno tutti i nostri auguri di buon lavoro.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta