Approfondimenti

La terza fase del conflitto in Palestina, i funerali di Giulia Cecchettin e le altre notizie della giornata

funerali Giulia Cecchettin

Il racconto della giornata di martedì 5 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Con l’entrata dell’esercito israeliano a Khan Yunis e il bombardamento di Rafah, il conflitto in Palestina è entrato nella sua terza fase. Intanto, a sessanta giorni dall’inizio del conflitto, l’obiettivo iniziale di Israele, ovvero la sconfitta di Hamas, sembra ancora molto lontano. Prato della Valle, a Padova, è la seconda piazza più grande d’Europa, ed è stata scelta per celebrare il funerale di Giulia Cecchettin a cui hanno partecipato oltre 10 mila persone. Il consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla rettifica sull’accordo sui migranti tra Italia e Albania. Oltre l’80% dei medici e degli infermieri italiani hanno aderito allo sciopero contro la manovra economica.

L’esercito israeliano nel centro di Khan Yunis

L’esercito israeliano ha detto che la guerra nella striscia di Gaza è entrata in una terza fase. I carri armati hanno circondato la città di Khan Younis, nel sud, e in quest’area sono in corso intensi combattimenti. L’esercito ha detto di essere dentro il centro della città, ma anche a Jabalia, nel nord e a Gaza City. Sono questi tre, in questo momento, gli epicentri del conflitto e gli effetti sulla popolazione civile sono devastanti. Migliaia di persone si stanno spostando da Khan Younis per cercare rifugio, affollando ulteriormente zone già oltre il limite. Secondo l’Unrwa, oltre un milione di persone arriveranno a Rafah nelle prossime ore. L’Oms ha detto che la situazione peggiora di ora in ora e che nei prossimi giorni vedremo nel sud la devastazione che già avremo visto nel nord, con i pochi ospedali ancora funzionanti al collasso totale.
Sentiamo Tommaso della Longa, portavoce della croce rossa internazionale.

 

Dopo 60 giorni di guerra, l’obiettivo di Israele di distruggere Hamas sembra ancora molto lontano. Secondo il Washington Post, circa 5mila miliziani sono stati uccisi, su un totale stimato di 30mila. I morti totali nella striscia sono più di 16mila.
Oggi intanto il premier israeliano Netanyahu ha incontrato i familiari degli ostaggi. “Allo stato attuale, non è possibile riportare tutti gli ostaggi indietro”, ha detto Netanyahu durante l’incontro descritto dai media come molto teso. Secondo le famiglie che hanno partecipato, il premier non “avrebbe risposto alle domande” limitandosi a leggere un testo già pronto e hanno definito l’incontro “una vergogna”.
Abbiamo chiesto un commento a Manuela Dviri, giornalista israeliana.

 

L’ultimo saluto a Giulia Cecchettin

(di Lorenza Ghidini)
Prato della Valle, a Padova, è la seconda piazza più grande d’Europa, ed è stata scelta per celebrare un funerale grande come se fosse di Stato, ma era di popolo. Oltre 10 mila persone hanno partecipato, una cosa mai vista se si pensa che in media in Italia viene uccisa una donna ogni tre giorni. In Chiesa si è celebrata una cerimonia animata da tanti giovani, con i canti e le letture, con le autorità discrete e defilate, il Vescovo che ha invocato il rispetto tra i generi e la pace dei cuori, anche per la famiglia Turetta. Un funerale quasi come un altro, come quelli commoventi perché muore una persona giovane, finché non ha preso la parola Gino Cecchettin. ‘Il femminicidio è il risultato di una cultura che svaluta la vita delle donne – ha detto – Educhiamo i nostri figli. Troviamo la forza di trasformare questa tragedia in una spinta per il cambiamento’. Lì fuori c’era una piazza, c’è un’Italia, a cui non interessava poi tanto la politica, ma certe parole chiare, dette con empatia, toccano il cuore e smuovono i pensieri. Se Elena Cecchettin aveva parlato alle donne, alle femministe, chiedendo di bruciare tutto, suo padre Gino oggi ha intercettato tutte le persone che in questo mese hanno infranto il muro dell’indifferenza. Lui che ha vissuto sulla sua pelle cosa può succedere quando si scambia il possesso con l’amore, lui che ha perso sua figlia ma oggi davanti a quella bara bianca ha stretto i denti perché aveva capito quanto importanti potevano essere le sue parole. E così, tra un segno della croce e un gesto di pace con le mani infreddolite, dopo un’ora di silenzio e lacrime, la piazza è esplosa in una vera ovazione per questo padre, e per Giulia si sono alzate le chiavi per aria, per fare rumore. Le chiavi che tutte tiriamo fuori in anticipo, quando rientriamo la sera tardi, per non perdere tempo al portone. Un vecchio detto un po’ cinico recita che ai funerali tutti piangono perché pensano alla propria morte. Forse oggi in piazza le ragazze, le loro mamme, ma anche i loro amici piangevano perché hanno capito che, in fondo, tutte potrebbero morire così. Il cambiamento potrebbe passare proprio da qui

Il via libera del Cdm all’accordo sui migranti tra Italia e Albania

(di Anna Bredice)
È stato approvato il disegno di legge che recepisce l’accordo tra Italia e Albania, ma la conferenza stampa che molti davano per sicura dei ministri Piantedosi e Nordio non c’è stata, forse è segno che alcuni aspetti del provvedimento non sono ancora confermati e definitivi, quali ad esempio l’esatto ammontare della spesa, quanti soldi dovranno essere stanziati per coprire tutti i cinque anni per cui è previsto l’accordo. Si parla di circa 200 milioni all’anno. L’intesa prevede la creazione di un Cpr dove verranno trattenuti i migranti che verranno portati direttamente sulle cose albanesi invece che in Italia, imbarcati da acque extra Unione europea. Un accordo che è stato molto contestato, visto con molte critiche anche in Europa, salvo ora vedere delle aperture da parte della presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, forse in vista delle elezioni dell’anno prossimo, e della necessità di cercare un piano di collaborazione con il governo italiano, anche per le future alleanze, cosa che naturalmente aumenta ancora di più il divario tra Meloni e Salvini, ormai proiettato in una campagna elettorale antieuropeista. L’accordo approvato in Consiglio dei ministri prevede alcune modifiche rispetto a quello iniziale perché tutte le comunicazioni tra gli avvocati e i migranti che presenteranno ricorsi o richieste di asilo verranno fatte in videocollegamento tra Roma e Tirana, anche per evitare uno degli aspetti più controversi, come organizzare i continui spostamenti tra le due coste per gli avvocati e i magistrati che dovranno decidere. Un’operazione, quella dell’accordo tra i due paesi, che ha un aspetto forse più di deterrenza che di soluzione di un problema che il governo vive come tale e che non è riuscito finora a risolvere. Giorgia Meloni è stata anche costretta in qualche modo a garantire una discussione e un voto su questo accordo, perché inizialmente non era previsto. Sono state le opposizioni a chiederlo e quindi appena si avrà il testo definitivo, dovrà passare anche per il voto in Parlamento.

Lo sciopero di medici e infermieri contro la manovra economica

Per le organizzazioni sindacali l’adesione è stata altissima, un messaggio al governo perché convochi subito un tavolo di confronto altrimenti – dicono i medici- arriveremo alle dimissioni di massa”.
Pierino Di Silverio, segretario del sindacato dei medici ospedalieri Anaao Assomed, che insieme alla Cimo e al Nursing up sindacato degli infermieri ha proclamato la protesta di oggi.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

Adesso in diretta