Approfondimenti

Il discorso di Zelensky al Consiglio di sicurezza Onu, il nuovo rinvio per Patrick Zaki e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 5 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il presidente ucraino Zelensky ha parlato davanti al Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiedendo un processo alla Russia per crimini di guerra. Le nuove sanzioni economiche alla Russia non riguardano le forniture di gas. L’Italia espelle trenta diplomatici russi e la Lega manifesta malumori. Altro rinvio per il processo a Patrick Zaki, che resta in libertà. La cassazione definisce la verità giudiziale sul caso Cucchi: Stefano è stato ucciso. Presentate le candidature per i David di Donatello, i massimi premi italiani del cinema. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Zelensky all’Onu: la Russia sia espulsa dal Consiglio di Sicurezza

È ancora in corso il Consiglio di Sicurezza dell’Onu sul massacro di Bucha.
Nel suo intervento in diretta da Kiev, il presidente ucraino Zelensky ha chiesto un tribunale sul modello di Norimberga per processare la Russia per i suoi crimini di guerra in Ucraina e ha proposto di espellere Mosca dal Consiglio.

La riunione del Consiglio è iniziata con il discorso del segretario generala dell’Onu Guterres: “La guerra in Ucraina ha portato un’insensata perdita di vite umane, è più urgente di giorno in giorno mettere a tacere le armi, ora”.
Alle sue parole sono seguite quelle di Rosemary Di Carlo, sottosegretario generale delle Nazioni Unite, che ha parlato della missione di monitoraggio dei diritti umani dell’Onu in Ucraina che sta indagando; ha parlato anche delle prove dell’uso da parte della Russia di bombe a grappolo, dell’uso dello stupro come arma di guerra da parte di entrambi gli eserciti.
“Assicurare la giustizia per gli atti commessi durante la guerra non sarà facile, ma è essenziale” ha concluso di Carlo.

Subito dopo ha parlato il presidente Zelensky, che ha accusato la Russia di azioni terroristiche: “Bucha è solo uno dei casi” ha detto, arrivando a chiedere  l’espulsione di Mosca dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu, per evitare che metta il veto su mozioni contro se stessa.

Poco dopo è intervenuto l’ambasciatore russo all’Onu: ha parlato di accuse “infondate e non confermate da testimoni oculari”. E ha invece accusato i “nazisti ucraini” di uccidere i russi e i propri civili.

Sul fronte dei combattimenti, le autorità ucraine denunciano casi di tortura in tutta l’area da cui i russi si sono ritirati;
A Borodyanka, 20 km da Bucha, almeno 200 civili sono morti sotto le macerie dei palazzi colpiti dai bombardamenti russi.
Anche per oggi erano stati annunciati 7 corridoi umanitari, resta però bloccata la popolazione di Mariupol, nel sud del Paese, città assediata da oltre un mese: 120Mila le persone ancora bloccate. Kiev afferma che il 90% della città è stato distrutto dai bombardamenti, secondo il sindaco di Mariupol la situazione è ormai oltre al disastro umanitario.

Nuove sanzioni alla Russia, ma il gas non si tocca

Qualche sanzione in più alla Russia è arrivata oggi dall’Ecofin, ma i Paesi dell’Unione Europea non hanno toccato i business principali, quello del gas e quello del petrolio.

Ci sarà un embargo sul carbone, oltre che altre iniziative come il blocco all’accesso ai porti europei per le navi commerciali russe. Sappiamo che sul gas l’opposizione è di molti stati, a cominciare dalla Germania. Oggi il ministro delle finanze tedesco, Lindner, ha fatto autocritica: “È stato un errore da parte della Germania diventare così dipendente dalle importazioni di energia dalla Russia. La politica tedesca del passato sulla Russia deve essere messa in discussione in modo critico”.

L’espulsione di trenta diplomatici russi spacca la maggioranza di governo

(di Anna Bredice)

Come altri paesi in Europa, anche l’Italia ha deciso l’espulsione di diplomatici russi, trenta in questo caso, tutti accreditati presso l’Ambasciata russa: operavano nei settori amministrativo, commerciale e della difesa e da tempo, secondo alcuni fonti, sarebbero stati sotto la lente dei Servizi per le loro attività qui in Italia. La decisione è stata condannata dalla Russia che ha annunciato che risponderà nello stesso modo, espellendo diplomatici italiani a Mosca. Ma questa espulsione, che per Mario Draghi è presa di concerto con altri Paesi europei, rischia in Italia di essere un nuovo fronte di divisione dentro la maggioranza, con quel partito, la Lega, che più di tutti, fa fatica a riconoscere nella Russia l’aggressore e l’autore dei crimini in Ucraina. Poco fa ha parlato Salvini, che si è ben guardato dal commentare le immagini atroci di Bucha, ha riconosciuto in maniera generica che “c’è un aggressore e un aggredito” e poi sui diplomatici ha ripetuto ciò che nel pomeriggio era trapelato dalla Lega, una vera e propria presa di distanza, “la pace si raggiunge con il dialogo e con la diplomazia e non con l’espulsione dei diplomatici”, avevano così riferito. Per Di Maio le parole della Lega, sono “provocazioni, il governo lavora per la pace, ma nello stesso tempo c’è la necessità di tutelare gli italiani, si è agito, dice il ministro degli Esteri, per la sicurezza nazionale”. Anche Draghi che oggi è stato sentito dal Copasir ha parlato dell’espulsione dei 30 diplomatici come una scelta presa insieme ad altri paesi europei ed atlantici. Oggi infatti oltre Germania e Francia, anche la Danimarca e la Spagna hanno fatto la stessa cosa. La Russia ha reagito parlando di decisione “miope e immotivata”, e poi annunciando la prossima espulsione dei diplomatici italiani.

Nuovo rinvio del processo per Patrick Zaki

Al processo di Mansura in Egitto a carico di Patrick Zaki, oggi c’è stato un nuovo rinvio. La prossima udienza si terrà il 21 giugno. Lui ha chiesto tramite i suoi legali di poter viaggiare, anche all’estero e ha dichiarato: “Spero di poter essere in Italia prima del 21 giugno”.

Amnesty International denuncia che si tratta di una strategia di continua dilazione dei tempi. Ormai da 26 mesi a Zaki è impedito di tornare in Italia, prima con il carcere e ora con l’obbligo di dimora. “ Patrick ha bisogno da persona innocente, quale è, di tornare alla sua libertà piena. Non è possibile che vada ancora così a lungo avanti” dice Amnesty.

A Riccardo Noury di Amnesty abbiamo chiesto se si tratti di una strategia delle autorità egiziane:

La sentenza definitiva dopo 13 anni: Stefano Cucchi è stato ammazzato

(di Chiara Ronzani)

Stefano Cucchi era un morto che camminava. Un tossicodipendente in fase avanzata. Anoressico. Sieropositivo. Morto di droga. Anzi no: di epilessia. Morto per colpa della famiglia che lo aveva abbandonato. Le ecchimosi sul suo corpo? Dovute alla mancanza di nutrizione, non c’entrano niente le botte, né quei poveri cristi degli agenti di custodia che prendono 1200 euro al mese e hanno vissuto anni d’inferno. Parole testuali dei politici che non hanno esitato a dare battaglia sul corpo martoriato di un uomo di 31 anni, le cui foto diffuse dalla famiglia hanno permesso, non senza difficoltà, di ottenere un processo arrivato a sentenza definitiva e appurare la verità.
Stefano Cucchi tossico e spacciatore. Le fratture? Traumi pregressi, frutto di regolamenti tra gente dei suoi giri – diceva Carlo Giovanardi.
“Se uno ha disprezzo per la propria condizione e conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze” – ringhiava Gianni Tonelli, sindacalista di polizia e deputato leghista. Stesso concetto espresso da Roberto Formigoni.
Per il leader leghista Salvini “il caso Cucchi dimostra che la droga fa male”. Sui carabinieri nessun dubbio: “mi sembra difficile che l’abbiano pestato per il gusto di farlo” – diceva. Anche Ignazio La Russa metteva la mano sul fuoco: “la cosa di cui sono certo è il comportamento corretto degli agenti”.
Ora che è stato appurato anche dalla giustizia che Stefano è stato ammazzato tacciono, ma quelle parole che tanto male hanno fatto non si cancellano.

David di Donatello 2022, le candidature

(di Barbara Sorrentini)

È difficile parlare di cinema dopo aver visto le immagini terrificanti dei cadaveri di Bucha. Non è fiction, come irresponsabilmente direbbe qualcuno, ma per fortuna il cinema italiano non ignora la guerra e presenta le candidature ai David di Donatello ricordando Mantas Kvedaravicius, il regista lituano ucciso a Mariupol mentre stava girando un documentario. Gli Oscar italiani se la giocheranno principalmente cinque film, da 16 a 14 candidature, a partire da film e regia. Come “Freaks” di Gabriele Mainetti. Tre sono napoletani: “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino, “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo e “Qui rido io” di Mario Martone; due raccontano di donne che resistono alla ‘ndrangheta “Una femmina” di Francesco Costabile e “A Chiara” di Jonas Carpignano. E poi ci sono “Diabolik” dei Manetti Bros con 11 ed “Ennio” di Giuseppe Tornatore, il grande successo di questi ultimi mesi, dedicato al maestro Morricone. Non solo tra i documentari, anche film e regia. L’edizione 2022 ancora una volta diretta da Piera Detassis e formata da una team femminile, ha raccolto film di impegno civile, di svago sofisticato e di genere. Se mancano registe donne nella categoria principale, bisogna arrivare ai miglior esordi per trovarne due (Maura Delpero e Laura Samani).
Si deve pedalare ancora molto per trovarne di più. Intanto la premiazione sarà il 3 maggio condotta da Carlo Conti e Drusilla Foer.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 88.173 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore. I morti 194. Il numero di vittime registrate da inizio pandemia supera quota 160mila: sono 160.103. Il tasso di positività è al 14,98%, in aumento rispetto al 14,5% di ieri. Sono 471 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 12 in meno di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 57. I ricoverati nei reparti ordinari sono 10.246, ovvero 5 in più rispetto a ieri.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta