Approfondimenti

Zelensky chiude ai negoziati con la Russia, l’Europa spaccata sulla risposta alla crisi energetica e le altre notizie della giornata

zelensky

Il racconto della giornata di martedì 4 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le notizie delle ultime ore sulla guerra in Ucraina confermano che in questo momento il corso degli eventi è favorevole a Kiev. Il Ministero degli Esteri russi, dopo le indiscrezioni diffusi da alcuni media europei, ha precisato che Mosca non comincerà mai per prima una guerra nucleare. L’Europa, intanto, è ancora distante dal trovare una risposta comune alla crisi energetica e all’aumento del prezzo del gas. In Italia Matteo Salvini, come se nulla fosse accaduto, oggi durante il Consiglio federale della Lega ha chiesto al partito pieni poteri per trattare con Giorgia Meloni. Domani a Firenze ci sarà lo sciopero cittadino indetto dai sindacati dopo la morte di Sebastian Galassi, il fattorino di 26 anni travolto sabato scorso da un’auto mentre effettuava una consegna.

Zelensky approva un decreto che definisce impossibile negoziare con Putin

Le notizie delle ultime ore sulla guerra in Ucraina confermano che in questo momento il corso degli eventi è favorevole a Kiev. L’esercito ucraino continua ad avanzare nel sud e nell’est e Zelensky si è spinto ad approvare un decreto che definisce impossibile negoziare con Putin. Le possibili mosse russe, a partire dalle famose minacce nucleari, rimangono però imprevedibili. Qual è la situazione sul campo? Emanuele Valenti:


 

Cosa potrebbe cambiare un eventuale attacco atomico da parte di Putin?

Alcuni media europei oggi hanno parlato di un imminente test nucleare russo vicino al confine con l’Ucraina. Il Cremlino ha detto che non risponde alla retorica nucleare dell’Occidente, mentre il Ministero degli Esteri ha precisato che Mosca non comincerà mai per prima una guerra nucleare. Ma cosa potrebbe cambiare un eventuale attacco atomico da parte di Putin? Ascoltiamo Guido Olimpio, analista di questioni militari di sicurezza:


 

L’Europa si spacca sulla risposta alla crisi energetica e all’aumento del prezzo del gas

Nonostante il via libera dell’Ecofin, il vertice dei Ministri delle Finanze europei, all’aggiunta del nuovo capitolo RePowerUe ai piani nazionali di ripresa e resilienza, l’Europa è ancora distante dal trovare una risposta comune alla crisi energetica e all’aumento del prezzo del gas. Il vertice si è aperto con le accuse a Berlino sullo scudo per l’energia ed è proseguito con uno scontro diretto sul fondo comune SURE. Il nostro collaboratore ed editorialista Andrea di Stefano:


 

Salvini chiede alla Lega pieni poteri per trattare con Meloni

(di Anna Bredice)

Come se nulla fosse accaduto, come se non avesse fatto perdere alla Lega 3 milioni di voti, Salvini durante il Consiglio federale ha chiesto al partito pieni poteri per trattare con Giorgia Meloni in una posizione di forza, a quanto pare anche per sé stesso. È Giancarlo Giorgetti a dire, uscendo dalla riunione, che Salvini è il candidato naturale al Viminale, un modo per difendere il capo in grande difficoltà, ma soprattutto per indicare che al Ministero dell’Interno dovrebbe andare un leghista. Di Giorgetti si parla come uno dei nomi più quotati per la presidenza della Camera dei deputati, non è una figura della Lega sovranista e soprattutto lascerebbe il campo libero nel governo ad altri. Salvini ha voluto riunire il Consiglio federale per mostrare che non è isolato, che non c’è nessuna fronda, rimane in campo con il compito di portare ad un governo politico, un messaggio per sottolineare che i tecnici, come forse preferirebbe Giorgia Meloni, non sono graditi. Salvini non cede nulla, sia sul governo che sui singoli temi, nell’elenco di questi infatti appare nuovamente la flat tax fino a 100mila euro e il superamento della legge Fornero con quota 41, proprio ciò che Confindustria ieri aveva chiesto di non fare. Salvini ripropone questi due cavalli di battaglia e così come vuole dimostrarsi forte dentro la Lega, nello stesso modo non cede nei confronti di chi fino a qualche anno fa gli aveva concesso grande apertura di credito, gli industriali, e ora preferiscono guardare a Giorgia Meloni perché darebbe maggiori garanzie.
Sui ministeri la Lega ne prenota parecchi, sapendo che si apre una trattativa, Interni, Riforme e Autonomia, Agricoltura e Infrastrutture. Da Giorgia Meloni ancora silenzio sulle caselle, più impegnata a trovare sintonia con Mattarella e Draghi sulla necessità di una Europa unita per affrontare guerra e caro energia.

La normalità del meccanismo dietro alle piattaforme di delivery: il caso di Sebastian Galassi

(di Massimo Alberti)

Domani a Firenze ci sarà lo sciopero cittadino indetto dai sindacati dopo la morte di Sebastian Galassi, il fattorino di 26 anni travolto sabato scorso da un’auto mentre effettuava una consegna. Galassi lavorava per Glovo, una delle principali piattaforme di consegne a domicilio. Che, dopo la sua morte, lo ha licenziato via mail.
“Gentile Sebastian, Glovo intende offrire un’esperienza ottimale ai propri corrieri, partner e clienti. Talvolta è necessario prendere dei provvedimenti quando uno di questi utenti non si comporta in modo corretto. Siamo spiacenti che il tuo account è stato disattivato per il mancato rispetto di termini e condizioni. Cordiali saluti, Glovo”.

Immaginate lo sconcerto della zia e del padre di Sebastian Galassi quando hanno visto quel testo, algido, burocratico. Perché tale è la violenza dell’algoritmo. Il tu al lavoratore chiamato per nome ed un tono paternalista per mascherare distacco. Lavoratori definiti utenti, al pari di chi riceve il pacco e di chi lo invia. L’automatismo per cui, se non porti a termine le consegne, se non rispetti i termini, decade l’account, perché non essendo dipendente nemmeno ti licenziano. Ma Sebastian la consegna non l’aveva fatta perché era morto sul lavoro. L’azienda si è scusata per quello che ha definito un errore e, racconta la zia, ha promesso un contributo alle spese del funerale.+

Al di la dell’indicibile violenza che esprime, la lettera ha almeno il pregio di sbatterci in faccia la normalità del meccanismo che sta dietro alle piattaforme: numeri senza diritti, non lavoratori ma utenti. Ci interroga su quali leggi, cambiamenti sociali che portano a identificarci come consumatori e non noi stessi lavoratori, abbiano reso possibile tutto ciò. Perché al di là del caso estremo, avverte il giuslavorista Antonio Aloisi “questa caratteristica dei sistemi digitali si sta espandendo in tutti i settori. Gli algoritmi non sono neutrali ma perpetuano un modello di organizzazione, controllo, disciplina che va oltre ogni immaginazione Orwelliana, ormai diventato normalità”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 27/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 27/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 27/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 27/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 27/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 27/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 27/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 27/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 27/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 27/11/2022

Adesso in diretta