Approfondimenti

L’accordo del centrodestra sul calendario politico, il quinto oro per l’Italia e le altre notizie della giornata

salvini meloni ANSA

Il racconto della giornata di martedì 3 agosto 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sono tre i morti sul lavoro di oggi. Un’operaia di quarant’anni, un idraulico di 63 e un imprenditore di 66. Giorgia Meloni ha accettato il calendario politico proposto da Silvio Berlusconi: elezioni politiche nel 2023. L’Onu ha chiesto un’indagine rigorosa sulla morte del dissidente bielorusso Vitaly Shishov, 26 anni, trovato impiccato in un parco di Kiev. Quinto oro oggi per l’Italia a Tokyo 2020: lo ha conquistato la coppia mista Tita-Banti nella vela. Infine l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Tre morti sul lavoro in Italia in poche ore

Sono tre i morti sul lavoro di oggi. Un’operaia di quarant’anni, un idraulico di 63 e un imprenditore di 66. In studio Martina Pagani.

Cominciamo parlando di lui, la persona di cui al momento sappiamo meno, un imprenditore di 66 anni che si chiamava Renato Fratti e che stava controllando il tetto del suo capannone industriale per valutare i danni fatti dalla grandine degli scorsi giorni. Danni che erano ingenti, visto che il tetto ha ceduto e l’uomo è precipitato per dodici metri. È successo a Ubersetto, in provincia di Modena.
Sempre in provincia di Modena è morta Laila el Harim, una donna di quarant’anni, un’operaia esperta e qualificata che viveva a Bomporto, nella bassa modenese. Tra pochi giorni sarebbe andata in ferie, insieme al compagno che aveva conosciuto in fabbrica e alla loro bambina, che ha quattro anni. Lavorava nello stabilimento che si chiama Bombonett, è un cartonificio a conduzione familiare a Camposanto. Ci ha detto di più della dinamica Francesco Dondi, giornalista della Gazzetta di Modena:

La seconda vittima si chiamava Claudio Lupano, era un uomo di 63 anni di Ponzano che faceva l’idraulico è che è rimasto folgorato in una casa privata in cui stava lavorando in provincia di Alessandria. Sentiamo Fabrizio Laddago, di Radio Gold Alessandria:


 

Meloni punta tutto sulla partita per la guida del Centrodestra

(di Michele Migone)

Giorgia Meloni ha accettato il calendario politico proposto da Silvio Berlusconi: elezioni politiche nel 2023, il governo Draghi va avanti fino ad allora. La leader di Fratelli d’Italia era l’unica a volere le elezioni anticipate, ma ha capito che non è aria. Nessuno in Parlamento le vuole. Primi tra tutti i suoi partner di coalizione. Così, probabilmente in cambio di qualche vaga promessa del Cavaliere sulla sua leadership, ha fatto buon viso a cattivo gioco. Per Berlusconi (e Salvini) un modo per stoppare la sua ascesa. Per lei, invece, il tentativo di giocarsi, benché con tempi più lunghi, la partita per la guida del Centrodestra. Le notizie che filtrano da Villa Certosa confermano anche un altro scenario: la rielezione a tempo di Sergio Mattarella appare sempre più probabile. E Berlusconi e Salvini sembrano essere d’accordo. Ancora due anni al Quirinale per poi cedere il posto a Mario Draghi e solo dopo, quando questi avrà lasciato Palazzo Chigi, il via libera alle elezioni politiche. Ma oggi, Berlusconi e Meloni, hanno parlato anche dello stato di salute dei rapporti dentro il centrodestra. La guerra con Salvini ha prodotto già dei danni. Lo si vede nella campagna elettorale per le amministrative. A Roma, la Meloni ha dovuto commissariare il suo candidato Enrico Michetti perché si è accorta che è assolutamente impreparato. Gli chiedono dei problemi della città (trasporti, rifiuti) e lui risponde parlando della Roma Imperiale. A Milano, situazione speculare: il candidato di Salvini, Luca Bernardo, a parte le polemiche per il possesso di una pistola, non si è ancora fatto notare. E ora, Salvini deve decidere se candidarsi come capolista in Consiglio Comunale, ma ha il timore di farlo perché la Meloni presenta un carico da 90: Vittorio Feltri. Più che Fratelli d’Italia, a Destra, Fratelli Coltelli.

L’ombra del Kgb bielorusso nella morte del dissidente Vitaly Shishov a Kiev

L’Onu ha chiesto un’indagine rigorosa sulla morte del dissidente bielorusso Vitaly Shishov, 26 anni, trovato impiccato in un parco di Kiev. “Speriamo che le autorità stabiliscano se si è trattato di un suicidio, di un omicidio o se c’è un legame con la sua attività” ha detto la portavoce dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Marta Hurtado.
Vitali Shyshov era presidente della Casa bielorussa in Ucraina, una ong che aiuta le persone fuggite, come lui, dalla repressione in Bielorussia. Shyshov era stato costretto a lasciare la sua terra lo scorso autunno dopo aver preso parte alle proteste anti-regime.
Veniamo ai fatti: di Shyshov non si avevano notizie da lunedì mattina quando era uscito per andare a correre in un parco di Kiev non lontano da dove viveva. Questa mattina è stato trovato impiccato nello stesso parco. La polizia ha fatto sapere di aver aperto un’inchiesta per omicidio e che non avrebbe escluso alcuna pista, inclusa un possibile omicidio travestito da suicidio. Per il momento a fornire dettagli sulla morte del giovane oppositore sono i membri della sua ong.
Dicono che Shishov aveva il naso rotto e lividi sul volto, inoltre da un po’ di tempo era seguito da sconosciuti quando andava a correre. Infine sostengono che si tratta di un’operazione pianificata dal Kgb bielorusso per eliminare una persona che rappresentava un pericolo per il presidente Lukashenko. Sui due primi due punti aspettiamo una conferma o una smentita della polizia di Kiev. L’unica cosa certa è che negli ultimi mesi si è intensificata la repressione dentro e fuori dalla Bielorussia. Basta ricordare il dirottamento questa primavera di un volo della Ryanair per rapire e arrestare l’oppositore Roman Protassevic.

Quinto oro per l’Italia a Tokyo 2020

Le Olimpiadi di Tokyo. Quinto oro oggi per l’Italia. Lo ha conquistato la coppia mista Tita-Banti nella vela. Domani finale del quartetto del ciclismo su pista inseguimento che oggi ha stabilito il nuovo record del mondo. Eliminate invece le due nazionali maschili di basket e pallavolo. Attorno a queste due partite si è creato un caso che chiama in casa la Rai. Rai 2 ha trasmesso infatti in simultanea su un unico canale i due match, scontentando tutti e rendendo di fatto impossibile per gli utenti seguire le partite. La gestione della Rai non è stata adeguata all’Olimpiade”, dice ai nostri microfoni Leonardo Coen, giornalista del fatto quotidiano che da decenni segue le Olimpiadi:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati accertati 4.845 contagi da COVID ed è risultato positivo il 2,3% delle persone che hanno fatto il tampone, percentuale in calo rispetto a ieri. Gli ultimi dati parlano anche di 27 morti e di un nuovo aumento dei pazienti ricoverati.
Al centro dell’attenzione resta il clamoroso attacco informatico subito in questi giorni dalla Regione Lazio, che ha portato al blocco delle prenotazioni dei vaccini nella regione. Stamattina l’assessore alla sanità ha detto che ripartiranno entro 3 giorni. La ministra dell’interno Luciana Lamorgese ha parlato della vicenda al Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della repubblica. Dopo la riunione il presidente Adolfo Urso si è limitato a dire che la ministra ha denunciato un aumento negli ultimi mesi delle aggressioni di questo tipo. Oggi è intervenuta anche la commissione europea: “Prendiamo la questione molto sul serio”, ha detto una portavoce di Bruxelles. L’aggressione di questi giorni ha portato anche a un blocco della comunicazione dei dati sulle iniezioni.

Le ultime informazioni sulle somministrazioni nel Lazio risalgono al 31 luglio, il giorno prima dell’attacco informatico. Le iniezioni sono continuate, ma non si sa quante ne siano state fatte. Si spiega anche così il calo registrato ieri a livello nazionale: 426mila punture contro le 561mila di una settimana prima. Il caso dell’attacco informatico però non basta a motivare la diminuzione: il divario tra i due lunedì è di 135mila dosi, e nel primo dei due lunedì nel Lazio le somministrazioni erano state 51mila. Anche in Lombardia, per esempio, c’è stato un rallentamento: 82mila punture contro le 110mila di una settimana prima. A livello nazionale la frenata non è limitata alla giornata di ieri: la scorsa settimana sono state fatte 3 milioni e 375mila dosi, 363mila in meno di quella prima, quando già c’era stato un calo di 150mila rispetto a quella ancora precedente. Davide Manca insegna al Politecnico di Milano e studia da mesi i dati italiani sul coronavirus:

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1422605699704664064

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 13:33

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Il murale per Michela Murgia che non piace agli integralisti cattolici

    L'intervista di Roberto Maggioni a Laika, street artist e autrice del murales dedicato alla scrittrice Michela Murgia, sulla facciata del V Municipio a Roma

    Clip - 12-07-2024

  • PlayStop

    Matrilineare - Ep. 5 - Madri, Figlie, Figlie, Madri

    Matrilineare. 5 episodi sul cantautorato femminile, a cura di Piergiorgio Pardo. “Matrilineare” è il titolo di una suggestiva raccolta curata dai C.S.I. nel ’96, in cui un’Italia rurale persa nel tempo e un’altra contemporanea, di estrazione indie-rock, si fondevano lungo il filo rosso del matriarcato. Una provocazione che coinvolgeva anche i talenti, emergenti all’epoca, di Cristina Donà e Ginevra di Marco e si rivolgeva al genere maschile singolare per eccellenza del pop italiano: il cantautorato. Dati alla mano, il cantautorato in Italia continua a distinguersi in fatto di gender gap. Eppure il cammino della nostra canzone d’autore è disseminato di piccoli gioielli di pensiero femminile e divergente. Matrilineare, appunto. Conduce fino ad oggi e vale la pena raccontarlo.

    Matrilineare - 12-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Trump” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

Adesso in diretta