Approfondimenti

Continua la tregua tra Hamas e Israele, altri due femminicidi nelle ultime 24 ore e le altre notizie della giornata

Medio Oriente, CASE ABBATTUTE NELLA STRISCIA DI GAZA

Il racconto della giornata di martedì 28 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nella striscia di Gaza continua a reggere la tregua tra Hamas e Israele, entrata oggi nel suo quinto giorno, e resta in vigore nonostante oggi le due parti si siano accusate reciprocamente di aver violato il cessate il fuoco. Oggi in Italia due donne sono state uccise dai loro mariti: a Salsomaggiore e ad Andria. La commissione europea ha detto un primo sì alla richiesta italiana di incassare i 16 miliardi e mezzo della quarta rata del Pnrr. L’istituzione di Bruxelles lo ha annunciato spiegando che l’approvazione definitiva potrà arrivare dopo che il comitato economico e finanziario, un’altra istituzione europea, avrà dato il proprio parere. Expo 2030 sarà ospitata da Riad, la capitale dell’Arabia saudita; Giampiero Massolo, ha lanciato accuse durissime, parlando di “deriva mercantile”. 

Continua la tregua tra Hamas e Israele

Nella striscia di Gaza continua a reggere la tregua tra Hamas e Israele, entrata oggi nel suo quinto giorno, e resta in vigore nonostante oggi le due parti si siano accusate reciprocamente di aver violato il cessate il fuoco.
Esplosioni e scontri a fuoco si sono infatti verificati nel nord della Striscia, alcuni soldati israeliani sono rimasti feriti; questi episodi non hanno però fermato il rilascio degli ostaggi da parte dei miliziani, a cui dovrebbe seguire la scarcerazione di 30 detenuti palestinesi.
L’intesa sul cessate il fuoco quindi regge, e crescono anche le prospettive per un suo prolungamento: fonti egiziane oggi hanno parlato della possibilità di un’ulteriore proroga di due giorni. Alla diffusione di questa notizia Tel Aviv ha prontamente reagito precisando che “la questione è ancora in fase di esame”.
Spiragli per un prolungamento della tregua arrivano anche dai colloqui in corso a Doha tra il capo del Mossad David Barnea, il capo della CIA William Burns e il primo ministro del Qatar: al tavolo Israele si sarebbe detta pronta ad una proroga fino al massimo di 10 giorni, quindi fino a domenica.
Le pressioni internazionale perché questa tregua diventi un cessate il fuoco definitivo crescono, ma il governo di Netanyahu respinge questa ipotesi.
La prospettiva resta quindi quella di una ripresa del conflitto, come ci conferma da Gerusalemme Ugo Tramballi, editorialista del Sole 24 ore:

Nonostante i 5 giorni di tregua, a Gaza la situazione umanitaria resta drammatica, come denuncia oggi l’Organizzazione Mondiale della Sanità: secondo l’Oms il sistema sanitario locale è distrutto, e c’è il rischio che muoiano più persone a causa di malattie che a causa dei bombardamenti.
Tommaso della Longa, portavoce della federazione internazionale della Croce Rossa:

 

Altri due femminicidi nelle ultime 24 ore

Oggi in Italia due donne sono state uccise dai loro mariti. A Salsomaggiore, nel parmense, stamattina un uomo ha assassinato la moglie picchiandola con una mazza da cricket. Si chiamava Meena Kumari, era di nazionalità indiana e aveva 66 anni. Ad Andria, in Puglia, un uomo ha ucciso una donna di circa 40 anni. Non si sa come si chiamava. Oggi è stato anche interrogato Filippo Turetta. Il 22enne arrestato per il femminicidio di Giulia Cecchettin non ha risposto alle domande ma ha rilasciato delle dichiarazioni spontanee, ammettendo di aver ucciso l’ex fidanzata.

Primo sì da Bruxelles per la quarta rata del Pnrr

La commissione europea ha detto un primo sì alla richiesta italiana di incassare i 16 miliardi e mezzo della quarta rata del Pnrr. L’istituzione di Bruxelles lo ha annunciato spiegando che l’approvazione definitiva potrà arrivare dopo che il comitato economico e finanziario, un’altra istituzione europea, avrà dato il proprio parere. In una conferenza stampa il ministro al Pnrr Raffaele Fitto ha celebrato questo risultato e ha parlato anche di un’altra questione: la fine del mercato tutelato dell’energia prevista il 10 gennaio per il gas e il 1° aprile per l’elettricità. “È un tema serio su cui dobbiamo discutere nel merito” ha detto Fitto dopo che ieri il consiglio dei ministri ha deciso di non prorogare la possibilità per i cittadini di restare nel mercato tutelato. Il Pd oggi ha chiesto al governo di cambiare idea. La segretaria Elly Schlein ha parlato di “tassa Meloni sulle bollette”. “È un errore che ci siamo trovati sul tavolo” ha dichiarato dalla maggioranza Matteo Salvini, dicendosi favorevole a una proroga.

(Massimo Alberti)
La storia della liberalizzazione del mercato dell’energia in Italia nasce a sinistra, e potrebbe trovare compimento a destra.
Inizia nel 1999, con il primo decreto Bersani, che recepisce la direttiva Europea a tema. La completa liberalizzazione avviene col decreto Bersani Bis del 2007. Ma il servizio a maggior tutela viene sempre mantenuto, a garanzia dei piccoli consumatori più deboli per reddito, potere contrattuale, e capacità nella valutazione delle offerte. Ma l’Unione Europea punta ad un mercato unico dell’energia. E una nuova direttiva nel 2012 spinge ulteriormente verso l’abrogazione, in ogni paese, delle tariffe vincolate. Nel regime di Maggior tutela, l’autorità pubblica dell’Energia aggiorna le tariffe ogni 3 mesi sulla base del prezzo di mercato. In Italia, ha avuto diversi effetti salvifici: non solo appunto dare una alternativa alle fasce più deboli, ma calmierare i prezzi sul privato, nella dinamica di mercato di offrire tariffe più basse della maggior tutela, ed evitare che le aziende facessero cartello. Il prezzo nella maggior tutela è rimasto più conveniente di quello sul mercato libero: 1 metro cubo di gas sul mercato privato costa ancora il doppi-triplo. Con la parentesi della recente crisi dove le tariffe fisse sul privato hanno parzialmente, ma temporaneamente, tamponato gli aumenti. Gradualmente molti utenti son passati al privato, ma il 31% circa resta alle tariffe vincolate. Per questo, nonostante la propaganda che esalta le virtù del libero mercato, anche dopo la legge del governo Renzi nel 2015 che ne promosse l’abrogazione, successivamente sono sempre arrivate le proroghe. Almeno fino a quando il governo Draghi ne ha inserito l’abolizione nel PNRR. Da qui il pasticcio del governo: che prima ne promette una nuova proroga, ma se la rimangia per non mettere in discussione i fondi europei. Trovandosi con un potenziale aumento di bollette, per milioni di utenti, proprio poco prima del voto per le europee, ed è questo che agita il governo.
Ad ora, l’ipotesi di Salvini di rimettere in discussione l’abrogazione del regime a maggior tutela e passare dall’anno prossimo obbligatoriamente al privato, non sembra avere gambe e sembra più una sparata di propaganda. Del resto, il ministro dell’ambiente Pichetto Fratin ci aveva già provato, stroncato dal responsabile del PNRR Fitto, visto che appunto questa riforma è vincolante per avere i fondi europei. Detto che il passaggio vedrà un regime transitorio soprattutto sul gas di cui le azienda stanno già informando gli utenti, c’è da capire come reagirà il mercato. In teoria, la contesa su milioni di potenziali nuovi clienti potrebbe giocarsi a suon di offerte al ribasso. Comunque temporanee. Ma potrebbe anche innescare, se non ora più tardi, una dinamica di cartello. Come sottolinea il Professor Alessandro Volpi, editorialista di Altreconomia, la contesa sarà tra un limitatissimo numero di società, i cui azionisti di riferimento gli sono i grandi fondi finanziari. E, continua Volpi, crescerà ancora più il potere delle cosiddette multiutility, quotate in borsa e anch’esse partecipate dai medesimi fondi. Al di là delle piccole eccezioni cooperative dunque, la fine del “mercato tutelato”, conclude il docente dell’Università di Pisa, potrebbe portare verso un monopolio di fatto.

L’Arabia saudita ospiterà Expo 2030, le accuse di Massolo

Expo 2030 sarà ospitata da Riad, la capitale dell’Arabia saudita. La decisione è stata presa oggi a larghissima maggioranza con un voto che coinvolgeva altre due città, quella coreana di Busan e Roma, arrivata solo terza. Subito dopo il presidente del comitato promotore italiano, Giampiero Massolo, ha lanciato accuse durissime, parlando di “deriva mercantile”. “Oggi l’Expo, prima i mondiali di calcio, poi chissà le Olimpiadi… non vorrei che si arrivasse alla compravendita dei seggi in consiglio di sicurezza” ha detto Massolo, ammettendo però di non avere prove.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

Adesso in diretta