Approfondimenti

Le indagini sul naufragio di Crotone, i droni ucraini abbattuti in Russia e le altre notizie della giornata

team di soccorsi a crotone - naufragio migranti

Il racconto della giornata di martedì 28 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. I dubbi sulle modalità di intervento delle autorità italiane dopo il naufragio al largo della Calabria. Dopo le primarie, il Partito Democratico rimane diviso su molti temi, tra cui l’invio di armi all’Ucraina e le riforme sul lavoro e i diritti civili. Intanto, Elly Schlein si prepara per la stesura del Manifesto che conterrà la sua linea politica. Oggi sono stati segnalati abbattimenti di droni di fabbricazione ucraina che stavano sorvolando il territorio russo. Da stamattina, quattro operai della Portovesme srl si trovano su una ciminiera in segno di protesta contro l’azienda, che vuole fermare gli impianti. L’udienza del processo a Patrick Zaki è stata rinviata al 9 maggio.

Naufragio a Crotone, perché nessuno li ha salvati?

(di Mattia Guastafierro)
Nel suo comunicato ufficiale oggi Frontex dice di aver segnalato l’imbarcazione la sera prima del naufragio alle 22,30 al Centro Nazionale di Coordinamento marittimo di Roma, l’ente che coordina sia la Guardia di Finanza che la Guardia Costiera. L’agenzia di frontiera europea dice che l’imbarcazione, con a bordo circa 200 persone, stava navigando da sola e non c’erano segni di pericolo.

Ricevuto il messaggio, subito escono le navi della Guardia di Finanza per un’operazione di law enforcemnt, cioè di contrasto dell’immigrazione clandestina. Una motovedetta da Crotone e un pattugliatore da Taranto, che però rientrano in porto perché le condizioni del mare sono troppo proibitive.

Sta qui il primo punto che lascia più di un sospetto sulle modalità di intervento delle autorità italiane. Se il mare era troppo pericoloso, perché da Roma allora non si è aperto un evento SAR, cioè di ricerca e soccorso, compito che va affidato alla guardia Costiera, che tra l’altro ha a disposizione mezzi in grado di navigare in ogni condizione? Oggi la Guardia Costiera dice di aver ricevuto da terra, solo alle 4,30 del mattino, le prime segnalazioni di una barca in pericolo. Sta qui il secondo punto che non torna. Perché la segnalazione non è avvenuta prima di questo orario, durante il rientro in porto delle navi della Guardia di Finanza?

Ammesso che tutte le procedure siano state seguite alla perfezione, restano poi altri interrogativi. Ai mercantili in navigazione nell’area è stato chiesto o no di dirigersi verso il barcone per cercare col proprio scafo di mitigare l’onda marina? E mentre la barca si avvicinava alla spiaggia di Steccato di Cutro, perché nessuno è intervenuto, sapendo che poteva benissimo arenarsi sulla secca che si trova a circa un centinaio di metri dalla spiaggia? Proprio come poi è accaduto.

Il primo giorno da segretaria di Elly Schlein

(di Anna Bredice)
Poco prima delle 17.00 Elly Schlein è entrata in aula alla Camera dei deputati per votare nel suo primo giorno da segretaria del Partito democratico, l’ha accolta un applauso dei suoi colleghi ed è andata prima a sedersi nel suo solito scranno, vicino a Marianna Madia, poi a differenza del passato, non ha aspettato che la raggiungessero per stringerle le mani e farle in complimenti, è andata lei a salutare uno per uno i deputati del Pd presenti. Si sono avvicinati anche gli altri, compresi alcuni parlamentari di destra per farle i complimenti. Il tempo di votare e poi in Transatlantico una foto di gruppo e colloqui con alcuni deputati vicini a lei, tra cui Orlando e Provenzano. La giornata di Schlein si è alternata tra il Nazareno e gli uffici della Camera dei deputati, fino a quando si trasferirà del tutto nella sede del Pd, dove ieri è rimasta per parecchie ore, così come stamattina. Da dentro raccontano che ha voluto conoscere tutto il personale del partito, nel quale si insedierà ufficialmente a partire dal 12 marzo, con l’Assemblea nazionale. Ma di lavoro ne ha tanto da fare, a cominciare dalla scrittura del Manifesto che conterrà la sua linea politica, quello che in qualche modo ha annunciato ieri in una breve dichiarazione, un partito unito ma con una chiarezza di obiettivi che è il motivo per cui l’hanno votata alle primarie, al momento quindi non ci sono arretramenti sui temi più importanti dal Lavoro, all’Ambiente ai Diritti, che per Elly Schlein si intendono diritti civili e sociali insieme. Alessandro Zan sarà una delle persone che la affiancheranno su questi temi, a cominciare dalla ripresentazione della Legge Zan, senza enormi speranze che la Destra in Parlamento possa approvarla, ma Zan racconta che sarà molto importante la battaglia che si farà soprattutto fuori dalle aule del Parlamento su questi argomenti.

Il futuro incerto del Pd

(di Luigi Ambrosio)
Molti nel Pd evocano il “Manifesto Schlein” come la svolta che farà rinascere il partito. Altri lo temono come un guaio. Il “manifesto” in realtà ancora non c’è ma ci sono i temi su cui la nuova segretaria cercherà una discontinuità radicale. E quelli sui cui non è chiaro cosa accadrà. Sull’invio di armi all’Ucraina, mentre Schlein tace, dalle minoranze che hanno votato Bonaccini si mettono le mani avanti: la linea non deve cambiare. La maggioranza che sostiene la segretaria ha toni più sfumati, insiste sul rilancio delle trattative ma non si spinge a dire “basta armi”. Poi c’è il jobs act, c’è il reddito di cittadinanza, ci sono i diritti civili. Da una parte si ribadisce in queste ore “riforme sì, con mediazioni” dall’altra si dice “deve cambiare tutto”. Insomma siamo alla campagna elettorale per le primarie.
Ovviamente queste sono solo chiacchiere, fino a questo momento. Di concretissimo invece c’è la lotta sotterranea in Parlamento per le nuove presidenze dei gruppi alla Camera e al Senato.
La maggioranza le vuole entrambe, e i nomi che circolano di più sono quelli di Di Biase alla Camera e Boccia al Senato. La minoranza ne vuole una per sé, forte della vittoria alle primarie tra gli iscritti e di quasi la metà della nuova assemblea nazionale. Il nome che circola è quello di Bonafé alla Camera.
È il partito che esisteva sabato prima del voto e che continua a esistere ancora oggi. Diviso su tutto. Unito da una preoccupazione: che alla fine Schlein dia poca retta a tutti, maggioranza e opposizione del Pd.

Un drone ucraino è stato abbattuto a cento chilometri da Mosca

Il drone militare ucraino caduto in Russia a cento chilometri da Mosca mirava a colpire un impianto di gas di Gazprom. L’ha detto il governatore della regione russa, che l’ha definito un “attacco fallito”. Kiev, per il momento non ha né commentato né rivendicato l’accaduto. Altri droni di fabbricazione ucraina sono stati abbattuti oggi nelle regioni di Belgorod e Bryansk, entrambe confinanti con l’Ucraina. Nelle stesse ore lo spazio aereo su San Pietroburgo è stato chiuso al traffico per circa un’ora senza che venissero fornite spiegazioni. Il ministero della Difesa ha poi detto che si era trattato di un’esercitazione con alcuni caccia militari che si erano alzati in volo per intercettare un obiettivo fittizio.
Oggi, però, il presidente Vladimir Putin, pur senza citare i nuovi attacchi, ha invitato i servizi di sicurezza interni a “tenere sotto controllo speciale” i confini con l’Ucraina per impedire le infiltrazioni di “gruppi di sabotatori” e ha accusato Kiev di usare “metodi terroristici”.
A Mosca abbiamo raggiunto Mara Morini, docente di Politiche dell’Europa Orientale

In Ucraina, intanto, continua la battaglia per Bakhmut, nel Donbass, che le truppe russe cercano da mesi di conquistare. “La situazione intorno alla città è estremamente tesa – ha detto Zelensky – e la Russia ha inviato le unità d’assalto meglio addestrate della Wagner per cercare di rompere le nostre difese”.

Sentiamo il nostro collaboratore in Ucraina Sabato Angieri

Portovesme, 4 lavoratori sulla ciminiera per protestare contro il fermo degli impianti

Restano sulla ciminiera i 4 operai dell’impianto Portovesme srl, nel Sulcis, da questa mattina in protesta contro l’azienda per il fermo degli impianti. L’accordo raggiunto un mese fa con il quale l’azienda aveva sospeso l’avvio della procedura di cassa integrazione, in attesa di trovare un’intesa sul prezzo dell’energia, è in scadenza. A rischio ci sono 1300 lavoratori
Il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha convocato con urgenza un tavolo per venerdì 3 marzo alle ore 10; parteciperanno la Regione Sardegna, l’azienda e i sindacati.
L’apertura del governo non è bastata per far scendere i lavoratori, li abbiamo raggiunti al telefono, ecco cosa ci hanno raccontato

 

L’ennesimo rinvio del processo a Patrick Zaki

È stata aggiornata al 9 maggio la prossima udienza del processo allo studente egiziano che si è tenuta stamattina a Mansura.
Si tratta dell’ennesimo rinvio di un processo che va avanti da oltre 2 anni, c’è però una novità: oggi per la prima volta gli avvocati di Zaki hanno potuto parlare e presentare le tesi della difesa.
Il commento di Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty international

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

Adesso in diretta