Approfondimenti

Come va la pandemia, continuano le morti nel Mediterraneo, la battaglia di Memorial per i diritti umani e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 28 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Italia va a lunghi passi verso i centomila contagi quotidiani, una settimana fa erano trentamila. L’epicentro della pandemia resta sempre la Lombardia. Domani arriva il parere del Comitato tecnico scientifico sulla durata della quarantena. Intanto a Milano non ci sono quasi più tamponi. Un operaio di 50 anni, di cui non è stato diffuso il nome, è morto oggi a Roma, precipitando da un ponteggio. La Geo Barents, la nave umanitaria di Medici senza frontiere, è stata autorizzata a fare rotta su Augusta, nel Siracusano. Resta invece in attesa di un porto la SeaWatch 3. Almeno 200 persone sono morte in mare nell’ultima settimana, secondo un testimone uno dei naufragi sarebbe stato causato dallo speronamento di una navetta della guardia costiera libica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Come leggere i nuovi numeri dei contagi e le ipotesi sulla quarantena “breve”

Non erano mai stati così tanti. Oggi in Italia è stato accertato il numero più alto di contagi da inizio pandemia. Sono stati 78.313 quelli registrati nelle ultime 24 ore. 202 i morti. Molto elevato anche il dato sui tamponi, oltre un milione. Scende il tasso di positività, oggi al 7,57 per cento. Ma aumenta la pressione sulle strutture sanitarie. Sono 19 in più i pazienti ricoverati in terapia intensiva nel saldo tra entrate e uscite. 366 gli ingressi in più nei reparti ordinari. L’Italia, dunque, sulla spinta della variante Omicron, si avvicina verso quella previsione, fatta da alcuni esperti, dei 100mila casi quotidiani, che già si osserva in Gran Bretagna e in Francia. Ma come leggere dunque questi dati, in particolare quello sui contagi? Il virologo dell’università statale di Milano Fabrizio Pregliasco invita alla calma, in particolare per chi ha fatto tre dosi di vaccino

(di Michele Migone)

L’ampia diffusione del virus, l’elevato numero di contagi, fanno aumentare giorno dopo giorno il numero delle persone in quarantena. Si stima che siano circa due milioni. Il rischio è che soprattutto nei prossimi giorni molti servizi e settori rimangano scoperti, senza personale, se il dato dovesse aumentare ancora. Per questo motivo domani il Cts si esprimerà su una modifica delle regole della quarantena. A seguire ci sarà un consiglio dei ministri. Oggi le Regioni hanno inviato agli esperti del governo le loro richieste. “Il contact tracing – il tracciamento dei contatti stretti delle persone positive – è saltato in molti territori”, dicono le regioni. “Servono nuove norme”. Tra le ipotesi la cancellazione o la riduzione del periodo di isolamento a 3-5 giorni per chi abbia ricevuto la terza dose di vaccino ed è contatto diretto di un positivo. Quale è l’orientamento del governo sulla quarantena breve? Lo abbiamo chiesto a Sandra Zampa, responsabile salute del Pd e consigliera del ministro della salute Speranza

 

La Geo Barents fa rotta sul porto siciliano di Augusta

Fa rotta sul porto siciliano di Augusta la Geo Barents, la nave umanitaria di Medici senza frontiere. Le autorità italiane hanno concesso lo sbarco per i 558 migranti salvati dall’organizzazione in 8 diversi interventi effettuati nei giorni scorsi. A bordo ci sono molti minori, la maggior parte dei quali non accompagnati. L’ultimo salvataggio risale alla vigilia di Natale, da allora l’organizzazione chiedeva l’assegnazione un porto sicuro. Fulvia Conte è un’operatrice di Msf a bordo della Geo Barents

Solo negli ultimi giorni 200 persone sono morte cercando di attraversare il mediterraneo, in quattro diversi naufragi. Almeno uno di questi, secondo le testimonianze di alcuni sopravvissuti, sarebbe stato provocato dall’intervento, di fatto uno speronamento, della cosiddetta guardia costiera libica. Lo scrive stamattina Avvenire. Le vittime di questo episodio sarebbero 15. Rimane intanto in attesa dell’assegnazione di un porto la Sea Watch 3: la notte scorsa si sono rese necessarie altre quattro evacuazioni mediche, ma a bordo ci sono ancora 440 persone in attesa di potere sbarcare.

A Roma un operaio precipita da un’impalcatura e muore

Un operaio di 50 anni, di cui non è stato diffuso il nome, è morto sul lavoro oggi nel centro di Roma. E’ precipitato da una impalcatura in via Merulana, all’Esquilino, mentre stava allestendo il ponteggio per il rifacimento della facciata dell’edificio. Sono in corso le verifiche sul ponteggio per accertare la dinamica dell’incidente e l’eventuale violazione delle norme di sicurezza. Negli ultimi 50 giorni sono morti 4 operai nella sola Capitale. Sul luogo dell’incidente oggi c’era anche l’assessora al Lavoro di Roma Capitale, Claudia Pratelli. “L’impennata di incidenti coincide con la forte ripresa dell’edilizia, trainata anche dai bonus del governo”, ha detto ai nostri microfoni. “Bisogna intervenire su qualità del lavoro, formazione e prevenzione”. L’abbiamo intervistata

 

La battaglia di Memorial per continuare a difendere i diritti umani in Russia

Memorial non si arrende. La più antica organizzazione per la difesa dei diritti umani russa ha annunciato che cercherà vie legali per continuare a lavorare. Oggi la Corte suprema russa ha ordinato la chiusura della ong, fondata da Andrej Sacharov durante la Perestrojka. L’accusa è quella di agire come agente straniero che riceve finanziamenti dall’estero. Grandi proteste oggi dalla comunità internazionale. L’Onu e l’Unione europea si sono espresse contro lo smantellamento dalla ong. Sentiamo Anna Zafesova, giornalista esperta di Russia

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/RegLombardia/status/1475870764578623496

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 01/12/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 01/12/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 12/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 01/12/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 12/01/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 01/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 30/11/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 01/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 30/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/12/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 30/11/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 30/11/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 01/12/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 30/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 01/12/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 30/11/2022

    1-La guerra in Ucraina al centro dell’incontro Biden - Macron. Nonostante l’irritazione della casa bianca, Il presidente francese insiste sul…

    Esteri - 01/12/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 30/11/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/12/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 30/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/12/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City 11 - 30/11/2022

    Una collaborazione tra Kate Tempest e Fontains DC, restiamo nel Regno Unito con New Order e Dry Cleaning. Beck e…

    Sounds and the City - 01/12/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 30/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/12/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 30/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 30/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 01/12/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 30/11/2022

    Oggi a Cult: il Walk the (Red) Line Festival da San Siro a via Padova con l'Alleanza dei Corpi, a…

    Cult - 01/12/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    La favola della meritocrazia e il governo delle disuguaglianze. Che cosa rappresentano le idee del ministro Valditara sulla “umiliazione” formativa…

    Pubblica - 01/12/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/12/2022

Adesso in diretta