Approfondimenti

Meloni alza il livello dello scontro, la liberazione di Assange e le altre notizie della giornata

Giorgia Meloni ANSA

Il racconto della giornata di martedì 25 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Meloni, dopo la sconfitta elettorale, alza il livello dello scontro e attacca le opposizioni accusando la sinistra di usare toni da guerra civile contro il governo. Julian Assange è libero. Il fondatore di WikiLeaks è in viaggio verso le Isole Marianne dove domani mattina firmerà il patteggiamento. Oggi ci sono stati ancora intensi scambi di razzi al confine tra Israele e il Libano e anche a Gaza i bombardamenti proseguono e la situazione umanitaria nella striscia peggiora di giorno in giorno.

Meloni alza il livello dello scontro, tra vittimismo e demonizzazione dell’opposizione

Apriamo con la politica e il duro attacco di Giorgia Meloni alle opposizioni all’indomani della sconfitta alle amministrative. La Presidente del Consiglio ha accusato la sinistra di usare contro il governo toni da guerra civile, affermando che all’opposizione c’è chi “la vorrebbe a testa in giù”. Quasi in contemporanea è arrivata la replica della segretaria del Pd Elly Schlein.

(di Anna Bredice)

Elly Schlein risponde a tono alle accuse di Giorgia Meloni che si fa ancora una volta vittima per non ammettere la sconfitta delle amministrative. Risponde a tono, ma senza dare alla Presidente del Consiglio pretesti per proseguire questa sfida utile solo a Palazzo Chigi per non parlare d’altro e avere sempre un nemico a portata di mano. Quando Meloni evoca i toni da guerra civile, Elly Schlein risponde che i toni utilizzati dal Pd non sono quelli, sono invece proposte concrete su temi sentiti come importanti dagli elettori grazie ai quali l’opposizione ha vinto in questa tornata elettorale. “Stiamo arrivando”, ancora una volta è questo lo slogan scelto dalla segretaria che per rispondere a Meloni che accusa la sinistra di voler uno status quo e replica di essere proprio lei, con la sua storia, l’esempio di chi ha combattuto lo status quo dello stesso Pd. La vittoria dei capoluoghi di regione è il pezzo che mancava ad Elly Schlein per confermare anche la linea scelta in questo anno e mezzo. Mai rompere con i Cinque Stelle, anche quando il proporzionale alle europee aveva portato Giuseppe Conte ed attaccare più il Pd che Meloni.
Il campo largo è la strada per la segretaria del Partito Democratico, quel campo che guarda a sinistra e che ha visto dalla sua parte più Calenda che Renzi, segno forse di qualche divisione in quell’area di centro. Il voto è anche la conferma per ora di una tenuta anche nel partito, sulle scelte dei prossimi mesi. Una opposizione dura in Parlamento contro le riforme, compresa quella annunciata un minuto dopo le elezioni amministrative di voler eliminare il ballottaggio. “È sconveniente”, dice Elly Schlein, che la seconda carica dello Stato, ovvero La Russa, dica questo. C’è poi la strada del referendum contro l’Autonomia differenziata che potrebbe vedere tra le regioni richiedenti il voto anche l’Emilia Romagna. E poi la scelta dei temi che per Schlein sono i più unitari possibili, salario minimo, sanità e scuola. Su questo imposterà la sua linea in vista della prossima tornata elettorale, prima delle politiche, cinque regioni al voto tra quest’anno e il prossimo.

Il pericoloso cambio di passo della destra

A destra intanto, dopo la sconfitta alle amministrative, c’è chi vuole cambiare la legge elettorale e abolire il ballottaggio. Il primo ad avanzare la proposta era stato ieri il presidente del Senato La Russa. Oggi lo ha confermato Alberto Balboni di FdI, presidente della commissione Affari Costituzionali.

(di Michele Migone)

Nessun altro presidente del consiglio italiano, in prima persona, aveva mai accusato l’opposizione di fomentare un clima da guerra civile. Oggi lo ha fatto Giorgia Meloni, con un video il cui tono tra il minaccioso e il vittimistico, indica un pericoloso cambio di passo da parte sua. E ciò che si intravede, preoccupa. Perché la trumpiana Meloni di oggi confonde volutamente le normali dinamiche democratiche – critiche all’azione di governo – con un tentativo di assalto al potere. Perché dopo aver perso nelle amministrative Ignazio La Russa ha detto che bisogna cancellare i ballottaggi e subito dopo, Alberto Balboni, l’uomo delle riforme meloniane, ha annunciato che presenterà una proposta di legge per farlo. La norma deve essere eliminata se non è funzionale al potere della Destra. Giorgia Meloni è in difficoltà: ha vinto, ma non ha sfondato nelle Europee. Ha perso le amministrative, non ha spazio di manovra nell’economia dove la necessità di rispettare i vincoli europei le impedirà di mantenere le promesse fatte al suo elettorato. Vede crescere un’opposizione nel paese rispetto alle riforme, in particolare l’autonomia differenziata, che mette a rischio l’intero pacchetto varato dalla Destra, quindi anche il premierato.
Se ci fosse adesso il referendum, l’autonomia sarebbe probabilmente bocciata dagli italiani. Giorgia Meloni rimane salda in sella, ma non riesce a guadagnare nuovo terreno. Era ciò a cui puntava per garantirsi un ciclo di potere oltre i cinque anni, e invece, la sua crescita sembra essersi fermata. E ora ha paura della nuova vivacità dell’opposizione, teme la delusione del suo elettorato. Per uscire dalle difficoltà, punta, con più forza ora rispetto ai mesi passati, sugli strumenti classici della cultura politica della Destra: battaglie identitarie, demonizzazione dell’opposizione, cambio delle regole. Ma lo fa con un’aggressività mai espressa prima da quando è al governo.
 

Julian Assange è libero

Julian Assange è in viaggio verso le isole Marianne del Nord, dove domani mattina, ora locale, firmerà l’accordo fatto con il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti grazie al quale il fondatore di WikiLeaks riconquisterà definitivamente la sua libertà. Il giornalista australiano è uscito questa notte dal carcere di massima sicurezza di Belmarsh, nel Regno Unito, dove era detenuto dall’aprile del 2019 in attesa di essere estradato. Assange era accusato negli Stati Uniti di aver violato l’Espionage Act, una legge contro lo spionaggio, e complessivamente rischiava fino a 175 anni di carcere. L’accordo prevede che Assange si dichiari colpevole di aver ottenuto e diffuso in modo illegale alcuni documenti considerati sensibili per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Vincenzo Vita, giornalista di Articolo 21:


 

Israele è pronto “a ogni possibile scenario in Libano”

“Stiamo lavorando intensamente per raggiungere un accordo, ma siamo pronti ad ogni scenario possibile in Libano”. Lo ha detto il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant nel colloquio a Washington con il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin a proposito del rischio di un nuovo conflitto tra Israele ed Hezbollah. Oggi ci sono stati ancora intensi scambi di razzi al confine, e nel nord d’Israele sono scoppiati nuovi incendi. Il Canada ha chiesto ai suoi cittadini di lasciare il Libano il prima possibile.
Anche a Gaza continuano i bombardamenti, da nord a sud. Anche la situazione umanitaria nella striscia peggiora di giorno in giorno. Secondo un report delle Nazioni Unite più di mezzo milione di persone rischia di morire di fame.

Intanto in Israele il governo deve fare i conti con la sentenza della Corte Suprema che ha stabilito che anche per gli ortodossi il servizio militare sarà obbligatorio. Il procuratore generale di Israele ha già ordinato al ministero della Difesa di reclutare immediatamente 3.000 giovani ortodossi. La sentenza mette in difficoltà il governo Netanyahu che è appoggiato da due partiti ultra ortodossi. Eric Salerno, giornalista e scrittore:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta