Approfondimenti

A Milano sfilano centomila antifascisti, Mattarella a Boves, l’addio a Harry Belafonte e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 25 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Milano, 25 aprile 2023. Centomila persone in piazza: è il corteo della Liberazione più partecipato e sentito da quasi vent’anni. Il presidente della Repubblica Mattarella oggi era a Boves e ha spiegato ancora una volta che la Costituzione è antifascista. Ancora sbarchi a Lampedusa, l’hotspot è ormai al collasso. In Sudan le Nazioni Unite definiscono “critica” la carenza di cibo, acqua e medicinali dopo dieci giorni di combattimenti tra l’esercito e le forze paramilitari. La tregua di 72 ore annunciata ieri dal segretario di stato americano Antony Blinken non ha retto. Addio a Harry Belafonte, icona della musica e dei diritti civili.

E’ stato il 25 aprile più partecipato dal lontano 1994

100mila persone in piazza, probabilmente il 25 aprile più partecipato dal lontano 1994. Mentre il presidente Mattarella da Cuneo ricordava ancora una volta la matrice fondante della resistenza e la natura antifascista della Costituzione, oggi a Milano, nel primo anniversario della Liberazione con la destra al governo, un lunghissimo corteo ha sfilato per la città.

(di Claudio Jampaglia)

Così Milano ha risposto all’estrema destra al potere

(di Sandro Gilioli)

Si chiamano anticorpi della democrazia. Sì chiama tessuto sociale, attivismo, associazionismo, partecipazione.
È così che Milano ha risposto all’estrema destra al potere: con quel corpo fondamentale della democrazia che è la partecipazione attiva. Che si misura dai numeri certo (e in corteo eravamo tantissimi) ma anche nel suo spirito, nella sua determinazione a non lasciarsi calpestare. E non lasciare che sia calpestato l’antifascismo, il terreno in cui è nata la Costituzione.
Vinte le elezioni (democraticamente ma anche un po’ fortuitamente grazie all’astensione e a una folle legge elettorale) l’estrema destra al potere ha iniziato a comportarsi con l’arroganza e la boria di chi pensa di avere in mano il Paese, di poterne dettare incondizionatamente il futuro e addirittura riscriverne il passato.
Non è così e non sarà così.
Non sarà così finché ci sarà la Carta scritta dai Costituenti.
Non sarà così finché al Quirinale ci sarà Mattarella.
Ma non sarà così soprattutto finché esiste il tessuto sociale che si è visto in piazza a Milano. Finché esistono solidi e radicati anticorpi della democrazia, sentiti e praticati da così tante persone.
Oggi noi antifascisti e antifasciste abbiamo meno paura di ieri.

Il presidente della Repubblica Mattarella a Boves

Negli stessi minuti in cui piazza del Duomo era gremita al termine del corteo, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella era a Boves, teatro di uno dei primi eccidi nazisti in Italia. Poco prima a Cuneo aveva pronunciato un lungo e denso discorso su resistenza e Costituzione

(di Luigi Ambrosio)

Cuneo ha accolto Mattarella come si accoglie un familiare in un giorno di festa.
E come una, anzi la personalità politica popolare oggi in Italia. Popolare quando si ferma a firmare la copia della Costituzione alla bambina che gli chiedeva l’autografo. Perché più volte alla domanda “cosa rappresenta per te” la risposta è stata “è come un papà”.
L’istituzione che ha tenuto corso il Paese ai tempi del Covid e l’Istituzione che riafferma i fondamenti oggi, tempi difficili per altri motivi.
“Farà un discorso moderato”, prevedeva qualche analista. Invece nella città di Duccio Galimberti, Mattarella ha scandito parole appassionate: “Se mai avversari della libertà dovessero riaffacciarsi su queste strade troverebbero patrioti”. Era quello che le persone arrivate a salutarlo volevano sentirsi dire. Per placare più di una preoccupazione.
A Cuneo, a Boves, a Borgo San Dalmazzo il Presidente della Repubblica ha compiuto gesti e ha pronunciato parole che non ammettono replica. Parole che nessun leader politico, oggi, sa pronunciare così.

L’hotspot di contrada Imbriacola è al collasso

Altri 80 migranti su tre barchini sono stati soccorsi al largo di Lampedusa. Salgono così a 17 gli sbarchi avvenuti nelle ultime 24 ore. L’hotspot di contrada Imbriacola è al collasso con 2400 persone, a fronte di una capienza di 400 posti.
Oggi pomeriggio visita-lampo del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, che prima di ripartire per Roma ha annunciato l’istituzione di un’ennesima task force, un ufficio del ministero, che si occupi della gestione dell’emergenza a Lampedusa.
Negli ultimi giorni sono stati segnalati quattro naufragi al largo dell’isola, con due morti accertate e una ventina di dispersi.

È morto Harry Belafonte

Icona della musica e dei diritti civili. È morto a 96 anni Harry Belafonte. Cantante, attore, attivista, i suoi successi contribuirono a rompere le barriere della segregazione razziale negli Stati Uniti. Sentiamo Marcello Lorrai

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 19/07/2024

    PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    La rotta atlantica: la traversata mortale verso l'Europa

    La rotta delle Canarie è tornata a essere una delle più mortali al mondo, con un aumento del 167% di migranti quest'anno, arrivando a circa 19.000 persone. Partendo dal Senegal o dalla Mauritania, questi migranti cercano di raggiungere le isole spagnole e successivamente l'Europa continentale. Secondo un report della ONG Caminando Fronteras, oltre 4.000 persone hanno perso la vita tentando questa traversata. La scelta di questa rotta pericolosa è dovuta alla crescente militarizzazione del Mediterraneo. Sara Dell’Acqua ha intervistato Edurne Gautxori, traduttrice della Croce Rossa a El Hierro, l'isola dell'arcipelago delle Canarie più lontana dalle coste africane.

    Clip - 19-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Attivismo & bigodini

    Attivismo & bigodini: come le parrucchiere afroamericane trasformarono i loro saloni in un luogo di potere e lotte civili. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 19-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 19/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Oggi abbiamo parlato del discorso di Trump alla convention repubblicana e del possibile ritiro di Biden dalla corsa presidenziale con Roberto Festa. Dell’elezione di Ursula Von der Leyen grazie al voto determinante dei Vardi con Monica Frassoni. Un ricordo del G8 di Genova 23 anni dopo con Lorenzo Guadagnucci e della situazione migratoria nelle Canarie con un’intervista a una traduttrice della Croce Rossa che lavora lì

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 19/07/2024

    A cura di Barbara Sorrentini. Abbiamo letto alcuni stralci del discorso di Trump nella folle notte di Milwaukee. 19/7/1992: la strage di Via D'Amelio. La principessa di Dubai che ripudia il marito infedele. "Lella" tra cover e interpretazioni. Il libro di Daniel De Visé "The Blues Brothers"

    Apertura musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 19/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 18-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 18/07/2024

    La cultura pop dell'ultima generazione ad aver passato la maggiore età, dall'ascolto al racconto. Un'atmosfera leggera e autoironica per scoprire, dalle voci di due che nel nuovo millennio ci sono nati, cosa ci sia di generazionale e cosa invece sta diventando storia. Una trasmissione che per i “centennials” sarà un'opportunità per ritrovarsi, mentre per tutti gli altri sarà una porta d'accesso. Il giovedì dalle 23 a mezzanotte, a cura di Luca Santoro e Alessandro Simonetta.

    IconZ - 18-07-2024

Adesso in diretta