Approfondimenti

La Germania invierà carri armati all’Ucraina, gli scandali che hanno travolto il governo Zelensky e le altre notizie della giornata

carroarmato leoapard

Il racconto della giornata di martedì 24 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Secondo i media tedeschi domani Berlino potrebbe dare il suo ok all’invio dei Leopard 2 in Ucraina. Il governo ucraino è stato travolto da una serie di scandali di corruzione che hanno già provocato le dimissioni di circa 15 alti funzionari, compresi diversi viceministri. Oggi alla Camera gli ex Articolo 1 non hanno partecipato al voto per il decreto Ucraina. Nonostante il tentativo del governo di scongiurare la protesta, alle 19:00 è iniziato lo sciopero dei benzinai. A Milano da oggi circola un tram dedicato al Giorno della Memoria

L’Ok di Berlino all’invio dei Leopard a Kiev

La Germania manderà i Leopard 2 in Ucraina, la decisione è presa. Lo scrive il giornale tedesco der Spiegel, secondo il quale Berlino sarebbe pronta a consegnare “almeno una compagnia” di carri armati. La notizia è iniziata a circolare nel pomeriggio, dopo che la Polonia aveva fatto ufficiale richiesta alla Germania per poter inviare i suoi tank a Kiev. Secondo Bloomberg, già domani dovrebbe arrivare il via libera tedesco, dopo che il parlamento ne discuterà in mattinata.
Dopo l’ok tedesco, circa 12 paesi sarebbero pronti a inviare circa 100 carri armati Leopard 2 all’ucraina.
Nei prossimi giorni potrebbe sbloccarsi anche la questione dei carri armati statunitensi. Secondo il Wall Street Journal, infatti, l’amministrazione Biden sembrerebbe intenzionata a inviare un significativo numero di tank Abrams a Kiev e un annuncio in questo senso potrebbe arrivare già la prossima settimana. Durante il vertice di Ramstein di settimana scorsa, Berlino avrebbe vincolato il suo via libera ai leopard solo se anche gli Usa avrebbero inviato gli Abrams.
Fondamentale per Kiev è la tempistica con cui questi carri armati verranno inviati. Alessandro Marrone, analista militare dell’Ispi.



I due scandali di corruzione che hanno travolto il governo ucraino

Sono due le inchieste di corruzione che quasi simultaneamente, nel giro di pochi giorni, hanno colpito il governo ucraino. Entrambe riguardano presunti casi di speculazione sulla guerra: una riguarda l’acquisto di generatori e l’altra le forniture di cibo per l’esercito. Ad aver dato il via all’ondata di dimissioni è stato l’arresto del vice ministro per le infrastrutture che avrebbe intascato tangenti per oltre 300.000 euro per “facilitare” l’acquisto di generatori a prezzi gonfiati. Poche ore dopo il giornalista investigativo Yuri Nikolov, fondatore del portale anti corruzione “your money”, ha tirato fuori un altro scandalo di corruzione che ha investito il ministero della difesa, accusato di aver pagato cifre eccessive per le forniture di cibo destinate all’esercito. In seguito a queste rivelazioni si è dimesso il viceministro della Difesa Shapovalov, che secondo l’inchiesta giornalistica, avrebbe firmato un contratto per il 2023 del valore di 324 milioni di euro per i prodotti alimentari destinati ai soldati con prezzi fissati “da due a tre volte superiori” a quelli attuali per i prodotti alimentari di base. Il ministro della difesa Reznikov, invece, si rifiuta di riconoscere ogni tipo di coinvolgimento. Insieme alle sue dimissioni, in queste ore sono arrivate quelle di Kyrylo Tymoshenko, vice capo della segreteria del presidente, implicato in uno scandalo relativo all’uso a fini privati di auto di lusso messe a disposizione dal governo per svolgere il proprio incarico, e poi – a cascata – sono arrivate quelle del vice procuratore generale Symonenko, dei governatori regionali di Dnipropetrovsk, Zaporizhzhia, Kiev, Sumy e Kherson, dei vice ministri per lo Sviluppo e del vice ministro per le Politiche sociali.
Secondo molti media ucraini, nel corso delle prossime ore potrebbero arrivare nuove dimissioni, mentre Zelensky ha annunciato altre decisioni nelle prossime ore che potrebbero comprendere anche sostituzioni di ministri.

Ex Articolo 1 e Pd divisi sul tema dell’invio di armi all’Ucraina

(di Luigi Ambrosio)
Pronti via, Articolo 1 ritorna nel Partito Democratico e subito lo mette in difficoltà. Su un tema cruciale come la guerra. Oggi alla Camera gli ex Articolo 1 non hanno partecipato al voto e hanno spiegato che la linea del Pd sulla guerra in Ucraina non va bene.
Una posizione che non è solo ideale ma è anche parte della strategia mai abbandonata dai dalemiani di un accordo strategico coi 5 Stelle i quali, dopo avere governato con Draghi e votato gli invii di armi, da quando sono all’opposizione si sono schierati risolutamente per il no.
A questo punto, considerato che nel Pd non è solo dagli ex Articolo 1 che arriva il no all’invio di armi ma anche altri deputati, come Susanna Camusso o l’ex Sant’Egidio Paolo Ciani sono sulla stessa posizione, è chiaro che il Pd di linee sulla guerra ne ha due. O probabilmente non ne ha una precisa. In attesa di un congresso che non risolverà il problema.

È iniziato lo sciopero dei benzinai

È iniziato alle 19 lo sciopero dei benzinai. Oggi il governo ha tentato in extremis di scongiurare la protesta convocando i rappresentanti dei gestori al ministero delle imprese e tentando un’ultima mediazione. Dopo quasi 3 ore di confronto lo sciopero è stato confermato ma la Fiab-confesercenti viste le aperture del governo su alcune delle richieste avanzate ha deciso di ridurlo da 48 a 24 ore. Le altre sigle dei gestori si riuniranno domani per valutare se ridurre o meno la durata della protesta.
Bruno Bearzi presidente di Figisc, Federazione Italiana gestori Impianti carburanti.

Milano, il tram della linea 9 dedicato al Giorno della Memoria

A Milano da oggi circola un tram della linea 9 dedicato al Giorno della Memoria, un’iniziativa voluta fortemente da Liliana Segre. “Tra qualche anno sulla Shoah ci sarà una riga sui libri di storia, poi neanche più quella. La gente già da anni dice: basta con questi ebrei, che cosa noiosa”, aveva denunciato ieri la senatrice sopravvissuta ad Auschwitz. Andrea Monti ha intervistato alcune persone che oggi hanno preso quel tram.

Anna Bredice ha intervistato la storica Anna Foa, che si dice d’accordo con Segre quando sostiene che tra qualche anno la Shoah sarà praticamente sparita dai libri di storia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 30/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 30/01/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Fernanda Wittgens

    Nel ventennale della creazione del Giardino dei Giusti di Milano, Fondazione Gariwo ci propone sei ritratti di Giusti che sono…

    Clip - 30/01/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 30/01/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 30/01/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 30/01/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 30/01/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 30/01/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 30/01/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/01/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 29/01/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 29/01/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 30/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 29/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/01/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 29/01/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 30/01/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 29/01/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 30/01/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 29/01/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 30/01/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 29/01/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 29/01/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 30/01/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 29/01/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 29/01/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 30/01/2023

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 29/01/2023

    I concerti della settimana e una breve monografia sugli artisti in tour

    Canta che ti passa - 30/01/2023

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 29/01/2023

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 30/01/2023

Adesso in diretta