Approfondimenti

Il primo suicidio assistito in Italia, le nuove misure anti-COVID in arrivo e le altre notizie della giornata

firme eutanasia legale ANSA

Il racconto della giornata di martedì 23 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Per la prima volta in Italia, sulla base della sentenza di 3 anni fa della Consulta sul caso di dj Fabo, un uomo potrà ricorrere al suicidio assistito. Le prossime ore saranno decisive per le nuove misure anti-COVID al vaglio del governo, ma c’è ancora molto da definire. Intanto da domani sarà possibile fare la terza dose a cinque mesi dal completamento del primo ciclo vaccinale. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Via libera al primo suicidio assistito in Italia

Per la prima volta in Italia, sulla base della sentenza di 3 anni fa della Consulta sul caso di dj Fabo, un uomo potrà ricorrere al suicidio assistito in Italia. Il comitato etico dell’Asl delle Marche, a cui l’uomo si è rivolto, gli ha riconosciuto i requisiti stabiliti dalla Consulta. Mario, tetraplegico di 43 anni, è tenuto in vita artificialmente, ha una malattia irreversibile che gli provoca sofferenze intollerabili, è pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli, non vuole avvalersi di altri trattamenti sanitari. Mario ha vinto la sua battaglia giudiziaria, anche se non tutti i nodi sono stati sciolti.
Marco Cappato dell’associazione Luca Coscioni:


 

Le ore decisive per le nuove misure anti-COVID

Potrebbe essere anticipata a domani la cabina di regia sulle nuove misure anti-COVID allo studio del governo e subito dopo si dovrebbe tenere il Consiglio dei Ministri per il via libera. Questo è quanto fatto trapelare oggi da Palazzo Chigi. Sul tavolo l’obbligo della terza dose per i sanitari e il personale delle RSA, la riduzione della durata del Green Pass a 9 mesi e soprattutto le restrizioni per i non vaccinati. Sul cosiddetto Super Green Pass si sta ancora trattando in queste ore.

(di Massimo Alberti)

Bianca, gialla o arancione. Che il Green Pass solo per vaccinati e guariti ci sarà, è una certezza. A quali condizioni, la maggioranza deve decidere in 24 ore. Le posizioni delle regioni rispecchiano il quadro politico. A chiedere misure selettive per i non vaccinati già ora sono Forza Italia e i suoi ex, col presidente della Liguria Toti in testa, i presidenti PD guidati da Bonaccini. Preferirebbero solo zona gialla o arancione i presidenti leghisti, stretti tra le pressioni degli industriali del nord, che lo vorrebbero subito, e l’equilibrismo di Salvini. Il capo della lega oggi ha fatto capire che resta sul no: non mandiamo messaggi che spaventino le persone, ha detto. Ma anche il suo numero due e ministro, Giorgetti, alla domanda esplicita, ha risposto “non so”. Sulla stessa linea il portavoce delle regioni, il leghista Fedriga, che ha parlato di misure da prendere in caso di peggioramento, quindi non ora. Tra gli altri ministri nessuno si sbilancia anche a microfoni spenti, su come finirà. Draghi non ha parlato. Sa che il tempo è poco e serve agire adesso. Farà digerire anche ai leghisti le restrizioni da subito? O scommetterà sul successo dei richiami, accettando la mediazione delle zone gialle sapendo che ci potrebbero finire solo alcune regioni, quindi con impatto limitato, o l’arancione, a cui però si arriverà difficilmente. così le restrizioni selettive resterebbero una minaccia per provare ancora ad aumentare i nuovi vaccinati, sapendo però che fin qui, il green pass è servito molto poco a questo scopo. Una mediazione più morbida potrebbe esser bilanciata ad altre misure: pass obbligatorio per i mezzi pubblici, stretta su durata e tipo di tamponi, ritorno della mascherina all’aperto. In ogni caso la durata del pass sarà portata almeno a 9 mesi. Entro fine anno si arriverà al picco dei contagi. Arrivarci sotto natale sarebbe un fallimento che Draghi non può permettersi.

La terza dose a 5 mesi dalla prima: si parte già domani

E da domani sarà possibile fare la terza dose a cinque mesi dal completamento del primo ciclo vaccinale, dunque della seconda dose. Le regioni si stanno organizzando in queste ore per modificare i calendari e permettere le prenotazioni. Ora ascoltiamo Antonio Clavenna, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, a cui abbia fatto una serie di domande per capire le ragioni scientifiche che hanno portato ad anticipare la terza dose.
La prima domanda che gli abbiamo posto è quanto dura la copertura vaccinale con due dosi:


 

Perchè tante donne vittime di stalking decidono di non denunciare

(di Chiara Ronzani)

In Italia secondo l’Istat sono 3 milioni e mezzo le donne che hanno subito stalking. Mettere sotto sorveglianza tutti i persecutori sarebbe impossibile, ma distinguere i gradi di rischio si può. Vorremmo non raccontare più dei femminicidi annunciati. In cui l’assassino era stato denunciato dalla vittima, magari più volte.
Non si tratta di casi isolati. Nel 2015 una donna su quattro di quelle uccise aveva denunciato il suo assassino. Lo Stato non è in grado di proteggerle, e questo spiega anche perché tante donne scelgano di non denunciare.
Una delle ragioni di questo buco è proprio l’impreparazione dei magistrati. Quando ci riferiamo alla violenza sulle donne “non dobbiamo parlare di chiaroveggenza, ma di valutazione del rischio” – spiega Paola Di Nicola, magistrata e consulente giuridica della Commissione sul femminicidio del Senato. “La valutazione si fa conoscendo il fenomeno, sulla base di parametri di carattere oggettivo e soggettivo” – continua Di Nicola. “Lo stalking, ad esempio, è un reato abituale, uno di quelli che si ripete”.
Le norme ci sono, bisogna essere in grado di comprendere la situazione ed affrontarla correttamente. Anche il Csm ha messo nero su bianco in diverse risoluzioni la necessità di formazione degli operatori: servono sezioni specializzate, che si avvalgano di competenze giuridiche, ma anche psicologiche e sociali.
Ci sono poi misure, come quella del braccialetto elettronico che in Italia vengono usate in rarissimi casi: si dice che costino troppo.
L’effetto tragico di queste mancanze lo contiamo con una donna ammazzata ogni tre giorni.

Altri due morti sul lavoro in 24 ore

Ci sono stati due morti sul lavoro oggi in Italia. Nel comune di Rodano, in provincia di Milano, un operaio di 46 anni, Fabrizio Franzinelli, è morto nel cedimento di uno scavo. L’uomo stava lavorando per una ditta alla posa di alcune tubature nella zona industriale della cittadina, quando è stato sepolto da una frana. A Soddì, in provincia di Oristano, un poliziotto è morto durante un’esercitazione di tiro al poligono, colpito da un proiettile sparato accidentalmente. Il poliziotto, di 50 anni, era arrivato in Sardegna da qualche giorno per partecipare a un corso di aggiornamento.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1463196882331656203

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 27/02/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 27-02-2024

Adesso in diretta