Approfondimenti

L’offensiva russa si concentra nel sud dell’Ucraina, il discorso di Draghi in Parlamento e le altre notizie della giornata

Mariupol ANSA (guerra in Ucraina)

Il racconto della giornata di martedì 22 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel ventisettesimo giorno di guerra in Ucraina, i combattimenti sono in corso in gran parte del Paese. Il grosso dell’offensiva russa si sta concentrando a sud sul Mar Nero, mentre sul fronte diplomatico si continua a parlare di piccoli progressi. Oggi il presidente dell’Ucraina Zelensky si è rivolto al Parlamento italiano, ma a fare il discorso più enfatico è stato Mario Draghi, che ha assicurato come l’Italia lavorerà affinché l’Ucraina entri nell’Unione Europea e si impegnerà a sostenere le sanzioni e offrire il proprio aiuto, anche militare. Nel quarto trimestre del 2021 i contratti da lavoro dipendente sono aumentati di 229mila unità rispetto al trimestre precedente, ma a crescere sono in misura sempre maggiore i contratti a termine. In Corsica la tensione è tornata altissima dopo la morte di Yvan Colonna, l’indipendentista strangolato in carcere ad Arles il 2 marzo scorso. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’offensiva russa si concentra a sud sul Mar Nero

Combattimenti sono in corso in gran parte dell’Ucraina. Nella regione di Kiev le truppe russe stanno cercando di superare il fiume Irpin. Si combatte a Gostomel e Irpin. È stata colpita anche la capitale Kiev, con un drone russo che ha bombardato un istituto scientifico. Fonti ucraine riportano che c’è stata una vittima.
A Makarov, poco distante da Kiev, è stato distrutto uno stabilimento farmaceutico.
Ad Est, nella regione di Luhansk, poco fa gli ucraini hanno comunicato che è stato colpito un ospedale pediatrico, ora in fiamme. Al momento non si sa se ci sono vittime e se la struttura era ancora funzionante o era stata evacuata.
Il grosso dell’offensiva russa si sta concentrando a sud sul Mar Nero. A Mykolaiv le truppe russe hanno colpito il porto. A Mariupol si combatte in prossimità del centro, dove sono ancora presenti i carri armati ucraini della brigata Azov. Oggi la città è stata bombardata anche dal cielo. Secondo fonti ucraine sarebbero ancora 200mila le persone intrappolate nella città assediata. Mariupol è una città chiave per il Cremlino, conquistarla significherebbe unire la parte est, il Donbass, al sud dell’Ucraina. Non solo il mare di Azov, già sotto il controllo russo, ma anche il Mar Nero. Da quello che accadrà a Mariuopol e Mykolayv dipende anche il futuro di Odessa, dove oggi per diverse ore è entrata in funzione la contraerea ucraina. A Odessa abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Sabato Angeri:

Sul fronte diplomatico oggi il segretario generale dell’Onu Guterres ha dichiarato “da miei contatti emergono elementi di progresso diplomatico” e ha aggiunto che “c’è abbastanza sul tavolo per cessare le ostilità e negoziare”. Di progressi due gioni fa aveva parlato anche il mediatore Turco, il Ministro degli Esteri Cavusoglu. Da Kiev Zelensky oggi si è detto disposto a discutere con Putin dello statuto del Donbass e delle Crimea ma “qualsiasi accordo di pace”, ha aggiunto, “deve essere sottoposto a referendum”.
Il portavoce del Cremlino Peskov ha risposto che “l’Ucraina in quanto stato sovrano ha le sue procedure, ma non è auspicabile ritardare il negoziato”. Dunque il nodo principale da sciogliere resta lo status del Donbass e della Crimea. Infine oggi Zelensky ha avuto anche una lunga telefonata con Papa Bergoglio e gli ha chiesto, in sintesi, di adoperarsi per una mediazione con Mosca.

Draghi anima la discussione in Parlamento dopo l’intervento di Zelensky

(di Anna Bredice)

Più che Zelensky è stato Draghi ad animare con il suo intervento la discussione in Parlamento sulla guerra in Ucraina. Quell’accenno fatto da Draghi al massacro in Ucraina da fermare con tutti gli aiuti, anche militari, ha riproposto tra i partiti la divisione già vista in questi giorni, con Salvini che un minuto dopo già dichiarava di stare dalla parte del Papa, di odiare le armi e di volere la pace. Parole indirizzate a chi forse ha poca memoria, visto che dell’uso delle armi per legittima difesa Salvini ne ha sempre fatto una battaglia.
Draghi ha preso la parola subito dopo Zelensky con un discorso più enfatico di quello del presidente ucraino. È stato Draghi, ad esempio, a parlare di resistenza, una resistenza eroica. L’Italia è con voi, ha detto, ma con due punti essenziali. L’Italia lavorerà affinché l’Ucraina entri nell’Unione Europea, sosterrà le sanzioni e offrirà il suo aiuto, anche militare. Non ha detto nulla di più sulle armi, del resto è in programma nei prossimi giorni un vertice Nato al Consiglio europeo, ma il passaggio è stato chiaro ed è quello che poi ha riaperto la discussione, anche in vista dell’approvazione definitiva in Senato del decreto sull’invio delle armi. Erano tanti gli assenti nell’Aula di Montecitorio, circa 300, in gran parte parlamentari che non hanno motivato in nessun modo l’assenza. Una ventina quelli invece contrari alla presenza di Zelensky. Sono quelli che nei commenti apparivano quasi delusi dalla pacatezza del suo discorso. Si è ridimensionato nel suo show, ha detto una ex grillina. I leader dei partiti hanno sottolineato quell’appello alla pace fatto da Zelensky e la dignità del suo discorso con sollievo, forse nel tentativo di aprire una strada diplomatica, magari con l’aiuto del Papa.

I nuovi contratti da lavoro dipendente sono sempre più brevi

Nel quarto trimestre del 2021, rispetto al trimestre precedente, i contratti da lavoro dipendente sono aumentati di 229mila unità rispetto al trimestre precedente. Il saldo è positivo anche raffrontato a un anno fa. Il problema, non nuovo, è che a crescere sono in misura sempre maggiore i contratti a termine. E tra quelli attivati nel quarto trimestre 4 su dieci hanno una durata di meno di un mese. Lele Liguori ne ha parlato con Domenico Tambasco, avvocato del lavoro:


 

Alta tensione in Corsica dopo la morte di Yvan Colonna

(di Luisa Nannipieri)

L’indipendentista corso Yvan Colonna è morto lunedì sera a Marsiglia, dopo tre settimane di coma. Il 2 marzo scorso era stato aggredito nel carcere di massima sicurezza di Arles, dove scontava l’ergastolo, da un suo co-detenuto che lo ha strangolato mandandolo in arresto cardiaco.
La notizia aveva provocato manifestazioni e scontri in tutta la Corsica, costringendo il Ministro dell’Interno a un viaggio sull’isola in pieno periodo pre-elettorale. Per cercare di calmare le acque, Darmanin si è spinto fino a rimettere sul tavolo l’annosa questione dell’autonomia.
Per lo Stato francese Yvan Colonna, che aveva 61 anni, era senza ombra di dubbio l’assassino del prefetto Claude Erignac. Condannato in tre processi successivi, è stato identificato come l’uomo che la sera del 6 febbraio 1998 sparò tre colpi alla schiena e alla testa del prefetto nel centro di Ajaccio. Ma per i corsi, Yvan, che si è sempre dichiarato innocente, era un prigioniero politico e un’icona. Un simbolo contro un potere ingiusto e prevaricatore che ne aveva fatto un capro espiatorio. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono tornati intorno a quota centomila i casi giornalieri di COVID in Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati poco più di 96mila. I decessi registrati sono stati 197. Cresce il numero delle persone attualmente positive in Italia, circa 1 milione e 200mila. Stabili le terapie intensive, in aumento i ricoveri oprdinari. Oggi l’OMS, per bocca del suo direttore europeo Hans Kluge, ha detto che diversi Paesi europei, inclusa l’Italia, hanno revocato troppo “brutalmente” le loro misure anti-COVID e si trovano adesso di fronte ad un forte aumento dei casi legati alla sub variante BA2 di Omicron.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

Adesso in diretta