Approfondimenti

Il Vaticano contro il DDL Zan, il problema dei vaccini nei Paesi poveri e le altre notizie della giornata

COVAX ANSA

Il racconto della giornata di martedì 22 giugno 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Secondo il Vaticano il DDL Zan sarebbe in contrasto con l’articolo 2 degli accordi tra Italia e Santa Sede. Come ha reagito la politica italiana alla nota della Segreteria di Stato? E di cosa ha paura davvero il Vaticano? Le dosi di vaccino somministrate in Italia sono oltre 46,8 milioni, mentre solo 40 milioni di dosi sono state somministrate in tutta l’Africa. Marco Bellocchio riceverà la Palma d’Oro d’Onore al prossimo Festival di Cannes. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia.

Il Vaticano contro il DDL Zan. Le reazioni della politica

L’obiettivo – secondo fonti della Santa sede citate dall’agenzia stampa Ansa – non sarebbe quello di bloccare il ddl, ma rimodularlo. Diverse le reazioni della politica, da quella del segretario Dem Letta, al plauso di Salvini alla nota del Vaticano. Che influenza avrà questa richiesta del Vaticano sulle posizioni politiche sul DDL Zan? Sentiamo il politologo Giancarlo Pasquino:

Se questa nota del Vaticano fosse ascoltata dai parlamentari e il ddl Zan venisse rimandato alla Camera per apporre delle modifiche, potrebbe non essere approvato in tempo per la fine della legislatura. Ne abbiamo parlato anche con Elio Vito, deputato di Forza Italia:

Questa è l’opinione di Alessandra Maiorino del Movimento 5 Stelle, membro della commissione giustizia in Senato:


 

Perché il Vaticano ha paura del DDL Zan?

(di Claudia Zanella)

Secondo il Vaticano, il ddl Zan sarebbe in contrasto con l’articolo 2 degli accordi tra Italia e Santa Sede. In particolare con il comma 3: quello che garantisce ai cattolici “la piena libertà di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo”.
Ma il ddl Zan non vieta affatto di condividere opinioni. Amplia semplicemente alle persone LGBT quelle tutele antidiscriminazione già oggi previste per motivi razziali, etnici e religiosi. Quindi l’attentato alla libertà di pensiero è una fake news, dietro cui il Vaticano nasconde quello che veramente non vuole. [CONTINUA A LEGGERE]

Focolaio di variante Delta in due aziende della logistica tra Cremona, Lodi e Piacenza

(di Massimo Alberti)

Tra Cremona, Lodi e Piacenza si è sviluppato un focolaio di variante Delta: 25 positivi per una catena di contagio nata in due aziende della logistica e poi sviluppatasi in ambito familiare. Si tratta di 10 lavoratori e 15 loro familiari, tutti di origine straniera. Nessuno di loro era ancora vaccinato, solo uno di loro è grave. “Nessuno di loro ha fatto viaggi all’estero, quindi circolava qui in Italia” sottolinea il direttore dell’Asl di Piacenza. E così anche quest’anno i luoghi di lavoro rischiano di essere l’anello debole nella lotta al COVID. Nel pieno dell’estate del 2020, quando il virus era “clinicamente morto” secondo qualche avventato parere medico, uno studio del CNR rilevava come, a tenerlo in vita, fossero i focolai che si sviluppavano lungo gli assi commerciali e produttivi del paese, in particolare sulle direttive che dal nord si muovono verso Emilia e Toscana. A partire dai poli e gli hub della logistica – come Bartolini e TNT di Bologna, o Dhl nel milanese. Insieme ai quelli nei macelli.
Cos’hanno in comune queste situazioni lavorative? Un ampio ricambio del personale proveniente da tutta Italia ed Europa, tra cooperative, interinali, nero quando non caporalato, che spesso coinvolgono i lavoratori più deboli e poveri, in particolare migranti, spesso in condizioni abitative che favorivano il propagarsi del virus. È per questo che, in una situazione del tutto simile a quella di allora, merita attenzione il focolaio che si sta sviluppando al polo logistico di Piacenza, che fu anche la fiamma che accese l’Emilia Romagna ad inizio pandemia. Nel settore non sono cambiate quelle condizioni lavorative sollevate dalle lotte dei sindacati di base e, purtroppo, dalla morte di Adil Belakhdim. Sono anche quegli stessi soggetti sociali che con più difficoltà riescono ad accedere al vaccino il cui completamento del ciclo è l’unico argine alla variante Delta. Testare, tracciare e vaccinare, ribadisce l’ex direttore dell’Asl di Piacenza Marzio Sisti. Rivendicare migliori condizioni per chi ogni giorno muove le merci, così come l’accesso diffuso alla vaccinazione per i migranti, è questione di giustizia sociale e di sicurezza per tutti, per non ripetere gli errori dello scorso anno quando sull’onda delle riaperture si sottovalutò la situazione sanitaria nei luoghi di lavoro.

Sempre meno vaccini ai Paesi poveri. L’OMS lancia l’allarme

Se nei Paesi ricchi, grazie alla campagna vaccinale, la situazione è in netto miglioramento nei paesi più poveri i contagi crescono e non ci sono vaccini. Oggi l’OMS ha lanciato l’allarme: “In oltre la metà dei paesi in via di sviluppo non ci sono più dosi per portare avanti la campagna di immunizzazione” ha dichiarato il consigliere dell’Oms Bruce Aylward, che ha spiegato 
che con il programma COVAX si è riusciti a portare circa 90 milioni di dosi a 131 Paesi, “numeri insufficienti per proteggere la popolazione”.
Basti pensare, spiega l’OMS, che a livello continentale, solo 40 milioni di dosi sono state somministrate in Africa equivalenti al 2% della popolazione totale. In alcuni paesi non solo mancano i vaccini, ma non si riescono neanche a fare i tamponi. È il caso dell’Uganda.
A Kampala abbiamo raggiunto Clelia Vegezzi, cooperante dell’Ong Avsi, intervistata da Chawki Senouci:


 

Cannes 2021. Palma d’Oro d’Onore per Marco Bellocchio

(di Barbara Sorrentini)

Una Palma d’Oro d’Onore per Marco Bellocchio. Lo ha deciso a pochi giorni dal via del Festival di Cannes Thierry Fremaux. Il regista di Bobbio, premiato per film come “I pugni in tasca”, “L’ora di religione” e già presente a Cannes con “Vincere” sul figlio segreto di Mussolini e “Il traditore” su Tommaso Buscetta, porterà al Festival fuori concorso il suo ultimo film “Marx può aspettare”. Il film della vita e sicuramente il più sofferto, affronta la morte prematura del suo fratello gemello, avvenuta nel 1968. E, a detta del regista, si concentra sia sulla tragica vicenda personale che sull’aspetto rivoluzionario e i fatti storici del 1968. La cerimonia e la proiezione del film di Marco Bellocchio si terranno alla fine del Festival di Cannes che si svolgerà dal 6 al 17 luglio.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

I dati del COVID. Il tasso di positività è sceso allo 0,4%, il dato più basso dall’inizio dell’anno. I nuovi casi oggi sono stati 835. 31 le vittime. E per la prima volta in Lombardia, la Regione con più decessi da COVID, oggi è stata segnalata una sola vittima.
Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 46,8 milioni. I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono più di 16,1 milioni, il 30% della popolazione sopra i 12 anni.
In questo contesto il sottosegretario alla salute Andrea Costa ha annunciato che entro il 10 luglio verranno aperte anche le discoteche con il criterio del Green Pass. Mentre un invito alla cautela è arrivato dal ministro Speranza: “Fino a quando il numero di morti per Covid non arriverà a zero la battaglia non sarà vinta” ha dichiarato questa mattina.
Ma è possibile raggiungere questo obbiettivo? Lo abbiamo chiesto al virologo Fabrizio Pregliasco:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Dove si parla della lettera dell'assessore al turismo della regione Liguria Gianni Berrino a Google perché le recensioni dei ristoranti…

    Muoviti muoviti - 19/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 19/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

Adesso in diretta