Approfondimenti

Il rumore per Giulia e le tante donne uccise, il cessate il fuoco sempre più vicino e le altre notizie della giornata

femminicidi sapienza ANSA

Il racconto della giornata di martedì 21 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il tema della violenza di genere resta al centro dell’attenzione in Italia, a pochi giorni dalla giornata internazionale dedicata a questo fenomeno e dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin. Come per altri 8 paesi, Bruxelles ha dato il via libera con riserva alla manovra finanziaria del governo Meloni, rimandando la finanziaria a ulteriori valutazioni l’anno prossimo. Un’importante azienda di componenti per auto del torinese, Te Connectivity, ha annunciato la chiusura: trasferirà le attività in Cina e Usa. Un accordo per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi è più vicino che mai. Lo hanno detto oggi tutte le parti coinvolte nei negoziati. Oggi da Kiev Zelensky ha lanciato un appello all’Unione Europea perché apra il negoziato di adesione per l’Ucraina.

Un altro femminicidio e due aggressioni mentre il rumore per Giulia e le tante donne uccise non si ferma

A Fano, nelle Marche, un uomo di 70 anni ha ucciso la moglie ed è stato arrestato. Lei si chiamava Rita Talamelli e aveva 66 anni. Altri due arresti legati a violenze contro le donne sono avvenuti a Roma, dove un 34enne ha aggredito l’ex moglie, e a Erba, nel comasco, dove un 25enne ha lanciato dell’acido in faccia all’ex fidanzata di 23 anni. Le condizioni della ragazza non sono gravi. Il tema della violenza di genere resta al centro dell’attenzione, a pochi giorni dalla giornata internazionale dedicata a questo fenomeno e dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin.

(di Andrea Monti)

Il ministro dell’istruzione Valditara aveva invitato a fare silenzio per un minuto oggi nelle scuole. In una parte degli istituti è successo, in altri il minuto è stato di rumore, sulla scia della richiesta di Elena Cecchettin: “Per Giulia non fate silenzio, bruciate tutto”. Con la sorella della ragazza uccisa, ieri a Padova avevano manifestato migliaia di persone, soprattutto giovani. Camilla Velotta fa parte dell’esecutivo nazionale della Rete degli Studenti Medi:

In attesa di capire quanto saranno piene le piazze del 25 novembre e cosa succederà dopo, quando l’attenzione mediatica rischia di diminuire, colpisce un dettaglio dei tanti che emergono dalle indagini sul femminicidio di Giulia Cecchettin, dettagli che rischiano di alimentare una narrazione morbosa ma che in un caso possono avere un valore simbolico. Chi sta investigando ha trovato un pezzo di nastro adesivo, usato probabilmente per impedire alla ragazza di chiedere aiuto. Chi uccide perché non accetta le scelte di una donna vuole eliminarla, metterla a tacere. La voce di chi si sta mobilitando dice che il silenzio deve far posto al rumore, quello di chi è ancora in vita e non vuole più perderne altre di vite, quelle delle ragazze e delle donne che temono che un giorno tocchi anche a loro.

Oggi la commissione giustizia del Senato ha approvato una legge promossa dal governo e legata al cosiddetto codice rosso, un testo concentrato sulle misure repressive. Dal punto di vista culturale domani Valditara presenterà un progetto per le scuole superiori, con polemiche per un libro in cui un consulente coinvolto nell’iniziativa scrive frasi come “il diavolo è anche donna” e parla di “cattiveria” maschile e femminile. Anna Bredice:


 

L’accordo per un cessate il fuoco è sempre più vicino

Un accordo per un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi è più vicino che mai. Lo hanno detto oggi tutte le parti coinvolte nei negoziati, da Hamas al Qatar, al premier israeliano Benjamin Netanyahu fino al presidente statunitense Joe Biden. In queste ore alti funzionari del governo israeliano stanno tenendo una serie di incontri per discutere se accettare l’accordo. Pochi minuti fa si è concluso il gabinetto di guerra, e a breve dovrebbe riunirsi il governo.
Secondo quanto emerso dai media israeliani, l’accordo dovrebbe prevedere un cessate il fuoco di 4 giorni, il rilascio di 50 ostaggi israeliani tra donne e bambini e la liberazione di 150 palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, soprattutto donne e minori. In più, ogni 10 ulteriori ostaggi rilasciati da Hamas dovrebbe esserci un altro giorno di tregua.
Non è la prima volta che si parla di svolte fondamentali nel raggiungimento di un accordo, che sono però sempre finite nel nulla. Questa volta, però, sembra diverso. Ne abbiamo parlato con Meron Rapoport, giornalista del quotidiano israeliano Haaretz:

Il cessate il fuoco viene atteso con grande apprensione dalla popolazione a Gaza dove la situazione umanitaria è drammatica. Oggi il ministero della salute della striscia ha aggiornato il bilancio dei morti a oltre 14mila, quasi seimila bambini.
Oggi è stato bombardato anche l’ospedale di Al Awda, nel nord della striscia, e almeno tre medici sono stati uccisi. Nel nord ormai non ci sono più ospedali funzionati ma anche al sud la situazione è molto complicata. A Khan Younis abbiamo raggiunto Sami, cooperante palestinese:


 

Il via libera con riserva di Bruxelles alla manovra di Meloni

È arrivato oggi l’atteso parere della Commissione europea sulla manovra italiana. Non è una bocciatura, ma nemmeno una promozione. Come per altri 8 paesi, Bruxelles ha dato il via libera con riserva, rimandando la finanziaria a ulteriori valutazioni l’anno prossimo. “Le risorse”, dice la Commissione, “sono state usate per fare nuove spese, anziché ridurre il debito”. L’invito a Roma è dunque quello di “tenersi pronta” ad adottare le misure necessarie. Non si tratta di una bocciatura ma di un invito alla prudenza, ha spiegato il commissario Gentiloni. Ma, nonostante le rassicurazioni, resta il rischio di una procedura di infrazione in primavera. Sentiamo Andrea Di Stefano:


 

Le crisi aziendali che il governo ignora: il caso di Te Connectivity

(di Massimo Alberti)

Un’importante azienda di componenti per auto del torinese ha annunciato la chiusura. Si chiama Te Connectivity, ha due stabilimenti a Collegno dove lavorano 300 persone che entro il 2025 perderanno il lavoro. In un comunicato col linguaggio burocratico-aziendalista, l’azienda, che produce connettori, parla della “necessità di riorganizzare a livello globale le attività produttive”. In altre parole: trasferirà le attività in Cina e Usa. Te Connectivity per ora manterrà gli stabilimenti di Chieti, Assago e Frascati. I sindacati hanno proclamato 8 ore di sciopero e picchetti ai cancelli. Da tempo l’azienda utilizzava ammortizzatori sociali, e nell’ultimo incontro con i sindacati aveva garantito di “mantenere la produzione in Italia”, ma senza chiarire dove. Quella di Te Connectivity è solo l’ultima di una lunga serie di crisi aziendali che continuano ad aprirsi aggiungendosi a quelle storiche.
C’è un paese reale ben distante dal “va tutto bene” raccontato dal governo. Il caso di Te Connectivity è solo l’ultimo. Non solo nuova conferma che il settore automotive, in Italia sia lasciato a se stesso, e smentita che una politica basata sulla riduzione del costo del lavoro possa mantenere le produzioni. Ma arriva in quadro dove, a fronte di un aumento nominale dell’occupazione,cioè chi ha avuto almeno un giorno retribuito, vede precarietà crescente e salari fermi. Quasi 7milioni di lavoratori hanno il contratto scaduto. Il mercato interno è fermo i fallimenti delle imprese sono aliti del 5,4 nel terzo trimestre. Non è un caso quindi che nuove crisi, per quanto dettate da scelte aziendali in un paese che ha abbandonato ogni politica industriale,si sommino alle storiche. Come l’ex Gkn di Campi Bisenzio o l’ex Ilva, o i 229 ex dipendenti della Marelli a Crevalcore e i 527 della Glencore a Portovesme, e i 420 della Lear di Grugliasco. Tra le piccole-medie è uno stillicidio. Ad esempio 79 licenziamenti alla Dl Radiators a Udine, 120 della multinazionale svizzera Hoppe, che fa maniglie, a Bolzano. Il tessile con 92 a rischio alla ex Tessitura Mottola di Taranto, 148 della Tessitura Monti di Belluno o 22 alla Biga Alata di Frosinone. E poi l’agroindustria, tra la Ghiott Dolciaria di Firenze o la Rosso Group di Torino. 120 licenziati a Venezia all’Hotel Bonvecchiati chiuso per passare da 4 a 5 stelle. L’editoria, con i 28 licenziamenti all’agenzia di stampa Dire, i 78 della Gazzetta del Mezzogiorno, o i 20 lavoratori della tipografia Sedit di Bari, o nella logistica con le chiusura di Geodis e Leory Merlin a Piacenza. Un elenco molto necessariamente parziale che vede poi uno sciame di aziende in cassa integrazione o contratto di solidarietà, senza un settore che ne resti fuori. Un’Italia in sofferenza che il governo ignora.
 

Il nuovo appello di Zelensky per l’adesione all’Unione Europea

Sono almeno 10.000 i civili uccisi in Ucraina dall’inizio del conflitto con la Russia, il 24 febbraio 2022. Lo afferma la Missione delle Nazioni Unite in Ucraina, che precisa però che questo numero indica solo le vittime certificate, e che il dato reale potrebbe quindi essere molto più alto. Intanto oggi da Kiev Zelensky ha lanciato un appello all’Unione Europea perché apra il negoziato di adesione per l’Ucraina.
Di fronte al Presidente del Consiglio europeo Charles Michel, Zelensky ha rivendicato le riforme realizzate e il rispetto delle raccomandazioni europee, nonostante il conflitto in corso.
“Farò il possibile perché a dicembre il Consiglio Europeo dia l’avvio ai negoziati”, gli ha risposto Michel davanti ai giornalisti, ammettendo però che la prossima riunione, in programma il 14 e il 15 dicembre, sarà molto complicata: per l’apertura del percorso serve l’unanimità dei 27 paesi membri, e ieri l’Ungheria ha ribadito di essere contraria. 


  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta