Approfondimenti

La scissione del Movimento 5 Stelle, il via libera alla risoluzione di maggioranza sull’Ucraina e le altre notizie della giornata

Senato Draghi Di Maio ANSA

Il racconto della giornata di martedì 21 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Movimento 5 Stelle si spacca in due: una quarantina di deputati e dieci senatori seguono Luigi Di Maio nel nuovo gruppo e, in futuro, in un nuovo partito. Con 219 favorevoli, 20 contrari e 22 astenuti la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del presidente del Consiglio nell’aula del Senato è stata approvata. Il conflitto in Ucraina: nelle ultime ore pesanti bombardamenti hanno colpito Severodonetsk e Lysychansk, ma anche a sud, nella regione di Odessa. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il governo italiano continuerà a sostenere l’Ucraina: sì alla risoluzione

(di Luigi Ambrosio)

Tutto sta in quell’aggettivo aggiunto a penna sulla bozza di risoluzione della maggioranza e lasciato lì in bella vista come fosse una correzione dell’ultimo secondo, per fare capire a tutti il messaggio: “ampio”.
Ampio oltre che necessario coinvolgimento delle Camere nelle decisioni più importanti sull’Ucraina. Però senza uscire dai binari del decreto di marzo, come chiedeva Draghi.
Quindi sarà ancora il Governo a decidere sugli aiuti, anche militari. Draghi ha detto che la linea non deve cambiare e la maggioranza ha risposto che la linea non cambierà. Conte ci ha messo due giorni ad accettarlo, lo ha fatto solo quando Di Maio ha deciso di uscire dal Movimento 5 Stelle. Fino a quel momento è stato un duello dove l’Ucraina era solo il pretesto. “Quei due stanno litigando sulle virgole” diceva a fine mattinata uno stanchissimo senatore leghista che usciva dal vertice di maggioranza per andare in pausa pranzo.
Il Governo stasera è più forte, ha dettato la linea e i partiti si sono adeguati. Man mano che i partiti di maggioranza compilavano il testo che avrebbero messo ai voti dopo il discorso di Draghi, un sottosegretario lo trasmetteva a Palazzo Chigi, attendeva il sì o il no e riferiva.
Il PD si intesta la vittoria, i centristi pure, la Lega abbozza. I 5 Stelle depurati dai dimaiani proveranno a fare l’opposizione stando in maggioranza per recuperare un po’ del consenso perduto, ma oggi hanno portato a casa solo una parola scritta a penna senza peso politico. Un po’ poco per tornare a crescere, al prezzo dell’attacco dei duri e puri sul tema della credibilità e della crescente diffidenza del PD che in teoria è ancora l’alleato strategico.
Fratelli d’Italia ha provato a fare emergere le contraddizioni dei partiti che sostengono Draghi. Ha provato a mettere ai voti per parti separate una propria risoluzione per vedere quanti voti avrebbe ottenuto. Il Senato ha detto no. Meglio evitare ulteriori problemi a questa maggioranza che sta insieme decidendo di non votare, ha decretato l’aula.

Il Movimento 5 Stelle si spacca in due: i gruppi sembrano fatti

(di Anna Bredice)

Una quarantina alla Camera dei deputati, il doppio di quanto sarebbe necessario per un gruppo parlamentare, per l’intero pomeriggio hanno fatto la spola al secondo piano di Montecitorio per firmare l’uscita dai Cinque Stelle ed entrare in un nuovo gruppo, “Insieme per il futuro”, e forse tra qualche settimana in un nuovo partito che però al momento non ha una chiara collocazione, al centro forse insieme a Beppe Sala. Ma questo accadrà più avanti. Ciò che sta avvenendo ora è invece la scissione più grande e drammatica dei Cinque Stelle. Se ne va uno dei capi, che è stato presidente della Camera dei deputati e ora Ministro degli Esteri, tutelato e alleato fedelissimo di Draghi in questo momento. Lasciando il Senato, Di Maio non ha detto nulla, contento di come è andato il voto sul Consiglio Europeo. Ha solo fatto cenno a dopo, al momento non si sa se una conferenza stampa avverrà stasera o domattina. In ogni caso con lui se ne vanno in tanti, tre fra viceministri e sottosegretari, Laura Castelli, Sileri, D’Uva, Primo De Nicola. Tra questi molti al secondo mandato e il sospetto è che dietro alla drammatizzazione di questi giorni sulla politica estera, sull’appartenenza all’Alleanza atlantica o all’Unione europea, ci sia la volontà di staccarsi dalle regole troppo rigide del Movimento che Grillo questa mattina ha confermato in un post, dicendo in sostanza “o si accettano o si va via”, tra queste la regola del secondo mandato.
Una quarantina alla Camera, più di dieci al Senato, i gruppi sembrano fatti. Tra i “dimaiani” si parla di screzi diventati difficili da sostenere da quando c’è stata l’elezione di Mattarella al Quirinale, due linee contrapposte. Ora il voto sulle armi insieme al risultato delle amministrative hanno creato altri motivi di scontro, con un crescendo che sembrava aver come risultato solo quello di oggi: la divisione in due dei Cinque Stelle, una parte con Conte che spingerà forse ora verso una linea più radicale e di sinistra e un futuro partito di Di Maio, moderato e di centrosinistra.

I russi avanzano a Severodonetsk e Lysychansk. Tensione tra Russia e Lituania

“La situazione nel Donbass è estremamente difficile” ha dichiarato il governatore ucraino della regione di Lughansk. Pesanti bombardamenti nelle scorse ore hanno colpito Severodonetsk e Lysychansk dove le armate russe avanzano e sarebbero arrivate a pochi chilometri dalla città, punto strategico per la difesa di Severodonetsk. Le forze russe, dopo giorni di combattimenti, hanno conquistato il villaggio di Toshkivka, pochi chilometri a Sud di Severodontesk. Non si combatte solo nel Donbass. Bombardamenti russi ci sono stati anche a sud, nella regione di Odessa.
Dall’Ucraina, da Mykolaiv, il nostro collaboratore Sabato Angeri:

E cresce la tensione tra Russia e Lituania per il blocco delle merci verso Kaliningrad, enclave russa tra Polonia e Lituania. Blocco che viene applicato non solo ai treni merci, ma anche ai camion. La Russia reagirà molto presto contro il blocco delle merci verso l’exclave di Kaliningrad e la riposta sarà “seria e avrà un impatto molto negativo sui cittadini della Lituania” ha dichiarato oggi il Cremlino, che ha convocato l’ambasciatore europeo a Mosca. L’Unione Europea ha replicato che il blocco delle merci verso Kaliningrad è determinato dalle sanzioni contro Mosca.
Mara Morini, docente di politica dell’est europa all’università di Genova:

Sul fronte diplomatico una linea di comunicazione d’emergenza è stata creata tra i ministeri della Difesa di Russia, Ucraina e Turchia per discutere della gestione dei corridoi navali per le esportazioni di grano dai porti ucraini. Lo ha riferito la tv statale turca Trt.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Le epidemie non finiscono per decreto e neppure al sopraggiungere di nuove emergenze, e il COVID ovviamente non fa eccezione. A poche settimane dalla fine di quasi tutte le restrizioni, conservate qui più a lungo che in ogni altro paese europeo, eccoci nel bel mezzo di una nuova potente ondata della malattia in Italia. Potente, nel senso di rapida: l’ultima rilevazione settimanale dell’istituto superiore di sanità certificava un aumento del 30% dei nuovi casi rispetto a quella precedente. Il ritmo aumenterà, poiché le sottovarianti di Omicron che stanno prendendo il sopravvento, e in particolare la Ba5, hanno una morbilità relativamente bassa ma una trasmissibilità mai sperimentata prima: 1 infetto ne contagia fino a 15, quasi quanto il morbillo, che è una delle malattie più contagiose che si conoscono. A complicare il quadro c’è il fatto che la campagna vaccinale è sostanzialmente ferma, per mancanza di richiesta, perfino tra gli anziani e i fragili. I vaccini in circolazione, poi, sono stati sviluppati ormai molte varianti fa: la Ba5 li aggira con una certa facilità, anche se secondo uno studio pubblicato da Lancet il vaccino continua a proteggere dal rischio di sviluppare conseguenze di lungo termine, il cosiddetto Long COVID.
Il governo non sembra preoccupato: proprio oggi il sottosegretario Sileri ha confermato che altre ondate verranno, anche dopo questa che dovrebbe avere il suo picco intorno alla seconda metà di luglio, ma che saranno via via più limitate, nei numeri e negli esiti. E che comunque è venuto il tempo della convivenza col virus. Così ha detto Sileri. E come si costruisce la convivenza? Rafforzando la sanità territoriale, i pronto soccorso e in generale la sanità pubblica. Cioè l’esatto contrario di quello che sta succedendo: nella sola provincia di Milano negli ultimi anni sono andati in pensione centinaia di medici, mai sostituiti. La grande mole di contagiati, magari fragili, delle prossime settimane e soprattutto dell’autunno, si riverseranno di conseguenza sui pronti soccorso, che sono notoriamente e sempre più sotto organico. Dall’anno prossimo poi andrà a regime la riorganizzazione della sanità pubblica decisa nell’ultima legge di bilancio, che consentirà risparmi per 300 milioni l’anno: si scrive riorganizzazione, si legge tagli.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta