Approfondimenti

Il ritorno al sovranismo di Meloni, i referendum per l’annessione del Donbass alla Russia e le altre notizie della giornata

Meloni ANSA

Il racconto della giornata di martedì 20 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La campagna elettorale arriva alle battute finali e Giorgia Meloni torna al sovranismo di destra dopo aver tentato di accreditarsi come moderata e
 conservatrice. I dati sul secondo trimestre 2022 del Ministero del Lavoro fotografano un quadro in cui la precarietà ormai è una regola: un contratto stabile, o anche solo a lunga durata, è affare di pochi fortunati.
La Russia ha annunciato le date per i referendum per l’annessione del Donbass, una mossa che porterebbe il Cremlino ad applicare una dottrina bellica più efficace rispetto a quella finora adottata. In Iran si allarga la protesta per l’uccisione di Mahsa Amini, la 22enne arrestata e picchiata a morte perché non portava il velo in modo ‘corretto’. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Giorgia Meloni torna al sovranismo di destra

La campagna elettorale alla battute finali, partiti e coalizioni provano a 
mobilitare il proprio elettorato: Giorgia Meloni radicalizza i toni ancora contro 
l’Europa, “la nostra vittoria spero apra le porte a Vox in Spagna”, ha detto oggi 
dopo aver attaccato il PD comandato dall’estero. La leader di Fratelli d’Italia ha 
cambiato decisamente i toni ed è tornata al sovranismo di destra rispetto alla prima
 fase della campagna, dove ha cercato di accreditarsi come moderata e
 conservatrice. 

Abbiamo chiesto perché a Giovanni Diamanti, fondatore di Quorum e
 You Trend, docente di Marketing Politico:


 

Il PD continua a crederci fino all’ultimo giorno

Il PD insiste sul crederci, fino all’ultimo giorno. Lo ha ribadito ancora una volta 
Enrico Letta. La vera preoccupazione è la capacità di portare alle urne tutti i 
potenziali elettori depressi da una campagna data per persa.
 La vicepresidente dell’Emilia Romagna Elly Schlein intervistata dal nostro
 direttore Sandro Gilioli:


 

La Russia fissa i referendum per l’annessione del Donbass

(di Sara Milanese)

Il discorso di Putin era annunciato per le 20, cioè le 19 ora italiana, sarà probabilmente un messaggio registrato. Dopo di lui parlerà anche il Ministro della Difesa Serghiei Shoigu. 
Secondo fonti vicine al presidente, il discorso annuncerà ufficialmente i referendum per l’annessione alla Russia delle autoproclamate repubbliche di Lugansk e Donetsk, e dei territori ucraini sono controllo russo di Kherson e Zaporizhzhia. 
Le consultazioni si terranno tutte tra il 23 e il 27 settembre, saranno ratificate entro la fine di settembre e cambieranno i termini del conflitto in corso perché chiaramente questi territori diventeranno di fatto russi, come ci conferma Mara Morini, docente di politica dell’est Europa all’Università di Genova:

All’annuncio dei referendum per l’annessione alla Russia, gli indici della Borsa di Mosca sono crollati di oltre il 10%. Successivamente c’è stata una parziale ripresa, ma questa reazione dimostra una chiara preoccupazione, anche interna, per come può svilupparsi il conflitto.
Immediata la reazione anche del governo ucraino: Kiev ha detto che i referendum di annessione sono un ricatto, ma anche una dimostrazione della paura di Mosca di subire una sconfitta, dopo la riconquista da parte dell’esercito ucraino della regione di Kharkiv.
L’annuncio dei referendum arriva nel giorno in cui la Duma, la camera bassa del parlamento russo, ha approvato una serie di emendamenti al codice penale per inasprire le pene in tempo di guerra e in caso di renitenza alla leva.
Notizia che potrebbe sembrare in contrasto con le dichiarazioni rilasciate questa mattina in un’intervista dal presidente turco Erdogan, che si è detto convinto che il presidente Putin “sia disposto a porre la fine alla guerra al più presto possibile”. 



(di Michele Migone)

Il commento di Dimitri Medvedev, il falco, vicepresidente del Consiglio di Sicurezza russo, è stato che i referendum vanno fatti perché dopo la loro annessione questi territori saranno considerati Russia e la loro invasione – ha detto l’ex presidente – é un crimine che consente l’utilizzo di tutte le forze di autodifesa. Ill riferimento é alla dottrina russa per l’utilizzo delle armi atomiche tattiche. 
L’annuncio dei referendum arriva nello stesso giorno in cui alla Duma di Mosca sono stati approvati una serie di emendamenti al codice penale che prevedono il rafforzamento delle pene in caso di mobilitazione, legge marziale, tempo di guerra e conflitto bellico. 
E questo annuncio arriva nella stesse ore in cui il presidente turco Erdogan ha affermato che secondo lui Vladimir Putin vuole mettere fine alla guerra in Ucraina al piu presto.

Mettendo in fila tutte queste informazioni si comprende che il Cremlino vuole l’annessione dei tre territori in modo da poter applicare una dottrina bellica più efficace rispetto a quella finora adottata. E forse, pur non arrivando a una mobilitazione generale perchè sarebbe un autogol per Putin, intende comunque avere a disposizione più uomini da mandare al fronte.
Allo stato, le truppe russe presenti in Ucraina sono poche, hanno subito forti
 perdite, sono demotivate e senza voglia di combattere. 
Per Putin la guerra in Ucraina, almeno per ora, finisce qui, con l’occupazione di queste tre regioni e la loro annessione. Forse è a questo a cui si riferisce Erdogan.

La questione è che Kiev non intende stare al gioco. L’annessione viene considerata la minaccia di un gruppo dirigente, quello russo, che ha sbagliato tutti i calcoli e che di fronte a una possibile disfatta costruisce una Linea Maginot militare e politica.
Una minaccia a cui il governo ucraino non intende sottostare.

Le reazioni internazionali all’annuncio del Cremlino

“Gli Stati Uniti non riconosceranno mai come territorio della Russia quelle aree dell’Ucraina in cui Putin ha annunciato di voler tenere dei referendum per l’annessione, che sappiamo saranno manipolati”. Lo ha detto il consigliere per la Sicurezza nazionale americana, Jake Sullivan.
Sulla stessa linea di Washington si sono già espressi anche Bruxelles e Berlino, mentre il presidente francese Macron ha chiesto un colloquio telefonico urgente con Putin.
Il conflitto in Ucraina e le sue conseguenze a livello globale sono anche al centro dell’assemblea generale delle Nazioni Unite che si è aperta oggi a New York.
Nel suo discorso di apertura il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha detto che questo conflitto “minaccia il futuro dell’umanità”, ed ha chiesto più azione.
Domani dovrebbe intervenire anche il presidente Zelensky, chiederà all’assemblea di istituire un tribunale speciale contro i crimini di guerra russi in Ucraina, sullo stile di quello di Norimberga.

 

Il lavoro precario in Italia è ormai una regola

(di Massimo Alberti)

Lavorare un giorno, una settimana, se va bene qualche mese. I dati sul secondo trimestre 2022 del Ministero del Lavoro fotografano un quadro in cui la precarietà ormai è una regola. Un contratto stabile, o anche solo a lunga durata, è affare di pochi fortunati. E non c’è settore che si salvi da una tendenza che continua a peggiorare.
Ormai siamo oltre la precarietà. Nel 2019 i fortunati ad avere un contratto a tempo più lungo di un anno erano solo il 2,6%. Oggi sono solo lo 0,5%, uno su 200. 1 su dieci dura un giorno, uno su 4 meno di una settimana, uno su 3 meno di un mese. Quasi uno su due meno di due mesi, 8 su 10 meno di 6 mesi. Non potrebbe esserci fotografia più impietosa del lavoro in Italia, dove gli ultimi dati del ministero confermano la tendenza in cui i nuovi contratti son per lo più precari: dei circa 900mila nuovi contratti nel raffronto con i 2 trimestri dello scorso anno quasi 8 su 10 tra intermittenti, somministrati, o a tempo. E abbiamo visto per che durata, sempre più corta. Se non vivete questa situazione, provate a immaginare che vita ci si possa permettere di costruire con una precarietà di reddito così strutturale ed esistenziale, considerato che il precariato aumenta col calare dell’età. Non si salva praticamente nessun settore: nell’informazione e comunicazione i contratti di meno di una settimana sono l’84%, il 46 nella scuola e sanità pubbliche (e pensate alle ricadute sulla qualità del servizio) il 25% in turismo e ristorazione. Ma ormai anche settori industriali, dalle costruzioni ai trasporti, hanno quote sempre più elevate di lavoro precario. Un quadro che non bastano a spiegare la pandemia o le incertezze economiche, visto che questa tendenza è stata marcata già nel 2021 mentre l’Italia cresceva. L’aumento delle diseguaglianze, il tasso di lavoro povero la quota che le imprese destinano ai salari, 18% la più bassa dell’Europa industriale, dati forum Ambrosetti – spiega bene l’uso strutturale che le imprese fanno del lavoro precario, grazie ad una legislazione sbilanciata a loro favore che lo consente.

Iran, si allarga la protesta per l’uccisione di Mahsa Amini

In Iran si allarga la protesta per l’uccisione di Mahsa Amini, la 22enne arrestata e picchiata a morte perché non portava il velo in modo ‘corretto’. L’ONU ha denunciato che dai 2 ai 5 manifestanti sono stati uccisi durante le proteste, mentre oggi diversi esponenti politici della Repubblica Islamica, compreso il sindaco di Theran, hanno messo in discussione l’esistenza della polizia morale. Farian Sabahi:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/RegLombardia/status/1572237076896092160

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 7:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Non Vedo l'ora di lunedì 26/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con v

    Non vedo l’ora - 26-02-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 26/02/2024

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights now, la trasmissione su Radio Popolare a cura della Fondazione Diritti Umani vuole contrastare questo pericolo, facendo conoscere l’importanza dei diritti e delle lotte per affermarli. Ovunque succeda. Con le testimonianze di chi concretizza i diritti umani e dando parola alle nuove generazioni che ci credono. A cura di Danilo De Biasio e Elisa Gianni

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 26-02-2024

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 25/02/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 25-02-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 25/02/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 25-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 25/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-02-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 25/02/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 25-02-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 25/02/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 25/02/2024

    Bohmenica In del 25/2/24 In regia: Clarice Trombella In co-conduzione: Astrid Serughetti Per #gaiasuimezzi intervista a Davide Maggi, founder e Ceo di Cesarine.com, piattaforma di cooking class e home restaurant. L’English tutor Samuele Brusca analizza alcune strofe di “All along the watchtower” nella versione di Jimi Hendrix. Zeina torna a parlare di chakra e ci introduce il quinto, mentre Paola Capitaneo racconta della community nata spontaneamente tra gli abitanti di via Padova – una delle zone considerate più “calde” di Milano – per aiutarsi facendo rete, per esempio con gli affacci solidali. Infine, il nostro Scienziatissimo Andrea Bellati parla di chirurgia spaziale, ossia della prima simulazione di un intervento chirurgico sulla ISS Stazione Spaziale Internazionale.

    Bohmenica In! - 25-02-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 25/02/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 25/02/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 25-02-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 25/02/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 25-02-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 25/02/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 25-02-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 25/02/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 25-02-2024

Adesso in diretta