Approfondimenti

La strategia di Draghi su Green Pass e stato di emergenza, la proposta di Giorgetti per il capo dello Stato e le altre notizie della giornata

Green Pass ANSA

Il racconto della giornata di martedì 2 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo vuole estendere lo stato di emergenza e il Green Pass anche al 2022, ma per farlo servirà una legge e per ora il premier Draghi vuole mantenere un profilo basso. Durante la pandemia l’Italia ha visto il calo del salario medio più alto in Europa: sono le conseguenze delle scelte di non-sviluppo industriale fatte dalla politica italiana. I membri PD della Commissione di Vigilanza Rai vanno all’attacco di Report per la puntata di ieri sulla gestione dei vaccini ed i profitti delle multinazionali. La scrittrice e sopravvissuta ai lager Edith Bruck ha rifiutato il Premio per la Pace istituito dal comune di Anzio che aveva rinnovato anche la cittadinanza onoraria a Mussolini. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

La strategia di Draghi per la proroga dello stato di emergenza e del Green Pass

(di Luigi Ambrosio)

Draghi, sulla proroga dello stato di emergenza e del Green Pass, vuole mantenere un profilo basso. Già ci sono in vista la tensione crescente sull’elezione del Presidente della Repubblica, che tra l’altro lo vede direttamente coinvolto come uno dei possibili candidati, con le inevitabili ricadute sul governo. E poi la legge di bilancio. E poi i fondi europei. Ci manca solo, ragiona Palazzo Chigi, di scatenare Lega e Fratelli d’Italia sul rinnovo dello stato di emergenza e del Green Pass. Il governo vuole estendere entrambi anche al 2022. Fino a marzo, secondo alcuni. Fino alla fine di giugno, in realtà, come prospettiva reale. Per farlo, però, questa volta servirà una legge. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

La proposta incostituzionale sul prossimo Capo dello Stato

(di Anna Bredice)

Buttare lì una proposta del tutto incostituzionale per vedere l’effetto che fa o per creare il caso e scoperchiare finalmente il “grande problema”: chi deve andare a Palazzo Chigi se Draghi diventasse Presidente della Repubblica? Giancarlo Giorgetti poco dopo pranzo entra nella discussione sul prossimo capo dello Stato dicendo con grande naturalezza che Mario Draghi può anche continuare a governare dal Quirinale, “sarebbe un semipresidenzialismo de facto, approfittando della debolezza della politica”, dice. Il ministro leghista, spesso in contrasto con Salvini e considerato governista, propone una via d’uscita che nella costituzione italiana non esiste: in sostanza Draghi dovrebbe tenere la poltrona del governo e occupare anche quella del Quirinale, proprio perché la politica, ammette Giorgetti, è debole. E quest’ultima è la grande verità, la debolezza che portò otto anni fa a prorogare la presidenza di Giorgio Napolitano e ora a volere Draghi per tutti i ruoli, perché unica soluzione per ottenere dall’Europa i soldi del Pnrr. Una proposta fuori da ogni regola costituzionale, come quella di prorogare la presidenza di Mattarella con una scadenza precisa, cosa mai accaduta prima, a marzo 2023 quando si voterà. In quel caso Mattarella se ne andrebbe e il suo posto sarebbe preso da Draghi, che lascerebbe Palazzo Chigi per la fine della legislatura, una specie di staffetta. Naturalmente le reazioni a Giorgetti sono state tutte tra il sorpreso e lo scandalizzato, vista l’incostituzionalità della proposta, ma forse il ministro allo sviluppo economico ha voluto squadernare il problema: se Draghi venisse eletto presidente della repubblica, ammesso che ce la faccia alla prima votazione e soprattutto che voglia farlo, non potrebbe esserci nessun altro che possa garantire un anno di navigazione tranquilla del governo, senza rischiare di andare al voto. Quello è solo Draghi.

Le conseguenze delle scelte di non-sviluppo industriale della politica italiana sui salari

Durante la pandemia l’Italia ha visto il calo del salario medio più alto in Europa. Meno 5,8% rispetto al 2019, a fronte di una media nell’UE dell’1,2%, una perdita dimezzata grazie agli ammortizzatori sociali. È uno dei dati del rapporto Cgil-Fondazione Di Vittorio su salari ed occupazione, dove si conferma quel dato di circa 5 milioni di lavoratori poveri con un salario effettivo non superiore ai 10mila euro lordi annui, tutte con “discontinuità lavorativa”. Oggi risultano circa 3 milioni di precari e 2,7 milioni di part-time involontari, la percentuale più alta in Europa. E c’è un altro dato significativo: troppe ore di lavoro e salari bassi portano ad una alta percentuale di lavoro non qualificato. Indicativo delle scelte di non-sviluppo industriale fatte dalla politica italiana. L’economista Nicolò Giangrande ha curato il rapporto:


 

Il PD va all’attacco di Report e chiede un chiarimento ai vertici Rai

Il PD all’attacco della trasmissione di RaiTre Report per la puntata di ieri sulla gestione dei vaccini ed i profitti delle multinazionali. “Compendio delle più irresponsabili tesi No Vax e No Green Pass, chiediamo un chiarimento ai vertici Rai” annunciano i membri PD della Commissione di Vigilanza Rai. “Sono stufo di queste accuse. Sono vaccinato come tutta la redazione di Report, ma come giornalista devo essere libero di raccontare delle criticità. Quali sarebbero i contenuti no vax? Credo che i parlamentari non abbiano visto il servizio”: la risposta del conduttore di Report, Sigfrido Ranucci.

Edith Bruck rifiuta il Premio per la Pace di Anzio

La scrittrice e sopravvissuta ai lager Edith Bruck ha rifiutato il Premio per la Pace istituito dal comune di Anzio che aveva rinnovato anche la cittadinanza onoraria a Mussolini ed aveva negato la benemerenza ad un’altra sopravvissuta ai lager, Adele Di Consiglio. “Io, sopravvissuta alla Shoah, che da una vita scrivo e testimonio nelle scuole italiane, la ringrazio ma non posso accettare il Premio per la Pace dove è in fermento la nostalgia attiva dell’epoca più vergognosa, incancellabile per chi l’ha vissuta”. Edih Bruck ha scritto queste parole in una lettera aperta al sindaco di Anzio Candido De Angels, che anziché scusarsi ha attaccato l’ex deportata: “Se Edith Bruck non accetta il nostro premio fa una mortificazione non a me, ma alla nostra città”, ha scritto il sindaco che poi si è giustificato: la cittadinanza onoraria a Mussolini esiste dal 1924 e nessuno prima di me l’ha mai revocata.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo

Sono 2.834 i positivi ai test COVID individuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del Ministero della Salute. 41 i morti. Salgono di 129 i ricoveri nei reparti ordinari e di 21 le terapie intensive, con 34 nuovi ingressi. Ieri si è toccato il minimo delle prime dosi, con sole 6mila.
La situazione è molto diversificata da Regione a Regione: il Friuli è oltre il 10% di saturazione delle terapie intensive, si alza la curva anche nella PA di Bolzano dove però tiene la rete ospedaliera, ma il governatore Kompatscher ha paventato restrizioni più severe sul modello austriaco.
Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha detto la somministrazione della terza dose, già prevista per i fragili e per gli over 60, potrebbe essere allargata anche a 50enni e docenti entro la fine dell’anno. Il presidente della Campania De Luca anticipa tutti e annuncia entro novembre la terza dose agli insegnanti. Entro domani dovrebbe invece essere approvato il nuovo protocollo per la scuola, che prevede una quarantena per le classi solo con tre casi positivi.
Il tema politico resta il possibile rinnovo dello stato d’emergenza che scade a fine anno e per il quale servirebbe un provvedimento apposito del governo. Su questo Costa non dà risposte: Faremo una riflessione in fase più avanzata. Ripetendo che con la soglia del 90% dei vaccinabili si allenterà il Green Pass. Il problema è che secondo molti esperti quella soglia difficilmente sarà raggiunta. Ed allora si riproporrà il problema: cosa fare con lo stato d’emergenza?

L’est europa continua a far fronte ad un’ondata molto grave. 1.178 i morti in 24 ore in Russia, mai cosi tanti, cosi come in Ucraina, oltre 700. Continua a peggiorare il già grave quadro epidemiologico della Romania, dove anche qui si è toccato il record, nelle ultime 24 ore sono morte 591 persone. Secondo il Ministero della Sanità non sono più disponibili letti nei reparti di terapia intensiva. La Romania è il secondo Paese meno vaccinato dell’Europa con una copertura del 37%.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

Adesso in diretta