Approfondimenti

Le prove di opposizione del Pd, le speranze per una tregua in Sudan e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 2 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Opposizione e sindacati si interrogano su come dare battaglia sul decreto lavoro e smontare la propaganda del governo. Ad aprile l’inflazione è tornata a salire in Europa e in Italia. I prezzi al consumo sono saliti dell’8,3% rispetto all’anno prima e dello 0,5% su marzo 2023. In Sudan, i leader dell’esercito e delle forze paramilitari hanno concordato una tregua di sette giorni. La morte in carcere del leader della jihad Khader Adnan ha scatenato nuovi scontri in Israele. In vista di una possibile controffensiva ucraina, Mosca avrebbe costruito trincee difensive lungo l’intero confine settentrionale della Crimea. L’informatico Geoffrey Hinton, considerato il “padrino dell’Intelligenza artificiale”, ha lasciato il suo ruolo in Google per poter parlare liberamente dei rischi dell’IA.

Le prove di opposizione del Pd su taglio del cuneo fiscale e reddito di cittadinanza

(di Anna Bredice)
Per ora a sinistra c’è una operazione verità, nel Partito democratico in particolare molti stanno ripetendo che il cosiddetto taglio al cuneo fiscale altro non è che un bonus per 6 mesi, di circa 50 euro da luglio a dicembre. Lo fa il capogruppo al Senato Boccia, lo fanno anche altri, per smontare la propaganda del governo sul taglio delle tasse per i dipendenti, il cuneo fiscale che era uno dei temi anche nel programma di Mario Draghi che il Pd sosteneva. Ora la musica è diversa nel partito democratico e spinge la nuova segreteria a difendere ad oltranza anche il reddito di cittadinanza, che copriva situazione di disagio economico e sociale che ora le misure di Meloni escluderanno. Ieri quasi mezza segreteria, compresa Elly Schlein, ha incontrato una rete di associazioni che si occupano della lotta alla precarietà e che hanno l’obiettivo di contrastare l’affossamento del reddito, un aiuto economico che negli anni passati non tutti al Nazareno avevano voglia di difendere. Era soprattutto Conte naturalmente a difendere la misura simbolo, lo fa ancora adesso, ma sul resto il capo dei Cinque stelle non riesce a stare in prima linea, né tantomeno con Elly Schlein ha in programma iniziative unitarie. Non c’è aria di una manifestazione di piazza al momento, la faranno i sindacati, con i quali, giurano nel Pd, c’è sempre stata, e ancora di più adesso, una interlocuzione. Si parte più dal basso, da quel terreno che Elly Schlein ha coltivato in questi due anni, movimenti, associazioni e realtà che hanno a che fare con i problemi dell’esclusione sociale e delle diseguaglianze. Creare alleanze dicono nel Pd. Al centro invece c’è un’area politica che in questo momento non sembra nemmeno cercare una linea comune con il resto dell’opposizione sul decreto lavoro. Calenda sembra quasi difenderlo, Renzi probabilmente guarda al decreto come un deja vu, il taglio al cuneo fiscale assomiglia di più agli 80 euro del suo governo.

Ad aprile l’inflazione è tornata a salire

(di Massimo Alberti)
Ad aprile l’inflazione è tornata a salire in Europa e in Italia. I prezzi al consumo sono saliti dell’8,3% rispetto all’anno prima e dello 0,5% su marzo 2023. A spingere di nuovo in alto i prezzi sono i beni energetici non regolamentati. Nonostante non funzioni, la banca centrale europea insiste nella sua politica e conferma anche questo mese un nuovo aumento del costo del denaro. Altro che taglio del cuneo fiscale: dall’inflazione arriva una nuova mazzata agli stipendi tornando a salire, spinta ancora dall’energia. In particolare, con i cosiddetti beni energetici non regolamentati, che comprendono i carburanti per gli autoveicoli, i combustibili per uso domestico non regolamentati e l’energia elettrica al mercato libero, mentre quella nel servizio a maggior tutela è scesa. Sono, sostanzialmente, ancora extra profitti delle imprese private di questo settore, come già analizzato dall’Istat e come riconosciuto anche dalla BCE. Nonostante però l’inflazione sia appunto generata dai profitti, l’ossessione resta quella di un’inesistente spirale inflazioni salari, che il governo ha addirittura messo nero su bianco nel Def. E così, mentre la banca centrale americana sembra pronta a tornare sui suoi passi con un primo taglio dei tassi, La Banca centrale europea si prepara ad un uovo aumento, nonostante, palesemente, la strategia non stia funzionando. Ed anche per questo oggi le borse europee sono andate in negativo. Del resto sarebbe come curare il mal di stomaco con una pomata per il mal di gambe. E cosi oggi si assiste al primo rialzo dell’inflazione dopo la discesa iniziata nel novembre scorso, col dato italiano che è il più elevato tra le principali economie della zona euro. Mentre il rialzo dei tassi, come prevedibile sta frenando il sistema produttivo. Con un calo delle commesse porta ad una discesa dell’indice manifatturiero europeo, evidenziando le difficoltà e l’incertezza in cui l’industria continua a restare in questo contesto.

 

Sudan, esercito e forze paramilitari hanno concordato una tregua di sette giorni

in Sudan si apre uno spiraglio per la pace: i leader di esercito e forze paramilitari avrebbero concordato in linea di principio una tregua di sette giorni a partire dal 4 maggio. Lo ha rivelato il ministero degli Esteri del vicino Sud Sudan, incaricato dall’Unione africana di condurre una mediazione.
L’annuncio sembra confermare la volontà delle parti di aprire un tavolo negoziale, come dichiarato ieri dall’inviato speciale dell’Onu. I colloqui potrebbero tenersi in Arabia Saudita.
Le speranze per una risoluzione del conflitto in corso da metà aprile sono però molto fragili: finora tutte le tregue annunciate sono state ripetutamente violate.
A Khartoum i combattimenti non si sono mai fermati, nella sola capitale sono ormai centinaia le vittime, oltre 4mila i feriti.
Secondo l’Onu più di 800mila persone potrebbero lasciare Paese; almeno 100mila sudanesi sono già fuggiti nei paesi confinanti, andando a pesare su situazioni umanitarie e sociali già vulnerabili.
Ce lo conferma anche padre Giuseppe Cavallini, missionario comboniano e direttore del mensile Nigrizia, appena rientrato dall’Etiopia

Cresce la tensione in Israele dopo la morte in carcere di Khader Adnan

Si sono fermati per il momento gli scambi di artiglieria e i lanci di razzo tra Israele e la Striscia di Gaza, la tensione resta però alta in tutta la regione.
A riattivare il conflitto, all’alba di oggi è stata la notizia della morte in carcere del leader della jihad Khader Adnan, in sciopero della fame contro l’occupazione da quasi 3 mesi.
Le autorità israeliane avrebbero negato ad Adnan cure mediche adeguate, anche di fronte al recente peggioramento delle sue condizioni di salute.
Le fazioni armate attive a Gaza hanno rivendicato il lancio di oltre 20 razzi sul sud di Israele contro quello che hanno definito un “crimine disgustoso”, e hanno annunciato reazioni su tutti i fronti. Tel Aviv ha risposto colpendo la Striscia e bloccando le visite in carcere per i detenuti palestinesi.

Russia e Ucraina si preparano alla controffensiva

(di Martina Stefanoni)
L’esercito ucraino ha respinto almeno 20 attacchi nelle ultime ore nell’est del paese, e secondo lo stato maggiore delle forze armate ucraine, l’esercito russo sta concentrando i suoi sforzi per le offensive verso Lyman e Bakhmut.
Secondo l’intelligence britannica, poi, Mosca avrebbe costruito trincee difensive molto estese e complesse lungo tutto il confine settentrionale della Crimea, in vista della controffensiva ucraina.

Sia Russia che ucraina si stanno preparando a questa controffensiva. Il ministro della difesa di Kiev ha detto che i preparativi sono quasi finiti e che il suo esercito sta colpendo spesso oltre la linea del fronte, per poter poi avanzare. La Russia sta consolidando le sue barriere difensive, compresa questa rete di trincee lungo il confine con la Crimea che secondo l’intelligence britannica sarebbero infrastrutture mai viste in precedenza. In vista di quanto accadrà sul campo di battaglia nelle prossime settimane, vanno lette anche le ultime dichiarazioni sia da parte russa che sa parte ucraina. Da un lato sia mosca che Kiev hanno detto di non sapere nulla del piano di pace del vaticano, di cui papa Francesco ha parlato nel suo viaggio di ritorno da Budapest. Alla vigilia di una nuova fase del conflitto come quella che si prospetta ora, né per la Russia né tantomeno per l’Ucraina, sembra il momento giusto per parlare di negoziati Dall’altro lato, poi, anche la smentita categorica da parte del Cremlino delle cifre fornire dagli Stati Uniti sulle perdite della Russia nel conflitto va in questa direzione. Il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale Usa John Kirby aveva detto ieri che la Russia ha avuto 20.000 morti e 80.000 feriti da dicembre e che metà dei deceduti sono miliziani della Wagner. Il portavoce del Cremlino Peskov ha definito queste cifre come “prese assolutamente a casaccio”. Numeri di questo tipo, infatti, confermano un’idea che circola da tempo, e che la Russia non può permettersi di diffondere: ovvero quella di una macchina militare in difficoltà.

Hinton, padre dell’IA, ha lasciato Google per discutere dei pericoli dell’intelligenza artificiale

L’informatico e psicologo cognitivo Geoffrey Hinton, considerato il “padrino dell’Intelligenza artificiale”, ha lasciato il suo ruolo in Google per poter parlare liberamente dei rischi dell’IA. Hinton ha dichiarato alla BBC che questa tecnologia potrebbe presto superare il livello di informazioni di un cervello umano, e questo è preoccupante. Tra i rischi, Hinton ha citato la creazione di disinformazione e il pericolo che rappresenterebbe nelle mani sbagliate, come quelle di un leader autoritario che potrebbe utilizzarla per manipolare l’elettorato e ottenere più potere. Le sue dimissioni hanno subito creato molto scalpore. “Grandi potenzialità, ma anche rischi. L’Europa lavora per regole del gioco efficaci”. Ha scritto in un tweet il commissario Ue per l’Economia, Paolo Gentiloni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta