Approfondimenti

La lettera di Meloni ai giovani di Fratelli d’Italia, il conto alla rovescia in Francia e le altre notizie della giornata

Giorgia Meloni ANSA

Il racconto della giornata di martedì 2 luglio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Da Khan Younis si scappa di nuovo. Più di 250mila persone costrette a fuggire per l’ennesima volta dalla città nel sud della Striscia di Gaza. “Non c’è spazio tra noi per posizioni razziste e antisemite, chi non lo capisce è fuori da Fratelli d’Italia”: Giorgia Meloni striglia giovani e dirigenti del suo partito. Arrestato il titolare dell’azienda agricola in cui lavorava Satnam Singh: è accusato di omicidio doloso. Oggi Zelensky ha accolto a Kyiv Viktor Orban nella prima visita del premier ungherese dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Come richiede la Costituzione, per arrivare al referendum abrogativo della legge sull’autonomia differenziata occorrono 500 mila firme oppure le delibere di 5 consigli regionali. Il Fronte Repubblicano in Francia non è morto come da anni affermano politici e politologi.

Il messaggio di Meloni ai giovani e ai dirigenti di Fratelli d’Italia (ma anche a Bruxelles)

“Abbiamo già fatto i conti col ventennio, non c’è spazio tra noi per posizioni razziste e antisemite”. Giorgia Meloni si rivolge così in un lettera ai dirigenti del suo partito, tornando sull’inchiesta di Fanpage che ha documentato tra i giovani di Fratelli d’Italia l’adesione a questo genere di posizioni. Oggi c’è stata una riunione della commissione parlamentare contro l’antisemitismo, che ha deciso all’unanimità di acquisire quei filmati. L’intervento di Meloni, mai così esplicito su questi temi in passato, è dunque una risposta a questa decisione della commissione Segre. Ma guarda anche a Bruxelles, dove la leader di Fratelli d’Italia vuole accreditarsi nel campo della destra moderata e responsabile.

(di Anna Bredice)

Nel giorno in cui si riunisce la commissione Segre che ha deciso di acquisire tutti i filmati di Fanpage, Giorgia Meloni rende pubblica una lunga lettera rivolta non solo ai giovani del partito, ma a tutti i dirigenti di Fratelli d’Italia. “Non c’è spazio nel partito per posizioni razziste o antisemite, come non c’è spazio, aggiunge, per i nostalgici dei totalitarismi o manifestazioni di stupido folklore”. Una lettera dai toni molto duri nei confronti dell’area giovanile e il via libera alle espulsioni e alle sospensioni dei militanti ripresi nei video. È un messaggio a tutti, compresi i suoi parlamentari più vicini, a cui chiede di condannare come lei definitivamente il fascismo, anche se Meloni manca di dire una parola e cioè di essere antifascista. Per due volte nella lettera ripete che non c’è spazio nel partito per chi crede che esista una immagine pubblica di Fratelli d’Italia che non corrisponda ai comportamenti privati. Se è così, dice, il posto non è questo.
Senza fare congressi, dopo giorni di silenzio, anzi con la prima reazione di attacco a Fanpage, quella di oggi è una sorta di Fiuggi per Giorgia Meloni, che forse dovrebbe valere anche per chi è la seconda carica dello Stato, per La Russa che più volte è inciampato nelle nostalgie del passato. “Guardare in avanti”, dice la presidente del Consiglio che ricorda che già anni fa aderì alla risoluzione del Parlamento europeo che condannava tutte le dittature. Nella lettera nessun vittimismo, o almeno lo mantiene ai minimi termini. La dittatura e i totalitarismi ai quali si riferisce sono quelli fascisti e li ripudia, chiedendo ai suoi di fare lo stesso. Nella lettera per due volte parla di partito conservatore, di un movimento conservatore ed è probabile che questa lunga missiva sia un segnale che deve arrivare anche a Bruxelles, di un posizionamento non nell’estrema destra, ma la scelta di rimanere nell’area dei conservatori liberali mettendosene a capo, come vorrebbe Forza Italia, e forse anche Von der Leyen.

Quasi 2 milioni di persone sfollate nella Striscia di Gaza

A Gaza si continua a combattere nel sud e nel nord. Bombardamenti hanno colpito nuovamente Rafah e Gaza City, e nelle ultime 24 ore sono state uccise almeno 25 persone. A quasi nove mesi dall’inizio del conflitto i morti nella striscia sono ormai 38mila. Chi non è stato ucciso, lotta da mesi con la fame, la sete e le malattie. 1,9 milioni di persone secondo le Nazioni Unite sono ormai sfollate nella Striscia. Secondo l’esercito israeliano la gran parte di questi si trovano ad Al Mawasi, un campo sfollati sulla costa di Khan Younis definito da Israele come una zona umanitaria, ma dove si registra la concentrazione di fame e sete più alta del pianeta. E proprio verso Al Mawasi sono dirette anche le oltre 250mila persone che da ieri sera sono state costrette ad evacuare da Khan Younis per ordine dello stesso esercito. Tra loro c’è anche Sami Abuomar che era tornato a Khan Younis un paio di mesi fa, dopo essere scappato da Rafah e che ora, deve nuovamente ricominciare. Questo è il racconto che ci ha mandato:


 

La prima visita di Orban a Kyiv dall’invasione russa

(di Emanuele Valenti)

Oggi Zelensky ha accolto a Kyiv Viktor Orban. Una visita a sorpresa, soprattutto perché il primo ministro ungherese è il principale alleato di Putin in Europa.
Non è solo la prima volta che Viktor Orban va a Kyiv dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. La visita a Zelensky è anche la primissima cosa che il premier ungherese ha fatto da quando Budapest ha la presidenza di turno dell’Unione Europea, ieri.
Orban non ha voltato le spalle a Putin – oggi ha detto a Zelensky che dovrebbe pensare a un cessate il fuoco a breve, per arrivare a un negoziato di pace. Proprio mentre il presidente ucraino chiedeva per l’ennesima volta più armi per fermare i russi su tutto il fronte est.
E in questi anni i due si sono attaccati più volte. Orban sta facendo il vero politico e sta tenendo il piede in due scarpe. Impensabile uscire dall’Unione Europea e tantomeno dalla NATO. Anzi, rimanendo al loro interno e negoziando – un paese può bloccare le decisioni da prendere all’unanimità – può solo trarne vantaggio.
La visita a Zelensky era quasi obbligata, visto il suo ruolo istituzionale.
Orban non ha bloccato l’avvio dei negoziati per l’adesione di Kyiv all’Unione Europea, nemmeno il supporto militare della NATO a Zelensky, ma ha ottenuto di potersi sfilare diverse volte, così come di poter importare il petrolio russo.
Oltretutto la visita in Ucraina arriva dopo una lunga trattativa con Kyiv sui diritti dell’importante minoranza ungherese nell’Ucraina occidentale. Quanto successo oggi non avrà impatto sulla crisi ucraina, racconta molto di più del primo ministro ungherese.

Francia, la cultura della desistenza contro l’estrema destra al potere

Sulla carta il Fronte Repubblicano in Francia ha tenuto. Domenica, nel ballottaggio, ci sarà un unico candidato contro l’estrema destra nella maggior parte dei seggi. Le registrazioni si sono chiuse stasera.

(di Chawki Senouci)

Il Fronte Repubblicano non è morto come da anni affermano politici e politologi. Ha funzionato la cultura della desistenza per impedire all’estrema destra di prendere il controllo del parlamento.
Per non annegare nel mare dei numeri ne daremo pochi. Dopo il primo turno un dato in particolare terrorizzava le sinistre e il campo macronista: 306 triangolari che rischiavano di trasformarsi in altrettanti seggi per i lepenisti. Questa sera il numero dei triangolari è ridotto a un terzo grazie in particolare al ritiro in massa dei deputati della Gauche.
L’altro dato importante è che nei triangolari i lepenisti sono in testa in 155 collegi. Bene, questa sera in 151 collegi ha funzionato il fronte repubblicano. Per l’estrema destra quindi, la battaglia per ottenere la maggioranza assoluta di 289 seggi è ora molto più difficile e la strada in salita.
Domenica prossima gli elettori del fronte popolari, turandosi il naso, voteranno per il candidato di Macron, cioè del presidente che loro hanno combattuto con scioperi e manifestazioni per protestare contro le sue riforme ultra liberiste. Sull’altra sponda le consegne di voto non sono sempre rispettate. Pur di non vedere le sinistre al governo una fetta degli elettori del campo macronista sarebbe pronta a consegnare la Francia agli eredi del regime di Vichy. Dunque ha funzionato il Fronte Repubblicano ma non basta. Ci vuole una forte partecipazione. Per sperare in un grosso risultato il Fronte Popolare dovrebbe da domani chiedere ai progressisti di andare a votare in massa.

Il percorso verso il referendum abrogativo della legge sull’autonomia differenziata

È uno degli strumenti scelti dalle opposizioni per contrastare la destra di Giorgia Meloni: stiamo parlando del referendum abrogativo della legge sull’autonomia differenziata.

 Come richiede la Costituzione, per arrivare al referendum occorrono 500 mila firme oppure le delibere di 5 consigli regionali.


Le regioni del centrosinistra che potrebbero proporre il referendum ci sono: Toscana e Puglia, Campania, Sardegna ed Emilia Romagna. Nei prossimi giorni si dovrebbe arrivare alle convocazioni dei consigli regionali e alle delibere con la richiesta di referendum.


Come dicevamo, l’abrogazione della legge Calderoli è uno degli obiettivi della campagna delle forze di opposizione contro il governo Meloni. Lo hanno ribadito ieri a Bologna i leader del centrosinistra: da Schlein a Conte, da

 Fratoianni al radicale Maggi e a Rifondazione comunista. A Bologna è stata confermata la difesa della Costituzione contro il premierato, il rilancio della sanità e della scuola pubbliche contro i modelli privatistici di cura e istruzione.

 Qual è il giudizio su questo percorso di Rosy Bindi, memoria storica del centrosinistra, già presidente del Pd?


 

Satnam Singh, arrestato il titolare dell’azienda agricola Antonio Lovato

“Una condotta disumana, lesiva dei più basilari doveri di solidarietà, ma soprattutto una condotta consapevole delle sue conseguenze implicite: la morte, cioè di Satnam Singh”. Con queste motivazioni il giudice per le indagini preliminari di Latina ha chiesto oggi l’arresto di Antonio Lovato, il titolare dell’azienda agricola dove Singh lavorava. Dopo l’autopsia, il capo di imputazione a carico dell’uomo è stato cambiato, da omicidio colposo a doloso. Secondo il giudice, Lovato, pur conscio che questo avrebbe potuto provocare la morte del bracciante, ha rifiutato di chiamare i soccorsi, provocandone la morte per dissanguamento. Quel sangue che, sempre secondo l’ordinanza, si è affrettato a pulire non appena scaricati l’uomo semiincosciente e il suo braccio davanti alla baracca in cui viveva. Angelo Mastrandrea, giornalista del manifesto autore di una inchiesta sull’agropontino:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta