Approfondimenti

L’attacco dell’Azerbaijan contro l’enclave armena, le Regioni contro i nuovi Cpr e le altre notizie della giornata

Piantedosi

Il racconto della giornata di martedì 19 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel Nagorno Karabach si continua a sparare da quando, nella tarda mattinata di oggi, l’Azerbaijian ha lanciato un attacco sull’enclave che si trova all’interno dei confini azeri ma che è abitata dalla comunità armena. Il giorno dopo la stretta del governo sui migranti, dalle Regioni iniziano ad arrivare le prime contestazioni mentre il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ammette che la situazione sulla manovra è ancora incerta. La guerra in Ucraina al centro anche dell’Assemblea Generale dell’Onu in corso al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York. A livello internazionale c’è tensione anche tra Canada e India: dopo le dichiarazioni del primo ministro canadese i due Paesi hanno espulso due rispettivi diplomatici.

Nagorno Karabakh, l’Azerbaijan lancia un’operazione militare contro l’enclave armena

Nel Nagorno Karabach si continua a sparare da quando, nella tarda mattinata di oggi, l’Azerbaijian ha lanciato un attacco sull’enclave che si trova all’interno dei confini azeri ma che è abitata dalla comunità armena. Ci sono vittime e feriti tra i civili e i separatisti armeni hanno già avanzato la richiesta di un cessate il fuoco.

(di Sara Milanese)

Il governo di Baku l’ha definita un’operazione antiterrorismo e ha assicurato che nel mirino dei militari azeri ci sono solo le postazioni dei separatisti armati. Le testimonianze sul posto e i video che arrivano dalla capitale Stepanakart mostrano però edifici civili bombardati, e parlano di 25 vittime, tra cui due civili, e 80 feriti.
L’offensiva ha di fatto cancellato l’accordo di cessate il fuoco firmato nel 2020 dopo la Guerra dei 44 giorni. Impossibile per gli oltre 120.000 abitanti del Karabakh la fuga in Armenia, perché dallo scorso dicembre l’Azerbaijan ha bloccato il Corridoio di Lachin, l’unica via di salvezza, una decisione che ha creato gravi disagi alla popolazione, che è rimasta isolata dal mondo.
Mosca si è detta preoccupata per l’escalation, ha aggiunto di essere stata avvisato dall’attacco solo pochi minuti prima del lancio dell’operazione militare, nel pomeriggio il cremlino ha fatto sapere che i suoi peacekeeper starebbero organizzando l’evacuazione dei civili, non è chiaro verso dove. In ogni caso la Russia non è intervenuta per fermare l’attacco, consapevole della sua debolezza il Nagorno-Karabakh ha già chiesto il cessate il fuoco e l’apertura di un negoziato; “Ci fermiamo solo se i separatisti depongono le armi”, ha risposto il governo di Baku, che ha proposto di tenere colloqui in una città azera.
In Armenia, intanto, la popolazione sta scendendo in piazza per protestare contro l’attacco.
A livello internazionale molte cancellerie, da Bruxelles a Washington, da Parigi a Berlino, hanno chiesto l’immediato cessate il fuoco, in serata lo ha fatto anche l’Italia. L’unico a giustificare l’attacco di Baku è stato finora il presidente turco Erdogan.

Il fronte delle Regioni si muove contro l’apertura dei nuovi centri per il rimpatrio

Nel Mediterraneo l’ong Sea Watch ha salvato 40 persone da una barca di legno, respinta dalla guardia costiera libica. Lo fa sapere l’organizzazione umanitaria, la cui nave Aurora è ora diretta verso Pozzallo, il porto assegnatole dalle autorità italiane. I migranti soccorsi hanno raccontato che quattro loro compagni la scorsa notte sono caduti in mare e sono ora dispersi.
Il giorno dopo la stretta del governo sui migranti, il ministro dell’Interno Piantedosi ha rivendicato la decisione di aprire nuovi Cpr, i centri per il rimpatrio. “Ce lo chiede l’Europa”, ha detto il capo del Viminale, rilanciando poi la realizzazione del blocco navale con una nuova missione europea e in accordo con la Tunisia.
Intanto però sui Cpr si apre il fronte delle Regioni. Sia a destra, sia a sinistra sono arrivate oggi le prime contestazioni. “In questo momento non c’è n’è l’esigenza”, ha detto Filippo Saltamartini, vice presidente della Regione Marche, guidata dalla destra. “I Cpr non garantiscono i diritti dei migranti”, dice invece ai nostri microfoni il presidente toscano Eugenio Giani. L’intervista è di Mattia Guastafierro:


 

Il governo è ancora in alto mare sulla manovra

(di Anna Bredice)

Il senso della situazione ancora incerta la riassume lo stesso ministro dell’Economia dicendo che sulla manovra “il governo è ancora in alto mare”. Sincero e realista di fronte ai conti pubblici che al momento rendono impossibile riuscire a realizzare nemmeno alcune delle promesse fatte in campagna elettorale, a cominciare dalla riduzione delle tasse, il principale cavallo di battaglia di Meloni e Salvini. “La colpa è del rialzo dei tassi di interesse che rende più oneroso il debito pubblico. Se i tassi fossero rimasti quelli dell’anno scorso”, ha detto oggi Giorgetti, “avrei avuto 14 o 15 miliardi in più da mettere sulla riduzione fiscale”. Parole che Meloni non avrà nessuna voglia di sentire, perché la riportano con i piedi per terra, anche se questa espressione era stata proprio lei ad utilizzarla chiedendo ai ministri di rimettere in un cassetto tante delle loro richieste e promesse. Cuneo fiscale e natalità sono i due obiettivi che la Presidente del Consiglio si è riproposta quest’anno, ma tra il rialzo dei tassi e quello che il governo indica come massimo colpevole, e cioè il superbonus, sarà ben poco quello che resterà per una manovra che deve iniziare a vedere la luce già a fine mese con le stime della Nadef, la Nota di aggiornamento di bilancio. Sul Patto di stabilità il ministro Giorgetti si augura che si possa arrivare ad un accordo, ma chiede che dal Patto vengano esclusi gli investimenti per il PNRR e gli aiuti all’Ucraina. Un bagno di realtà per Meloni e Salvini, già con la testa nella campagna elettorale, ma la manovra economica che il ministro dell’economia sta preparando sarà la meno elettorale di tutte.

La guerra in Ucraina al centro dell’Assemblea Generale dell’Onu

La guerra in Ucraina al centro anche dell’Assemblea Generale dell’Onu in corso al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite a New York.
È il grande tema sul quale i discorsi dei leader dei 140 paesi presenti a New York, al palazzo di vetro si concentrano, insieme al clima e gli effetti devastanti del cambiamento climatico. Più tardi, parlerà anche il presidente ucraino Zelensky che interverrà per la prima volta dal vivo all’Assemblea Generale dell’Onu. Il suo obiettivo è ovviamente raccogliere più sostegno possibile, non solo esortando i paesi già alleati a mantenere il loro sostegno nonostante le preoccupazioni per i lenti progressi della controffensiva, ma anche chiedendo nuovo sostegno ai leader del sud globale, di Africa, Asia e America Latina, molti dei quali hanno rifiutato di condannare l’invasione della Russia. Come sappiamo l’assemblea generale dell’Onu è un test chiave per misurare l’opinione internazionale sull’invasione dell’ucraina.
Oggi il primo a prendere la parola, dopo il discorso di apertura del segretario generale Antonio Guterres, è stato proprio il presidente brasiliano Lula, che ha parlato della necessità di riformare le istituzioni multilaterali per trovare una pace per tutti i conflitti, a partire da quello in Ucraina.

Lula ha ribadito la sua disponibilità a fare da mediatore tra Mosca e Kiev, domani vedrà a questo proposito per la prima volta il presidente Zelensky, e ha espresso la sua ferma opposizione ad un ritorno al bipolarismo da guerra fredda. Anche il presidente turco Erdogan ha cercato di presentare il suo paese come un giocatore di primo piano sullo scacchiere internazionale.

Erdogan ha annunciato il suo impegno a “rafforzare” i suoi sforzi diplomatici per porre fine alla guerra in Ucraina e ha chiesto un maggiore multilateralismo sulla scena mondiale: “”Il mondo è più grande di cinque£ ha detto, riferendosi ai cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Il presidente statunitense Joe Biden, l’unico presidente dei 5 ad essere presente, ha ribadito il suo appoggio incondizionato a Kiev.

Nessuna nazione vuole che la guerra finisca più dell’Ucraina, ha detto, ribadendo il suo sforzo per portare “una risoluzione diplomatica per una pace giusta e duratura”. Biden ha anche chiesto il sostegno di tutti i paesi presenti nel condannare l’invasione russa: “La Russia crede che il mondo si stancherà e permetterà di brutalizzare l’Ucraina senza conseguenze. Ma vi chiedo questo: se abbandoniamo i principi fondamentali della Carta Onu per placare un aggressore, qualche Stato membro può sentirsi sicuro di essere protetto? La risposta è no” ha detto il presidente Usa.

Le tensioni tra Canada e India portano all’espulsione di due diplomatici

A livello internazionale c’è tensione anche tra Canada e India. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha annunciato la presenza di connessioni credibili tra il governo indiano e l’assassinio di un leader della comunità sikh in Canada, accusato di terrorismo dall’India per le sue posizioni indipendentiste. Le dichiarazioni sono state respinte e ritenute assurde dal governo di Narendra Modi, che era stato interpellato al G20 da Trudeau, con cui non aveva avuto bilaterali. Dopo le dichiarazioni del primo ministro canadese i due Paesi hanno espulso due rispettivi diplomatici. Sulla questione abbiamo interpellato Nicola Missaglia, responsabile comunicazione dell’Ispi e esperto di India:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express di martedì 21/05/2024

    Da Milano a Bruxelles, da Liverpool a Detroit, da Rio de Janeiro a Barcellona. Nuove uscite, concerti, vecchi classici e dischi da salvare. Ogni settimana, un giro del mondo della musica a bordo di Express.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

  • PlayStop

    Intervista a ZeroCalcare: "Quando muori resta a me"

    L'intervista di Giulia Binazzi a ZeroCalcare in occasione dell'uscita del suo ultimo libro "Quando muori resta a me", pubblicato da Bao Publishing

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 21/05/2024

    Oggi a Cult: Barbara Sorrentini dal Festival del Cinema di Cannes; Marco Aime introduce l'edizione 2024 dei Dialoghi di Pistoia; Armando Massarenti sul suo libro "Come siamo diventati stupidi" (Guerini e Associati); Laura Valli sul festival Up To You! nella bergamasca; Giada Baiamonte su "Totò e la sua radiolina" che apre la rassegna Nuove Storie "Prima le donne" all'Elfo Puccini...

    Cult - 21-05-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E7

    "Il racconto dell'Europa: temi e toni della campagna elettorale" - ospite: Edoardo Novelli, docente di Comunicazione Politica e Sociologia dei Media.

    Clip - 21-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 21/05/2024

    Tra un paio di giorni inizia a Stresa il vertice dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali dei paesi del G7. Ad accoglierli ci sarà una notizia – tra le altre - di cui sarebbe utile che si occupassero, e cioè i contenuti dell’ultimo report dell'associazione ReCommon. Cosa dice in estrema sintesi il rapporto? Senza controllo, le emissioni di gas serra associate alle più grandi banche dei paesi del G7 sono responsabili di una quantità di emissioni di Co2 superiore a quella di Italia, Germania, Regno Unito e Francia messe insieme. In tonnellate di Co2 emesse, ciò significa che le maggiori banche mondiali – attraverso le proprie attività di finanziamento - producono 2 miliardi e 700 milioni di tonnellate di Co2, mentre i quattro paesi (Italia, Germania, Regno Unito e Francia) emettono – presi insieme - “solo”, si fa per dire, 2 miliardi di tonnellate di Co2. Che cosa devono fare ministri e banchieri centrali per fermare i prestiti con cui si finanziano attività tossiche per il clima? A Pubblica Antonio Tricarico, attivista di ReCommon sulle campagne che riguardano la finanza pubblica e le multinazionali.

    Pubblica - 21-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 21/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 21-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 21/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 21-05-2024

  • PlayStop

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI

    DANIELA PORTO - IL MIO POSTO E' QUI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 21-05-2024

Adesso in diretta