Approfondimenti

La vigilia della giornata decisiva per le sorti del governo, il trentesimo anniversario della strage di via D’Amelio e le altre notizie della giornata

30 anni strage via d'amelio

Il racconto della giornata di martedì 19 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Alla vigilia della giornata decisiva per le sorti del Governo, il presidente del Consiglio non ha lasciato trapelare nulla delle sue intenzioni. Secondo la procura di Piacenza lavoratori e multinazionali come Leroy Merlin, Fedex Tnt, Gls sarebbero stati ostaggio di due organizzazioni a delinquere presenti all’interno dei sindacati di base Usb e Si Cobas. Per la prima volta nella storia, in Gran Bretagna la temperatura è salita oltre i 40 gradi. A Teheran, il presidente turco Erdogan ha incontrato Vladimir Putin per discutere un accordo sull’esportazione del grano ucraino. 30 anni fa, il 19 luglio del 1992, veniva ucciso a Palermo il giudice Paolo Borsellino. l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Le ultime ore per trattare prima della decisione di Draghi

(di Lorenza Ghidini)

Alla vigilia della giornata decisiva per le sorti del governo, il presidente del Consiglio non ha lasciato trapelare nulla delle sue intenzioni. Le conosceremo domani a metà pomeriggio, quando il Senato avrà finito la discussione sulle sue comunicazioni del mattino e lui farà la sua replica. Un margine per restare a Chigi probabilmente c’è, se è vero che stamattina Draghi ha visto prima il segretario del PD Letta e subito dopo il Presidente Mattarella. La cosa ha irritato non poco il centrodestra di Governo, Lega e Forza Italia, che in un vertice questo pomeriggio ha chiesto di poter incontrare allo stesso modo il Presidente del Consiglio, accusato di parlare solo con una parte della sua maggioranza.

Mentre i 5 Stelle si contorcono nei conteggi di chi voterà cosa, la Lega ha anche fatto sapere di ritenerli ormai inaffidabili e di non voler più stare al Governo con loro.

Come può Draghi restare a capo del Governo? Forse se i partiti siglassero un patto di fine legislatura, un programma in pochi punti, chi ci sta ci sta, e si prosegue senza fare scherzi. Un messaggio in questo senso il premier lo aveva già mandato anche alla Lega, era a Salvini che si riferiva qualche giorno fa dicendo “c’è anche chi promette fuoco e fiamme per settembre”. Peccato che fonti dal vertice del centrodestra abbiano fatto uscire una serie di punti per loro irrinunciabili, ma difficilmente digeribili dal PD e da quel che resterà dei 5 Stelle.

Il quadro insomma non presenta la compattezza che Draghi richiede ai partiti per proseguire, ognuno aspetta la mossa dell’altro e tutti guardano al Presidente del Consiglio, perché alla fine sarà solo lui a decidere.

Temperature record e incendi, l’Europa nella morsa del caldo

40 gradi e 2. È la temperatura record record registrata dai termometri di Heathrow, appena fuori Londra, qualche minuto prima delle 13 di oggi. Gli esperti avvertono che l’ondata di calore potrebbe non fermarsi qui, con picchi fino ai 42 gradi. Proprio nell’isola, in stato di emergenza già da qualche giorno per le alte temperature, alcuni binari ferroviari hanno ceduto per il caldo, come ha fatto sapere il ministero delle Infrastrutture inglese. “Costruite in epoca vittoriana, non sono state realizzate per resistere a questo tipo di temperatura”, ha fatto sapere il ministro britannico.
Anche a Parigi le temperature si aggirano sui 40 gradi, sempre per l’anticiclone africano. In Francia gli incendi degli ultimi giorni hanno distrutto 19mila ettari di vegetazione nel dipartimento della Gironda, a sud-ovest e 1.400 ettari di boschi in Bretagna. Mentre, secondo le autorità, 510 persone sarebbero morte a causa del caldo in Spagna, dove nell’ultima settimana sono stati superati ben 117 record per temperatura assoluta.
In Italia, un grosso incendio è scoppiato nel pomeriggio di oggi sul Carso, alimentato dal caldo e dalla siccità. Il fronte del fuoco è lungo oltre dieci chilometri, la regione Friuli Venezia Giulia ha dispiegato tutte le forze di cui dispone per riportarlo sotto controllo. L’autostrada A4 è stata chiusa per un tratto di 30 chilometri. Il fuoco ha coinvolto anche le linee elettriche e a Trieste manca la corrente. Incendi di dimensioni minori si registrano anche in altre regioni. La tratta ferroviaria dell’alta velocità è interrotta tra chiusi e orvieto per roghi di sterpaglie. In Versilia 50 persone sono state evacuate.
Da domani diventano nove le città da bollino rosso, secondo il Ministero della Salute. Oltre a Firenze, Brescia, Bolzano, Latina e Perugia, anche Bologna, Genova, Roma, Rieti.

Le accuse della procura di Piacenza ai vertici di Usb e Si Cobas

(di Luca Parena)
Due associazioni a delinquere per interessi economici privati all’interno dei sindacati di base. La procura di Piacenza ha avanzato questa ricostruzione nel chiedere e ottenere le misure cautelari per otto dirigenti del Si Cobas e dell’Usb.
Sindacati che hanno migliaia di tesserati nei magazzini del piacentino, da anni motivano scioperi e picchetti con la lotta per tutelare i diritti di facchini e magazzinieri. Ora sono accusati di “strumentalizzare i lavoratori a scopi di lucro”, “di consolidare un potere clientelare in cui la rappresentatività sindacale costituisce un elemento ricattatorio”. Così si legge nell’ordinanza del Tribunale che riporta la ricostruzione della procuratrice Grazia Pradella. In sostanza, lavoratori e multinazionali come Leroy Merlin, Fedex Tnt, Gls sarebbero ostaggio di queste organizzazioni interne ai sindacati.
I legali degli indagati invitano però a separare questa ricostruzione, dal loro punto di vista tutta da dimostrare, dai reati contestati. Violenza privata, interruzione di pubblico servizio, resistenza a pubblico ufficiale, sabotaggio. Tutti reati ascrivibili alle modalità di protesta di Si Cobas e Usb, ai loro scioperi, ai loro picchetti. La sostanza è questa e ha a che fare con un modo di fare vertenza – dicono dai sindacati. Il resto, per loro, si basa su un semplice teorema.

L’incontro tra Erdogan e Putin per lo sblocco dei porti ucraini

È in corso a Teheran il colloquio sullo sblocco dei porti ucraini tra il presidente turco Erdogan e l’omologo russo Vladimir Putin, arrivato in Iran nel pomeriggio per partecipare ad un incontro previsto dagli accordi di Astana, che coinvolgono Russia, Iran e Turchia e che riguardano la crisi siriana. Quello di oggi è il primo faccia a faccia tra i due presidenti da quando la Russia ha lanciato l’invasione in Ucraina e potrebbe rappresentare un passaggio decisivo per arrivare ad un’intesa sul grano.
Citato dalla Tass, Putin prima di entrare a colloquio con l’omologo turco ha detto: “Non tutti i problemi sull’esportazione di grano ucraino sono stati risolti, ma ci sono progressi ed è già buono”.

Ankara intanto ha annunciato che entro la fine di questa settimana organizzerà un nuovo incontro con Mosca, Kiev e le Nazioni Unite, con l’obiettivo di siglare l’accordo per garantire un passaggio sicuro alle navi cargo ucraine.
Il raggiungimento dell’intesa non è però ancora scontato, restano ancora nodi da scogliere su come assicurare la sicurezza dei porti e delle navi durante la rotta. Mosca avrebbe dato assicurazioni sul fatto che non lancerà attacchi contro i cargo con grano, ma Kiev avrebbe chiesto ulteriori assicurazioni.

Continua intanto la battaglia per il Donbass. Mosca prosegue il suo attacco per conquistare la regione di Donetsk. Oggi missili hanno colpito entrambe le due principali città della regione, Sloviansk e Kramtorsk. Bombardamenti però in giornata hanno colpito anche il sud del paese, lontano dalla linea del fronte, sia ad Odessa che a Mykolaiv.

Il Trentennale della strage di via D’Amelio

Alle 16:58, l’ora dello scoppio dell’autobomba, via D’Amelio a Palermo si è fermata. Un minuto di silenzio per ricordare le vittime della strage nella quale il 19 luglio del 1992 furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della polizia che lo scortavano: Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina. Durante il silenzio i giovani delle “Agende rosse” si sono alzati in piedi con le agende tenute in alto. Poi l’inno di Mameli. In collegamento con la diretta facebook, da casa c’era Salvatore Borsellino, fratello del giudice assassinato, che ha letto la poesia “Giudice Paolo” di Marilena Monti.

La cerimonia si è poi conclusa con il musicista Luca Franzetti che ha eseguito le sei suites per violoncello di Bach. In mattinata i messaggi del capo dello stato e della ministra della giustizia Cartabia.

“I processi in corso svelino gli oscuri tentativi di deviare le indagini”, ha detto il presidente della Repubblica Mattarella. Sono i depistaggi compiuti da apparati dello stato e che hanno segnato la storia processuale sulla strage di via d’Amelio, una strage non solo mafiosa.

Don Ciotti, il presidente di Libera, ha fatto riferimento anche ai silenzi che circondano i fatti di 30 anni fa: “le verità – ha detto Don Ciotti – passeggiano per le vie delle nostre città. C’è chi sa, c’è chi ha visto e c’è tanta omertà”, ha concluso don Ciotti. Enrico Deaglio, giornalista e scrittore

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta