Approfondimenti

Il boom dell’inflazione, l’attacco della polizia polacca ai migranti al confine con la Bielorussia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 16 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Covid, l’epidemia corre ancora e si pensa a delle restrizioni per i non vaccinati, l’obiettivo sarebbe quello di garantire la produzione e soprattutto i consumi nel periodo natalizio. Carrefour licenzierà 769 lavoratori in 9 regioni, il modello 24 ore al giorno 7 giorni su 7 è un fallimento. Lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i profughi al confine tra Bielorussia e Polonia, la polizia di Varsavia ha attaccato gruppi di migranti che tentavano di passare la frontiera. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia e in Europa.

Le regioni chiedono più restrizioni per i non vaccinati

(di Anna Bredice)

Il governo frena, le regioni invece spingono verso maggiori restrizioni, nel caso il numero dei contagi salisse troppo. Restrizioni ma non per tutti, solo per i non vaccinati. E’ un’offensiva quasi coordinata quella delle regioni, che in questi mesi sono rappresentati nel dialogo con il governo dal presidente del Friuli, Massimiliano Fedriga, quello più arrabbiato con i no green pass, a cui dà la responsabilità del passaggio, molto probabile, in zona gialla il prossimo fine settimana. E lui sarà il primo a porre la questione giovedì nella conferenza Stato-Regioni, dove il governo è rappresentato dalla ministra Gelmini che ancora poco fa ha frenato, dicendo che al momento tutto rimane com’è. A Fedriga ha fatto eco Giovanni Toti in Liguria con la proposta di negare il green pass ai non vaccinati e poi a seguire ancora Attilio Fontana in Lombardia, Roberto Occhiuto in Calabria. La motivazione è la stessa, non deve pagare cui ha creduto nel vaccino per uscire fuori dalla pandemia, ma è una proposta che secondo alcuni potrebbe avere profili di incostituzionalità, ma la motivazione ancora più grande per le regioni è la paura di una chiusura delle attività commerciali, soprattutto a Natale, con tutto quelle che ne consegue in termini di acquisti e di spostamenti tra le regioni. Risalta il fatto che siano tutti governatori del centrodestra, sembra riproporsi lo schema del green pass di qualche mese fa: i presidenti delle regioni governati dalla Lega, Veneto e Friuli, contrariati dalla linea di Salvini, che strizzava l’occhio ai no vax, con il ministro Giorgetti che tentava di tenerli buoni e convincere Mario Draghi ad andare avanti. Ora Draghi è meno protagonista della prima fase su questo tema, sembra che attenda che altri facciano il primo passo e Matteo Salvini invece si alterna tra una linea filo governo e un’altra di opposizione, stamattina aveva detto no a nuove restrizioni, nel pomeriggio ha cambiato tono, “sono d’accordo con quello che deciderà il governo”.

Il boom dell’inflazione preoccupa i commercianti

(di Chiara Ronzani)

L’inflazione sale come non accadeva dal 2012 (+3% su base annua) e rischia di generare effetti a catena. L’aumento dei prezzi è dovuto in larga parte ai beni energetici, di cui in inverno è massima la domanda. Ma anche agli alimentari, su cui è difficile risparmiare.
Gli italiani sono più poveri e hanno anche meno lavoro: 380mila i posti in meno rispetto al 2020. Le famiglie hanno a disposizione salari mediamente più bassi di 512 euro rispetto a prima della pandemia, e Confesercenti stima che i consumi saranno inferiori di 35 – 40 miliardi di euro.
I commercianti che puntano su black friday e periodo natalizio sono preoccupati: il timore è che cresca il Pil ma i consumi arranchino.
E’ la crisi il problema, ma nuove restrizioni sanitarie all’accesso a luoghi pubblici potrebbero essere un disincentivo per chi vuole spendere. Gli esercenti sono contrari a ipotesi come numero chiuso nei negozi o limiti al turismo. E la proposta di lockdown per i non vaccinati, che alcuni esponenti di Confindustria appoggiano, data la sua difficile attuazione appare più che altro una pressione sul governo perché prevalga la linea del passato, quando le misure sanitarie hanno cercato di salvaguardare il più possibile produzione e consumo.
La partita più grande infatti le imprese la giocano sugli 8 miliardi di tagli alle tasse previsti in manovra. E i sindacati? Il lockdown selettivo è un’arma di distrazione di massa – dicono fonti della Cgil. “Tutte le misure che non siano l’obbligo vaccinale, come il green pass, rischiano di dividere i lavoratori. Il tema dovrebbe essere la salute collettiva e non salvare il natale” – concludono dal sindacato.

Carrefour, il fallimento della strategia del “sempre aperto”

(di Massimo Alberti)
La multinazionale francese della grande distribuzione Carrefour Italia ha avviato la procedura di licenziamento collettivo annunciata il primo di ottobre ai sindacati. 769 lavoratori in 9 regioni, compresa la Lombardia e Milano, cui si aggiungono i 1000 impiegati nei 106 punti vendita che Carrefour darà in franchising. Tagliando in tutto 1800 dipendenti diretti, oltre il 10% del totale. Carrefour lo giustifica con un calo del fatturato, dei clienti e l’incidenza del costo del lavoro. “Non ci è mai stato presentato un piano di investimenti, solo tagli” ribattono i sindacati. L’azienda francese era stata la prima in Italia a praticare il modello di “sempre aperto”, un modello che non ha funzionato e la pandemia ha mandato definitivamente in crisi.

La storia di Carrefour racconta più di una crisi aziendale, racconta di un modello sociale che non regge più. Da anni siamo martellati dall’idea che più i centri commerciali, negozi, i supermercati stanno aperti, più si crea lavoro. Carrefour ha portato all’estremo questo concetto, con le aperture 24/7. Nel 2012 il primo esperimento a Milano in Piazza Coltilde. Nel giro di pochi anni sono diventati centinaia, concentrati nelle città e nei luoghi di lavoro notturno. La strategia era affiancare ai grandi ipermercati i negozi di quartiere sempre aperti, con l’insegna Express e Market. Un modello che l’azienda francese ha sempre dichiarato come vincente dichiarando aumenti di utile e fatturato. Ma che in verità nessun concorrente ha seguito. L’ultimo capitolo nel gennaio 2020 con l’acquisizione di 27 negozi da Conad-Auchan. La strategia del “sempre aperto” però pare non aver funzionato, con 5 processi di ristrutturazioni in 10 anni, sostiene la Uil-Tucs. Che portano il 1° ottobre all’annuncio a sorpresa al tavolo dei sindacati, e oggi l’avvio della procedura: 769 esuberi diretti tra punti vendita e sede centrale per tagliare i costi a fronte di una situazione economica gestionale grave, dice l’azienda. Che i sindacati traducono con: scelte e strategie commerciali fallimentari. Gli altri posti a rischio arriveranno dalla esternalizzazione in franchising di 106 punti vendita. Un modello che Carrefour rivendica, parlando di 69 negozi, tra il 2021 e in previsione nel 2022, già ceduti ai propri dipendenti. Di fatto andando così a scaricare su di loro il rischio di impresa. Il paradosso è che i negozi ceduti, per avere mercato ovviamente, sono quelli che vanno meglio, rilevano i sindacati, preoccupati perché, nell’esperienza, il passaggio in franchising si è sempre trasformato in tagli di personale e dei salari.

Caso Open, Renzi chiede l’immunità al Senato

(di Michele Migone)

Matteo Renzi vuole sfuggire all’inchiesta della Procura di Firenze sulla Fondazione Open. Per questo ha chiesto al Senato una sorta di scudo di difesa istituzionale. Ne discuterà stasera la Giunta di Palazzo Madama. Se la maggioranza dei 23 membri deciderà che i magistrati hanno violato le guarentigie parlamentari del Senatore di Rossignano, Renzi avrà l’immunità richiesta. Gli inquirenti dovranno astenersi da qualsiasi attività investigativa. Visto la composizione della Giunta è probabile che l’ex premier la ottenga. Solo 4 o 5 voti potrebbero essere a suo sfavore. Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, con un occhio alle prossime elezioni per il Quirinale, potrebbero votare per lui. Sono 11 voti. Tre sono i senatori, tra cui il fedelissimo Francesco Bonifazi, entrati in giunta con il PD e ora invece colonne di Italia Viva, il suo partito. Insomma, per Matteo Renzi, questa sera potrebbe arrivare una buona notizia. Lui è al centro dell’attenzione. Si sta costruendo il terreno per essere l’uomo decisivo nelle elezioni per il prossimo Presidente della Repubblica. Per esserlo veramente, però, le sue sfortune giudiziarie non devono diventare guai e i suoi gruppi parlamentari non devono perdere pezzi. Le indiscrezioni secondo cui sarebbe pronto a votare Berlusconi per il Colle più alto lo stanno mettendo in imbarazzo. Lui ha smentito, ma una parte della pattuglia dei suoi deputati e senatori inizia a non voler più o a minaccia di non voler più seguire il suo gioco. Alzano la posta. Anche perché sanno che potrebbero rimanere scottati, o abbandonati da un leader che appare ora potente al centro del gioco, ma che, con rapidità, potrebbe vedere bruciate tutte le sue carte. Tra cui quella fondamentale : essere l’ago della bilancia per il Quirinale. Se qualcuno dei suoi se ne va

Polonia, lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i migranti al confine

La situazione al confine tra Bielorussia e Polonia è sempre più tesa. Oggi la polizia polacca ha lanciato gas lacrimogeni e ha sparato con cannoni ad acqua contro le persone che da settimane attendono alla frontiera con l’Unione Europea, al gelo e in condizioni precarie. Il ministero della difesa di Varsavia ha giustificato l’utilizzo dei lacrimogeni sostenendo che fosse una risposta difensiva ad un attacco dei migranti che hanno definito “molto aggressivo”, riferendosi al lancio di sassi e bottiglie contro la frontiera da parte di alcuni migranti che tentavano di forzare la barriera.
Ancora assistiamo ad una partita a tennis tra Polonia e Bielorussia giocata sulla pelle dei migranti: la Polonia ha accusato la Bielorussia di aver fornito ai migranti granate stordenti e di averli spinti sempre più verso la città polacca di confine Kuznica, mentre il presidente Bielorusso Lukashenko, che solo ieri ha incassato un nuovo piano di sanzioni da parte dell’Unione Europea, ha colto l’occasione condannando fermamente le mosse polacche. Lukashenko è stato subito spalleggiato dalla Russia, che tramite il ministro degli esteri Lavrov ha definito l’attacco polacco “inaccettabile”.
La sofferenza dei migranti è sfruttata dalle due parti a loro piacimento: Lukashenko spinge i migranti al confine per ottenere una risposta dalla Polonia che gli permetta di dipingere l’immagine di un’Unione Europea noncurante e sconsiderata, e la Polonia – che ora si prepara a blindare il confine con un muro – gli facilita il lavoro.

Intanto la commissione Europea ha annunciato che dei 6,4 miliardi di euro del bilancio Ue per la gestione delle frontiere, alla Polonia sono destinati 114,5milioni. L’esecutivo Ue ha specificato che i fondi non dovranno essere utilizzati per costruire i muri, anche se Varsavia ha appena annunciato che inizieranno a dicembre i lavori per la costruzione di un muro alla frontiera lungo ben 187 km.

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi i nuovi casi di covid accertati sono quasi 7700, con 74 morti. In calo rispetto a ieri la quota di persone positive su quelle che hanno fatto il tampone: si passa dal 2 all’1,1%. I ricoveri negli ospedali però continuano ad aumentare.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 28/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 28-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

Adesso in diretta