Approfondimenti

L’emergenza maltempo in Emilia-Romagna, la corsa ai voti liberi per i ballottaggi delle amministrative e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 16 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A causa del maltempo, la situazione in Emilia-Romagna rimane critica, con quartieri allagati, treni fermi e scuole chiuse. Anche nelle Marche si registrano allagamenti, con il centro di Pesaro sott’acqua e disagi in altri comuni, tra cui Jesi e Senigallia. In vista dei ballottaggi del 27 e 29 maggio, il Pd prova a costruire una difficile alleanza con il Movimento 5 Stelle. Il 15 giugno a Roma si terrà una manifestazione a difesa della sanità pubblica, con la partecipazione di tutti i sindacati medici e 20 associazioni. Le forze ucraine hanno riconquistato 20 chilometri a nord e sud di Bakhmut.

Maltempo, alluvioni ed esondazioni in Emilia-Romagna

Alluvioni ed esondazioni: l’Emilia Romagna è in ginocchio per una nuova ondata di nubifragi che ha colpito anche le Marche.
La situazione più drammatica è a Cesena, dove il fiume Savio ha rotto gli argini.
In tutta la regione ci sono strade allagate, mentre la circolazione dei treni resta bloccata in diverse direzioni.
900 le persone evacuate, la maggior parte nel Ravennate.
In molti comuni le scuole resteranno chiuse anche domani.
Per gli ultimi aggiornamenti abbiamo sentito Riccardo Tagliati in diretta da Bologna

 

Su tutta l’Emilia-Romagna l’allerta rossa è stata prorogata fino alla mezzanotte di domani, ma l’emergenza riguarda anche le vicine Marche, dove ci sono strade e ponti chiusi per gli allagamenti; anche qui in diversi comuni le scuole domani resteranno chiuse; a Fano una frazione è isolata.
A Senigallia è passata senza fare danni la piena del fiume Misa, il centro di Pesaro è allagato.
Secondo gli esperti entro la mezzanotte di oggi sull’Emilia-Romagna potrebbero cadere oltre 130 mm di acqua, una quantità eccezionale per questo territorio nel mese di maggio, che solo due settimane fa era stato colpito da altri nubifragi.

Il Pd in cerca di alleati per i ballottaggi delle elezioni amministrative

(di Anna Bredice)
Per un attimo Giuseppe Conte attraversa i corridoi della Camera dei deputati, ma alla domanda sui ballottaggi scappa via e non risponde, rimandando alle dichiarazioni di altri del Movimento, ma l’unico che ne parla, Francesco Silvestri, riconosce solo che sui territori i Cinque stelle hanno sempre avuto difficoltà. È difficile partendo da qui che possano esserci alleanze stabili e apparentamenti ufficiali per i ballottaggi, è più a livello locale che deve partire una spinta per ribaltare il risultato del primo turno, che vede sì la destra in vantaggio, ma in alcuni casi di poco, anche in città dove Giorgia Meloni pensava di vincere. Certo, non c’è una frenata per la destra, ma nemmeno raccoglie i risultati dei sette mesi di governo, per come era stata venduta l’operazione cuneo fiscale ha portato ben poco, era andata enormemente meglio a Renzi con gli 80 euro, per non parlare dei soldi del Pnrr che si rischiano di perdere, che a livello locale viene vissuto come progetti che vanno in fumo. Ma la coalizione in qualche modo tiene. A sinistra invece c’è un Pd che come voti di lista riesce ad essere primo partito e questo per Elly Schlein è già un buon risultato a due mesi dalle primarie, ma per farcela in città come Ancona, Vicenza, Massa, dovrebbe riuscire a portare ai propri candidati i voti anche degli altri, e per ora dai Cinque stelle c’è solo silenzio.

La crisi del servizio sanitario pubblico

(di Massimo Alberti)
Tutti i sindacati medici e 20 associazioni per la prima volta uniti con l’obbiettivo di una manifestazione, il 15 giugno a Roma, a difesa della sanità pubblica. I sindacati dei medici non escludono anche uno sciopero. Crescita delle liste d’attesa, della spesa privata, della rinuncia alle cure, calo di investimenti in sanità rispetto al Pil, carenza di medici, mancata assistenza sul territorio: “Il diritto alla salute è a rischio”, a causa di “un processo di destrutturazione del Servizio Sanitario nazionale che ne ha minato sostenibilità ed equità”, spiegano nel manifesto che lancia l’iniziativa i sindacati e le associazioni.

Il Servizio sanitario nazionale è clamorosamente de-finanziato. L’Italia, per capirci, spende per la sanità la metà della Germania, il 15% in meno della media Ue se calcoliamo il rapporto pro-capite. Ora iniziano ad aprire anche i pronto soccorso privati, in uno slittamento di risorse sempre più sbilanciato verso il privato, anche per il continuo spostamento sul welfare aziendale, che porta la spesa sanitaria pubblica destinata a operatori privati al 22%, Lazio e Lombardia raggiungono il 30%. La fine del sistema di copertura universale per orientarsi al mercato, dove chi può paga e si cura. È nei numeri lo stato di collasso del servizio sanitario. Quelli dei sindacati, secondo cui mancano decine di migliaia tra infermieri e medici. Per il personale non c’è nulla nel Pnrr, non c’è nulla nel Def. La conseguenza è che nel 2021 ultimi dati disponibili l’11% delle persone (circa 6 mln), ha dovuto rinunciare a visite o esami, erano circa il 6% nel 2019, per problemi economici o legati alle difficoltà di accesso al servizio, leggi quelle liste di attesa, che richiedono anche 2 anni di tempo, per alcuni esami, a meno ovviamente di non pagare. “Il governo sta programmando e pianificando il collasso del sistema sanitario nazionale” dicono i sindacati. Non solo quest’ultimo, certo. Ma di fronte alla crudezza dei numeri, difficile dargli torto. Una situazione, spiegano ancora, che la imminente autonomia differenziata andrà ad accelerare ed aggravare.

I bombardamenti russi si intensificano dopo il viaggio di Zelensky in Europa

(di Emanuele Valenti)
C’è una prima questione: la tempistica.
Il bombardamento russo – uno dei più intensi dall’inizio della guerra – è arrivato appena finito il viaggio europeo di Zelensky, nel quale il presidente ucraino aveva raccolto altre promesse di aiuti militari. E Mosca li va a colpire.
E poi siamo sempre alla vigilia, dovremmo essere alla vigilia, della famosa contro-offensiva. I bombardamenti sulle città potrebbero essere la risposta russa, anche nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Il Cremlino vuole anche che gli ucraini utilizzino tutti i loro sistemi di difesa, in sostanza che finiscano le loro armi. Perché questo non metterebbe in crisi solo loro ma anche i loro sponsor occidentali, che stanno continuando a fornire armi ma non lo potranno fare all’infinito.

Ma la storia la possiamo guardare anche dall’altro punto di vista, quello ucraino. Kyiv, proprio grazie alle armi occidentali, sta in buona parte riuscendo a proteggere le sue città e la sua popolazione.
E se sul serio sono stati intercettati anche sei missili ipersonici russi a Mosca avranno un problema in più, anche piuttosto grave. Putin ha sempre parlato di missili che nessuno potrà intercettare.

Un’ultima questione: i bombardamenti e i raid russi cercano e cercheranno di colpire anche le postazioni strategiche ucraine lontano dalla linea del fronte, proprio per indebolire la preparazione della contro-offensiva. Forse a Kyiv non potranno aspettare troppo tempo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 21/06 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 21/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Torniamo a Molteno

    Nella prima puntata di settembre scorso vi avevamo parlato dell'apertura di una nuova struttura a Molteno, in provincia di Lecco, in piazza Europa. La struttura, ristrutturata con soldi pubblici, è stata data in affitto alla Clinica San Martino S.R.L. che ha aperto un poliambulatorio specialistico. Nello stesso spazio, hanno preso posto dei medici di base e molti sono i dubbi che sono stati sollevati sull'opportunità di far convivere ambulatori privati con quelli pubblici all’interno dello stesso edificio. Vi aggiorniamo con Giusi Corti, consigliera comunale.

    37 e 2 - 21-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 21/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 21-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 21/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 21-06-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 21/06/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 21-06-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 21/06/2024

    Parliamo di privatizzazione dei servizi; delle trattative segrete per determinare il prezzo dei farmaci e il funzionamento di EMA, l’Agenzia europea per i medicinali; di intrecci tra pubblico e privato: vi aggiorniamo sugli ambulatori di Molteno di cui vi abbiamo detto a inizio stagione.

    37 e 2 - 21-06-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 21/06/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Luca Parena

    Uscita di Sicurezza - 21-06-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 21/06/2024

    Patrizio Gonnella Presidente di Antigone ci racconta il dramma del 45esimo suicidio in carcere (ieri a Novara un giovane di 20 anni si è impiccato) e le politiche del governo che sembrano aggravare la situazione. L'incidente nella notte alla Aluminum di Bolzano con 8 feriti raccontato da Omar Caniello e dalla segretaria della Fiom di Bolzano Cinzia Turello dalla fabbrica. Marco Magnano giornalista e autore del podcast "La guerra a Gaza vista dal Libano" analizza i rischi dell'invasione israeliana del Sud del paese. Chiara Brilli, direttrice di Controradio, racconta il ballottaggio di Firenze. La nomina dell'ex presidente della Compagnia delle Opere, Guido Bardelli, ad Assessore alla Casa di Milano (al posto di Maran) commentata da Alessandro Giungi, consigliere comunale del Pd, e da Elena Comelli di Sinistra Italiana.

    Giorni Migliori – Intro - 21-06-2024

  • PlayStop

    SERGIO FANUCCI su MIKHAIL YURYEV - IL TERZO IMPERO

    SERGIO FANUCCI su MIKHAIL YURYEV - IL TERZO IMPERO - presentato da Michele Migone

    Note dell’autore - 21-06-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 21/06/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 21-06-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 21/06/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 21-06-2024

Adesso in diretta