Approfondimenti

Il lavoro diplomatico per fermare la rappresaglia di Israele, le picconate del governo al diritto all’aborto e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 16 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La diplomazia internazionale è al lavoro per scongiurare la guerra aperta tra Israele e Iran, mentre a Gaza e in Cisgiordania i palestinesi continuano a morire. Il governo prova ad ostacolare ancora di più l’aborto con un’azione surrettizia; procede il percorso burocratico per lo studio di fattibilità del Ponte sullo Stretto; un incendio distrugge l’antica Borsa, palazzo simbolo di Copenaghen; il cda della Scala nomina il nuovo sovrintendente.

Le pressioni internazionali per frenare Israele

Nonostante le pressioni internazionali per scongiurare un attacco israeliano in risposta al lancio di missili iraniano di sabato notte, che potrebbe condurre a un ulteriore escalation del conflitto nell’area, da tel Aviv sono arrivate per tutta la giornata dichiarazioni minacciose. Il portavoce militare Daniel Hagari ha detto che Israele non può restare ferma e che l’Iran non rimarrà impunito. Sui tempi e sui modi di questa ritorsione non ci sono al momento certezze: in serata dovrebbe riunirsi, per la terza volta in tre giorni, il gabinetto di guerra israeliano. “Risponderemo in coordinamento con gli Stati Uniti”, ha ribadito il ministro del gabinetto di guerra israeliano Benny Gantz: un riferimento indiretto alla pressione che Washington sta esercitando su Netanyahu affinché la risposta non faccia scoppiare una guerra regionale.

Intanto nella striscia la guerra continua: a Gaza City oggi l’esercito israeliano ha colpito un’automobile causando la morte di 8 persone: erano tutti addetti alla sicurezza per la distribuzione degli aiuti ai civili, denunciano i giornalisti palestinesi sul posto. 

I raid dell’aviazione israeliana si concentrano soprattutto su Nuseirat, nel centro dell’enclave, ma ci sono state esplosioni e vittime anche a Rafah; sono oltre 50 i morti palestinesi nelle ultime 24 ore; quasi 34mila dall’inizio del conflitto.

Negli ultimi giorni è tornata a crescere anche la violenza in Cisgiordania: dopo la morte di un 14enne israeliano diverse comunità palestinesi sono state attaccate, 3 persone sono rimaste uccise, decine di abitazioni sono state date alle fiamme, oltre 20 palestinesi sono stati arrestati.

La violenza dei coloni contro i palestinesi è stata tale da suscitare un intervento delle Nazioni Unite: “Le forze di sicurezza israeliane devono immediatamente porre fine alla loro partecipazione attiva e al loro sostegno agli attacchi dei coloni contro i palestinesi”, ha dichiarato l’Alto commissariato Onu per i diritti umani.

A Betlemme, in Cisgiordania, abbiamo raggiunto Francesco Buono, cooperante dell’ong italiana Avsi:

La nuova picconata del governo contro il diritto all’aborto

Oggi la camera dei deputati ha approvato la fiducia chiesta dal governo sul decreto sul Pnrr, quello in cui è stato inserito un emendamento sui consultori. Il testo prevede che le regioni possano “avvalersi di soggetti del terzo settore che abbiano esperienza nel sostegno alla maternità”. Le opposizioni denunciano che il tentativo è quello di far entrare organizzazioni anti-aborto nei consultori. Il testo dev’essere ancora votato dal senato. Nel pomeriggio fuori dalla camera c’è stato un presidio organizzato da Non una di meno e Rete consultori contro l’emendamento. Le voci di alcune manifestanti intervistate da Anna Bredice.

Al via la conferenza dei servizi per il ponte sullo Stretto di Messina

Più di 200 nuovi documenti, integrazioni e richieste di precisazione sono state richieste oggi dalla commissione del ministero dell’ambiente incaricata di valutare il progetto del ponte sullo stretto. La conferenza dei servizi è iniziata oggi: si tratta del passaggio necessario a rendere il progetto esecutivo, e dunque per procedere agli espropri e all’apertura dei cantieri. Il ministro Salvini ha promesso che i lavori inizieranno entro l’estate, ma, vista la mole di integrazioni richieste, è molto improbabile che questo avvenga, mentre non si ferma l’emorragia di risorse pubbliche per un progetto che le associazioni definiscono una farsa, una pericolosa chimera. Stefano Lenzi si sta occupando del dossier per il wwf.

Incendio nell’antica Borsa, uno dei simboli di Copenaghen

A Copenaghen ha preso fuoco l’edificio storico che ospitava la borsa finanziaria, costruito nel 1625. “400 anni di patrimonio culturale sono andati in fiamme” ha detto il ministro della cultura. Nessuna persona è rimasta ferita ma all’interno dell’immobile, che era in ristrutturazione, c’erano dei dipinti e per tutto il giorno si è lavorato per salvarli. Luisa Dotti è una cittadina italiana che vive nella capitale danese:

Nuovo sovrintendente per il Teatro alla Scala

Alla Scala di Milano il consiglio di amministrazione ha approvato la nomina di Fortunato Ortombina a nuovo sovrintendente. Il ministro della cultura Sangiuliano parla di “soluzione eccellente” e sottolinea il fatto che dopo tre stranieri un italiano torna alla guida del teatro. Il servizio di Ira Rubini:

D’ora in poi alla Scala il sovrintendente dovrà essere rigorosamente Made in Italy, come la mozzarella. Il commento del ministro della Cultura sulla fresca nomina di Fortunato Ortombina, che si rallegra che finalmente ci sia un italiano alla guida del teatro più bello del mondo, sembra davvero il cacio sui maccheroni. Il distinguo vagamente discriminatorio chiude la rincorsa per la poltronissima alla Scala prima delle Europee, in segno di decisionismo e in barba alle proposte di prolungamento della progettualità avviata dall’uscente Meyer, avanzate dall’orchestra prima e dal Comune di Milano poi. Ortombina è un professionista di lungo corso, non così politicamente targato quanto altri neo nominati dal governo Meloni, come Buttafuoco alla Biennale, Giuli al Maxxi, Larussa Jr nel consiglio del Piccolo e via nominando. Inoltre, Riccardo Chailly rimane come direttore musicale fino al 2026. Insomma, una rivoluzione di cartapesta. Un po’ come i fondali d’opera di una volta.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta