Approfondimenti

I generici annunci di Draghi, la controffensiva di Kyiv a Cherson e le altre notizie della giornata

Draghi Giorgetti ANSA

Il racconto della giornata di martedì 12 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La conferenza stampa di Draghi dopo l’incontro coi sindacati è stata caratterizzata da annunci molto generici, promesse a cui dovrebbero seguire i fatti soltanto nei prossimi mesi. È iniziata la controffensiva di Kiev per provare a riprendersi Cherson, nel sud del paese. L’esercito ucraino ha bombardato la città di Nova Kachovka in mano ai russi, usando i nuovi sistemi missilistici Himars arrivati dall’Occidente.
La Cassazione ha confermato 4 condanne a 18 mesi per la morte di Andrea Soldi, 45enne malato di schizofrenia ucciso durante un trattamento sanitario obbligatorio il 5 agosto di 7 anni fa. La Spagna oggi ha annunciato le sue misure per mitigare la crisi, incluse tasse sulle banche e sulle compagnie energetiche. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I generici annunci di Draghi dopo l’incontro coi sindacati

C’era molta attesa oggi per la conferenza stampa del presidente del consiglio Mario Draghi dopo l’incontro con i sindacati. Non solo per quali provvedimenti avrebbe annunciato a sostegno dei salari, ma anche per capire se e come questi annunci – perché per ora solo di promesse si tratta – avrebbero appianato le tensioni con i 5 stelle. I problemi, per ora, non sono risolti proprio per la genericità degli annunci.
Draghi ha confermato che entro l’estate ci sarà un decreto che conterrà alcune misure a sostegno di salari e pensioni, altre saranno nella manovra di bilancio in autunno. Non ha specificato però come saranno divise. Il presidente del consiglio ha citato il salario minimo, il cavallo di battaglia del movimento, a partire dalla proposta del Ministro del Lavoro Orlando sui contratti prevalenti per settore. Ma sarà probabilmente in autunno.
Draghi ha chiesto di sbloccare i contratti scaduti, che è sembrato un richiamo rivolto soprattutto a Confindustria a fare la sua parte. E poi la cosa che con ogni probabilità arriverà a luglio, il taglio del cuneo fiscale.
La discussione nella maggioranza è su dove prendere i soldi. Draghi ha parlato vagamente “di ambito di finanza pubblica”, che non esclude un intervento sulla spesa sociale, per un intervento che andrà, ha spiegato, tutto dalla parte del lavoratore, che sembrerebbe dunque escludere una parte di soldi alle imprese, come chiedeva Confindustria.
Questo sarà affiancato da una serie di incontri costanti col sindacato su diversi temi di lungo periodo, come pensioni e precariato. Sindacati che dopo l’incontro hanno ribadito che ora però servono i fatti.
L’aspetto politico. Draghi su questo è stato molto netto: il governo va avanti solo così com’è, e se riesce a lavorare. I 5 stelle rivendicano di aver portato Conte a parlare di temi sociali, ma Conte teme che il premier voglia incassare la fiducia dopodomani e presentare a fine mese solo un taglio del cuneo fiscale e poche altre cose.
Domani mattina si riuniranno i vertici del Movimento, ma intanto scalpita anche Salvini che si è adirato per una frase di Draghi su chi minaccia il governo, e rilancia sul condono fiscale e la richiesta di uno scostamento di bilancio.

(di Massimo Alberti)

Ci sono ancora diverse cose da chiarire dagli annunci di Draghi nella conferenza stampa. Partiamo dal punto che sembra più realistico, il cosiddetto cuneo fiscale, che potrebbe arrivare a fine mese. La differenza tra il netto in busta paga e il lordo, composta per il 13% dall’Irpef, per il 7% da contribuiti a carico del lavoratore, per il 24% a carico dell’impresa. Draghi ha parlato di un intervento interamente a favore dei lavoratori. Ma non solo non ha parlato di come, di quanto, e di dove verranno prese le risorse. Posto che sia giusto scaricare sulla fiscalità generale aumenti che dovrebbero esser presi dai profitti delle imprese, Draghi ieri ha parlato di risorse dall’ambito della finanza pubblica. Vuol dire tagli alla spesa sociale? Che graverebbero proprio su quei lavoratori che si vorrebbero aiutare? Draghi ha aggiunto anche un richiamo, che sembra indirizzato a Confindustria, a sbloccare i rinnovi dei contratti bloccati e che riguardano milioni di lavoratori, a partire da commercio e servizi. Come dire: una parte di soldi li mettiamo noi, ma gli altri devono venire da lì. Ma è un circolo vizioso: le imprese nicchiano sui rinnovi per spingere a intervenire sul cuneo fiscale sperando di ricavarne qualcosa. Insomma la partita è aperta. Infine il salario minimo. Citato forse per strizzare l’occhio ai 5 stelle, se ne riparlerà forse in autunno. Non si parla di salario minimo legale, ma di contratti prevalenti per settore, che potrebbe però avere un impatto moto molto ridotto su quegli ambiti di lavoro povero dove i bassi salari sono frutto proprio della contrattazione. Tutto molto aperto insomma, con i chiari di luna politici che saranno assai influenti.

La controffensiva di Kyiv a Cherson. Il Cremlino: “Rischio escalation nucleare”

È iniziata la controffensiva di Kiev per provare a riprendersi Cherson, nel sud del paese. L’esercito ucraino ha bombardato la città di Nova Kachovka in mano ai russi, usando i nuovi sistemi missilistici Himars arrivati dall’Occidente. Dura la reazione del Cremlino “Washington e i suoi alleati stanno pericolosamente barcollando sull’orlo di uno scontro militare aperto con il nostro Paese, il che rischierebbe di provocare un’escalation nucleare”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.
Nel bombardamento secondo gli ucraini è stato distrutto un deposito di munzioni, mentre secondo Mosca sono stati colpiti obbiettivi civili con una decine di vittime e oltre 40 feriti. Questo nel sud del paese, mentre ad est proseguono intensi i bombardamenti russi sul Donbass ancora in mano agli ucraini. Sul fronte internazionale domani inzierà il viaggio di Biden in Medio Oriente, Israele e Arabia Saudita le tappe del presidente americano, mentre Putin la prossima settimana andrà in Iran. Secondo Washington Teheran sarebbe pronta a fornire materiale bellico, droni, a Mosca. Alberto Negri, editorialista del Manifesto:


 

Andrea Soldi morto dopo un Tso: confermate le condanne per lo psichiatra e i tre vigili

(di Rita Rapisardi)

La Cassazione ha confermato 4 condanne a 18 mesi per la morte di Andrea Soldi, 45enne malato di schizofrenia ucciso durante un trattamento sanitario obbligatorio il 5 agosto di 7 anni fa. Condanna definitiva per un medico psichiatra e tre agenti della polizia municipale di Torino.
“Sono felice perché ho sempre creduto nella giustizia, fin dal giorno della morte di Andrea, Un anno e sei mesi sono pochi? Io non cercavo il carcere ma una condanna significativa morale, lo Stato è accanto ai più fragili”, sono le parole di Maria Cristina Soldi, la sorella di Andrea, 45 anni, morto nel 2015 a Torino a seguito di un trattamento sanitario obbligatorio. 
Dopo sette anni la Cassazione ha messo la parola fine, confermando le quattro condanne in primo e secondo grado e rigettando così i ricorsi degli imputati: diciotto mesi per lo psichiatra e i tre vigili che, intervenuti per trasportare via l’uomo malato di schizofrenia paranoide, ne avevano causato la morte. Secondo quanto ricostruito nei processi Soldi si trovava seduto su una panchina dei giardinetti vicino casa, come tutti i giorni, quando si è presentata l’ambulanza con gli operatori. Lo psichiatra avrebbe agito troppo in fretta e con poca attenzione per l’uomo che, da qualche tempo si rifiutava di prendere le medicine, motivo per cui il padre aveva chiesto aiuto. Soldi, agitato è stato stretto al collo da un vigile e trattenuto per le braccia dagli altri due, era finito a terra perdendo conoscenza, ammanettato e buttato sulla barella a faccia in giù, asfissiato da una procedura errata. All’arrivo in ospedale il cuore dell’uomo ormai non batteva più.

Rinviati a giudizio tutti gli imputati per le violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Per le violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere del 6 aprile 2020 sono stati tutti rinviati a giudizio i 105 imputati. Si tratta di poliziotti penitenziari, funzionari del Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) e funzionari dell’azienda sanitaria locale. Tra le accuse contestate a quasi metà degli agenti c’è quella di tortura. In 12 sono accusati di omicidio colposo per la morte del detenuto algerino Lakimi Hamine. Il processo inizierà il 7 novembre.
Patrizio Gonnella dell’associazione Antigone:


 

Il piano della Spagna per mitigare la crisi

(di Giulio Maria Piantadosi)

Anche la Spagna oggi ha annunciato le sue misure per mitigare la crisi. Tasse sulle banche e sulle compagnie energetiche, treni pendolari gratuiti ed una dichiarazione di principio molto netta: “non permetteremo che società o individui approfittino della crisi per accumulare ricchezze a scapito della maggioranza” ha detto il capo del governo Podemos-socialisti Pedro Sanchez.
Un gesto a sinistra per rafforzare l’identità sociale del governo dopo il gelo con i soci di Podemos che mal hanno digerito la scelta atlantica del premier Pedro Sánchez a sostegno dell’Ucraina e l’aumento delle spese militari a scapito del progetto sociale del governo.


Nell’importante dibattito sullo stato della Nazione, Sanchez ha presentato una batteria di misure orientate a palliare la crisi dovuta all’inflazione e alla guerra in Ucraina

.
La principale novità riguarda le banche, che pagheranno un tributo eccezionale, limitato nel tempo, sui benefici a bilancio del 2021 e del 2022. Una misura direttamente collegata con l’inflazione. Quando il costo del denaro aumenta, le banche aumentano i guadagni sugli interessi di mutui e prestiti mentre i consumatori perdono potere d’acquisto. 
A pagare di più saranno anche le compagnie energetiche: la Spagna creerà una tassa specifica sui margini di beneficio estremamente alti dovuti al prezzo fuori controllo del gas e del petrolio.
 E poi ci sono misure sociali, volte ad appoggiare direttamente l’economia delle famiglie come la gratuità del trasporto locale sulle linee gestite direttamente dallo stato. E un plus di 100 euro per tutti gli studenti, dai 16 anni fino all’università che hanno ricevuto una borsa di studio per l’anno accademico in corso. 
Aiuti che però scadranno a fine anno. Ed è questo il principale punto debole del piano di Sánchez: a dicembre la situazione economica potrebbe essere ancora peggiore e il governo rischia di trovarsi senza munizioni dopo aver speso in misure importanti ma di poco impatto strutturale.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Il picco di questa ondata ancora non arriva: oggi 143mila casi, l’8% in più di 7 giorni fa, in lieve risalita rispetto al dato di ieri. I tamponi eseguiti sono oltre 550mila, un numero che non si registrava da marzo. Si alza invece in modo considerevole il numero dei morti, oggi 157. Continuano a salire anche i ricoveri: 15 in più i letti occupati in terapia intensiva a fronte di 55 ingressi, 270 in più nei reparti ordinari dove è stata superata la soglia del 15% di posti occupati da malati COVID. “La pandemia è tutt’altro che finita”, sottolinea l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1546873663370280960

https://twitter.com/RegLombardia/status/1546870772332986368

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta