Approfondimenti

L’imminente offensiva russa nel Donbass, la sparatoria nella metropolitana di New York e le altre notizie della giornata

Buzova Kiev ANSA

Il racconto della giornata di martedì 12 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel quarantottesimo giorno di guerra in Ucraina, Putin sembra chiudere la strada della diplomazia e l’offensiva russa nel Donbass sarebbe ormai imminente mentre aumentano le denunce dei crimini commessi dai militari russi in territorio ucraino. L’Ambasciata ucraina presso la Santa Sede ha contestato la decisione di Papa Francesco di far portare insieme la croce a una famiglia ucraina e a una russa alla Via Crucis del Venerdì Santo al Colosseo. Il presidente dell’Anpi provinciale di Milano, Roberto Cenati, ha commentato ai nostri microfoni l’attacco di Massimo Gramellini in un editoriale sulla prima pagina del Corriere della Sera. È ricominciato il dialogo tra Governo e Comuni dopo l’allarme bilancio lanciato dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, e Matteo Salvini si è inserito nel dibattito senza aver approfondito il tema. Nella metropolitana di New York un uomo non ancora identificato ha aperto il fuoco ferendo almeno 13 persone dopo aver lanciato dei fumogeni. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il conflitto in Ucraina sta per entrare in una nuova fase ancora più sanguinosa

Oggi il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il leader bielorusso Aleksander Lukashenko e in occasione di questo incontro ha tenuto un lungo discorso sul conflitto in corso; ha parlato anche dei colloqui con Kiev e ha detto che sono ad un vicolo cieco per colpa delle autorità ucraine. 
Nel suo discorso Putin ha parlato anche dell’Europa, ha detto che è umiliata al servizio degli Stati Uniti.
Ha parlato anche del conflitto sul campo: ha detto che l’operazione militare sta andando come previsto, che l’obiettivo russo è sempre il Donbass e che la fine dell’operazione militare dipende dall’intensità dei combattimenti. Infine, ha accusato gli ucraini di aver diffuso immagini false di Bucha.
Un discorso, quindi, ancora una volta in linea con la posizione tenuta da Mosca dall’inizio del conflitto e che chiude però, almeno in questo momento, la porta alla diplomazia.

Il discorso di Putin arriva mentre le autorità ucraine lanciano nuove denucne di massacri e stragi compiuti dai russi. Il sindaco di Bucha dice che finora sono stati trovati 403 corpi di persone uccise durante l’occupazione. L’ONU riporta di nuove denunce di stupri compiuti dai militari russi.
Attorno a Mariupol continuano i combattimenti. Secondo le autorità della regione di Zaporizhzia, la notte scorsa un villaggio sarebbe stato bombardato con bombe al fosforo, non ci sarebbero vittime. Nelle scorse ore un sospetto attacco con le stesse armi proibite era stato denunciato a Mariupol, dove il sindaco afferma che il numero di morti tra i civili abbia ormai superato 21mila. Colpita dai carri armati russi anche la sede della Caritas, sempre a Mariupol, sette le vittime.
Secondo gli ucraini le torrenziali piogge di questi giorni nella zona starebbero ritardando l’inizio dell’offensiva sul Donbass, offensiva alla quale le truppe russe si stanno preparando e che sarebbe ormai imminente. Di un attacco massiccio parla anche la Nato, per la quale il conflitto sta per entrare in una nuova fase, ancora più sanguinosa.



L’ambasciata ucraina contesta la Santa Sede sulla famiglia russa alla via Crucis

Papa Bergoglio aveva deciso, per la via Crucis di venerdi prossimo a Roma, di unire due famiglie, una russa e una ucraina, dietro la croce. Ciascuna delle 14 stazioni vedrà una famiglia portare la croce e due di queste famiglie saranno appunto una russa e una ucraina.
Una iniziativa di pace che non è piaciuta all’ambasciata ucraina presso la Santa Sede che chiede di fatto di rivedere la scelta.
Capiamo e condividiamo “la preoccupazione generale in Ucraina e in molte altre comunità sull’idea di mettere insieme le donne ucraine e russe nel portare la Croce durante la Via Crucis di venerdì al Colosseo” ha scritto l’ambasciata. E ha aggiunto: “Ora stiamo lavorando sulla questione cercando di spiegare le difficoltà della sua realizzazione e le possibili conseguenze”.
Noi abbiamo raggiunto il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. “È scandaloso che qualcuno con autorità politica ritenga di dire che queste famiglie non possano stare insieme neanche davanti alla croce di Cristo” dice ai nostri microfoni:


 

Riprende il dialogo tra Governo e Comuni dopo l’allarme bilancio lanciato da Sala

È ricominciato il dialogo tra Governo e Comuni dopo l’allarme bilancio lanciato dal sindaco di Milano Giuseppe Sala. Il primo cittadino ha duramente attaccato il governo per i mancati ristori dovuti alla pandemia, alla crescita dei costi energetici, e all’arrivo dei rifugiati ucraini.
Intanto il segretario della Lega Matteo Salvini ha scambiato gli investimenti privati per il nuovo stadio di San Siro per quelli di funzionamento dei servizi comunali milanesi.

(di Fabio Fimiani)

Dopo Pasqua ci sarà un incontro tra il governo e l’Anci, l’associazione dei comuni italiani, sull’impossibilità per le amministrazioni locali di predisporre i bilanci preventivi per la fine di maggio.
Il sindaco di Milano Giuseppe Sala in consiglio comunale ha duramente attaccato dicendo che “il governo non merita fiducia, e non ascolta la città”.
Sono settimane che il primo cittadino si muove, sia con Anci che autonomamente, per riuscire a mantenere innanzitutto la spesa corrente. Si tratta della parte di bilancio di funzionamento dei comuni, quella dove mancano le entrate per la pandemia come i tributi locali, e dove sono aumentati i sostegni sociali, e i costi, come quelli energetici.
L’Anci della Lombardia, e quella nazionale, da venti giorni hanno indicato al governo le tre priorità, per non dire emergenze, per riuscire a pianificare la spesa dei comuni nel 2021.
Oltre alla riduzione dei ristori della pandemia rispetto a 2020 e 2021, pur non essendo cessati né i problemi sanitari, né quelli sociali, si sono aggiunti quelli per l’accoglienza dei rifugiati ucraini, le accresciute bollette di luce e gas dei palazzi e impianti pubblici, e anche i costi aumentati dei cantieri per rispettare gli incentivi del 110% sulle ristrutturazioni, e anche sulle opere del piano nazionale di ripresa e resilienza.
Il sindaco di Milano Sala ha indicato come una delle possibilità quella di consentire ai comuni di usare gli avanzi di bilancio del 2021, posizione anche di Anci.
Il primo cittadino ha pure polemizzato con il segretario della Lega Matteo Salvini, che su Twitter ha affermato che le casse del Comune di Milano sarebbero vuote e l’amministrazione disdegna un miliardo di investimenti per il nuovo stadio di San Siro proposto da Milan e Inter. “Ecco un altro che non studia – ha commentato Sala – e non sa cosa è un bilancio, e neppure le regole per i lavori pubblici”.

L’ANPI replica all’attacco di Massimo Gramellini sul Corriere

In un editoriale sulla prima pagina del Corriere della Sera Massimo Gramellini ha definito l’Anpi “Associazione Nazionale Putiniani d’Italia”, criticando il manifesto intitolato “L’Italia ripudia la guerra” della illustratrice Alice Milani per il titolo e perché le bandiere tricolori appese alle finestre sono in verticale, affermando che si tratti di un omaggio inconscio all’Ungheria di Orban. È solo l’ultimo di una serie di attacchi della stampa italiana all’Associazione dei partigiani, dopo la posizione espressa dai suoi vertici contro la guerra e contro l’invio delle armi. Ne abbiamo parlato con il presidente dell’Anpi provinciale di Milano, Roberto Cenati:


 

Sparatoria nella metropolitana di New York

C’è stata una sparatoria nella metropolitana di New York. Un uomo ha aperto il fuoco ferendo almeno 13 persone, dopo avere lanciato dei fumogeni. Poi è fuggito. La polizia lo sta ricercando.
Secondo alcuni testimoni l’uomo indossava una maschera antigas e un giubbino arancione simile a quello dei lavoratori della metropolitana.
In un primo momento si pensava che ci fossero nell’area della sparatoria degli ordigni inesplosi, poi la polizia di New York ha precisato che non sono stati trovati “ordigni esplosivi attivi” attorno alla zona della metropolitana di New York in cui è avvenuta la sparatoria.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 83.643 i nuovi contagi da COVID nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute. 169 le vittime, in aumento rispetto alle 115 di ieri. Stabile al 14,8% il tasso di positività. In calo le terapie intensive e i ricoveri ordinari.
Oggi il direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco, Nicola Magrini, ha annunciato che dalla prossima settimana i farmaci anti-COVID saranno prescrivibili dai medici di base e disponibili nelle farmacie.
Intanto da questa mattina sono iniziate le somministrazioni della quarta dose di vaccino agli over 80, agli ospiti delle RSA e alle persone fragili dai 60 anni in su.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 16/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

Adesso in diretta