Approfondimenti

Il caso Durigon e il silenzio di Draghi, la confusione negli ospedali di Milano sul Green Pass e le altre notizie della giornata

durigon ANSA

Il racconto della giornata di martedì 10 agosto 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Voleva togliere l’intitolazione di un parco di Latina a Falcone e Borsellino per dedicarlo al fratello di Benito Mussolini: oggi quasi tutti chiedono le dimissioni di sottosegretario leghista all’economia Claudio Durigon, mentre il premier Draghi non si è ancora espresso. Non tutti gli ospedali di Milano sono pronti a chiedere il Green Pass ai visitatori: ecco cosa abbiamo scoperto. In Afghanistan i talebani hanno conquistato il settimo capoluogo di provincia, Farah. Infine l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Tutti (o quasi) vogliono le dimissioni del sottosegretario leghista Durigon

Voleva togliere l’intitolazione di un parco di Latina a Falcone e Borsellino per dedicarlo al fratello di Benito Mussolini. Oggi PD, Movimento 5 Stelle e LeU chiedono le dimissioni dal governo del sottosegretario leghista all’economia Claudio Durigon. Sentiamo cosa ha detto nei giorni scorsi in un comizio a Latina:

Il segretario del PD Enrico Letta, il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte e quello di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni hanno chiesto in coro le sue dimissioni altrimenti a settembre depositeranno la mozione di sfiducia. Il partito di Renzi, Italia Viva, per il momento non si esprime sulla sfiducia o sulle dimissioni, unica a parlare Teresa Bellanova che parla di una brutta pagina politica e dice che le parole di Durigon sono irricevibili e che l’apologia di fascismo è un reato.

Tra chi si è espresso nettamente a favore della sfiducia o delle dimissioni è Elio Vito di Forza Italia. Lo abbiamo intervistato:

Sulla vicenda pesa ancora per il momento il silenzio del capo del governo Mario Draghi, che però potrebbe avere un ruolo per risolvere la vicenda facendo pressioni sul leader leghista Salvini per convincere Durigon a lasciare il governo. Sentiamo il politologo Piero Ignazi:

Ma le polemiche sul caso Durigon, oltre a far litigare la maggioranza, riportano d’attualità la questione degli omaggi ai capi del fascismo nella toponomastica. Omaggi che ancora sono presenti in molte, troppe, città italiane.

La confusione sul Green Pass negli ospedali di Milano

Dall’entrata in vigore del Green pass, il 6 agosto, è diventato possibile andare a trovare i propri parenti in ospedale se muniti di certificazione verde. Questo in teoria. Radio Popolare ha provato a vedere com’è la situazione chiamando alcuni ospedali lombardi, questo è quello che abbiamo scoperto.

Dall’assessorato al welfare della Regione Lombardia fanno sapere che è stata mandata una circolare agli ospedali e che, contestualmente, è stato fatto anche un incontro con le direzioni sanitarie per parlarne. L’oggetto sia della circolare che dell’incontro erano le direttive per l’ingresso nelle strutture di esterni e parenti degli ospiti con il Green pass.
Secondo l’assessorato poi tocca alle strutture, tenendo conto di queste direttive, produrre un proprio regolamento, a seconda delle specificità della struttura. Ogni ospedale, fanno sapere dall’assessorato, ha bisogno di tempo per organizzarsi. Quindi, per il momento, la Regione non ha intenzione di intervenire.
Intanto, come ha dimostrato l’inchiesta di Radio Popolare, pare che regni la confusione e la mancanza di una linea sull’argomento. Abbiamo parlato con il capodelegazione del PD in Commissione sanità, Samuele Astuti:


 

L’ipotesi di una patente a punti per la sicurezza nelle aziende

Cinque morti sul lavoro in due giorni, gli ultimi due oggi: un operaio di 36 anni è precipitato da un’altezza di otto metri nella ditta dove stava lavorando nella provincia di Bergamo. Ad Asti un tecnico di 56 anni è morto ustionato mentre lavorava in un esercizio commerciale.
Gravi infortuni e incidenti mortali sono una piaga che non si ferma neanche ad agosto, in media dall’inizio della anno si registrano circa 2 vittime al giorno.
I sindacati chiedono in questo contesto drammatico interventi urgenti, tra cui l’idea di una patente a punti per le aziende sulla base degli infortuni registrati e delle condizioni di sicurezza. A proporla Cgil e Cisl. Sentiamo Luca Nieri, segretario generale di Fim Cisl Bergamo:

Da una parte, quindi, l’idea di assegnare un punteggio alle aziende più o meno virtuose nel campo della sicurezza. Dall’altra emerge anche la questione sulla formazione.
Oggi ci sono stati a Massa Finalese, in provincia di Modena, i funerali di Laila el Harim, operaia 40enne morta sul lavoro il 3 agosto scorso. Oggi dalla Procura, che sta indagando sull’incidente, è emerso che la donna non era stata formata per utilizzare il macchinario che l’ha travolta e uccisa. Sentiamo ancora Luca Nieri:


 

I talebani conquistano anche la città di Farah

Afghanistan. I talebani hanno conquistato il settimo capoluogo di provincia. Si tratta Farah,
nell’ovest del paese. Il loro prossimo obiettivo è Mazar al Sharif, la più importante città del nord dell’Afghanistan, storicamente più ostile agli ostile ai talebani. Domani l’inviato degli Stati Uniti per l’Afghanistan sarà nel Qatar per esortare gli insorti a fermare la loro offensiva militare e negoziare un accordo politico.

Sarà il diplomatico americano di origine afghana Zalmay Khalilzad a parlare domani con i talebani. Khalilzad è noto come l’architetto dell’accordo tra Stati Uniti e i talebani per il ritiro delle truppe americane raggiunto nel febbraio 2020 quando alla casa bianca c’era Donald Trump. Domani l’emissario di Biden chiederà prima di tutto ai leader degli insorti di fermare l’offensiva e al garante dell’accordo, cioè l’emiro del Qatar, di tentare una mediazione per riportare le due fazioni al tavolo della trattativa.
Un no da parte dei talebani sarebbe l’ennesimo smacco politico e diplomatico per gli Stati Uniti nel dossier afghano. Joe Biden non può non aver un piano B. Anche perché il Cremlino ha iniziato a muoversi con due esercitazioni militari, entrambe al confine con l’Afghanistan: la prima
insieme a Tagikistan e Uzbekistan e la seconda con l’esercito popolare cinese.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Tre regioni superano quota 100 contagi ogni 100mila abitanti nella settimana dal 2 all’8 agosto. Lo rileva l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). Si tratta della Sicilia (104,55), della Sardegna (142,03) e della Toscana (119,73).
In base ai nuovi parametri stabiliti, se in una regione l’incidenza dei casi di infezione settimanali per 100mila abitanti è compresa tra 50 e 150, per restare in zona bianca, il tasso di occupazione delle terapie intensive non deve superare il 10% e l’occupazione dei reparti ospedalieri non deve superare il 15%. Se questi parametri sono entrambi superati la regione passa in fascia gialla.
Se le condizioni epidemiche rimanessero invariate, la Sicilia potrebbe raggiungere nell’arco di 10 giorni i requisiti per essere classificata come zona gialla, mentre la Sardegna in 17 giorni: lo indica l’analisi condotta dal matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” del Cnr.

Alla luce di questo, i dati sembrano crescere così rapidamente da portare a una fine dell’estate senza restrizioni in anticipo rispetto all’anno scorso. Sentiamo cosa ne pensa il direttore di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 18/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 18/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 18/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 18/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 15/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 18/05/2022

  • PlayStop

    La famiglia di 2,3 membri

    quando vi chiediamo quanto spendete al mese, poi andiamo a lezioni di cinese e infine torniamo a Singapore a vedere…

    Poveri ma belli - 18/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per quell'omicidio sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio domani si terrà…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 18/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 18/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti e Mariella Cao, portavoce del comitato “Gettiamo le basi”,…

    Prisma - 18/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 18/05/2022

Adesso in diretta