Approfondimenti

L’esplosione della diga sul fiume Dnipro, le torture in questura a Verona, Meloni in Tunisia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 6 giugno 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30.Per tutta la giornata di oggi Mosca e Kiev si sono rimpallate le accuse per l’esplosione che ha distrutto la diga sul fiume Dnipro vicino a Nova Khokovka. L’Onu dice di non avere informazioni indipendenti. Al di là delle responsabilità, è evidente il danno enorme che subisce e subirà la popolazione ucraina per questo attacco. Verona. Cinque poliziotti arrestati, altri 23 rimossi dal loro incarico. Questo l’epilogo di 8 mesi di indagini, durante i quali gli agenti della squadra mobile di Verona hanno portato alla luce episodi di violenze avvenute tra le pareti della stessa Questura. Le vittime sono stranieri, senza tetto e fragili, la pm: “La matrice è chiaramente razzista”. In Francia oggi è stata la 14esima giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni, ma il provvedimento ormai è legge.


Un’esplosione ha distrutto la diga sul fiume Dnipro

Per tutta la giornata di oggi Mosca e Kiev si sono rimpallate le accuse per l’esplosione che ha distrutto la diga sul fiume Dnipro vicino a Nova Khokovka. L’Ucraina ha accusato la Russia di aver condotto un attacco deliberato per impedire alle forze ucraine di attraversare il fiume Dnipro, mentre il Cremlino ha detto che si è trattato di un “atto terroristico” ucraino con lo scopo di “impedire le operazioni offensive dell’esercito russo” sul fronte di Kherson. Per il momento, però, non ci sono informazioni indipendenti sulle dinamiche – e quindi sulle responsabilità – dell’attacco.
Al momento è impossibile avere informazioni precise su cosa è successo. Anche l’Onu, che ha convocato una riunione d’urgenza del Consiglio di sicurezza per questa sera, su richiesta sia di Mosca che di Kiev, ha fatto sapere di non essere in possesso di informazioni indipendenti sulle circostanze che hanno portato alla distruzione della diga, ma – ha aggiunto il segretario generale Guterres – una cosa è chiara: questa è un’altra devastante conseguenza dell’invasione russa”. Al di là delle responsabilità, è evidente il danno enorme che subisce e subirà la popolazione ucraina per questo attacco. Già 17mila persone sono state evacuate e le operazioni stanno continuando. Il picco delle alluvioni probabilmente ci sarà domani e quindi il numero di persone coinvolte è destinato a salire fino a diverse decine di migliaia.
In Ucraina abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Sabato Angieri

L’acqua del bacino idrico della diga rifornisce anche la penisola di Crimea, annessa dalla Russia nel 2014, che quindi potrebbe a sua volta trovarsi ad affrontare problemi legati all’irrigamento dei campi e all’elettricità, ma rifornisce anche la centrale nucleare di Zaporizhzhia. Per il momento, però, gli esperti dicono che la centrale non è a rischio perché l’acqua di raffreddamento viene fornita da un laghetto accanto alla struttura.
La distruzione della diga, comunque avrà effetti anche dal punto di vista militare. Sentiamo Alessandro Marrone, analista militare dell’Ispi

A Verona quattro agenti e un ispettore agli arresti domiciliari per torture

Verona. Cinque poliziotti arrestati, altri 23 rimossi dal loro incarico. Questo l’epilogo di 8 mesi di indagini, durante i quali gli agenti della squadra mobile di Verona hanno portato alla luce episodi di violenze avvenute tra le pareti della stessa Questura.
Questa mattina, a finire agli arresti domiciliari sono stati un ispettore e quattro agenti, che devono rispondere non solo di violenze e torture, ma anche, tra gli altri capi, di lesioni, abuso d’ufficio e falso, per aver coperto i soprusi nei verbali. Almeno sette le persone picchiate mentre erano sottoposte alla loro custodia cautelare, costrette a subire schiaffi e umiliazioni, forzate per esempio ad asciugare la propria urina strisciando per terra.
“Hanno tradito la loro funzione” secondo la gip di Verona, Livia Magri, che nell’ordinanza parla anche di chiaro stampo razzista delle violenze, le quali riguardano, in modo quasi esclusivo, stranieri e senza fissa dimora, “dunque soggetti deboli”. Altri 23 agenti sono stati rimossi dagli incarichi e spostati ad altre mansioni: avrebbero assistito alle violenze e pur non avendone preso parte, non avrebbero fatto nulla.
Di un “vero e proprio sistema di coperture per coprire responsabilità e allontanare sospetti” parla la senatrice dell’Alleanza Verdi e Sinistra, Ilaria Cucchi, che torna a chiedere il codice identificativo e bodycam per tutto il personale delle forze di polizia.

La visita della premier Meloni in Tunisia

Giorgia Meloni oggi è stata in Tunisia per una visita ufficiale. La presidente del Consiglio ha incontrato il suo omologo Saied. Al centro del vertice il tema migranti e la situazione del paese, che da mesi attraversa una profonda crisi sociale ed economica.
Meloni ha detto che l’Italia sta lavorando per sbloccare il pacchetto di aiuti da 2 miliardi di euro del Fondo monetario internazionale, senza cui il paese rischia il default. In cambio, però, la Tunisia deve avviare una serie di riforme strutturali, a cui Saied – che ha imposto una svolta autoritaria al suo governo – finora ha detto no. Meloni dunque ha provato oggi a ritagliarsi un ruolo da mediatrice, annunciando che presto parlerà con gli Stati Uniti e lo stesso Fmi per sbloccare la situazione.
La sua principale preoccupazione sono i migranti. “Con la Tunisia abbiamo fatto un ottimo lavoro. A maggio gli sbarchi sono diminuiti”, ha detto la premier italiana. Ma se la situazione dovesse precipitare, le partenze dalla Tunisia potrebbero aumentare esponenzialmente. Lorenzo Fruganti, ricercatore dell’Ispi per il Nord Africa

D’Alema e Profumo indagati per la vendita di navi e aerei militari alla Colombia

La vicenda per cui sono indagati D’Alema e Profumo aveva già fatto una vittima illustre: l’ex amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Bono. Nel 2022 un’inchiesta giornalistica aveva svelato il business con la Colombia e l’allora governo Draghi decise di non riconfermare Bono nel suo incarico una volta giunto a scadenza. Oggi la Procura di Napoli contesta a D’Alema e Profumo, all’epoca amministratore di Leonardo, la corruzione internazionale aggravata per un loro ruolo da promotori nella vendita di sottomarini militari e aerei da guerra alla Colombia da parte di Finmeccanica e altre aziende del gruppo Leonardo. Una commessa molto importante: 4 miliardi di euro.
Tra gli indagati c’è anche Giuseppe Gordo, ex direttore generale di fincantieri. La commissione riconosciuta ai mediatori sarebbe stata di 80 milioni di euro e secondo i magistrati, il 50% della cifra, cioè 40 milioni di euro, sarebbe stata in nero. Da qui l’accusa di corruzione. Tra gli indagati anche la ex vicepresidente della Colombia e ministra degli esteri, Marta Lucia Ramirez.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

Adesso in diretta