Approfondimenti

Il terzo round di negoziati in Bielorussia, i corridoi di propaganda di Putin e le altre notizie della giornata

profughi ucraina moldavia ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 7 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel dodicesimo giorno di guerra in Ucraina si è svolto il terzo round di negoziati in Bielorussia tra una delegazione russa e una ucraina. I combattimenti, però, non si sono interrotti neanche oggi, in corso anche a Irpin, alla periferia di Kiev: abbiamo raccolto delle testimonianze di quanto accaduto nelle ultime ore. Putin, intanto, ha sì aperto dei corridoi umanitari per permettere ai cittadini ucraini di fuggire dalla guerra, ma li ha aperti con destinazione finale la Russia e la Bielorussia. La repressione in Russia contro chi protesta contro l’invasione dell’Ucraina si inasprisce e nel Paese si inizia a limitare l’acquisto di beni essenziali in grandi volumi per evitare che si sviluppi il mercato nero. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il terzo round di negoziati non ferma i bombardamenti sull’Ucraina

Nel giorno in cui c’è stato il terzo round di colloqui tra le delegazioni di Mosca e Kiev, sono cadute ancora bombe russe sull’Ucraina. Oggi i combattimenti non si sono fermati. Sulla costa sud del paese, ma anche alla periferia di Kiev. I civili non riescono a fuggire dalle città assediate, dove mancano acqua, cibo, elettricità. Anche oggi i corridoi umanitari annunciati non sono stati attivati. Partiamo allora dalla situazione sul campo. In diretta Emanuele Valenti:

Questa la situazione, mentre è terminato poco fa il terzo round di colloqui tra le delegazioni di Mosca e Kiev in Bielorussia. E secondo Kiev ci sarebbero piccoli segnali positivi:


 

Le testimonianze da Irpin, periferia di Kiev

A Irpin, alla periferia di Kiev, è in corso una fuga di massa dopo le violenze di questi giorni, con la distruzione di un ponte e l’uccisione di diversi civili. Stamattina il reporter Claudio Locatelli è stato sul posto e ce lo ha raccontato così:

Della situazione a Kiev abbiamo parlato con il fotografo Alfredo Bosco, che ha lasciato la capitale da poche ore e adesso è a Leopoli, nella parte occidentale dell’Ucraina:


 

La repressione in Russia continua a colpire chi protesta contro l’invasione

In Russia i negozi limiteranno l’acquisto di beni essenziali in grandi volumi per evitare che si sviluppi il mercato nero, in particolare delle merci che provengono dall’estero e sono soggette a sanzioni. Per i cittadini che hanno rapporti con l’estero si vedono le prime conseguenze. In particolare per chi deve trasferire denaro a familiari fuori dal Paese. 
Intanto la repressione continua a colpire chi protesta contro l’invasione dell’Ucraina. Sono stati licenziati i firmatari di una petizione contro la guerra – che Putin definisce “operazioni speciali” in Ucraina – mentre gli arrestati tra coloro che hanno partecipato a manifestazioni sono migliaia in tutto il paese.
 Maria Chiara Franceschelli, ricercatrice della Scuola Normale superiore di Pisa, specializzata in società civile nell’ex spazio sovietico
:


 

I racconti dei profughi ucraini arrivati in Italia

(di Anna Bredice)

Dalle 9 di questa mattina un flusso continuo. Ieri sono stati cinquecento, oggi le stime sono molto più alte, a gruppi di famiglie i profughi ucraini si avvicinano al grande tendone al lato della stazione Termini per fare il tampone e ricevere una tessera sanitaria. A tradurre ai volontari della Croce rossa che li accolgono sono spesso le loro madri, che si trovano in Italia già da anni e che non vedevano l’ora di riabbracciare i parenti. Se hanno figli maschi, questi sono rimasti in Ucraina e qui sono arrivate le loro nuore con i nipoti, molte madri sono andate in Polonia a prenderli per portarli a Roma. Moltissimi i bambini, spauriti, non sorridono e neppure ancora piangono. Si guardano intorno con gli occhi grandi, una nonna racconta che il nipote ripete che tra dieci giorni finisce la guerra e potrà tornare. Sono i racconti dei profughi qui a Roma, ma sono gli stessi racconti nelle altre città dove stanno arrivando grazie ad una rete di solidarietà molto intensa, oltre a quella famigliare data da una comunità ucraina ben presente in Italia. Nel cortile dietro l’hub, nell’attesa del tampone, raccontano la fuga dalle bombe, le case vicine ad un aeroporto colpito, il sonno solo per mezz’ora perché poi bisogna correre nei rifugi, e poi i treni strapieni e la coda al confine per passare dall’altra parte e mettersi in salvo:


 

I corridoi di propaganda: il cinico messaggio di Putin agli ucraini

(di Michele Migone)

Alla fine, il presidente francese Macron si è sentito usato. Domenica è stato un’altra ora e mezza al telefono con Vladimir Putin per convincerlo a fermare l’invasione dell’Ucraina. Tutto inutile. Una cosa però Macron pensava di avere ottenuto: l’apertura dei corridoi umanitari per evacuare i civili dalle città assediate. Sabato era stato impossibile farlo perché, secondo gli ucraini, i russi avevano continuato a bombardare. Mosca ha negato le accuse. Putin ha assicurato Macron che lunedì sarebbe stato diverso. Quando oggi il presidente francese ha capito lo scherzo che gli era stato tirato dal leader del Cremlino ha convocato la stampa per rilasciare un’intervista con cui ha accusato Putin di cinismo morale e politico. Già, perché Mosca ha effettivamente aperto dei corridoi umanitari ma con destinazione finale la Russia e la Bielorussia, non le zone dell’Ucraina lontane dal fronte e sotto il controllo del governo di Zelensky. Per gli abitanti di Mariupol, Kharhiv, Kiev l’unica possibilità offerta dai militari russi di uscire dall’incubo dei bombardamenti era accettare di entrare dentro i confini del paese aggressore. In qualità di rifugiati? Qualcuno li ha subito ribattezzati corridoi di propaganda. Perché in effetti uno degli obiettivi di questa mossa russa è stato subito abbastanza evidente: a beneficio delle telecamere, invertire la narrazione dell’invasione e riportarla alla retorica di Putin: gli ucraini scappano dai nazionalisti per rifugiarsi nelle braccia dei liberatori. Invece, come era prevedibile, nessuno ha usato questi corridoi. Perché le autorità di Kiev li hanno rifiutati, perché i civili, che si sentono ora i bersagli delle bombe russe, hanno continuato a scappare nella direzione opposta. Mosca sapeva bene che questa sarebbe stata la reazione alla sua mossa. Quindi, ben oltre la propaganda, il messaggio che voleva mandare agli ucraini, stremati dall’assedio era chiaro: avete solo un modo per uscire dalla guerra: la resa.

La marcia per la pace in Ucraina a Monte Sole

(di Riccardo Tagliati)

Faceva freddo ieri pomeriggio a Monte Sole, Marzabotto. Il timido sole di fine inverno sulle colline bolognesi non ha fermato le oltre mille persone che hanno risposto all’invito a marciare nei luoghi degli eccidi nazifascisti del 1944 per dire no alla guerra in Ucraina, a tutte le guerre.
Sindaci, amministratori, religiosi, politici ma anche tante famiglie, molte con bambini. Bandiere della pace, il tricolore dell’Anpi e qualche bandiera dell’Ucraina per quella che è una sorta di staffetta pacifista tra i luoghi della memoria italiana. Monte Sole infatti fa parte di una rete insieme a Carpi, dove c’è il campo di concentramento di Fossoli, a Casa Cervi, alla Risiera di San Sabba, Sant’Anna di Stazzema: luoghi che testimoniano la brutalità della guerra e che sono in campo per la pace. Simone Fabbri è il presidente della scuola di pace di Monte sole.

La marcia di Monte Sole è finita sulla tomba di don Giuseppe Dossetti, il partigiano, il costituente, il frate che molto si impegnò perché con l’Articolo 11 la nostra Costituzione rifiutasse per sempre la guerra.


 

Le due posizioni della sinistra francese sulla guerra in Ucraina

(di Luisa Nannipieri)

La sinistra francese ha condannato unanimemente l’invasione russa del 24 febbraio. Ma, come si dice, il diavolo è nei dettagli. Quel giorno l’ecologista Yannick Jadot ha firmato un comunicato in cui chiedeva di estromettere la Russia dalla comunità internazionale ed è sceso in piazza con Christiane Taubira circondato da bandiere Ucraine. La socialista Anne Hidalgo ha sottolineato la sua vicinanza al popolo e allo stato ucraino mentre il suo partito chiedeva una risposta europea all’altezza della situazione.
Jean-Luc Mélenchon, che in quel momento era in campagna nell’Oceano Indiano, ha parlato di una escalation insopportabile ma ha invitato a usare la diplomazia per ottenere un cessate il fuoco immediato e il ritiro di tutte le truppe straniere dal paese.
Mélenchon, che secondo i sondaggi sarebbe il meglio piazzato a sinistra con il 12% dei voti, è stato subito attaccato dai verdi e dai socialisti. Se Jadot e Hidalgo, dati al 6% e al 3%, accusavano il candidato della France Insoumise di essere troppo tenero con la Russia già dall’inizio della crisi, quando chiedeva di ascoltare le preoccupazioni del Cremlino sull’espansione della Nato, la socialista è arrivata ormai a classificarlo apertamente come un “agente che fa gli interessi di Putin” tanto quanto Marine Le Pen ed Eric Zemmour.
Dall’inizio della guerra a oggi, le posizioni delle anime della sinistra, che sono rappresentate da ben sei candidati sui 12 ufficialmente annunciati questo lunedì dal consiglio costituzionale, si sono fondamentalmente cristallizzate su due fronti. Da un lato troviamo i socialisti e i verdi, favorevoli all’invio di armi in Ucraina e ad accelerare la nascita di una difesa europea. Ma anche ad imporre un embargo sul gas russo e ad aumentare le sanzioni obbligando ad esempio gruppi come Total o il gigante del lusso LVMH a lasciare la Russia. Non stupisce quindi che Jadot e Anne Hidaglo fossero in prima linea alla manifestazione parigina del 5 marzo, dietro uno striscione in sostegno alla resistenza Ucraina.
Dall’altro lato, lo stesso giorno, Mélenchon ha trasformato il suo meeting di campagna a Lione in meeting per la pace, distribuendo ramoscelli d’ulivo e rivendicando il suo essere “non allineato”. Cioè qualcuno che “non è disposto ad accettare né l’escalation militare né quella diplomatica” e che rifiuta di “accettare un ordine mondiale che vede da un lato la Nato e dall’altro un blocco russo-cinese.” Una posizione vicina a quella del comunista Fabien.
Russel, favorevole a una soluzione politica e diplomatica, visto che “l’alternativa sarebbe un’escalation guerriera e una catastrofe per l’umanità”. Ma anche a quelle dell’operaio anticapitalista Philippe Poutou, che parla di conflitti tra potenze imperialiste per interposta nazione, o di Nathalie Arthaud di Lutte Ouvrière, che si è detta disgustata da un’Unione Europea guerrafondaia. Tra sinistra responsabile, sinistra non allineata e sinistra anti-imperialista, i francesi che andranno a votare tra cinque settimane avranno l’imbarazzo della scelta.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta