Approfondimenti

I migranti esportati in Albania, il cimitero di bambini a Gaza e le altre notizie della giornata

Giorgia Meloni

Il racconto della giornata di lunedì 6 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. I Migranti saranno espostati dall’Italia in Albania. “La striscia di Gaza si sta trasformando in un cimitero di bambini” le parole del segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Un consiglio dei ministri convocato d’urgenza ha dato la cittadinanza italiana a Indi Gregory, bambina inglese di 8 mesi che ha una malattia giudicata inguaribile.

Migranti esportati in Albania

(di Anna Bredice)
Più di 30 anni fa il fenomeno migratorio verso l’Italia iniziò proprio dalle coste albanesi con le navi stracariche di migranti, ora per una sorta di contrappasso i migranti che l’Italia non vuole accogliere sul proprio territorio verranno dirottati verso l’Albania, dove saranno costruiti due centri, uno per il primo screening di identificazione e l’altro sarà un vero centro per il rimpatrio, due enclave italiane in territorio albanese. Questa è l’ultima trovata di Giorgia Meloni, che dopo aver visto fallire il suo piano di accordo con Tunisi, si rivolge ora al suo omologo albanese il quale dice, con un atteggiamento di chi non ha molta scelta, “se l’Italia chiama, l’Albania c’è.” Del resto l’Italia è il primo partner commerciale per Tirana e un accordo di questo tipo mette in sicurezza i legami d’affari, in secondo piano se l’Albania vuole entrare nell’Unione europea questa disponibilità verrà ben accolta, visto che toglie un po’ di castagne dal fuoco a Bruxelles. Oggi i due capi di governo hanno firmato un protocollo di intesa, che prevede la creazione di un centro sulla costa albanese per le operazioni di sbarco e di identificazione, il secondo centro più all’interno sarà un vero Cpr, i centri per i rimpatri, da lì quindi i migranti dovrebbero essere rimpatriati direttamente, senza mai mettere piede in Italia. Le due strutture infatti avranno una giurisdizione italiana, l’Albania farà solo la sorveglianza esterna. Verso l’Albania, dalla prossima primavera quindi, da quel che per ora si sa del protocollo d’intesa, arriveranno i migranti che saranno salvati in mare dalle navi militari italiane, non coloro che approdano sulle coste italiane e nemmeno chi è stato soccorso dalle navi delle Ong. Di più al momento non si sa, se non che donne incinte, minori e persone fragili saranno portati in Italia. Rimangono tanti punti non chiari, la giurisdizione sarà italiana, ma a chi dovranno rivolgersi le persone richiedenti asilo per presentare un ricorso? Se è già così difficile sapere esattamente cosa accade nei Cpr italiani, nei due che verranno costruiti in Albania e che avranno una capienza di 3000 persone si rischia di sapere ancora meno. Meloni trova una via di fuga dal problema immigrazione, che non riesce a risolvere da tempo, con hot spot strapieni e regioni che non vogliono i Cpr, neppure quelle governate dalla destra.

Medio Oriente, Gaza è un cimitero di bambini

“La situazione a Gaza è più di una crisi umanitaria, è una crisi dell’umanità”. Così il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha denunciato le condizioni in cui i civili nella striscia sono costretti a vivere, lanciando un nuovo appello per un cessate il fuoco. “La striscia di Gaza si sta trasformando in un cimitero di bambini”, ha continuato Guterres. Oggi secondo il ministero della salute della striscia il numero delle vittime causate da un mese di bombardamenti ha superato quota 10mila, tra i quali più di 4mila minori.
Oggi si è anche concluso il viaggio in Medio Oriente del segretario di stato americano Antony Blinken. Secondo Blinken, gli sforzi dell’amministrazione Biden per aumentare il flusso di aiuti umanitari nella Striscia di Gaza e per impedire all’Iran di espandere il conflitto stanno facendo progressi.

Tra poco torniamo sul viaggio diplomatico del segretario Usa, ma prima gli aggiornamenti della giornata. In studio Emanuele Valenti:
“Prima delle parole di Guterres c’era stato un raro comunicato congiunto da parte di tutte le agenzie umanitarie delle Nazioni Unite, insieme ad alcune Ong, per chiedere nuovamente una tregua umanitaria e condannare la situazione a Gaza, definita inaccettabile.
Le ultime 24 ore, stando al resoconto dell’esercito israeliano e al racconto di alcuni palestinesi, sarebbero state tra le più intense dall’inizio della guerra, soprattutto per i bombardamenti aerei.
La notte scorsa, quando la Striscia era scollegata dalla rete telefonica e dalla copertura internet, i palestinesi avrebbero portato morti e feriti all’ospedale Al-Shifa di Gaza City – ha detto il direttore della struttura – nelle loro auto oppure su degli asini, perché non potevano chiamare le ambulanze.
Questo pomeriggio la Mezza Luna palestinese ha detto invece che le ambulanze non possono muoversi nella zona dell’ospedale Al-Quds, sempre a Gaza City.
La principale città della Striscia sarebbe circondata dai soldati israeliani.
Gaza è ormai divisa in due.
Nella zona nord, dove c’è Gaza City, ci sarebbero come minimo 300mila persone, probabilmente di più.
L’UNRWA, agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, ha già perso a Gaza 88 lavoratori.
Dal valico di Rafah, tra Gaza ed Egitto, sono usciti ancora dei cittadini stranieri e dei feriti gravi. Gli egiziani dicono circa 100 persone. In attesa ce ne sarebbero altre 7mila.
Ancora scambi a fuoco, piuttosto intensi, nel nord tra esercito israeliano ed Hezbollah libanesi.”

Come dicevamo in apertura oggi Blinken ha incontrato ad Ankara il ministro degli esteri turco, concludendo il suo secondo viaggio in medio oriente, tra le crescenti richieste dei paesi arabi per un cessate il fuoco.
Roberto Festa:
“Non ci sono grandi ragioni di ottimismo, dopo la visita di Antony Blinken in Medio Oriente. O meglio, non ci sono le ragioni di ottimismo che l’amministrazione Biden vuole trasmettere. Sarebbe forse eccessivo dire che Blinken torna a Washington senza aver realizzato nulla. Qualcosa in questi giorni è successo. L’amministrazione americana tiene aperto il dialogo con tutte le parti. Non c’è stato, almeno sinora, l’allargamento temuto del conflitto. E Blinken ha comunque chiarito a Benjamin Netanyahu che per gli Stati Uniti il numero crescente di vittime civili a Gaza rappresenta un problema. Detto questo, c’è poco altro che Blinken è riuscito a ottenere durante il suo viaggio. Israele, appunto, non ha acconsentito alla pausa umanitaria. I paesi arabi non paiono pronti a discutere il futuro di Gaza, in particolare un ruolo di governo per l’autorità nazionale palestinese nella Striscia, mentre è ancora in corso un’offensiva militare così pesante. Del resto, almeno in questa fase del conflitto, sia il governo israeliano sia i Paesi arabi devono ascoltare le proprie opinioni pubbliche, particolarmente radicalizzate, poco disposte a fare concessioni alla parte avversa. E questa è una dinamica che l’amministrazione Biden, almeno per il momento, non può modificare.”

Tra le tappe del viaggio del segretario di stato Usa anche Ramallah, dove Blinken ha incontrato il presidente palestinese Abu Mazen. Secondo quanto riferito dall’amministrazione Statunitense, l’Autorità Nazionale Palestinese dovrebbe svolgere un ruolo centrale in ciò che verrà per la striscia di Gaza dopo la guerra.
Su questa ipotesi abbiamo chiesto un commento a Lorenzo Cremonesi, inviato in Israele e Palestina del Corriere della Sera.

 

Suicidio assistito, Indi Gregory e Sibilla Barbieri

Un consiglio dei ministri convocato d’urgenza ha dato la cittadinanza italiana a Indi Gregory, bambina inglese di 8 mesi che ha una malattia giudicata inguaribile. I medici britannici dicono che sta morendo e che continuare a cercare di curarla è accanimento terapeutico, ma ora potrebbe essere portata nel nostro paese. Il servizio di Andrea Monti:

La decisione del governo Meloni è arrivata poco prima delle 15 italiane. A quell’ora dovevano essere staccate le macchine che tengono in vita la bambina, con l’autorizzazione della magistratura inglese ma contro la volontà dei genitori. A questo punto Indi Gregory potrebbe essere ricoverata all’ospedale Bambino Gesù di Roma, se si riuscirà a farcela arrivare. Secondo indiscrezioni di stampa, dopo il consiglio dei ministri il padre e la madre avrebbero fatto ricorso all’alta corte di Londra per chiedere il trasferimento della figlia nel nostro paese. Il loro avvocato italiano è Simone Pillon, ex senatore leghista e cattolico reazionario, già attivo nel 2018 su una vicenda simile, quella di un altro bambino inglese, Alfie Evans. Anche a lui fu data la cittadinanza italiana, in quel caso dal governo Gentiloni, ancora in carica dopo le elezioni vinte dal Movimento 5 stelle ma prima dell’accordo con la Lega che avrebbe portato Conte alla presidenza del consiglio. Anche allora la famiglia aveva chiesto di portare il bambino nel nostro paese, ma la magistratura britannica aveva detto no ed era morto pochi giorni dopo. “Dicono che non ci siano molte speranze per la piccola Indi, ma fino alla fine farò quello che posso per difendere la sua vita” ha scritto Meloni sui social network pubblicando una foto della bambina.

Mentre il governo dice di voler portare in Italia una bambina che non può decidere sulla sua vita, lo Stato italiano costringe una persona di 58 anni – anche lei malata inguaribile – a espatriare per ottenere di poter morire. Sibilla Barbieri, paziente oncologica terminale, ha ottenuto il suicidio assistito in Svizzera. La Asl romana a cui si era rivolta le aveva detto no perché non dipendeva da un trattamento di sostegno vitale, requisito indicato dalla corte costituzionale nella sua sentenza del 2019 su questo tema. L’associazione Coscioni ha diffuso un ultimo video registrato dalla donna, in cui parla di “discriminazione gravissima tra i malati oncologici e chi si trova anche in altre condizioni non terminali. Ho deciso di ottenere aiuto andando in Svizzera – dice Barbieri – perché possiedo i 10mila euro necessari e posso ancora andarci fisicamente, anche se sono al limite. Ma tutte le altre persone condannate a morire da una malattia che non possono perché non hanno i mezzi, sono sole o non hanno le informazioni, come fanno?” La donna è stata accompagnata in Svizzera dal figlio e dagli attivisti Marco Perduca e Marco Cappato. Domani tutti e tre si autodenunceranno per averla aiutata.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 15:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta