Approfondimenti

Il devastante terremoto in Turchia e Siria, le preoccupazioni di Salvini e Berlusconi e le altre notizie della giornata

Terremoto Siria Turchia ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 6 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La scorsa notte l’area al confine fra Turchia e Siria è stata colpita da una scossa di magnitudo 7.8 che ha fatto collassare migliaia di edifici ed è stata seguita da una serie di altri sismi. Dalla quantità di volte in cui la Lega di Salvini si affanna ad assicurare che le regionali non sono un problema per il governo, si capisce che invece la preoccupazione è proprio questa. Ed è la stessa preoccupazione di Silvio Berlusconi. Ha attraccato nel pomeriggio al porto di Napoli la nave umanitaria Sea Eye 4, dell’omonima ong tedesca. A bordo 106 persone, tra i quali alcuni bambini subito trasportati in ospedale per cure urgenti. I tempi per l’avvio di quella che si pensava sarebbe stata un’offensiva di primavera si stanno accorciando: le operazioni militari di Mosca potrebbero iniziare già entro una decina di giorni. Intanto la Rai ha ufficializzato che Zelensky non sarà in video a Sanremo, ma Amadeus leggerà una sua lettera: si chiude così, con il tipico compromesso all’italiana, la vicenda che ha suscitato tante polemiche.

Migliaia di vittime per il violento terremoto al confine tra Turchia e Siria

Un terremoto devastante, con migliaia di vittime già accertate e il loro numero che continua a salire di ora in ora. La scorsa notte l’area al confine fra Turchia e Siria è stata colpita da una scossa di magnitudo 7.8 che ha fatto collassare migliaia di edifici ed è stata seguita da una serie di altri sismi, più deboli ma in alcuni casi comunque potenti, che hanno continuato a causare crolli mentre erano in corso le ricerche – e lo sono ancora – delle persone rimaste sotto le macerie. L’ultimo aggiornamento dei dati ufficiali parla di oltre 2.650 vittime accertate, di cui circa 1.650 in Turchia e 1.000 in Siria. Numeri destinati ad aumentare: l’Organizzazione mondiale della sanità stima che alla fine i morti potrebbero essere otto volte di più rispetto alle stime iniziali. La scossa più forte è stata in piena notte e in pieno inverno, quando le persone dormivano dentro gli edifici. Nelle ore successive il sisma più potente è stato di magnitudo 7.5, a metà mattina, ma nel complesso ci sono state decine di terremoti, che hanno colpito anche zone già devastate da anni di guerra. Lava è una ragazza che vive nella città siriana di Raqqa e collabora con l’associazione “Un ponte per”:

In Turchia poco fa il presidente Erdogan ha dichiarato una settimana di lutto nazionale. Alcune ore prima aveva definito il terremoto come il disastro peggiore che ha colpito il paese dal 1939, quando un sisma di magnitudo 7.6 causò circa 33mila vittime. Ad Ankara abbiamo sentito Valeria Giannotta, professoressa universitaria e direttrice scientifica dell’osservatorio Turchia del Cespi:

A livello internazionale in queste ore continuano a venire annunciati aiuti verso Turchia e Siria, dai paesi vicini come Israele fino all’Unione Europea – che stasera organizzerà un coordinamento – e alle Nazioni Unite. Da capire quali saranno i tempi di questi interventi, quanto saranno efficaci. In vista delle prossime ore – oltre alle nuove scosse che potrebbero arrivare – c’è preoccupazione per le condizioni meteo, dato che nelle zone colpite sono previste forti piogge e nevicate, che rischiano di complicare il lavoro del personale di soccorso e di rendere la situazione ancora più dura per chi è rimasto senza casa. In termini di potenza il terremoto della scorsa notte è stato paragonato all’equivalente di 130 bombe atomiche. Sulle caratteristiche della scossa più devastante abbiamo intervistato Alessandro Amato, sismologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia:


 

I timori di Salvini e Berlusconi con l’avvicinarsi delle regionali

(di Anna Bredice)

Dalla quantità di volte in cui la Lega si affanna ad assicurare che le regionali non sono un problema per il governo, si capisce che invece la preoccupazione è proprio questa. E cioè che il risultato delle elezioni regionali del prossimo fine settimana confermino il dominio di Fratelli d’Italia all’interno della coalizione che negli ultimi mesi non ha più nulla di centro, ma molto di destra. È il primo voto da quando c’è il governo Meloni, quindi il primo riscontro reale a cento giorni dall’insediamento, soprattutto in due regioni importanti, Lazio e Lombardia, quest’ultima terra di provenienza sia di Berlusconi che di Salvini, i quali ora temono di uscire ancora più sconfitti di quanto lo sono stati a settembre. Salvini per due volte oggi ha ribadito che il governo è unito e che farà i suoi cinque anni a Palazzo Chigi, anche qui una ripetizione che nasconde invece la paura, il timore che nemmeno quel regalo che gli ha fatto Giorgia Meloni di un primo via libera all’autonomia differenziata possa far recuperare i voti perduti. E Giorgia Meloni si comporta come se avesse già una grande vittoria in tasca, certa che il suo elettorato non lo ha perso, anzi magari ne ha guadagnati ancora, in particolare nella sua regione, nel Lazio, dove la strada le appare in discesa, viste le opposizioni divise al voto. È qui che rivendica e mostra la sua vera indole, quella di una destra aggressiva, che assomiglia di più al comizio di Vox che alla leader di Palazzo Chigi che vuole rassicurare tutti. Tono rivendicativo, a tratti aggressivo, parlata romanesca, nei comizi per il suo candidato Rocca è il capo partito che vuole prendersi tutto, quasi indifferente agli effetti che una sconfitta di Forza Italia e Lega potrà avere sul governo e sui suoi equilibri.

La nave umanitaria Sea Eye 4 arriva a Napoli con 106 persone

Ha attraccato nel pomeriggio al porto di Napoli la nave umanitaria Sea Eye 4, dell’omonima ong tedesca. A bordo 106 persone, tra i quali alcuni bambini subito trasportati in ospedale per cure urgenti. Nella traversata tre migranti sono morti, due prima del salvataggio e uno stanotte, dopo un’evacuazione medica.
A Pozzallo, in Sicilia, è arrivato autonomamente un barcone con a bordo 300 persone: “È l’ennesimo episodio”, ha commentato il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna, “che dimostra che non sono le ong la causa dell’aumento del numero degli sbarchi, ma bensì la complessa e difficile situazione internazionale”.
Situazione a cui l’Europa, e l’Italia, risponde equipaggiando e armando la cosiddetta guardia costiera libica: sono 130mila le persone intercettate in mare e riportate nei campi libici dal 2017 a oggi. Oggi ad Adria si è svolta la “cerimonia di consegna” di una nuova motovedetta, alla presenza della Ministra degli Esteri di Tripoli. Fare i conti di quanto è costata, dalla firma del memorandum di Minniti a oggi, l’esternalizzazione della frontiera sud dell’europa non è semplice: i contratti sono poco trasparenti e dati ufficiali non ce ne sono. Duccio Facchini è il direttore di Altreconomia:


 

Mosca potrebbe anticipare l’offensiva prevista per la primavera

I tempi per l’avvio di quella che si pensava sarebbe stata un’offensiva di primavera si stanno accorciando: le operazioni militari di Mosca potrebbero iniziare già entro una decina di giorni, scrive oggi il Financial Times citando funzionari ucraini. Il governatore della regione di Donetsk ha dichiarato oggi che nel Donbass la Russia sta ammassando truppe. Nel frattempo continuano i bombardamenti, mentre oggi è arrivato in Polonia il primo carro armato leopard canadese. A quasi un anno dall’inizio della guerra è intervenuto il segretario generale dell’ONU: “Le possibilità di un’ulteriore escalation e spargimento di sangue continuano a crescere, ha detto. Temo che il mondo stia camminando verso una guerra più ampia non come un sonnambulo, ma con gli occhi ben aperti”.
 

Zelensky non sarà in video a Sanremo

Volodimir Zelensky non sarà in video a Sanremo. Amadeus leggerà una sua lettera. Si chiude così, con il tipico compromesso all’italiana, la vicenda che ha suscitato tante polemiche. Iniziata con l’annuncio di Bruno Vespa di una richiesta informale da parte del presidente ucraino di mandare un messaggio agli italiani in occasione del Festival della Canzone, un evento musicale che ha sempre avuto seguito nei paesi che formavano l’Unione Sovietica. Appena uscita la notizia, un fuoco di fila é iniziato contro la sua presenza. Per motivi diversi, ma con una contrarietà comune, molti politici e intellettuali hanno detto no. Si va da coloro che storicamente sono stati vicini alla Russia di Putin come Salvini e Di Battista e si arriva a coloro che invece hanno detto di non spettacolarizzare la guerra come ha fatto, per esempio Cuperlo. Il quotidiano della Cei Avvenire invece ha chiesto la par condicio: parole di pace da ucraini e russi. Alla fine è intervenuto il Cda della Rai che una settimana fa ha deciso così di prendete in mano la patata bollente e metterla però subito dopo nelle mani di Stefano Colletta, il direttore dell’intrattenimento Rai, al quale è stato chiesto di visionare il video di Zelensky prima che andasse in onda nella serata finale di Sanremo. Una procedura da anni ’50, una sorta di censura preventiva di Viale Mazzini nei confronti di un capo di stato. È stato a questo punto che la vicenda ha assunto i contorni di un pasticcio politico e diplomatico dannoso per tutti: per la Rai, per il governo italiano e in fondo per lo stesso Zelensky, il quale, probabilmente, non era consapevole del fatto che il solo annuncio del suo intervento avrebbe suscitato tante polemiche in un paese formalmente schierato con l’Ucraina nella guerra contro la Russia. Pasticcio risolto oggi con la trasformazione del video in una testo che sarà letto da Amadeus. Decisione, dicono i dirigenti Rai, presa dallo stesso Zelensky e comunicata dall’ambasciata ucraina a Roma il 2 febbraio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 13/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 13-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 20:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 12-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 12/07/2024

    Quando la location di oggi è il cinema e allora mangiamo popcorn ascoltando alcune tra le più iconiche colonne sonore di film. Salutiamo Davino al suo ultimo giorno di PCTO mangiando pasticcini e chiudiamo le tre aste aperte dell’operazione primavera. Non solo divertimento perchè torniamo a parlare dei fondi di coesione europei che ci riportano in Sicilia.

    Poveri ma belli - 12-07-2024

Adesso in diretta