Approfondimenti

I no del governo sul caso di Ilaria Salis, la difficile trattativa per un cessate il fuoco e le altre notizie della giornata

Roberto Salis ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 5 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo l’incontro coi ministri Nordio e Tajani, le parole di Roberto Salis: “È andata molto peggio di quanto ci aspettassimo, non vediamo nessuna azione che possa alleviare la situazione di mia figlia”. C’è un’indagine aperta per istigazione al suicidio per la morte nel Cpr di Ponte Galeria di un migrante di 22 anni, Ousmane Sylla. La trattativa per un cessate il fuoco non sembra aver fatto dei progressi importanti, con le posizioni di Hamas e Israele ancora troppo distanti. In Cile i morti per gli incendi che da giorni stanno devastando il paese sono 122, mentre il California oltre 14 milioni di persone sono in stato di allerta e quasi 700.000 sono rimaste senza corrente a causa dei forti temporali che si stanno abbattendo sullo Stato in questi giorni.

La delusione di Roberto Salis: “Dal governo solo no, Ilaria resterà in cella”

La parole amare del padre di Ilaria Salis. Roberto Salis oggi pomeriggio ha incontrato con i suoi avvocati i ministri Nordio e Tajani. C’era molta aspettativa su un possibile intervento del governo per far uscire Ilaria dal carcere. Invece le parole del padre, poco fa, hanno gelato tutte le speranze. “È andata molto peggio di quanto ci aspettassimo, non vediamo nessuna azione che possa alleviare la situazione di mia figlia. Siamo stati lasciati soli. Abiamo chiesto due cose, i domiciliari in Italia o in alternativa in ambasciata in Ungheria e entrambe ci sono state negate. Credo che mia figlia resterà ancora per molto tempo in carcere e la vedremo ancora in catene ai processi”. Eugenio Losco, avvocato della famiglia Salis:


 

Cosa di dice la scelta del governo di non agire nel caso di Ilaria Salis

(di Luigi Ambrosio)

Il governo italiano avrebbe potuto sostenere con il peso della diplomazia i legali di Ilaria Salis nella loro istanza per toglierla dal carcere dove è detenuta in condizioni degradanti e pericolose e farla stare ai domiciliari in Italia o in ambasciata durante il processo.
Ha deciso di non agire. Di fatto è un via libera politico al trattamento inumano nei confronti di Ilaria Salis. La condivisione di un metodo. Un sapore di rappresaglia. Un sentore di avvertimento per tutti gli oppositori. Qui da noi, non in Ungheria. Già le parole cariche di disprezzo e di sarcasmo del ministro Lollobrigida la scorsa settimana, quel “non ho visto le immagini di Ilaria Salis in catene quindi non le commento” richiamavano il metodo antico del bastonare e deridere. Ora il no a ogni inziativa conferma che il governo condivide il metodo delle catene, delle pene detentive abnormi, dei trattamenti violenti. L’Ungheria è una democratura ed è il modello politico di questa destra al potere. Di tutta la destra al potere, visto che Nordio sarebbe in teoria l’eroe del garantismo e Tajani il leader del partito liberale. Anzi, questi soggetti sono in un certo senso quelli che ne escono peggio. Si ammantano di essere i moderati, i democratici, i garantisti. Sono solo la foglia di fico.
 

La trattativa per un cessate il fuoco si complica

(di Emanuele Valenti)

L’arrivo in Medio Oriente di Antony Blinken conferma l’impegno degli Stati Uniti per una soluzione della crisi a Gaza. I più ottimisti dicono che la sua quinta visita nella regione dallo scorso ottobre possa coincidere con l’annuncio di una tregua o di un cessate il fuoco. In realtà il quadro è piuttosto complesso e Blinken potrebbe tornare a casa senza risultati concreti e immediati.
Alcuni media hanno dato in questi giorni per imminente una presa di posizione ufficiale di Hamas su una proposta concordata – in linea di massima – ormai più di una settimana fa, dai responsabili dei servizi di Stati Uniti, Israele, Egitto, Qatar. Altri media hanno già anticipato una risposta negativa.
Lo stesso Netanyahu, questo pomeriggio, parlando davanti a una riunione del suo partito, il Likud, ha ripetuto quello che abbiamo già sentito da lui tante altre volte in questi mesi: la guerra non può terminare adesso, finirà solo quando avremo eliminato Hamas e la sua leadership.

A parte la propoganda e a parte il tentativo di tenere buona l’estrema destra presente nel suo governo, il primo ministro israeliano ha toccato proprio quello che sembra essere il punto della discordia, sul quale la mediazione di Qatar ed Egitto, con il supporto americano, non riesce ancora ha portare le due parti – Israele e Hamas – a un compromesso. Una tregua di alcune settimne, almeno due mesi, oppure un cessate il fuoco definitivo? In sostanza: un’interruzione del conflitto per liberare gli ostaggi, rilasciare alcuni detenuti palestinesi e per far entrare aiuti umanitari a Gaza oppure la fine della guerra seguita da una trattativa su altri punti e sul futuro politico della regione?
Netanyahu è disposto al massimo a una tregua di qualche settimana – la proposta che citavamo sopra parlerebbe di due mesi. Ma Hamas vuole invece la fine della guerra e dice che si potrà parlare del resto solo quando Gaza non sarà più sotto i bombardamenti israeliani.
Un altro punto di disaccordo riguarda i detenuti palestinesi da liberare in cambio degli ostaggi israeliani in mano ad Hamas e ad altri gruppi armati nella Striscia.
Anche su questo Netanyahu oggi ha anticipato tutti, dicendo che le richieste di Hamas sono inaccettabili. Tra queste ci sarebbe la liberazione di migliaia di detenuti, compresi alcuni condannati all’ergastolo o considerati da Israele come i principali responsabili degli attacchi palestinesi degli ultimi anni e decenni, per esempio Marwan Barghouti.

Viste le posizioni degli attori in campo – per quello che possiamo sapere – non stupisce il fatto che la trattativa sia così difficile. Impensabile che Hamas rilasci tutti gli ostaggi per riprendere poi la guerra senza avere in mano qualcosa su cui trattare e costringere Netanyahu a pesare le sue mosse. Hamas potrebbe accettare il rilascio in più fasi, forse tre, di tutti gli ostaggi, ma solo se il cessate il fuoco fosse definitivo. Ancora meno chiaro a che punto sia invece il negoziato su un altro punto sul quale l’organizzazione palestinese ha insistito molto, il ritiro dell’esercito israeliano dalla Striscia. È tutto estremamente complesso.

Suicidi nei Cpr e nei penitenziari italiani, la presa di posizione degli avvocati penalisti

C’è un’indagine aperta per istigazione al suicidio per la morte nel Cpr di Ponte Galeria di un migrante di 22 anni, Ousmane Sylla. Gli inquirenti acquisiranno le telecamere di videosorveglianza presenti all’interno del Centro oltre al messaggio lasciato dal ragazzo prima di uccidersi. Nella rivolta scoppiata nel centro di detenzione dopo che si era diffusa la notizia, ci sono stati disordini per i quali oggi sono state arrestate 14 persone.
Sul fatto – e anche sui continui suicidi nelle carceri – c’è una presa di posizione significativa degli avvocati penalisti che accomuna la situazione dei Cpr e quella dei penitenziari italiani. Ai nostri microfoni Rinaldo Romanelli, segretario nazionale dell’Unione delle Camere Penali:


 

Gli incendi devastano il Cile mentre i temporali mettono in allerta la California

In Cile i morti per gli incendi che da giorni stanno devastando il paese sono 122. Il bilancio continua a crescere, mentre i vigili del fuoco sono al lavoro su una quarantina di focolai ancora attivi, alimentati dalle alte temperature e dai forti venti.
I roghi, molti dei quali di origine dolosa, sono scoppiati alla fine della scorsa settimana e si sono intensificati durante tutto il fine settimana, devastando le città costiere di Viña del Mar e Valparaiso. Centinaia di persone risultano ancora disperse e circa 14.000 case sono state danneggiate. Oggi due persone sospettate di aver provocato uno dei principali focolai sono state arrestate.
Negli Stati Uniti, invece, in California, oltre 14 milioni di persone sono in stato di allerta e quasi 700.000 sono rimaste senza corrente a causa dei forti temporali che si stanno abbattendo sullo Stato in questi giorni. Ieri a Los Angeles è stato il giorno più piovoso degli ultimi 20 anni, l’equivalente di un mese di pioggia in 24 ore. Secondo le previsioni del tempo, la pioggia continuerà ancora nelle prossime ore.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 15:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 23/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 23-02-2024

Adesso in diretta