Approfondimenti

I continui bombardamenti su Gaza, i rinvii a giudizio per la morte di Giulio Regeni e le altre notizie della giornata

Giulio Regeni ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 4 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Per la popolazione civile di Gaza il peggio potrebbe non essere ancora arrivato: dopo il nord della Striscia – dove le operazioni militari vanno avanti – l’esercito israeliano si sta concentrando anche sul sud. I quattro 007 egiziani accusati di avere sequestrato, torturato ed ucciso Giulio Regeni sono stati rinviati a giudizio. Matteo Salvini ha deciso di occuparsi principalmente del voto dell’anno prossimo guardando ad una destra xenofoba e sovranista. Domani lo sciopero dei medici, dirigenti sanitari, infermieri: sciopero nazionale di 24 ore contro la manovra economica. 

Gli Stati Uniti finiranno i fondi per aiutare l’Ucraina entro le fine dell’anno e se il 
Congresso non approverà nuovi aiuti, per Kiev sarebbe un colpo durissimo.

A Gaza non ci sono posti sicuri

La guerra a Gaza. Per la popolazione civile il peggio potrebbe non essere ancora arrivato. Dopo il nord della Striscia – dove le operazioni militari vanno avanti – l’esercito israeliano si sta concentrando anche sul sud. Qui nelle scorse settimane si erano spostate centinaia di migliaia di persone. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane l’impatto sui civili potrebbe essere quindi ancora più grave. Dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, le autorità locali hanno contato 15.900 morti. Il 70% sarebbero donne e bambine.

(di Emanuele Valenti)

La notizia più drammatica di queste ore sembra quella che arriva da Gaza City, nel nord della Striscia. Secondo l’agenzia palestinese Wafa i bombardamenti israeliani hanno colpito due scuole facendo almeno 50 morti. Alcuni testimoni sul posto dicono molti di più. Le ambulanze non riescono ad arrivare. Non ci sono altre conferme. Questa notizia indica come le operazioni nel nord non siano assolutamente finite. In prospettiva, anche sul brevissimo periodo, nel sud potrebbe essere ancora peggio. Lo stesso ministro della difesa israeliano, Gallant, ha detto che i miliziani di Hamas verranno colpiti con ancora più forza rispetto a quelli nel nord prima della tregua ormai finita. A Khan Yunis, per esempio, dopo i bombardamenti sono arrivati anche i carri armati, avvistati alla periferia est della città.
Gli israeliani hanno invitato anche i civili di Khan Yunis, in almeno il 25% della città, a spostarsi, per evitare i combattimenti. Lo hanno fatto con dei post in rete o con dei volantini lanciati dall’alto. E in entrambi i casi bisogna inquadrare un codice con il cellulare per aprire le mappe e capire dove spostarsi. Due i problemi: a volte vengono indicate zone non sicure, altre volte è difficilissimo spostarsi, ci sono anziani, feriti, malati, e non ci sono mezzi. Oltretutto oggi la rete era fuori servizio.
L’UNRWA, l’Agenzia ONU per i Rifugiati Palestinesi, ha detto espressamente che a Gaza non ci sono posti sicuri. Il governo israeliano ha detto il contrario. Per l’UNRWA dalla fine della tregua i morti sono almeno 300, ma il bilancio non tiene conto delle due scuole a Gaza City. E ricordiamoci, per quanto riguarda i bilanci delle vittime, che ci sono almeno 6mila dispersi, non conteggiati tra i morti. Gli israeliani dicono che in alcune zone i loro militari e i miliziani di Hamas combattono molto vicini. Il gruppo palestinese è anche riuscito a sparare ancora colpi. Per la Croce Rossa il livello di sofferenza dei civili è intollerabile.

Paul Ley è un chirurgo dell’ospedale europeo di Khan Yunis. La sua testimonianza è stata raccolta da Martina Stefanoni:


 

Giulio Regeni, rinviati a giudizio i quattro 007 egiziani

(di Diana Santini)

Il senso e il tono alla giornata lo dà la madre di Giulio Regeni, Paola Deffendi, all’uscita dal tribunale che oggi, a sette anni dalla scomparsa e dall’omicidio del ricercatore, ha rinviato a giudizio 4 agenti dei servizi egiziani. “Grazie a tutti, è una bella giornata”, ha detto. Il 20 febbraio si svolgerà la prima udienza di un processo in cui in pochi, dal 2016 a oggi, hanno creduto. E che il regime di al Sisi ha ferocemente osteggiato: dapprima sostenendo la versione dell’incidente stradale, in breve smentita dall’autopsia che rivelò le atroci torture a cui Giulio fu sottoposto per nove giorni, dalla scomparsa al ritrovamento del cadavere sul ciglio di una strada che attraversa il deserto. Poi fu la volta delle insinuazioni, l’evocazione della pista passionale o legata allo spaccio di droga. In seguito il Cairo sostenne la tesi del rapimento a opera di criminali comuni, i cui membri erano però stati uccisi in uno scontro a fuoco con la polizia. L’analisi delle celle telefoniche ha smentito anche questa ipotesi, che resta, comunque, ancora oggi, la versione ufficiale delle autorità egiziane. La procura di Roma, intanto, mentre smentiva le bufale egiziane, ha portato avanti il processo: l’arroganza e l’ostinazione con cui il Cairo ha negato la su collaborazione la dicono lunga su quanto l’egitto fosse interessato ad appurare la verità. Anche da queste parti, comunque, soprattutto nel mondo politico, molte volte il realismo, il cinismo e la necessità di mantenere buoni rapporti con il regime di al sisi hanno sembrato prevalere. La decisione del gup è stata resa possibile solo dalla sentenza della consulta che, lo scorso settembre, ha stabilito che la paralisi del processo non fosse accettabile e che non ci può essere immunità per il reato di tortura. “L’assenza degli imputati non ridurrà il processo ad un simulacro”, ha detto nella richiesta di rinvio a giudizio il procuratore aggiunto. Forse nessuno pagherà, gli agenti non saranno estradati, non andranno in prigione. Ma avremo, almeno, la verità.

Salvini senza freni continua a imbarazzare gli alleati di governo

(di Anna Bredice)

Un giorno sovranista, il giorno dopo sceriffo, in continua campagna elettorale. È Matteo Salvini che ha deciso di occuparsi principalmente del voto dell’anno prossimo guardando ad una destra xenofoba e sovranista, consapevole di mettere continuamente in difficoltà e in imbarazzo il resto del governo, a cominciare da Giorgia Meloni. Ogni tema viene cavalcato per futuri consensi elettorali, il gioielliere condannato a 17 anni per aver ucciso i rapinatori è una notizia che non si è lasciato scappare. L’aveva fatto più volte in passato, l’autodifesa armata contro i ladri e i rapinatori è sempre stata una bandiera leghista. “Roggero ha difeso vita e lavoro”, ha detto Salvini, senza forse sapere molto della dinamica dell’omicidio, del gioielliere che ha sparato ai rapinatori mentre questi scappavano fuori in strada, prendendo a calci uno di loro già morto a terra. Sembra incontenibile Salvini. Forza Italia oggi ha detto molto chiaramente che la sua idea anti-europea e gli alleati con cui si accompagna a Bruxelles sono lontanissimi dai principi di Forza Italia e forse anche di Giorgia Meloni che in queste settimane sta cercando in tutti i modi di trovare aperture a Bruxelles. Nei prossimi giorni la presidente del Consiglio incontrerà Roberta Metsola a Roma, con la quale non a caso Salvini oggi ha polemizzato. Mercoledì all’Eurogruppo si parlerà del Mes, e si sa che manca solo l’Italia alla ratifica. Temi importanti e legati alla manovra economica sui quali Meloni cerca una soluzione. Salvini invece le sbarra la strada e forse ad aiutare il leghista in una campagna elettorale perenne potrebbe esserci anche il generale Vannacci. Promosso anziché licenziato, si è preso un mese di licenza durante il quale presenterà il suo libro, dal contenuto populista, omofobo e sessista, sperando magari in una candidatura in Europa con la Lega.

Medici e sanitari scioperano per 24 ore contro la manovra economica

Domani lo sciopero dei medici, dirigenti sanitari, infermieri: sciopero nazionale di 24 ore contro la manovra economica. Lo scontro con il governo sul taglio delle pensioni è stato solo l’ultimo segnale di un profondo malessere che riguarda la sanità pubblica, il servizio sanitario nazionale. Oltre allo sciopero domani sono previsti sit-in e manifestazioni in molte città. Pierino Di Silverio, segretario nazionale del sindacato di categoria Anaao Assomed:


 

I fondi USA per Kiev finiranno entro la fine dell’anno



Gli Stati Uniti finiranno i fondi per aiutare l’Ucraina entro le fine dell’anno e se il 
Congresso non approverà nuovi aiuti, per Kiev sarebbe un colpo durissimo.


(di Roberto Festa)

È un termine che non lascia molte possibilità di interpretazione, quello che la direttrice dell’ufficio responsabile del budget dell’amministrazione americana, Shalanda Young, ha usato nella lettera al Congresso degli Stati Uniti. Kneecap, cioè gambizzare, mettere in ginocchio. Se il Congresso non voterà, entro alla fine dell’anno, i nuovi finanziamenti all’Ucraina, la guerra di Kyev contro Mosca sarà appunto messa in ginoxxhio, gambizzata. Non solo la guerra. I finanziamenti americani servono anche a sostenere l’economia ucraina. Se questi non arrivano, anche la vita per milioni di ucraini verrà gambizzata. Gli Stati Uniti hanno già mandato a Kyev, in ormai quasi due anni di guerra, 111 miliardi di dollari. Il flusso di denaro sta però, con la fine dell’anno, estinguendosi. Ci vogliono altri soldi. Joe Biden ha deciso di inserirli nell’ambito di un pacchetto complessivo da 106 miliardi che comprende appunto i soldi per Kyev, quelli per Israele, ma anche fondi per Taiwan e per mettere in sicurezza il confine meridionale. Dei 106 miliardi, ben 61 andrebbero all’Ucraina.
Qui però si sono messi di mezzo molti repubblicani, in particolare quelli della Camera, più conservatori e vicini a Trump. Che non gradiscono l’idea di mandare a Kyev altre decine di miliardi e che sono disposti a votare il provvedimento solo se si rafforzano i fondi per la militarizzazione del confine. I repubblicani hanno anche votato una misura che manda i soldi a Israele ma non a Kyev.
Biden però ha detto: nessuno scorporo, la legge va votata nella sua interezza. Lo scontro continua, la possibilità concreta, dall’inizio del prossimo anno, è quella di un’Ucraina non più in grado di sostenere la guerra con la Russia.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

Adesso in diretta