Approfondimenti

La visita di Zelensky a Bucha, l’Europa si muove per nuove sanzioni contro la Russia e le altre notizie della giornata

Zelensky

Il racconto della giornata di lunedì 4 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel quarantesimo giorno di guerra in Ucraina, il presidente Zelensky ha visitato la città di Bucha mentre si temono altri massacri simili e la Corte Penale Internazionale ha già aperto un fascicolo ucraino per crimini di guerra. In queste ore i Ministri delle Finanze della zona Euro si incontrano per discutere di nuove sanzioni contro la Russia in attesa del nuovo vertice degli ambasciatori europei di mercoledì. Secondo il nuovo rapporto degli scienziati dell’ONU esperti in cambiamenti climatici, senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni di Co2 in tutti i settori, limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi è impossibile. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Zelensky visita Bucha, ma si temono altri massacri simili in altre città

Il presidente ucraino Zelensky ha visitato la città di Bucha, le cui immagini del massacro di civili hanno fatto il giro del mondo. La presidente della commissione europea Von Der Leyen ha annunciato un’inchiesta congiunta con Kiev. L’alto commissario per i diritti umani dell’ONU Michele Bachelet ha parlato di possibili crimini di guerra, mentre il presidente statunitense Biden ha dichiarato: “Vi avevo detto che Putin era un criminale di guerra”, annunciando nuove sanzioni.

(di Emanuele Valenti)

Secondo la procura generale ucraina nelle zone lasciate dai russi intorno a Kiev sono stati trovati finora 410 cadaveri, 140 già identificati.
E il numero maggiore di vittime, sempre secondo la procura, non sarà in prospettiva quello di Bucha ma di Borodyanka, località ancora nella regione di Kiev ma più a ovest. Il quadro è tutt’altro che completo.
A Bucha le autorità locali hanno detto che almeno 50 cadaveri hanno segni da ricondurre a un’esecuzione extra-giudiziale, numeri che non si possono verificare. Le immagini satellitari dell’americana Maxar Technologies mostrano quella che sembra una fossa comune vicino a una chiesa. Lo hanno confermato anche alcuni giornalisti dell’agenzia Reuters sul posto. Le autorità ucraine hanno mostrato ai media anche dei cadaveri in uno scantinato.
Secondo alcuni sopravvissuti, ai civili di Bucha era stato ordinato di indossare al braccio una fascia di tessuto bianco, per essere riconoscibili. La stessa che in alcuni casi sarebbe poi stata usata per legare le braccia dietro la schiena alle persone uccise..
Gli ucraini hanno detto di aver fatto partire subito un’inchiesta. Sappiamo anche che la Corte Penale Internazionale aveva già aperto un fascicolo ucraino per crimini di guerra.
E attenzione, per come stanno andando le cose, ci saranno probabilmente molte altre Bucha. Human Rights Watch ha raccolto prove simili per esempio da Kharkiv e Chernihiv.

L’Europa valuta nuove sanzioni contro la Russia

In queste ore si incontrano i Ministri delle Finanze della zona Euro, e poi mercoledì ci sarà un vertice degli ambasciatori europei. Tema: nuove eventuali sanzioni. Il presidente francese Macron stamattina ne prometteva di nuove in campo energetico, ma oggi il ministro tedesco delle finanze Lindner è stato chiaro: sospendere le importazioni di gas russo è impossibile.
Perché i tedeschi non possono farlo? Ne abbiamo parlato con Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia:


 

Gli orrori della guerra in Ucraina, tra bombe a grappolo e mine

Non ci sono solo i civili trucidati a Bucha. Oggi c’è stata una nuova denuncia di uso di bombe a grappolo, a Mykolaiv, mentre Save The Children denuncia che più di 800 scuole sono state colpite dall’inizio della guerra. Secondo l’ufficio dell’ONU per gli affari umanitari, l’Ucraina è uno dei paesi con più mine al mondo sul suo territorio: oltre 1,8 milioni. Massimo Alberti ha parlato degli orrori della guerra con Cecilia Strada di ResQ People:


 

Omicidio di Stefano Cucchi. Attesa per la sentenza della Cassazione

“Ho fiducia e speranza nella giustizia e non dimentico mai che l’Arma dei Carabinieri non è uguale alle persone che oggi la Cassazione sta valutando e nemmeno a quelle che valuterà il 7 aprile nel processo per i depistaggi”. Lo ha detto Ilaria Cucchi uscendo dalla Cassazione al termine del processo per la morte del fratello Stefano.
L’udienza è finita nel primo pomeriggio e ora si attende la sentenza della Suprema Corte. Il verdetto è previsto questa sera dopo le 20. Il procuratore generale nell’udienza di oggi ha chiesto di confermare le condanne inflitte a quattro carabinieri in appello. In particolare il Pg ha chiesto di confermare le condanne per omicidio preterintenzionale nei confronti di Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro e la relativa pena a 13 anni di reclusione. Da confermare anche la condanna a 4 anni per falso nei confronti del maresciallo Roberto Mandolini. Per l’ultimo imputato, Francesco Tedesco, che ha collaborato con gli inquirenti, è stata invece chiesta una riduzione di pena.

Clima, il rapporto dell’IPCC: “Agire ora per dimezzare le emissioni entro 2030”

È stato pubblicato oggi il nuovo rapporto dell’Ipcc, gli scienziati dell’ONU esperti in cambiamenti climatici.
Il rapporto intitolato Mitigation of Climate Change sottolinea che le emissioni di gas serra tra il 2010 e il 2019 sono state più alte di qualsiasi altro decennio della storia umana, e che siamo quasi fuori tempo massimo per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C
“Senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni di Co2 in tutti i settori, limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi è impossibile.
“L’evidenza è chiara – scrivono nel dossier – il momento dell’azione è adesso. Possiamo dimezzare le emissioni entro il 2030 e abbiamo opportunità in tutti i campi, dalle città all’industria, all’agricoltura”.
Ma i prossimi anni sono decisivi, non c’è molto tempo: limitare il riscaldamento a circa 1,5 gradi richiede il picco di emissioni globali di gas serra al più tardi entro il 2025. Oltre quell’anno è necessario che la tendenza si inverta fino a ridurre le emissioni del 43% entro il 2030. In sostanza – è il centro del rapporto – la transizione energetica perché sia efficace va fatta subito.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1511019011710103559

https://twitter.com/RegLombardia/status/1511019820690677760

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 27/02/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 27-02-2024

Adesso in diretta