Approfondimenti

La visita di Zelensky a Bucha, l’Europa si muove per nuove sanzioni contro la Russia e le altre notizie della giornata

Zelensky

Il racconto della giornata di lunedì 4 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel quarantesimo giorno di guerra in Ucraina, il presidente Zelensky ha visitato la città di Bucha mentre si temono altri massacri simili e la Corte Penale Internazionale ha già aperto un fascicolo ucraino per crimini di guerra. In queste ore i Ministri delle Finanze della zona Euro si incontrano per discutere di nuove sanzioni contro la Russia in attesa del nuovo vertice degli ambasciatori europei di mercoledì. Secondo il nuovo rapporto degli scienziati dell’ONU esperti in cambiamenti climatici, senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni di Co2 in tutti i settori, limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi è impossibile. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Zelensky visita Bucha, ma si temono altri massacri simili in altre città

Il presidente ucraino Zelensky ha visitato la città di Bucha, le cui immagini del massacro di civili hanno fatto il giro del mondo. La presidente della commissione europea Von Der Leyen ha annunciato un’inchiesta congiunta con Kiev. L’alto commissario per i diritti umani dell’ONU Michele Bachelet ha parlato di possibili crimini di guerra, mentre il presidente statunitense Biden ha dichiarato: “Vi avevo detto che Putin era un criminale di guerra”, annunciando nuove sanzioni.

(di Emanuele Valenti)

Secondo la procura generale ucraina nelle zone lasciate dai russi intorno a Kiev sono stati trovati finora 410 cadaveri, 140 già identificati.
E il numero maggiore di vittime, sempre secondo la procura, non sarà in prospettiva quello di Bucha ma di Borodyanka, località ancora nella regione di Kiev ma più a ovest. Il quadro è tutt’altro che completo.
A Bucha le autorità locali hanno detto che almeno 50 cadaveri hanno segni da ricondurre a un’esecuzione extra-giudiziale, numeri che non si possono verificare. Le immagini satellitari dell’americana Maxar Technologies mostrano quella che sembra una fossa comune vicino a una chiesa. Lo hanno confermato anche alcuni giornalisti dell’agenzia Reuters sul posto. Le autorità ucraine hanno mostrato ai media anche dei cadaveri in uno scantinato.
Secondo alcuni sopravvissuti, ai civili di Bucha era stato ordinato di indossare al braccio una fascia di tessuto bianco, per essere riconoscibili. La stessa che in alcuni casi sarebbe poi stata usata per legare le braccia dietro la schiena alle persone uccise..
Gli ucraini hanno detto di aver fatto partire subito un’inchiesta. Sappiamo anche che la Corte Penale Internazionale aveva già aperto un fascicolo ucraino per crimini di guerra.
E attenzione, per come stanno andando le cose, ci saranno probabilmente molte altre Bucha. Human Rights Watch ha raccolto prove simili per esempio da Kharkiv e Chernihiv.

L’Europa valuta nuove sanzioni contro la Russia

In queste ore si incontrano i Ministri delle Finanze della zona Euro, e poi mercoledì ci sarà un vertice degli ambasciatori europei. Tema: nuove eventuali sanzioni. Il presidente francese Macron stamattina ne prometteva di nuove in campo energetico, ma oggi il ministro tedesco delle finanze Lindner è stato chiaro: sospendere le importazioni di gas russo è impossibile.
Perché i tedeschi non possono farlo? Ne abbiamo parlato con Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia:


 

Gli orrori della guerra in Ucraina, tra bombe a grappolo e mine

Non ci sono solo i civili trucidati a Bucha. Oggi c’è stata una nuova denuncia di uso di bombe a grappolo, a Mykolaiv, mentre Save The Children denuncia che più di 800 scuole sono state colpite dall’inizio della guerra. Secondo l’ufficio dell’ONU per gli affari umanitari, l’Ucraina è uno dei paesi con più mine al mondo sul suo territorio: oltre 1,8 milioni. Massimo Alberti ha parlato degli orrori della guerra con Cecilia Strada di ResQ People:


 

Omicidio di Stefano Cucchi. Attesa per la sentenza della Cassazione

“Ho fiducia e speranza nella giustizia e non dimentico mai che l’Arma dei Carabinieri non è uguale alle persone che oggi la Cassazione sta valutando e nemmeno a quelle che valuterà il 7 aprile nel processo per i depistaggi”. Lo ha detto Ilaria Cucchi uscendo dalla Cassazione al termine del processo per la morte del fratello Stefano.
L’udienza è finita nel primo pomeriggio e ora si attende la sentenza della Suprema Corte. Il verdetto è previsto questa sera dopo le 20. Il procuratore generale nell’udienza di oggi ha chiesto di confermare le condanne inflitte a quattro carabinieri in appello. In particolare il Pg ha chiesto di confermare le condanne per omicidio preterintenzionale nei confronti di Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro e la relativa pena a 13 anni di reclusione. Da confermare anche la condanna a 4 anni per falso nei confronti del maresciallo Roberto Mandolini. Per l’ultimo imputato, Francesco Tedesco, che ha collaborato con gli inquirenti, è stata invece chiesta una riduzione di pena.

Clima, il rapporto dell’IPCC: “Agire ora per dimezzare le emissioni entro 2030”

È stato pubblicato oggi il nuovo rapporto dell’Ipcc, gli scienziati dell’ONU esperti in cambiamenti climatici.
Il rapporto intitolato Mitigation of Climate Change sottolinea che le emissioni di gas serra tra il 2010 e il 2019 sono state più alte di qualsiasi altro decennio della storia umana, e che siamo quasi fuori tempo massimo per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C
“Senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni di Co2 in tutti i settori, limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi è impossibile.
“L’evidenza è chiara – scrivono nel dossier – il momento dell’azione è adesso. Possiamo dimezzare le emissioni entro il 2030 e abbiamo opportunità in tutti i campi, dalle città all’industria, all’agricoltura”.
Ma i prossimi anni sono decisivi, non c’è molto tempo: limitare il riscaldamento a circa 1,5 gradi richiede il picco di emissioni globali di gas serra al più tardi entro il 2025. Oltre quell’anno è necessario che la tendenza si inverta fino a ridurre le emissioni del 43% entro il 2030. In sostanza – è il centro del rapporto – la transizione energetica perché sia efficace va fatta subito.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 24/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 24/05/2022

    Parliamo della guerra in Ucraina con Emanuele Valenti e la professoressa Giordana Pulcini, Lorenzo Cremonesi ci presenterà il suo libro…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 24/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 24/05/2022

    ..Il Caffè Nero Bollente del martedì con musica, sfoglio dei giornali e il punto televisivo di Roberta Talia.

    Caffè Nero Bollente - 24/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 23/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 23/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    1-Guerra in Ucraina. Mosca aumenta la pressione militare nel Donbass e non si escludono nuove operazioni nelle zone dalle quali…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

Adesso in diretta