Approfondimenti

Il governo sceglie viceministri e sottosegretari, la stretta del Viminale contro i rave e le altre notizie della giornata

Piantedosi Viminale ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 31 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Consiglio dei ministri di oggi ha ufficializzato la lista di viceministri e sottosegretari del governo Meloni, frutto di una lunga trattativa tra i partiti della maggioranza. Intanto oggi, mentre a Modena con le norme esistenti si faceva terminare un rave senza tensioni, a Roma il governo riscriveva leggi inventandosi una nuova norma del codice penale per contrastare le feste illegali. Le forze russe sono tornate a colpire le infrastrutture energetiche di diverse città dell’Ucraina dopo dopo l’attacco di sabato alle navi russe in Crimea. Lula da Silva ha vinto al ballottaggio e nel suo primo intervento da Presidente del Brasile ha ha promesso di pacificare il Paese.

Sgarbi, Fazzolari e Durigon tra i sottosegretari del governo Meloni

(di Andrea Monti)

Il più conosciuto è Vittorio Sgarbi, che torna sottosegretario alla cultura 20 anni dopo averlo fatto con Berlusconi, ma sono diverse le nomine interessanti uscite dal Consiglio dei Ministri. Giorgia Meloni piazza il suo braccio destro Giovanbattista Fazzolari come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’attuazione del programma. Per Fratelli d’Italia da segnalare almeno altri tre nomi: alla difesa Isabella Rauti, figlia di Pino, l’ex segretario dell’Msi; all’istruzione Paola Frassinetti, dirigente storica dell’estrema destra milanese, più volte presente alle commemorazioni dei repubblichini sepolti nel cimitero Maggiore; alle infrastrutture Galeazzo Bignami, di cui l’anno scorso si parlò per una foto con la svastica al braccio (“era un addio al celibato, una goliardata”, disse lui per difendersi).
Passando alla Lega, al ministero del lavoro torna Claudio Durigon: nominato all’economia con Mario Draghi, si dimise dopo aver proposto di re-intitolare un parco dedicato ai magistrati Falcone e Borsellino ad Arnaldo Mussolini, fratello di Benito. Salvini ottiene che tra i sottosegretari alla presidenza del consiglio ci sia il fedelissimo Alessandro Morelli e che al ministero dell’interno resti Nicola Molteni, già parte del governo Draghi e del primo Conte, quello della guerra aperta alle ong.
Infine Forza Italia: Berlusconi può festeggiare perché alla giustizia va il suo ex avvocato Francesco Paolo Sisto e perché all’editoria va il giornalista Alberto Barachini, a lungo in Mediaset, mentre Valentino Valentini (al centro di polemiche per i suoi rapporti con la Russia) non va agli esteri, come ipotizzato, ma diventa viceministro allo sviluppo economico.

Le prime strette del governo: Piantedosi dichiara guerra ai rave

La guerra ai rave ora è aperta. Vedremo nei prossimi mesi se la destra vorrà andare fino in fondo e in che modo, ma i presupposti per uno scontro durissimo ora ci sono. Mentre a Modena con le norme esistenti si faceva terminare un rave senza tensioni, come successo molte altre volte, a Roma il governo riscriveva leggi inventandosi una nuova norma del codice penale per contrastare le feste illegali: “Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o la salute pubblica” recita il nuovo articolo di legge. Le pene sono fino a sei anni di carcere per gli organizzatori, diminuiscono per i partecipanti. Le multe vanno da mille a diecimila euro. E poi c’è la confisca delle cose utilizzate per fare la festa. Tradotto gli impianti audio, le casse, i mixer, i campionatori: il bene più prezioso per chi organizza un rave. Sequestrare gli impianti alzerà la tensione nei futuri sgomberi perché gli impianti diventeranno qualcosa da difendere. Feste pacifiche rischiano di finire in scontri e violenze, in contesti molto delicati con una presenza massiccia di minorenni, l’uso di droghe e migliaia di persone. Ma c’è un altro rischio: queste stesse norme potrebbero valere anche per altri tipi di feste illegali, come quelle universitarie o politiche. Usando i rave la destra potrebbe voler stringere anche altrove.

Ci aspettavamo qualcosa di diverso dalla destra al governo? No

(di Luigi Ambrosio)

In campagna elettorale Giorgia Meloni affermava che una volta al potere si sarebbe finalmente occupata dei problemi degli italiani. E citava spesso le bollette, la crisi, le paure legate all’economia durante la guerra.
Poi Giorgia Meloni ha vinto le elezioni, oggi c’è stato il primo consiglio dei ministri, e si può fare un primo bilancio.
Il governo ha:
innalzato il tetto del contante. Usato il pugno di ferro contro i raver. Ribadito che l’ergastolo ostativo non si tocca. Abolite le multe per i non vaccinati e reintegrato al lavoro il personale sanitario non vaccinato.
E le bollette?
Le bollette niente, non pervenute.
Fare politica economica è difficile. Solleticare la pancia dell’elettorato è semplice. Sembra un po’ questo il filo conduttore di quanto Meloni ha fatto fino a oggi.
Un impianto di destra securitaria su cui si salda la volontà di soddisfare aspettative di fette di elettorato. Pensiamo ai no vax, a cui è arrivato chiaro il messaggio: con noi la musica è cambiata. E se la comunità scientifica protesta e si preoccupa perché il covid è ancora in circolo, pazienza. L’importante è marcare la differenza con l’odiato, dai no vax, ministro Speranza. Oppure pensiamo a tutti coloro che per qualsiasi ragione il tracciamento dei pagamenti non lo potevano sopportare. Anche loro, come i no vax, soddisfatti in nome della libertà.
È un concetto di libertà di stampo sovranista, di stampo trumpiano, che ben si accompagna al pugno duro là dove convenga in termini di consenso elettorale. I raver da questo punto di vista sono il bersaglio perfetto. Gli ergastolani pure. E aggiungiamoci i migranti e le navi delle ong di nuovo nel mirino, coi porti chiusi (questa è l’altra cosa che stanno facendo).
Sembra un programma elaborato in certi talk show o in certi canali della disinformazione cari alla destra. E forse, un po’, è così davvero.

La Russia torna a bombardare Kiev dopo l’attacco alle navi in Crimea

Dall’Ucraina in queste ore arrivano foto di persone in coda per l’acqua a Kiev, dopo che le forze russe sono tornate a colpire le infrastrutture energetiche di diverse città. Nella capitale, secondo il sindaco, il 40% della popolazione è senza acqua corrente e 270mila case sono senza elettricità. I nuovi bombardamenti arrivano dopo l’attacco di sabato alle navi russe in Crimea, a cui il regime di Putin ha risposto annunciando la sospensione dell’accordo che aveva permesso la ripresa delle esportazioni di cereali dall’Ucraina. Secondo le autorità di Kiev oggi 12 navi cariche di grano sono riuscite comunque a lasciare il paese. Negli Stati uniti intanto la tv Nbc ha svelato una telefonata in cui mesi fa il presidente americano Biden si sarebbe arrabbiato con quello ucraino Zelensky.

(di Roberto Festa)

Lo scorso giugno, una telefonata tra Joe Biden e Volodimir Zelensky finì piuttosto male. Biden stava annunciando al presidente ucraino l’invio di un altro miliardo in assistenza militare, ma Zelensky sembrava non ascoltare e chiedeva nuovi aiuti. Biden perse la pazienza, alzò la voce, e disse che Zelensky avrebbe dovuto dimostrare maggiore riconoscenza per la generosità dimostrata dal popolo americano. L’episodio è ora raccontato dall’emittente TV NBC, che cita quattro diverse fonti. L’alterco venne presto superato. Quello stesso giorno, Biden e Zelensky fecero dichiarazioni pubbliche: di continuo sostegno agli ucraini, da parte di Biden; di riconoscenza per il popolo americano, da parte di Zelensky. La sfuriata di Biden rivela comunque come già lo scorso giugno il presidente statunitense fosse ben consapevole dell’eccezionalità dello sforzo americano, e di come questo potesse non durare per sempre. Gli Stati Uniti hanno impegnato, a favore di Kyev, 27 miliardi e mezzo in aiuti militari, e altri 25 milioni in assistenza finanziaria e umanitaria. Si tratta della cifra più larga stanziata da un’amministrazione USA dalla guerra in Vietnam. Lo straordinario afflusso di miliardi in armi continua in queste settimane, per sostenere la controffensiva ucraina su Kherson. Ma i cordoni della borsa americana potrebbero stringersi presto. I repubblicani hanno già spiegato che, nel caso riprendessero il controllo del Congresso al midterm, non ci sarà più un assegno in bianco per Kyev. Probabile il taglio non degli aiuti militari, ma di quelli umanitari. Intanto, la guerra in Ucraina perde di centralità tra gli americani. Un sondaggio del Pew Research Center dice che il 26 per cento degli americani non è interessato alla guerra. Era il 16 per cento a maggio. Alzando la voce con Zelensky, Biden anticipava dunque una cosa: che lo straordinario impegno americano a favore di Kyev avrebbe potuto, presto, avere fine.

Lula vince al ballottaggio e promette di pacificare il Brasile

In Brasile si aspetta ancora la prima dichiarazione del presidente uscente Bolsonaro dopo la sconfitta alle elezioni di ieri, che hanno segnato il ritorno di Lula alla guida del paese. Da San Paolo il nostro collaboratore Luigi Spera:


 
(di Chawki Senouci)

Ha vinto Lula da Silva. Non ha stravinto. I delusi, quelli che volevano una vittoria tipo 56% a 44%, si sono fidati troppo dei sondaggi della vigilia. Storicamente la destra estrema è un osso duro quando è al potere. Lula ha avuto il coraggio di sfidarla dopo una lunga traversata del deserto.
Ha almeno tre grossi meriti. Ha centrato un traguardo storico, la terza elezione a presidente del Brasile. Ha battuto Bolsonaro, che cosi diventa il primo presidente uscente brasiliano non rieletto, un’umiliazione. Infine, conoscendo le debolezze del suo partito, il PT, Lula ha costruito un’alleanza che va dalla sinistra radicale e ambientalista al centro moderato, un campo larghissimo, una specie di fronte repubblicano per mandare a casa un pericoloso negazionista, omofobo e razzista.
Nel suo primo intervento Lula ha promesso di pacificare il Brasile, compattarlo, perché oggi il Brasile è diviso tra nord-est e il resto del paese, tra ricchi e poveri, tra sinistra e destra estrema, tra cattolici e laici da una parte e sette evangeliche dall’altra.
Come sostiene in un post sui social la sindaca di Barcellona Ada Colau, non è colpa della popolazione se il Brasile è più polarizzato che mai. La popolazione non può fare nulla contro il potere con la P maiuscola – economico, militare, giudiziario e mediatico – che ha scommesso su Bolsonaro. Nonostante ciò Lula ha vinto. Lula sa cosa l’aspetta e cosa si aspettano i brasiliani da lui. Sa che la vera battaglia inizia ora, ma ha già dimostrato che non ha paura di affrontare le sfide importanti, come la lotta alla povertà e alle disuguaglianze.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta