Approfondimenti

La versione della gip sulla strage del Mottarone, la nuova giravolta di Salvini e le altre notizie della giornata

Matteo Salvini ANSA quota 100

Il racconto della giornata di lunedì 31 maggio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le indagini sulla strage del Mottarone proseguono, ma la visione della Procura di Verbania e quella della Gip sembrano inconciliabili. Le aggressioni, verbali o fisiche a persone omosessuali emergono quasi ogni giorno nelle cronache italiane e l’approvazione della legge Zan contro l’omotransfobia è sempre più urgente, mentre Matteo Salvini porta la sua propaganda anche a Fatima e fa l’ennesima giravolta. Infine, l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia.

Strage del Mottarone. Salta la tesi del movente economico?

(di Luigi Ambrosio)

È un conflitto tra visioni inconciliabili quello tra la Procura di Verbania e la Giudice per le Indagini Preliminari. 


La Gip, ad esempio, smonta le parole di quello che forse è il testimone più importante fino a qui. Uno dei dipendenti ascoltati dalla Procura riporta che ogni volta che segnalava un problema a Tadini, questi avvisasse Perocchio e Nerini, telefonicamente. E, aggiunge, spesso assisteva a telefonate, anche animante in cui Tadini diceva ai suoi superiori che si sarebbe dovuto chiudere, ma che ogni volta l’indicazione era quella di tenere aperto.
Nell’ultimo periodo in particolare si era riscontrato un problema al sistema frenante della cabina poi precipitata che secondo Tadini avrebbe dovuto comportare la chiusura dell’impianto, riporta il testimone, mentre Perocchio e Nerini avrebbero deciso di non fermare la funivia. 

”Lo posso dedurre – dice – dal fatto che nonostante la decisione del Tadini fosse quella di chiudere, di fatto, dopo queste telefonate l’impianto continuasse a funzionare e che l’unico modo per farlo funzionare fosse l’inserimento dei forchettoni“. Insiste poi il testimone ad affermare che “con l’arrivo del flusso turistico, a livello economico sarebbe stato catastrofico bloccare l’impianto“.


La Gip però nella sua ordinanza scrive che il dipendente-testimone mai avrebbe dovuto essere sentito come persona informata sui fatti e che lo stesso, essendo colui che avrebbe dovuto rimuovere i ceppi la domenica della strage, ben sapeva che avrebbe a sua volta potuto essere incriminato, e infine che altre dichiarazioni di altri testimoni vanno in senso contrario al suo.

 La Gip poi nega che l’argomento delle motivazioni economiche possa avere indotto Nerini e Perocchio a impedire che la funivia venisse fermata per sistemare i problemi.


La Giudice scrive che la stagione non era ancora cominciata e che casomai era questo il momento opportuno per fermarsi a fare i lavori senza comportare danni economici. 

Non solo la tesi del movente economico non viene presa in considerazione quindi, ma viene completamente ribaltata.

Salvini porta la campagna elettorale anche a Fatima

(di Anna Bredice)

Non gli bastava il rosario sul palco dei comizi, Salvini oggi va a Fatima per ribadire che le radici dell’Europa, tanto bistrattata nel passato, sono cristiane, dichiara di consacrarsi al cuore immacolato di Maria e da lì imprime una nuova giravolta di lotta e di governo su un tema che ha creato enormi tensioni a Palazzo Chigi, ma sul quale per giorni non ha detto nulla a favore dei lavoratori e cioè la richiesta di un nuovo blocco dei licenziamenti.
Salvini cerca la ribalta che, troppo spesso in queste settimane, gli è stata sottratta dalla sua amata e odiata alleata Giorgia Meloni e si propone di essere il mediatore tra imprese e sindacati per cercare una soluzione al blocco dei licenziamenti. Tende una mano al PD dicendosi disponibile a cercare un accordo, ma Letta risponde con molta freddezza, diplomaticamente non chiude la porta al dialogo ma dice anche che non si fida dell’ennesima giravolta del leader della Lega.
Il tema licenziamenti entra nel vivo perché giugno è l’ultimo mese di blocco dei licenziamenti, Bankitalia aveva fornito le previsioni, parlando di 500mila possibili licenziamenti e il Governatore Visco pur non volendo entrare nello specifico tema, chiede un sistema maggiore di di protezione per i lavoratori.
Salvini cerca il consenso e vuole parlare con tutti, eppure dai ministri leghisti non c’è stato nessun aiuto al ministro Orlando quando ha dovuto rimangiarsi la proroga al 28 agosto. I leghisti sono stati zitti, per questo Letta non si fida e la considera un’altra giravolta, come è stata la linea europeista per entrare nel governo Draghi, così come i balletti di aperture e chiusure sui decreti COVID.

Sempre più urgente la legge Zan in Italia

Il comune di Palermo ha annunciato che si costituirà parte civile nel processo contro i responsabili dell’aggressione a una coppia omosessuale torinese, in visita nel capoluogo siciliano. Altra coppia omosessuale, questa volta nell’Oltrepò pavese, 59 e 69 anni. Spari contro la porta di casa, minacce, insulti.
Le aggressioni, verbali o fisiche a persone omosessuali emergono quasi ogni giorno nelle cronache. È anche per questo che è urgente l’approvazione della legge Zan contro l’omotransfobia che sta faticosamente avanzando al Senato, tra l’ostruzionismo delle destre e la propaganda su giornali e social che le dipinge come una legge liberticida.
Ne abbiamo parlato con Simone Alliva, giornalista e attivista Lgbt:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi 1.820 nuovi casi, con un tasso di positività al 2,1%. 82 le vittime nelle ultime 24 ore. Situazione degli ospedali: scende ancora, fino a quota 12%, a livello nazionale, la percentuale di posti letto nelle terapie intensive degli ospedali italiani occupati da pazienti COVID e senza che nessuna Regioni superi la soglia di allerta del 30%. Mentre calano all’11% i posti in reparto, anche in questo caso con tutte le Regioni sotto la soglia d’allerta

Regolamento europeo per gli spostamenti. Entra in vigore il primo luglio. Da domani la piattaforma europea sarà attiva e gli stati cominceranno a collegarsi. Ogni paese dovrà, entro il primo luglio, essere in grado di fornire il pass digitale riconosciuto a livello UE.
Oggi la Commissione Europea ha chiarito uno dei punti principali. E cioè: chi si potrà spostare nei paesi europei senza dover dimostrare un tampone negativo o, in mancanza fare la quarantena all’arrivo. Dice Bruxelles: “Le persone completamente vaccinate saranno esentate dai test di viaggio o dalla quarantena, 14 giorni dopo aver ricevuto l’ultima dose. Questo dovrebbe riguardare anche le persone guarite che hanno ricevuto una singola dose di vaccino“.
Inoltre si propone di introdurre un “freno di emergenza” interno alla UE per affrontare nuove varianti, reintroducendo misure restrittive per i viaggi anche per le persone vaccinate e quelle guarite se la situazione epidemiologica si deteriora rapidamente, o se è stata segnalata un’elevata prevalenza di varianti COVID preoccupanti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 01/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/10/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 01/10/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 10/01/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 01/10/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 01/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/01/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 01/10/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 10/01/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 01/10/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 10/01/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 01/10/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 10/01/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 01/10/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 10/01/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 01/10/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 10/01/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 01/10/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 10/01/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 01/10/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 10/01/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 01/10/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 30/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/10/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 30/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 02/10/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 30/09/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 02/10/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 30/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 02/10/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 30/09/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 02/10/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 30/09/2022

    (14 - 205) Dove si cerca di capire dove sia finito "virtualmente" Luigi Di Maio visto che si è cancellato…

    Muoviti muoviti - 02/10/2022

Adesso in diretta