Approfondimenti

L’attacco al campo profughi di Rafah, cinquant’anni dalla strage di piazza della Loggia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 27 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Per l’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, Gaza è ormai un inferno in terra. Josep Borrell, capo della diplomazia europea, si dice inorridito dalla strage di Rafah. Il ministro della Difesa Crosetto e altri esponenti del governo italiano hanno criticato l’azione di Israele a Gaza. Alessandro Impagnatiello ha ammesso tutti i dettagli riguardanti il femminicidio della sua compagna Giulia Tramontanto. 50 anni fa la strage fascista e di stato di Piazza Della Loggia a Brescia.

L’attacco missilistico israeliano al campo profughi di Rafah

Per l’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, Gaza è ormai un inferno in terra. Josep Borrell, capo della diplomazia europea, si dice inorridito dalla strage di Rafah. Emanule Macron è oltraggiato. L’Unione Africana parla del disprezzo israeliano per le sentenze internazionali. E sono furibondi i paesi arabi. Secondo il Qatar, il massacro può mettere in forse il Proseguire dei negoziati. Nell’unanime condanna internazionale, spicca la debolezza della reazione americana. Israele deve prendere precauzioni per difendere i civili, dice un portavoce della Casa Bianca. L’imbarazzo americano è evidente. Negli ultimi mesi, erano state innumerevoli le richieste da parte americana a Israele di non entrare a Rafah. Joe Biden aveva definito anzi l’offensiva a Rafah come la linea rossa che Israele non deve valicare, pena il blocco delle forniture militari. Con la strage di oggi, quella linea rossa è stata varcata e ora gli Stati Uniti si trovano sempre più soli nella difesa di Israele. L’isolamento americano risulterebbe ancora più evidente nel caso di un nuovo voto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. A quel punto, per Washington, risulterebbe davvero difficile proteggere, con il proprio veto, il governo di Benjamin Netanyahu.

Le reazioni della politica italiana alla strage di Rafah

(di Anna Bredice)
È Crosetto, il ministro della Difesa ed esprimersi in maniera così netta, “Israele sta seminando odio”, vuol dire che avrà avuto la certezza di avere una copertura alle spalle. Crosetto, anche se poi ha voluto precisare le sue parole dirette e poco diplomatiche, ha parlato anche per buona parte del governo, sicuramente per il suo partito, Fratelli d’Italia. “Ho l’impressione che Israele stia seminando un odio che coinvolgerà figli e nipoti, Hamas è un conto il popolo palestinese è un altro”, dice Crosetto, esprimendo in questo modo il sentimento di migliaia di persone e di politici che spesso si nascondono dietro parole molto più diplomatiche. Le critiche all’azione di Netanyahu che non vuole fermare la sua offensiva, bloccando possibilità di tregua, oltre a compiere continue stragi della popolazione palestinese, sono ormai diffuse, il ministro degli Esteri Tajani usa altre parole ma il concetto è simile, “abbiamo invito messaggi molto chiari a Israele di condanna per l’attacco a Rafah”. Giorgia Meloni probabilmente la pensa nello stesso modo, eppure resta come una macchia l’astensione dell’Italia nel voto sulla risoluzione dell’Onu che prevedeva il cessate il fuoco e il riconoscimento dello Stato palestinese. Ed è in questa contraddizione che le opposizioni in Italia cercano di inserirsi. Lo fanno i Cinque stelle che hanno depositato oggi una mozione con la quale chiedono al governo il riconoscimento unilaterale dello Stato palestinese e domani chiederanno che venga discussa e votata al più presto. Bisogna capire se il Pd aderirà e votare quella mozione o ne presenterà un’altra, ma soprattutto servirà a chiedere una presa di posizione precisa al governo Meloni, di condanna ufficiale del governo Netanyahu.

Stellantis, il confronto tra Tavares e i sindacati sul destino dello stabilimento di Mirafiori

(di Massimo Alberti)
Oggi l’incontro tra l’amministratore delegato di Stellantis Tavares e i sindacati sul futuro dello stabilimento torinese di Mirafiori, con la prospettiva di produrre a Mirafiori componenti per una 500 ibrida.
L’impegno che, finalmente in prima persona, Tavares potrebbe prendere su Mirafiori è la classica arma a doppio taglio. Di sicuro da finalmente respiro e prospettiva allo stabilimento torinese in una crisi che sembrava irreversibile. Anche se, il necessario cambio di piattaforma per restare su un motore termico, significa una effettiva produzione tra non prima di un anno e mezzo almeno. Dall’altra, apre però ulteriori interrogativi su cosa Stellantis intenda fare in Italia. Ad oggi se Mirafiori e Melfi, erano gli stabilimenti delegati all’elettrico, ma anche Melfi dove il primo modello dovrebbe prendere il via entro fine anno, ha una piattaforma riconvertibile al termico, il cambio di prospettiva su Mirafiori sembra far pensare ad un disimpegno di Stellantis in Italia dall’elettrico. Il drastico calo dei prezzi per la concorrenza cinese fa prevalere l’idea che quella produzione resti in paesi a basso costo del lavoro, come Polonia e Serbia. E considerato anche che il recente accordo di Stellantis con la cinese Lepomotor, per esportare e produrre utilitarie elettriche anche fuori dai confini cinesi, comprende una piattaforma che potrebbe essere usata anche per la futura 500, ma non è chiaro dove. Si pone così il problema di quale prospettiva a lungo periodo ci sia per un paese che non abbia produzioni solide su quello che tutto fa pensare sarà il mercato unico dell’auto. A meno naturalmente che le prossime elezioni europee pongano una drastica frenata ai piani di riconversione del settore verso l’elettrico, in vero già rallentati, conservando per l’ibrido qualcosa di più che una nicchia a breve periodo. Che è appunto il tema generale che riguarda gli stabilimenti italiani del gruppo, e non solo quello torinese, ma compresi appunto Cassino e Pomigliano. La transizione industriale in Iitalia, a cominciare dal settore dell’automotive, anche a causa di un governo piuttosto tiepido e incerto, continua ad esser molto complicata.

 

La confessione di Alessandro Impagnatiello per il femminicidio di Giulia Tramontano

Ha confessato e raccontato tutte le fasi del delitto Alessandro Impagnatiello, che un anno fa uccise la compagna Giulia Tramontanto, al settimo mese di gravidanza. Ha raccontato di aver tentato in precedenza di avvelenarla per provocare un aborto, senza riuscirci. Quindi di averla accoltellata più volte con un coltello da cucina che la donna stava usando per tagliare delle verdure. Poi di aver buttato il suo cellulare in un tombino e di aver tentato di far sparire il corpo. Dunque ha detto di essere andato a pranzo dalla madre con il corpo della donna nel bagagliaio dell’auto.
arrivato in aula Alessandro
Impagnatiello, è stato interrogato davanti alla Corte d’Assise di Milano nel processo in cui è imputato per l’omicidio La 29enne, è stata uccisa esattamente un anno fa, il 27 maggio del 2023, nella sua abitazione a Senago nel Milanese.

50 anni fa la strage fascista e di stato di Piazza Della Loggia a Brescia

(di Massimo Alberti)
Mezzo secolo, 50 anni fa la strage fascista e di stato di Piazza Della Loggia a Brescia. 8 morti e oltre 100 feriti per la bomba lasciata in un cestino e scoppiata alle 10,12 del 28 maggio 1974. Per la strage sono stati condannati in via definitiva l’allora dirigente di ordine Nuovo Carlo Maria Maggi, e l’uomo dei servizi segreti Maurizio Tramonte, come organizzatori e mandanti della strage. Altri due processi stanno per aprirsi con imputati i presunti esecutori materiali. Domani mattina le commemorazioni a Brescia col Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dalla piazza l’orazione ufficiale sarà tenuta dal segretario della Cgil Maurizio Landini. Vite stravolte dall’attimo di un’esplosione che ti porta via tutto: progetti, sogni, e speranze di quel cambiamento sociale vivo e reale, grazie alla forza dei movimenti, che le stragi fasciste e di stato, cui collaborarono anche apparati della Nato, miravano a fermare.
Piazza Loggia soprattutto, la più politica delle stragi, che colpiva una manifestazione antifascista che denunciava proprio il clima di reazione in cui una parte della politica, MSI in testa, premeva per una svolta autoritaria. Una verità storica, politica e anche giudiziaria, grazie alla sentenza d’appello, passata dalla cassazione, che mette nero su bianco le responsabilità dei neofascisti di ordine nuovo in collaborazione con apparati dello stato. Una storia giudiziaria ancora da completare con altri 2 processi ai presunti esecutori materiali, gli allora neofascisti veneti Roberto Zorzi e Marco Toffaloni, all’ epoca minorenne, il cui processo inizierà proprio dopodomani e attraverso cui si punta a ricostruire ancora meglio i rapporti tra Ordine Nuovo e pezzi di stato che portarono alla strage nel contesto della strategia della tensione. Alla “dimenticanza” del governo di costituirsi parte civile, poi rimediata, dovrebbe per coerenza seguire una presa di responsabilità, da parte degli eredi storici e politici dell’Msi, oggi al governo, che ancora manca. Pronunciando la parola con la F che Meloni non riesce proprio a dire.
Sul sito di Radio Popolare potete ascoltare le interviste integrali con Manlio Milani, fondatore dell’associazione dei familiari delle vittime, e la magistrata Anna Conforti, che ha scritto la sentenza definitiva. Domani dalle 9,30 la diretta delle commemorazioni dallo studio mobile in Piazza della Loggia a Brescia.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 14/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 14-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di venerdì 14/06/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 14-06-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 14/06/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 14-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 14/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14-06-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 14/06/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 14-06-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 14/06/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 14-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 14/06/2024

    Nella puntata di Quel che resta del giorno del 14 giugno 2024, condotta da Luigi Ambrosio: Cecilia Strada risponde alle domande e dialoga con gli ascoltatori dopo l’elezione al parlamento europeo nelle fila del Partito Democratico. Alfonso Raimo dell’Huffington Post sulla settimana violenta della destra in Parlamento e la crisi del Movimento 5 Stelle. Mario Colosimo organizzatore del Pride di Roma, sul Pride e sulle conclusioni del G7 in tema di diritti civili. “Sarà un Pride pieno di frociaggine” ha detto, in polemica con le parole di Papa Bergoglio.

    Quel che resta del giorno - 14-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 14/06/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 14-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 14/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 14-06-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 14/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 14/06/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 14/06/2024

    Nella prima parte ricordiamo Paolo Carù attraverso le parole di Guido Giazzi. Nella seconda parte intervistiamo le Goat Girl sul loro ultimo disco Below The Waste

    Jack - 14-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 14/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che con Andrea Pistorio, programmista multimediale e Andrea Leone, sound designer ha parlato del podcast Lago, veleni e resistenza su @raiplaysound, ma anche di @animal Equality e macellazione di cavalli, di Giornata mondiale della Tartaruga marina , di Riccio day a Lido di Pedrosa, di @Centro Recupero Ricci la Ninna e scopriamo che Andrea voleva essere volpe e Andrea, falco pellegrino.

    Considera l’armadillo - 14-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 14/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 14-06-2024

Adesso in diretta