Approfondimenti

Piantedosi rivendica le manganellate sugli studenti, le proteste dei trattori a Bruxelles e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 26 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il ministro dell’Interno Piantedosi oggi ha rivendicato le manganellate al corteo di Pisa. Il governo ha presentato ai sindacati alcuni provvedimenti presi dopo la strage nel cantiere di Firenze. Nonostante le pressioni della comunità internazionale, Netanyahu ha fatto capire che non ha alcuna intenzione di rinunciare a entrare con l’esercito a Rafah. Il parlamento ungherese ha approvato l’adesione della Svezia all’alleanza atlantica. Durante la protesta di oggi i trattori hanno bloccato le strade di Bruxelles.

Al corteo di Pisa, manganellato dalla polizia, c’erano anche dei tredicenni


Il ministro dell’Interno Piantedosi oggi ha rivendicato le manganellate al corteo di Pisa: “I manifestanti hanno rifiutato la mediazione e, nonostante gli avvertimenti a non forzare il blocco, sono venuti volutamente a contatto con i reparti mobili”.
Questa è la versione dei fatti che il titolare del Viminale oggi ha dato nella sua informativa in Consiglio dei ministri.
Il governo dunque rivendica il modo in cui è stata gestita la piazza e, anzi, rilancia, accusando i manifestanti. Eppure quel giorno in corteo a Pisa, c’erano anche ragazzi e ragazze di 13 anni, studenti delle scuole medie.

Prima della carica e delle manganellate, la polizia ha fermato il corteo e fatto alzare le mani ai manifestanti, tra cui c’erano dei giovanissimi. A raccontarlo, in una intervista alla nostra Elisa Graci, è stata proprio una delle studentesse che hanno preso parte alla manifestazione. Lei si chiama Dora e ha 13 anni. L’intervista integrale nella trasmissione “Quel che resta del giorno” a partire dalle 20.

 

Il governo si scontra con Mattarella sulle manganellate in piazza

Non solo le parole del Presidente della Repubblica che aveva denunciato le manganellate della Polizia contro i manifestanti di Pisa non sono state accolte; il governo oggi ha giustificato e, di fatto, rivendicato.
Il ministro dell’Interno ha presentato una relazione al Consiglio dei Ministri con cui ha dato la colpa delle violenze di polizia ai manifestanti. Secondo Piantedosi, i manifestanti avrebbero voluto tenere una manifestazione senza preavviso, avrebbero rifiutato ogni mediazione e avrebbero attaccato gli uomini in divisa.
Sabato Mattarella aveva telefonato a Piantedosi e gli aveva detto che manganellare i ragazzi è un fallimento e che l’autorevolezza delle forze di polizia non si misura sui manganelli. Durante un incontro coi sindacati questa mattina Piantedosi aveva affermato di condividere l’appello di Mattarella poi però lo aveva condito con i tanti ma che sta usando da sabato per giustificare la condotta dei suoi uomini in piazza. Da un punto di vista politico significa respingere il monito del Capo dello Stato. Piantedosi ha relazionato in Consiglio dei ministri. Quindi si può affermare che la sua sia la linea del governo. I segnali c’erano già tutti: il silenzio di Meloni, in particolare. Con una mossa, due risultati: rivendicare la violenza in piazza, drammatizzare il conflitto politico con il Quirinale.

Lavoro, arriva la patente a punti per la sicurezza

(di Alessandro Principe)
Arriva la patente a punti per la sicurezza sul lavoro. Oggi il governo ha presentato ai sindacati alcuni provvedimenti presi dopo la strage nel cantiere di Firenze. Sono molto negativi i commenti di Cgil e Uil, più positiva la Cisl.
Il leader della Cgil Landini ha parlato di risposte inadeguate per cui, ha detto, la mobilitazione continua. Il segretario della Uil Bombardieri ha aggiunto che non c’è chiarezza sulle risorse, che tutto è vago e che indeterminato. “Ma qui – ha commentato – la gente continua a morire”.

La novità principale è la cosiddetta “patente a punti” per le imprese, legata agli incidenti sul lavoro. E’ da tempo una richiesta dei sindacati. Ma la versione approvata dal governo è molto diversa…..

La patente sarà rilasciata a imprese e lavoratori autonomi nel settore edilizio dall’Ispettorato nazionale del lavoro e sarà tassativa per poter aprire un cantiere. Si parte da un ammontare di trenta punti che vengono decurtati – sul modello della patente di guida – in caso di infortuni sul lavoro. In base alla gravità dell’incidente i punti vengono sottratti: un incidente mortale costa venti punti. Un infortunio che comporta un’inabilità permanente ne vale quindici. Dieci i punti tolti se l’inabilità è temporanea. Con meno di quindici punti l’impresa non può gestire un cantiere.
Fin qui l’idea assomiglia molto a quella proposta dai sindacati. Ma il punto cruciale è questo: i punti si possono recuperare con dei corsi di formazione. Non a caso il governo parla di patente “a crediti”. Mandando su tutte le furie i Cgil e Uil. Facciamo un esempio: un operaio edile muore in un cantiere. La sua vita vale venti crediti: l’azienda ne può recuperare cinque con un corso di formazione per i dipendenti. E torna immediatamente a quei quindici che servono per continuare a lavorare.

Altro dettaglio, che dettaglio non è: dalla patente sono escluse le imprese dotate di un “SOA”, un certificato di qualificazione. Leggiamo sul sito ufficiale: il SOA comprova la capacità economica e tecnica di un’impresa di qualificarsi per l’esecuzione di appalti pubblici. E’ una certificazione che non riguarda invece il curriculum dell’azienda dal punto di vista di incidenti e infortuni, ci ha detto il segretario generale degli edili Cgil Alessandro Genovesi. Che per questo boccia il provvedimento e parla di propaganda e interventi inutili.

Israele si prepara per un’operazione di terra a Rafah

(di Emanuele Valenti)
Da una parte i preparativi israeliani per un’operazione di terra a Rafah.
Dall’altra il negoziato per una tregua e per lo scambio tra ostaggi israeliani e detenuti palestinesi.
Il rischio è che arrivi prima l’operazione di terra a ridosso del confine egiziano.
Anche in queste ultime ore Netanyahu ha fatto capire che non ha alcuna intenzione di rinunciare a entrare con l’esercito a Rafah. I vertici militari hanno presentato al governo un piano per l’evacuazione dei civili. L’esecutivo non ha ovviamente reso noto il contenuto, ma lo stesso annuncio sembra essere stato studiato per mettere pressione sulla controparte e per confermare a tutti che l’operazione nella Striscia andrà avanti fino alla fine, a prescindere da quello che dice la comunità internazionale, compreso l’alleato americano.
I tempi non sono chiari. Nelle scorse settimane Israele aveva indicato l’inizio del Ramadan – il 10 di marzo – come termine ultimo per la liberazione degli ostaggi da parte di Hamas e di conseguenza come un possibile inizio di un’operazione di terra.
Ma lo stesso esercito aveva precisato che la preparazione dell’attacco, proprio per l’altra presenza di civili, avrebbe richiesto del tempo.

Ma l’altro binario, quello della diplomazia e della ricerca di una tregua, non sta andando così rapidamente.
In queste ore riprendono a Doha le trattative tra Israele, Stati Uniti, Egitto e Qatar. Nei prossimi giorni dovrebbero continuare al Cairo.
L’amministrazione Biden ha fatto sapere che nei giorni scorsi sono stati concordati i contorni di un intesa. Ma le parti – Hamas e Israele – sono ancora molto lontane.
Il gruppo palestinese continua a chiedere il ritiro israeliano e la fine del conflitto.
Netanyahu non ha alcuna intenzione di lasciare la Striscia e chiede il rilascio di tutti gli ostaggi.
Essendo appunto le posizioni così distanti non è da escludere che ci sia prima un’accelerata dell’operazione di terra.
Sempre oggi, ulteriore conferma della determinazione israeliana, ci sarebbero stati anche spari sui civili che a Gaza City stavano aspettando del cibo. Lo dicono fonti locali ai media arabi.

Anche quello che succede più a nord, al confine tra Israele e Libano, pare confermare come Netanyahu sia disposto a rischiare pur di portare avanti il suo piano di mettere in sicurezza il paese attraverso l’esclusivo uso della forza.
L’aviazione ha colpito molto in profondità in territorio libanese, a Baalbek, nella zona orientale del paese, verso il confine siriano. Secondo i media locali gli israeliani non facevano un’operazione del genere da parecchi anni. Nel raid è stato ucciso il comandante di Hezbollah per il Libano orientale.
La risposta è stato il lancio di oltre 60 razzi dall’altra parte della frontiera.

Netanyahu non sembra essere preoccupato di andare avanti, contro tutto e tutti.

Via libera all’ingresso della Svezia nella Nato

Dopo mesi di ritardo, il parlamento ungherese ha approvato l’adesione del paese nordico all’alleanza atlantica, facendo cadere anche l’ultimo ostacolo che separava Stoccolma dalla Nato. Budapest era in stallo da 19 mesi e il voto di oggi è arrivato dopo la decisione della Svezia di fornire all’Ungheria quattro aerei da combattimento di fabbricazione svedese da aggiungere ai 14 già utilizzati dall’aeronautica ungherese. “Oggi è una giornata storica” ha scritto su twitter la premier svedese, “La Svezia è pronta ad assumersi la propria responsabilità per la sicurezza euro-atlantica”.

L’Ucraina ha ricevuto solo il 30% delle munizioni promesse dall’Ue

L’Ucraina ha ricevuto solo il 30% dei proiettili di artiglieria promessi dall’Ue. Lo ha detto oggi il presidente Zelensky prima di partecipare in videoconferenza al vertice convocato da Emmanuel Macron sul conflitto e sugli aiuti. L’incontro arriva in un momento molto difficile per l’Ucraina, indebolita sul fronte e in attesa delle armi occidentali necessarie alla sua sopravvivenza.
Il fronte più difficile è quello del Donetsk e lo stato maggiore ucraino ha detto che gli scontri più pesanti stanno avvenendo nella zona di Marinka, con diversi attacchi missilistici e aerei nelle ultime ore che hanno colpito l’area, provocando morti e feriti.
In ucraina abbiamo raggiunto il nostro collaboratore Sabato Angieri

 

I trattori arrivano a Bruxelles

Hanno lasciato il centro di Bruxelles poco fa gli agricoltori che oggi hanno manifestato nel centro della capitale belga a bordo dei trattori. Il quartiere delle istituzioni europee è stato evacuato, il traffico ha ripreso a scorrere e le linee della metro sono state riaperte, ma si segnalano ancora disagi nella zona.
Secondo i giornali locali tre agenti di polizia sono stati feriti negli scontri di questa mattina.

Durante la protesta di oggi i trattori hanno bloccato diverse strade e lanciato vari oggetti contro la polizia: uova, bottiglie e cartelli stradali. Gli agenti hanno risposto con gas lacrimogeni e idranti.
Gli agricoltori si sono riuniti a Bruxelles mentre nei palazzi europei era in corso il vertice dei 27 ministri dell’agricoltura. I ministri hanno chiesto misure urgenti per cambiare la situazione degli agricoltori e il commissario Ue all’agricoltura, durante la conferenza stampa al termine del consiglio, ha detto che dovrebbe essere possibile riaprire i negoziati sulla Politica agricola comunitaria (Pac) prima della scadenza nel 2027.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 17/04 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 17-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 17/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 17-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 17/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 17-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17-04-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 17/04/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 17-04-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 17/04/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 17-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 17/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 17-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 17/04/2024

    1 - La guerra in Ucraina, capitolo 1. Un bombardamento russo ha fatto 17 morti e oltre 60 feriti nel nord del paese. I missili non sono stati intercettati. Zelensky: con le armi occidentali non sarebbe successo. Nei prossimi giorni il Congresso americano proverà a votare il pacchetto di aiuti (Roberto Festa) 2 - La guerra in Ucraina, capitolo 2. La strategia occidentale per contenere Putin non sembra funzionare. Nonostante le sanzioni l’economia russa sta crescendo più dei paesi ricchi. Lo dice il Fondo Monetario. Pesano le esportazioni verso Cina e India 3 - Peggiorano le relazioni tra Pechino e i paesi del sud-est asiatico. Nei prossimi giorni le Filippine faranno esercitazioni militari con l’alleato americano nel Mare Meridionale Cinese. Per la prima volta in una zona che la Cina rivendica come propria (Gabriele Battaglia) 4 – 10 anni senza Gabriel Garcia Marquez. In Esteri l’impegno politico dell’autore di Cent’anni di solitudine (Alfredo Somoza) 5 - Graphic Novel. La gemella fantasma. Il primo romanzo a fumetti di Lisa Brown (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 17-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 17/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 17-04-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 17/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 17-04-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 17/04/2024

    1. “Till The Cows Come Home” – The New Mastersounds 2. “Here To Stay” – Jalen Ngonda 3. “Don’t Give a Friend a Number” – Sharon Jones & The Dap-Kings 4. “Fine Right Here – Live at Portage Lounge” – Kendra Morris 5. “Musta Been A Ghost (OurVinyl Sessions)” – Próxima Parada 6. “Mood Swings” – Marcus King 7. “This Far Gone” – Marcus King 8. “Paper Crown (feat. Beck and Juicy J)” – The Black Keys 9. “Shiver” – The Libertines 10. “Supersonic” – Oasis 11. “Tokyo Night” – Vulfmon, Jacob Jeffries, Evangeline 12. “The Seed” – Krishna Jones 13. “50 Ways to Leave Your Lover” – Paul Simon

    Soulshine - 17-04-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 17/04/2024

    Grace Cummings ci presenta il suo disco Ramona in una bella intervista. Parliamo anche della ricezione del primo disco degli English Teacher, di Saint Levant, il rapper, il rapper che ha portato Gaza sul palco del Coachella. Inoltre ci colleghiamo con Piotta per il suo live al Magnolia.

    Jack - 17-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 17/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda dalla libreria Il Delfino di Pavia che oggi ha ospitato Roberto Manelli di @progetto Cuori Liberi di Sairano per parlarci del Rifugio e dei suoi ospiti, ma anche di @Biennale Tecnologia a Torino e il film Sapiens di @Bruno Bozzetto sulla RAI venerdì

    Considera l’armadillo - 17-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 17/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 17-04-2024

  • PlayStop

    Radio Popolare Minilive - Erlend Øye e La Comitiva

    La raccolta delle esibizioni dal vivo degli ospiti di Jack, il magazine musicale di Radio Popolare, andate in onda dallo studio 7 di via Ollearo. Nell’episodio di martedì 16 aprile 2024 c'è Erlend Øye e La Comitiva

    Clip - 17-04-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 17/04/2024

    Oggi a Cult, in esterna dalla Libreria Il Delfino di Pavia: il libraio Andrea Grisi e Gino Cervi, scrittore, editore e intellettuale; i maestri Giulio Prandi (Orchestra e Coro Ghislieri) e Maurizio Schiavo (ensemble Il Demetrio); Francesco Nardelli, direttore del Teatro Fraschini; Alessandro Peroni , Giacomo Aricò , Luigi Riganti, autori del libro "Pavia ripresa. 70 anni di cinema a Pavia", con Barbara Sorrentini...

    Cult - 17-04-2024

Adesso in diretta