Approfondimenti

Il messaggio di Meloni agli alleati, l’attivismo sfrenato di Salvini sui migranti, il crollo del prezzo del gas e le altre notizie della giornata

Salvini Porta A Porta ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 24 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Giorgia Meloni si prepara al discorso alle Camere e manda un messaggio agli alleati: come vi ho tenuti a bada fino a oggi, continuerò a farlo anche in futuro. E l’attivismo sfrenato di Salvini, tra riunioni con le autorità portuali, l’incontro con Giorgetti su tasse e pensioni e una infilata di dichiarazioni programmatiche, non è proprio un buon segno per la nuova premier. Il crollo di domanda sta facendo scendere molto rapidamente il prezzo del gas sul mercato di Amsterdam, oggi arrivato sotto i 100 euro come non succedeva da giugno. I russi continuano a ripetere che l’Ucraina si sta preparando a usare una bomba sporca, ma la replica di Stati Uniti, Regno Unito e Francia è chiara: non cercate un pretesto per far fare alla guerra un’ulteriore salto di qualità.

Il messaggio di Giorgia Meloni agli alleati

(di Luigi Ambrosio)

Un discorso che sia un programma di legislatura. Meloni sta preparando questo per la sua prima volta da Presidente del Consiglio che si presenta alle Camere per il voto di fiducia. Lo fa sapere lei stessa oggi pomeriggio. Nel sottolinearlo c’è anche un messaggio agli alleati Berlusconi e Salvini che dal 25 settembre non hanno smesso di cercare di metterla in difficoltà e nemmeno oggi si sono astenuti dal farlo: come vi ho tenuti a bada fino a oggi, continuerò a farlo anche in futuro. Il conflitto nella maggioranza lo cercherà di superare proponendo una visione di lungo periodo, quasi una egemonia.
Vinte le elezioni, risultato storico per la destra che arriva dal Movimento Sociale, ora l’obiettivo è consolidare la vittoria. Il problema è se gli altri della coalizione glielo lasceranno fare.
Meloni dovrà barcamenarsi tra l’agenda Draghi e gli elementi identitari della destra. Solo ieri ha prima visto il Presidente del Consiglio uscente per un’ora e mezza, prendendo le consegne, e poi ha incontrato il presidente francese Macron. Il governo che ha costituito è filo-atlantico e non si discosterà dagli elementi fondamentali di economia politica concordati con l’Europa quando sono stati assegnati i fondi del PNRR. Allora, per dire qualcosa di destra non restano che i diritti civili delle persone. Ma non dobbiamo aspettarci che Meloni si infiammi su questo. Dobbiamo aspettarci appelli all’unità. Alla sua maniera. L’unità della Nazione, come dice lei. L’unità del Popolo, al singolare. Il coinvolgere le opposizioni per le riforme, a cominciare da quella per il presidenzialismo. E poi, il fare in fretta, suo pallino dal 25 settembre. Fare in fretta perché se le opposizioni non sono un pericolo, i suoi alleati sì.

L’attivismo sfrenato di Salvini non è un buon segno per Meloni

(di Anna Bredice)

Riunioni con le autorità portuali, incontro con Giorgetti su tasse e pensioni e infine una infilata di dichiarazioni programmatiche, tra cui il ponte sullo Stretto, nella cosiddetta “quarta Camera”, da Vespa a Porta a Porta. Se il buongiorno si vede dal mattino, per Meloni l’attivismo sfrenato di Salvini non è proprio un buon segno. Prima ancora che lei affronti il Parlamento, lui ha già fatto capire di non accettare nessun ordine e agenda dalla Presidente del Consiglio. E questo è proprio quello che Giorgia Meloni ha fatto di tutto per evitare, ma a quanto pare finora inutilmente. Ha creato un Ministero del Mare, affidato a uno dei suoi, Nello Musumeci, nella speranza di potergli affidare la delega sui porti, ma non ha ancora fatto in tempo a decidere le deleghe che Salvini questa mattina ha incontrato già il comandante della guardia costiera parlando proprio di navi e migranti. La delega, in sostanza, se l’è presa da solo e ha voluto anche mostrarlo in maniera evidente.
Del resto per Salvini agitare il governo sulla questione dello stop agli sbarchi delle navi con migranti a bordo è l’unica possibilità per riprendere consenso e visibilità nel governo di destra, riproponendo i decreti Sicurezza, che invece Meloni non vuole perché ha sempre parlato di blocco navale. Una competizione a destra sulla pelle dei migranti. E sempre oggi Salvini ha svolto un’altra riunione con Giorgetti e gli altri ministri economici per discutere di flat tax e quota 41, due cavalli di battaglia leghisti, ma che non sono gli stessi di Giorgia Meloni, che sulla Flat tax chiede una cosa diversa.
A Porta a Porta Salvini non ha negato le “fibrillazioni”, parola che dice tutto ed è stata usata per mesi quando faceva ballare il governo Draghi. La ripete oggi che Meloni non ha ancora ottenuto la fiducia. Di fronte all’agitarsi di Salvini, sbiadisce il tentativo di Forza Italia di battere un colpo. Magari dopodomani al Senato le parti si invertono e sarà Berlusconi a dire la sua, ma le parole di Mulè di Forza Italia, che chiede ai ministri del partito scelti da Meloni di dimettersi dai ruoli di vertici dentro Forza Italia e le rimprovera un atteggiamento troppo decisionista, risultano poca cosa rispetto al messaggio di Salvini: l’agenda non me la faccio imporre da Giorgia Meloni.

Questa destra non è folklore

Dopo il varo dell’esecutivo Meloni, nell’opposizione si fa sempre più strada la tentazione di criticare la destra al governo, enfatizzandone gli aspetti più pittoreschi. I nomi nuovi dei ministeri, ad esempio, sono stati in questi giorni oggetto di battute. Una strategia che rischia di risultare inefficace, se non controproducente, di fronte a una destra per nulla sprovveduta.


(di Mattia Guastafierro)




La destra al governo non è folklore. O almeno, sotto la patina del grottesco, che riveste qua e là usi e costumi del nuovo esecutivo, c’è di più. C’è una base culturale solida, misto di nazionalismo sovranista e religioso, e un bacino sociale di riferimento trasversale, che va dal mondo delle imprese ai quartieri operai e popolari.
 Anche l’accusa di incompetenza rischia di apparire vuota. Su 24 ministri del nuovo esecutivo, 6 lo erano già nei governi precedenti. Sette, se si aggiunge Meloni. E, a parte alcuni esordienti, tutti hanno una lunga esperienza politica, parlamentare o amministrativa. Un’infrastruttura consolidata, costruita negli anni, la cui ideologia si muove nel solco di una salda tradizione: ultra-liberista in economia e integralista sui diritti. 
Se il governo Meloni cadrà prima della fine del suo mandato o non verrà confermato dagli elettori non sarà per dilettantismo. A pesare potrebbero essere, piuttosto, i personalismi interni, lo sguardo dei mercati, le promesse non mantenute. I prossimi mesi saranno un test, a cominciare dalle sfide più urgenti che attendono il paese. In qualunque modo andrà, l’errore sarebbe incalzare questa destra, indifferente al politicamente corretto, solo sulla forma, una tentazione a cui già in troppi a sinistra stanno cedendo.

Crolla il prezzo del gas: ora nessuno lo vuole né sa dove stoccarlo

Il crollo di domanda sta facendo scendere molto rapidamente il prezzo del gas sul mercato di Amsterdam. Oggi è arrivato sotto i 100 euro, non succedeva da giugno. Questo potrebbe accelerare anche gli effetti sulle bollette, ma anche far crescere i prezzi velocemente quando, con l’inverno e il calo delle temperature, tornerà a risalire la domanda.
Nel mercato del gas impazzito, infatti, siamo arrivati al punto che i fornitori non sanno più dove fisicamente mettere il gas naturale liquido, fino ad esser disposti a pagare pur di venderlo.
Sembra paradossale ma non lo è: la domanda repentinamente salita in estate, quando gli stati si sono affrettati a riempire i depositi facendo decollare il prezzo, ora è letteralmente ferma per le cause note: stoccaggi ormai pieni, crollo dei consumi industriali, con cali in Germania ed Italia tra 30% e 40%, temperature di molto sopra media, e che tali resteranno ancora a lungo.
Di ciò, come sottolinea Nomisma, le bollette potrebbero beneficiare prima del previsto. Ma nella situazione, nell’immediato potenzialmente buona, c’è un però.
Le scene al limite dell’apocalittico, decine di navi metaniere ferme al largo dell’Europa, ormai son quotidiane. Fino al paradosso estremo, appunto, dei contratti ad un’ora, cioè consegna immediata, arrivati in negativo, perché i costi dello stoccaggio sono invece ai massimi storici: praticamente costa appunto meno regalare il GNL che conservarlo, solo che nessuno lo vuole perché ora non serve e appunto non si sa dove metterlo. Questo inevitabilmente si ripercuoterà sulla salita dei prezzi quando, col calare delle temperature, si rialzerà la domanda ed i grossisti non aspettano altro per riprendere a vendere una materia prima a quel punto gravata da alti costi di stoccaggio. Quando accadrà e quanto durerà la situazione attuale? Difficile dirlo. 2 o 4 settimane, secondo gli analisti. Dipenderà da quanto e quando le temperature inizieranno a scendere, visto che la ripresa dell’industria non è all’ordine del giorno: gli indici delle piccole medie imprese diffusi oggi confermano la recensione prossima.
Gli utenti finali, cittadini e industrie, restano esposti alle oscillazioni di quel mercato instabile cui è stata delegata la gestione di una materia prima così preziosa, con la stessa Ue che, dopo l’ennesimo rinvio sul varo del piano gas, non sembra aver fretta di provare a controllare.

La propaganda russa sembra anticipare una nuova mossa estrema da parte di Putin

(di Emanuele Valenti)

I russi lo hanno ripetuto più volte, con insistenza, nelle ultime ore: l’Ucraina si sta preparando a usare una bomba sporca. Non solo, nella maggior parte dei casi lo hanno fatto parlando con i vertici militari di alcuni paesi occidentali: Stati Uniti, Regno Unito e Francia.
L’obiettivo sembra essere: fare in modo che la questione diventi di dominio pubblico non solo in casa ma anche a livello internazionale.
La risposta di Stati Uniti ed Europa è stata netta: non cercate un pretesto per far fare alla guerra un’ulteriore salto di qualità, in sostanza un’ulteriore escalation.
Tra le ultime dichiarazioni che arrivano da Mosca quella del capo delle unità che all’interno dell’esercito si occupano di attacchi nucleari, chimici o biologici: siamo pronti ad agire in un contesto di contaminazione radioattiva.
Difficile, se non impossibile, pensare che gli ucraini possano usare armi del genere, a maggior ragione sul loro territorio.
Le dichiarazioni arrivate da Mosca negli ultimi giorni e ancora nelle ultime ore ci dicono soprattutto una cosa: l’esito di questa guerra sta diventando sempre più imprevedibile, proprio quando le debolezze e le difficoltà russe si stanno manifestando in maniera molto chiara. In questo momento la domanda non è chi vincerà questa guerra, ma cosa potrebbe succedere dopo una nuova ultima mossa estrema da parte di Putin.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di martedì 21/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 21-05-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

Adesso in diretta