Approfondimenti

La fuga della destra da Milano per il 25 aprile, la tensione al Palazzo di Vetro tra Russia e ONU e le altre notizie della giornata

Meloni La Russa ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 24 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La fuga dal 25 aprile, per l’estrema destra al potere, sarà anche una fuga da Milano, la città che proprio il 25 aprile fu liberata.

 Intanto sono ore drammatiche per quanto sta accadendo nel Mediterraneo, con 16 imbarcazioni arrivate a Lampedusa con un totale di quasi 700 persone a bordo e almeno tre imbarcazioni sono affondate. Stanno facendo scalpore una serie di errori e gaffes della campagna “Open to meraviglia” commissionata dal Ministero del Turismo per rilanciare la presenza di vacanzieri stranieri in Italia. Si è aperto con uno scontro tra il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, presieduto dalla Russia. Continuano le operazioni di evacuazione dalle ambasciate straniere in Sudan: questa sera arriveranno a Ciampino gli 83 italiani evacuati nelle scorse ore.

L’estrema destra al potere fugge da Milano per il 25 Aprile

(di Alessandro Gilioli)
La fuga dal 25 aprile, per l’estrema destra al potere, sarà anche una fuga da Milano, la città che proprio il 25 aprile fu liberata.
Vediamo, allora. Meloni sarà a Roma, all’ombra di Mattarella all’Altare della Patria, e d’accordo, nessuno chiedeva tanto. 

Ma gli altri? 

Piantedosi andrà in Sicilia a un evento sulla mafia, Lollobrigida a Barcellona, in Spagna, Urso farà visita alla comunità ebraica a Roma, Tajani anche lui a Roma, alle Fosse Ardeatine, La Russa a Praga a omaggiare Jan Palach, Giorgetti a Varese e così via.
Tutti hanno trovato qualcosa da fare da qualche altra parte pur di evitare di essere nella città di cui si festeggia la Liberazione.
Tutti tranne uno, a dire la verità. 

È il Ministro quello dell’Istruzione e del merito, Giuseppe Valditara, che invece sarà a Milano.

 Al mattino accompagnerà il sindaco Sala a rendere omaggio alla lapide sulla facciata di Palazzo Marino, quella che prima di arrivare alla Resistenza parla delle Cinque giornate di Milano (1848), prosegue sui moti mazziniani, quindi le battaglie del Risorgimento.

 Poi Sala andrà al corteo antifascista, ma Valditara non lo seguirà: preferisce andare – e qui si rasenta il comico – al Tempio della Vittoria, detto anche Sacrario dei caduti milanesi, in Largo Gemelli, dedicato ai morti della prima guerra mondiale, inaugurato il 4 novembre 1928, in pieno fascismo, alla presenza del podestà fascista e del duca d’Aosta Emanuele Filiberto, maresciallo del fascismo, il tutto in un tripudio di saluti romani.
 
Forse sarebbe stato meglio se anche Valditara fosse andato da un’altra parte.

Tre imbarcazioni affondate in poche ore nel Mediterraneo

Sono ore drammatiche per quanto sta accadendo nel Mediterraneo. Solo dalla scorsa mezzanotte a Lampedusa sono arrivate 16 imbarcazioni con un totale di quasi 700 persone a bordo. E almeno tre imbarcazioni sono affondate. Decine le persone salvate, ma non si sa quante siano annegate.
E al largo della Tunisia, da dove queste imbarcazioni partono, la guardia costiera di Tunisi ha recuperato i corpi di 30 persone migranti che sono annegate dopo che le loro imbarcazioni sono affondate. Intanto a Ravenna domani è previsto l’arrivo della nave della Humanity One della Ong Sos Humanity con a bordo 69 persone, soprattutto sudanesi. Tra loro 20 minori non accompagnati.

Open to meraviglia, non si salva quasi nulla della campagna voluta da Santanché

Stanno facendo scalpore una serie di errori e gaffes della campagna “Open to meraviglia” commissionata dal Ministero del Turismo per rilanciare la presenza di vacanzieri stranieri in Italia. Nove milioni l’investimento.

(di Claudio Jampaglia)

In primis fu la Venere del Botticelli testimonial della campagna ridisegnata in chiave fumettistica, rivestita e ambientata di volta in volta tra pizze, mandolino e Colosseo con le polemiche di Sgarbi e di Ferragni. Poi c’è stato il sito della campagna col rigoroso punto it finale che non era stato registrato e allora qualcun altro lo ha acquistato scippandolo al ministero e sbeffeggiandoli scrivendo: tranquilli ci abbiamo pensato noi, il marketing è una cosa seria. La meraviglia si è ulteriormente moltiplicata con la scoperta che nello spot della campagna compariva una festa in una villa che però era in Slovenia. Le immagini in realtà non erano state girate ad hoc, ma provenivano da una banca dati internazionale di video già fatti. Figuraccia. E primi sospetti di intelligenza con lo straniero. Poi sono arrivate le traduzioni realizzate con un software di intelligenza artificiale che hanno fatto diventare, nella versione tedesca del sito, ad esempio, la città di Camerino: Garderobe. E così per Prato, Brindisi, Fermo, Cento e persino Scalea tradotte letteralmente dall’italiano al tedesco e posizionate su una mappa stravolta d’Italia. A realizzare questa perla una società che fornisce un servizio di traduzione automatizzata di notizie sul portale del ministero “leader nell’intelligenza artificiale” (ma non troppo). Insomma non si salva quasi nulla in questa campagna, costata 9 milioni di euro al Ministero e commissionata all’agenzia Armando Testa, che bisogna dirlo si inserisce in una vera filiera di fallimenti di campagne ministeriali da Francesco Rutelli a Vittoria Brambilla, per arrivare al portale VeryBello! di Franceschini che almeno però costava molto meno di un milione di euro. Santanché, imprenditrice del turismo e della comunicazione prima ancora che ministra, evidentemente è soddisfatta così e twitta: “Il turismo deve diventare la prima industria della nostra Nazione. Abbiamo località bellissime che devono tornare ai fasti di un tempo come Salsomaggiore. Il governo c’è e sta investendo per arrivare a questo importante traguardo”. Eh sì, il governo c’è e ci fa.

Tensione alle stelle al Palazzo di Vetro tra Russia e ONU

Si è aperto con uno scontro tra il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres il Consiglio di Sicurezza dell’Onu, presieduto dalla Russia. Guterres, che ha parlato per primo, ha condannato l’invasione russa, dicendo che viola la carta dell’ONU e il diritto internazionale. Subito dopo ha preso la parola Sergei Lavrov, che gli sedeva accanto e la sua risposta è stata secca: ha attaccato gli Stati Uniti che “intraprendono la strada della distruzione del multilateralismo” e che “imponendo il loro ordine del mondo vanno contro la Carta delle Nazioni Unite”, chiedendo di abbandonare i doppi standard. A dimostrazione poi della tensione presente oggi al Palazzo di Vetro, Lavrov ha aggiunto che il mondo in questo momento è in una situazione più pericolosa dei tempi della guerra fredda. 

Intanto anche sul campo prosegue il conflitto. Secondo l’intelligence ucraina l’esercito russo si sarebbe spostato in posizione difensiva in tutto il territorio tranne che a Bakhumut. A dirlo è stato il capo dell’intelligence ucraina, che durante un’intervista ha anche sostenuto che La riconquista dell’intero territorio ucraino entro la fine di quest’anno è «del tutto» possibile.
A Bakhmut dunque continua la resistenza ucraina ma secondo il comandante delle forze di terra di Kiev, l’esercito non si sta limitando limita a difendere il territorio, ma sta anche conducendo contrattacchi attivi, che permettono all’esercito ucraino di guadagnare tempo in vista della controffensiva.

La fuga dalle ambasciate straniere in Sudan

“La violenza in Sudan rischia di inghiottire l’intera regione”. A dirlo è il segretario generale dell’ONU Guterres, che ha scelto di dedicare al Sudan la prima parte del suo intervento al consiglio di sicurezza delle nazioni unite, assicurando che l’ONU non lascerà il paese.
Mentre continuano gli scontri nel paese tra l’esercito sudanese e le forze paramilitari, un funzionario americano – parlando con SkyNews Arabia – ha detto che una delegazione diplomatica congiunta sta lavorando per avviare un dialogo di mediazione tra il comandante dell’esercito e quello delle forze di supporto rapido. L’incontro dovrebbe essere ospitato da Riad nelle prossime settimane. L’annuncio ufficiale potrebbe arrivare nei prossimi giorni dall’Arabia Saudita.
Intanto continuano le operazioni di evacuazione dalle ambasciate straniere. In due giorni sono partiti dal Sudan 21 voli di Paesi dell’Unione Europea. L’ambasciata francese è stata chiusa fino a nuovo ordine, mentre questa sera arriveranno a Ciampino gli 83 italiani evacuati nelle scorse ore.
Tra gli italiani, in Sudan rimangono ora solo gli operatori di Emergency e qualche missionario.
Muhameda Tulumovic è coordinatrice Emergency in Sudan:

 

La Spagna trasferisce la salma di Primo de Rivera, fondatore della Falange

Ci sono diversi modi di intendere l’antifascismo. Se in Italia abbiamo un governo quantomeno ambiguo, in Spagna hanno deciso di rimuovere la salma di Primo De Rivera, fondatore della Falange, dal sacrario monumentale dove era stato messo da Franco: Il servizio di Giulio Maria Piantadosi:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

Adesso in diretta