Approfondimenti

Putin pronto a riconoscere i separatisti ucraini filorussi, le proteste degli studenti arrivano in Parlamento e le altre notizie della giornata

Vladimir Putin

Il racconto della giornata di lunedì 21 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo una giornata che si era aperta con un segnale positivo, Putin ha riunito il consiglio di sicurezza nazionale e l’ha fatto trasmettere in diretta tv, annunciando che in giornata avrebbe deciso se riconoscere i separatisti ucraini filorussi. Le proteste di studentesse e studenti sono arrivate in Parlamento, alla Commissione Cultura della Camera: 7 minuti online per ognuna delle 10 associazioni studentesche che fanno parte del forum degli studenti. L’inchiesta sul sistema criminoso messo in piedi a Sabaudia potrebbe essere un avvertimento di quello che potrebbe accadere con la messa in gara degli stabilimenti balneari, come nelle intenzioni del governo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia a due anni dalla scoperta del primo caso a Codogno.

Putin è pronto a riconoscere i separatisti ucraini filorussi

(di Andrea Monti)

La giornata si era aperta con un segnale positivo, l’annuncio di un possibile incontro tra Vladimir Putin e Joe Biden. Poche ore dopo sono arrivati i primi indizi di tipo opposto, con il Cremlino che ha definito “prematuro” un incontro di questo tipo. Nel pomeriggio la svolta, quando il presidente russo ha riunito il consiglio di sicurezza nazionale e l’ha fatto trasmettere in diretta tv, annunciando che in giornata avrebbe deciso se riconoscere i separatisti ucraini filorussi, una mossa a forte rischio di far saltare le trattative diplomatiche in corso. Poco fa un nuovo, lungo intervento di Putin in diretta televisiva, stavolta nella forma del discorso alla nazione, in cui ha detto l’Ucraina è “parte integrante” della storia e della cultura russa. Da capire se alle parole del presidente russo seguirà un intervento militare dell’esercito di Mosca in Ucraina, e quali saranno le reazioni delle autorità di Kiev, degli Stati Uniti e dell’Occidente in genere. Nel pomeriggio il “ministro degli esteri” dell’Unione europea Josep Borrell ha minacciato sanzioni economiche, mentre il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz si dicevano “delusi” dall’imminente riconoscimento dei separatisti da parte di Putin.

Le proteste di studentesse e studenti arrivano in Parlamento

Il giorno in cui le proteste di studentesse e studenti sono arrivate in Parlamento. 7 minuti online per ognuna delle 10 associazioni studentesche che fanno parte del forum degli studenti. Non c’erano dunque altri collettivi e movimenti, come la Lupa, che hanno animato le proteste di queste settimane. Il primo assaggio di ascolto della politica dopo le mobilitazioni è stato così, nella Commissione Cultura della Camera. “anche senza coordinarci abbiamo espresso esigenze simili” raccontano dopo l’incontro. L’esame di stato, l’alternanza scuola lavoro, il reddito di formazione, anche sulla scia di quanto stabilito dal parlamento europeo contro stage e tirocini gratuiti, il benessere psicologico. Questi i temi portati dentro le istituzioni, quelli delle piazze di queste settimane. Una mobilitazione che continuerà, hanno ripetuto gli studenti, proprio oggi a Milano sono state occupate altre due scuole: il liceo economico Cremona Zappa e l’artistico Boccioni, con l’obbiettivo di andare avanti in autogestione per tutta la settimana “perché la pandemia ha peggiorato tutti i problemi che già c’erano prima”, spiegano. Domani ad incontrare il forum degli studenti sarà il ministro Bianchi, che oggi ha rilanciato una vaga promessa a ragionare su una riforma della scuola, senza entrare troppo nel merito. Il canale con le istituzioni si è dunque aperto: sta alla politica far si che non sia solo un’apparenza formale. “L’ascolto va bene, ma vediamo che risultati porta. Non siamo lì a ricevere le carezze dai signori adulti. Speriamo che abbiano recepito”, concludono studenti e studentesse.

Il sistema criminoso a Sabaudia e il rischio corruzione con la messa a gara degli stabilimenti balneari

Il sindaco di Sabaudia era a capo di un sistema criminoso. È quello che scrive il gip di Latina nell’ordinanza che convalida gli arresti di Giada Gervasi, sindaca del comune del litorale laziale, e di altre 15 persone.
“Un consolidato e produttivo apparato clientelare tra i dipendenti del Comune di Sabaudia e una serie di imprenditori privati” del settore degli stabilimenti balneari del litorale pontino. Tutte le quarantacinque attività balneari presenti sul lido di Sabaudia avrebbero goduto – secondo gli inquirenti – di favoritismi e privilegi all’interno del Comune.
L’inchiesta è particolarmente eclatante, anche perché in manette finisce addirittura il sindaco. Ma non è la prima che colpisce il settore degli stabilimenti balneari, tra l’altro al centro recentemente del tentativo di riforma del sistema che – almeno nelle intenzioni del governo – dovrebbe progressivamente passare dal regime concessorio a quello della messa a gara. Un sistema che – secondo l’economista dell’Università Bocconi Michele Polo, intervistato da Lele Liguori – è a forte rischio corruzione:


 

Due anni dopo i primi casi di COVID in Italia




Sono passati due anni dalla scoperta del primo caso di COVID in Italia, a Codogno. In poche settimane l’Italia è stata il secondo epicentro del nuovo coronavirus, dopo la città cinese di Wuhan. 
Da allora ci sono stati momenti di disperazione e di speranza, il lockdown, gli ospedali in affanno, un’estate in cui il peggio sembrava alle spalle, il vaccino, le varianti, un totale di quattro ondate. 
153.190 morti, 12 milioni e mezzo le persone che si sono infettate.


Oggi, a due anni dalla scoperta del paziente uno, ci sono stati 201 morti, oltre 24mila contagiati. 
Il vaccino ha cambiato l’incidenza di morti e ricoverati, alleggerendo l’impatto sul sistema sanitario nazionale, che resta comunque rilevante. I pazienti in terapia intensiva sono 928, oltre 13mila i ricoverati nei reparti COVID.

Oggi, dopo l’autorizzazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco, il governo deciso che dal 1° marzo alle persone immunodepresse sarà somministrata una quarta dose. Il generale Figliuolo ha detto che la platea sarà “abbastanza estensiva”.
 Di quarta dose non si parla invece per la popolazione generale.
L’EMA aveva messo in guarda da un possibile effetto negativo sui vaccinati. 

La Gran Bretagna ha deciso che la quarta dose di vaccino sarà destinata dalla primavera anche agli anziani sopra i 75 anni. 
Oggi il premier Johnson ha formalizzato la revoca di tutte le restrizioni, incluso l’isolamento dei contagiati. Il COVID sarà trattato come un’influenza e starà al buon senso dei cittadini cercare di non diffondere l’infezione.


L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 23/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 23-02-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 23/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 23-02-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 22/02/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 22-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 22/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-02-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 22/02/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 22-02-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 22/02/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 22-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 22/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 22-02-2024

Adesso in diretta