Approfondimenti

Putin pronto a riconoscere i separatisti ucraini filorussi, le proteste degli studenti arrivano in Parlamento e le altre notizie della giornata

Vladimir Putin

Il racconto della giornata di lunedì 21 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo una giornata che si era aperta con un segnale positivo, Putin ha riunito il consiglio di sicurezza nazionale e l’ha fatto trasmettere in diretta tv, annunciando che in giornata avrebbe deciso se riconoscere i separatisti ucraini filorussi. Le proteste di studentesse e studenti sono arrivate in Parlamento, alla Commissione Cultura della Camera: 7 minuti online per ognuna delle 10 associazioni studentesche che fanno parte del forum degli studenti. L’inchiesta sul sistema criminoso messo in piedi a Sabaudia potrebbe essere un avvertimento di quello che potrebbe accadere con la messa in gara degli stabilimenti balneari, come nelle intenzioni del governo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia a due anni dalla scoperta del primo caso a Codogno.

Putin è pronto a riconoscere i separatisti ucraini filorussi

(di Andrea Monti)

La giornata si era aperta con un segnale positivo, l’annuncio di un possibile incontro tra Vladimir Putin e Joe Biden. Poche ore dopo sono arrivati i primi indizi di tipo opposto, con il Cremlino che ha definito “prematuro” un incontro di questo tipo. Nel pomeriggio la svolta, quando il presidente russo ha riunito il consiglio di sicurezza nazionale e l’ha fatto trasmettere in diretta tv, annunciando che in giornata avrebbe deciso se riconoscere i separatisti ucraini filorussi, una mossa a forte rischio di far saltare le trattative diplomatiche in corso. Poco fa un nuovo, lungo intervento di Putin in diretta televisiva, stavolta nella forma del discorso alla nazione, in cui ha detto l’Ucraina è “parte integrante” della storia e della cultura russa. Da capire se alle parole del presidente russo seguirà un intervento militare dell’esercito di Mosca in Ucraina, e quali saranno le reazioni delle autorità di Kiev, degli Stati Uniti e dell’Occidente in genere. Nel pomeriggio il “ministro degli esteri” dell’Unione europea Josep Borrell ha minacciato sanzioni economiche, mentre il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz si dicevano “delusi” dall’imminente riconoscimento dei separatisti da parte di Putin.

Le proteste di studentesse e studenti arrivano in Parlamento

Il giorno in cui le proteste di studentesse e studenti sono arrivate in Parlamento. 7 minuti online per ognuna delle 10 associazioni studentesche che fanno parte del forum degli studenti. Non c’erano dunque altri collettivi e movimenti, come la Lupa, che hanno animato le proteste di queste settimane. Il primo assaggio di ascolto della politica dopo le mobilitazioni è stato così, nella Commissione Cultura della Camera. “anche senza coordinarci abbiamo espresso esigenze simili” raccontano dopo l’incontro. L’esame di stato, l’alternanza scuola lavoro, il reddito di formazione, anche sulla scia di quanto stabilito dal parlamento europeo contro stage e tirocini gratuiti, il benessere psicologico. Questi i temi portati dentro le istituzioni, quelli delle piazze di queste settimane. Una mobilitazione che continuerà, hanno ripetuto gli studenti, proprio oggi a Milano sono state occupate altre due scuole: il liceo economico Cremona Zappa e l’artistico Boccioni, con l’obbiettivo di andare avanti in autogestione per tutta la settimana “perché la pandemia ha peggiorato tutti i problemi che già c’erano prima”, spiegano. Domani ad incontrare il forum degli studenti sarà il ministro Bianchi, che oggi ha rilanciato una vaga promessa a ragionare su una riforma della scuola, senza entrare troppo nel merito. Il canale con le istituzioni si è dunque aperto: sta alla politica far si che non sia solo un’apparenza formale. “L’ascolto va bene, ma vediamo che risultati porta. Non siamo lì a ricevere le carezze dai signori adulti. Speriamo che abbiano recepito”, concludono studenti e studentesse.

Il sistema criminoso a Sabaudia e il rischio corruzione con la messa a gara degli stabilimenti balneari

Il sindaco di Sabaudia era a capo di un sistema criminoso. È quello che scrive il gip di Latina nell’ordinanza che convalida gli arresti di Giada Gervasi, sindaca del comune del litorale laziale, e di altre 15 persone.
“Un consolidato e produttivo apparato clientelare tra i dipendenti del Comune di Sabaudia e una serie di imprenditori privati” del settore degli stabilimenti balneari del litorale pontino. Tutte le quarantacinque attività balneari presenti sul lido di Sabaudia avrebbero goduto – secondo gli inquirenti – di favoritismi e privilegi all’interno del Comune.
L’inchiesta è particolarmente eclatante, anche perché in manette finisce addirittura il sindaco. Ma non è la prima che colpisce il settore degli stabilimenti balneari, tra l’altro al centro recentemente del tentativo di riforma del sistema che – almeno nelle intenzioni del governo – dovrebbe progressivamente passare dal regime concessorio a quello della messa a gara. Un sistema che – secondo l’economista dell’Università Bocconi Michele Polo, intervistato da Lele Liguori – è a forte rischio corruzione:


 

Due anni dopo i primi casi di COVID in Italia




Sono passati due anni dalla scoperta del primo caso di COVID in Italia, a Codogno. In poche settimane l’Italia è stata il secondo epicentro del nuovo coronavirus, dopo la città cinese di Wuhan. 
Da allora ci sono stati momenti di disperazione e di speranza, il lockdown, gli ospedali in affanno, un’estate in cui il peggio sembrava alle spalle, il vaccino, le varianti, un totale di quattro ondate. 
153.190 morti, 12 milioni e mezzo le persone che si sono infettate.


Oggi, a due anni dalla scoperta del paziente uno, ci sono stati 201 morti, oltre 24mila contagiati. 
Il vaccino ha cambiato l’incidenza di morti e ricoverati, alleggerendo l’impatto sul sistema sanitario nazionale, che resta comunque rilevante. I pazienti in terapia intensiva sono 928, oltre 13mila i ricoverati nei reparti COVID.

Oggi, dopo l’autorizzazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco, il governo deciso che dal 1° marzo alle persone immunodepresse sarà somministrata una quarta dose. Il generale Figliuolo ha detto che la platea sarà “abbastanza estensiva”.
 Di quarta dose non si parla invece per la popolazione generale.
L’EMA aveva messo in guarda da un possibile effetto negativo sui vaccinati. 

La Gran Bretagna ha deciso che la quarta dose di vaccino sarà destinata dalla primavera anche agli anziani sopra i 75 anni. 
Oggi il premier Johnson ha formalizzato la revoca di tutte le restrizioni, incluso l’isolamento dei contagiati. Il COVID sarà trattato come un’influenza e starà al buon senso dei cittadini cercare di non diffondere l’infezione.


L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Biden” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di giovedì 11/07/2024

    Quando si vola in Germania con würstel e sandali con calzini bianchi per questa fresca giovane puntata tra battute di tennis, luoghi comuni e scoperte sulla materia oscura. Entriamo poi nel vivo dei concerti con l'esclusiva rubrica "Cegna, Cegna edition".

    Poveri ma belli - 11-07-2024

Adesso in diretta