Approfondimenti

La prima vittoria per gli operai della Gkn, il dibattito sulla terza dose e le altre notizie della giornata

GKN Firenze

Il racconto della giornata di lunedì 20 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi il tribunale di Firenze ha stabilito che il licenziamento dei 422 lavoratori della Gkn è illegittimo. In tutte le regioni italiane è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino ai soggetti fragili, ma il dibattito sull’estensione della terza dose a tutta la popolazione è ancora aperto e l’OMS ha rinnovato l’appello a pensare ai paesi poveri. Il partito di Putin ha vinto le elezioni parlamentari in Russia, ma la voglia di cambiamento è sempre più evidente. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Prima importante vittoria per gli operai della GKN

Una prima, importante vittoria per gli operai della Gkn. Questa mattina il tribunale di Firenze ha stabilito che il licenziamento dei 422 lavoratori è illegittimo. La notizia è arrivata questa mattina, anche al presidio permanente della fabbrica di Campi Bisenzio:

Cosa è successo? Era l’8 luglio. Il licenziamento era arrivato con una mail. Senza una convocazione dei sindacati, senza un tavolo di crisi, niente. Subito era partita la protesta. La Fiom aveva fatto ricorso contro quel licenziamento in tronco arrivato subito dopo lo sblocco dei licenziamenti da parte del governo. Sabato scorso la mobilitazione nazionale “Insorgiamo” a Firenze con migliaia di persone. Oggi la notizia dal Tribunale.
Ma la nostra battaglia non finisce qui, ci ha detto il portavoce dei lavoratori Dario Salvetti:

Il caso GKN è diventato emblematico. Le grandi aziende, spesso internazionali che chiudono e se ne vanno, per aprire in paesi dove è più conveniente, senza che ci una situazione di crisi. Fermare questa situazione è possibile, ci ha detto Piergiovanni Alleva, docente e studioso di diritto del lavoro, uno dei più importanti giuslavoristi italiani. Anche perché una sentenza non basta:

 

L’Italia dà il via alla somministrazione delle terze dosi

(di Diana Santini)

Sarà pubblicato questa sera in Gazzetta Ufficiale il decreto che estende l’obbligo di Green Pass a tutti i lavoratori del settore pubblico e privato. Di qui all’entrata in vigore del provvedimento, il 15 ottobre, dovranno poi essere emanate le linee guida sui molti aspetti ancora non definiti in tema di sanzioni e smart working. Il provvedimento, secondo quanto ha dichiarato il commissario Figliuolo, ha prodotto per ora un incremento nelle richieste di prime dosi, tra il 20 e il 40% a seconda delle Regioni. Intanto, è iniziata oggi in tutte le regioni italiane la somministrazione della terza dose di vaccino ai soggetti fragili, coloro cioè che hanno un sistema immunitario compromesso da patologie (come l’AIDS) o dalle cure a cui sono sottoposti (come i trapiantati). La platea è stimata in circa 3 milioni di persone, in parte già contattate dalle strutture presso cui sono in cura. In alcune regioni, come la Lombardia, sta ai fragili stessi richiedere la terza dose.
Dopo la categoria dei fragili, quando arriverà il via libera del CTS, toccherà ai residenti delle RSA e ai sanitari, i primi ad essere stati vaccinati lo scorso gennaio: il commissario Figliuolo ha stimato che si partirà con queste categorie a metà ottobre. Quanto all’estensione della terza dose a tutta la popolazione, o almeno a tutti i cittadini sopra una certa soglia d’età, il dibattito è aperto. In parallelo al dibattito sulla terza dose procede anche quello sull’immunizzazione dei bambini. Oggi Pfizer ha annunciato l’esito positivo della sperimentazione condotta nella fascia d’età 5-11 anni e detto che presto condividerà i dati con l’autorità regolatoria sui farmaci americana, la Fda, per ottenere l’autorizzazione.

Il dibattito sulla terza dose e l’appello dell’OMS

(di Vittorio Agnoletto)

I paesi ad alto reddito hanno somministrato 61 volte più dosi per abitante rispetto ai paesi a basso reddito. Più a lungo persiste la disuguaglianza vaccinale, più il virus continuerà a circolare e più a lungo continuerà la crisi sociale ed economica.
La pandemia ha cancellato i progressi degli anni precedenti verso l’eliminazione della povertà e della disuguaglianza di genere. L’OMS chiede ai paesi ricchi di rispettare immediatamente i loro impegni di condivisione delle dosi di vaccino e di non procedere con la terza dose.
Questa la sintesi del drammatico appello lanciato oggi dall’OMS proprio mentre in Italia si dava avvio alla terza dose, nonostante il mancato parere positivo di Ema, l’Agenzia Europea per i Medicinali e della Food and Drug Administration.
Su Lancet vari scienziati tra i quali Philip Krause, vice-direttore dell’FDA, hanno sottolineato l’insufficienza dei dati disponibili sui rischi e sugli effetti collaterali della terza dose; la necessità di approfondire ulteriormente la durata e le caratteristiche della risposta immunitaria; l’importanza di monitorare con continuità il manifestarsi di nuove varianti per evitare di utilizzare vaccini che in poco tempo potrebbero dimostrarsi poco efficaci, ma, contemporaneamente, renderebbero impossibile la somministrazione di un’ulteriore dose con vaccini aggiornati.
La raccomandazione per ora, in attesa di ulteriori studi, è quella di proporre la terza dose solo ai cittadini fragili e di inviare nel sud del mondo le dosi in eccesso.
Anche l’esperienza israeliana suscita parecchie perplessità: lo studio analizza i dati relativi ad un solo un mese dopo la somministrazione della terza dose, periodo estremamente breve nel quale è ovvio aspettarsi una forte risposta immunitaria, ma quanto durerà, quali conseguenze ed effetti collaterali produrrà? Di questo si sa ben poco, nonostante l’immenso sforzo mediatico messo in atto in tutto il mondo dalla Pfizer.

Russia Unita vince le elezioni, ma la voglia di cambiamento è sempre più evidente

Il partito di Putin ha vinto le elezioni parlamentari in Russia. Pur avendo ottenuto meno voti rispetto al passato, Russia Unita ha preso quasi il 50% delle preferenze e si è assicurata i due terzi dei seggi in parlamento. I risultati ufficiali verranno comunicati solo nei prossimi giorni. Ci sono state infatti diverse denunce di brogli.

(di Emanuele Valenti)

Il Cremlino ha detto che il voto è stato regolare e Putin ha ringraziato i russi per la fiducia. Le denunce di brogli sono tante e provenienti da più parti. Dal Partito Comunista, arrivato secondo, alla rete di Navalny, alle ong che si occupano di monitoraggio elettorale. Fa molto discutere il ritardo nella comunicazione dei voti elettronici nella regione di Mosca, che a un certo punto hanno ribaltato il risultato a favore dei candidati di Russia Unita.
Importante anche capire cosa sia successo prima. Ai principali oppositori di Putin era stato vietato di candidarsi ed era stato ridotto lo spazio per i media indipendenti.
Nonostante questo Putin ha perso consensi, soprattutto per la situazione economica e sociale. Negli anni scorsi aveva raccolto molte critiche la riforma delle pensioni.
Il suo potere non è ovviamente in discussione. Il prossimo appuntamento, le elezioni presidenziali, nel 2024.
Dai risultati di alcuni partiti dell’opposizione, anche se funzionali al sistema come il Partito Comunista, oltretutto con dei candidati indicati anche da Alexey Navalny, si percepisce in ogni caso un’importante voglia di cambiamento. Come sarà impossibile saperlo.

Le regine trionfatrici degli Emmy 2021

(di Alice Cucchetti)

Dio salvi le regine: le trionfatrici degli Emmy 2021 sono The Crown e La regina degli scacchi, e tramite loro, indiscutibilmente, Netflix, la regina dello streaming. Che finalmente, dopo anni di tentativi, straccia la concorrenza e certifica anche con i premi il suo attuale dominio del panorama seriale. The Crown vince praticamente tutto nella sua categoria: miglior serie drammatica, certo, ma anche tutte e quattro le categorie attoriali (compresa la Gillian Anderson di X Files per aver interpretato una raggelante Margaret Thatcher). La regina degli scacchi, forte di un inarrestabile passaparola e di ascolti da record, è incoronata miglior miniserie dell’anno, nell’unica gara della serata che non sembrava del tutto già scritta prima di cominciare, e che infatti nella recitazione ha visto prevalere gli attori di Omicidio a Easttown capitanati da Kate Winslet. Tra le comedy dilaga prevedibilmente Ted Lasso di AppleTv+, l’amatissima serie su un allenatore di football americano che si ritrova a guidare una squadra di calcio inglese; solo la statuetta per miglior attrice comica è andata a un’interprete di un’altra serie, la strepitosa Jean Smart dell’inedita in Italia Hacks. Tutti i pronostici della vigilia più che confermati, dunque, per una cerimonia che, discretamente affollata e senza mascherine in vista, con solo il cast e la crew di The Crown in collegamento remoto da Londra, ha cercato di mettere in scena un ritorno all’era pre COVID-19, è filata senza guizzi né sorprese, e paradossalmente, proprio certificando il trionfo di una piattaforma come Netflix, ha celebrato prodotti più che mai generalisti e da grande pubblico: l’unico premio a un lavoro innovativo e sperimentale è stato quello a Michaela Coel per la sceneggiatura di I May Destroy You (anche una delle rarissime persone non bianche a salire sul palco per ritirare un premio). Mai come in questo caso, probabilmente, vale l’adagio: the show must go on.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta