Approfondimenti

La manifestazione a Padova contro la violenza di genere, i bombardamenti su altri ospedali di Gaza e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di lunedì 20 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Padova c’è stata una manifestazione contro la violenza di genere per ricordare Giulia Cecchettin, mentre gli inquirenti che indagano sul femminicidio vogliono capire se ci sia stata premeditazione. A Gaza nelle ultime 24 ore sono stati colpiti altri ospedali e la nuova stima delle Nazioni Unite sui profughi interni parla di 1 milione e 700mila su una popolazione di 2 milioni e 200mila persone. Oltre 200 condanne per ‘ndrangheta al maxi processo Rinascita Scott di Vibo Valentia. Tra questa quella a 11 anni per l’ex deputato di Forza Italia Giancarlo Pittelli. Più di 500 dipendenti di OpenAI, l’azienda che ha creato ChatGPT, minacciano di lasciare la società se il consiglio di amministrazione non si dimette e il co-fondatore Sam Altman non torna.

Padova scende in piazza contro la violenza di genere

Oggi a Padova c’è stata una manifestazione contro la violenza di genere, per ricordare Giulia Cecchettin, la studentessa uccisa dal suo ex fidanzato Filippo Turetta. Il corteo si svolge a Padova, dove Giulia frequentava l’università e dove doveva laurearsi giovedì scorso, prima di essere uccisa. Il racconto del corteo dell’inviato Alessandro Braga:


 

La laurea di Giulia Cecchettin tra gli elementi al centro delle indagini

Per quanto riguarda l’indagine, oggi la procura di Venezia ha fatto sapere che Filippo Turetta, arrestato in Germania, potrebbe essere estradato entro una decina di giorni. Dopo il ritrovamento del corpo della ragazza, il suo capo di imputazione è stato cambiato in sequestro di persona e omicidio volontario aggravato dal vincolo affettivo. Gli inquirenti vogliono capire, soprattutto, se il femminicidio sia stato premeditato. La laurea di Giulia è uno degli elementi al centro delle indagini.

(di Mattia Guastafierro)

Filippo Turetta non voleva che Giulia Cecchettin si laureasse prima di lui. Anzi, lei doveva fermarsi con gli esami, aspettarlo, aiutarlo. Una violenza psicologica che aveva allarmato Giulia e che l’aveva spinta a interrompere la loro relazione. A raccontarlo è stata Elena Cecchettin, la sorella di Giulia, in televisione. Giulia avrebbe dovuto discutere la sua tesi in ingegneria biomedica giovedì scorso, ma alla cerimonia non ci è mai arrivata. Saranno ora gli inquirenti a stabilire che importanza abbia avuto la sua laurea imminente nelle azioni che hanno portato Filippo Turetta a commettere il femminicidio. Di certo, l’ex fidanzato ne era ossessionato, come hanno raccontato, oltre alla sorella, anche gli altri familiari di Giulia. “Non era contento che si laureasse, perché temeva che si potesse allontanare da lui”, hanno dichiarato gli zii di Giulia. Un ricatto emotivo, un rifiuto di accettare l’emancipazione della propria compagna, dietro cui potrebbe celarsi la premeditazione. È questo il sospetto della procura. Il coltello usato per uccidere Giulia, i sacchi neri per coprire il suo corpo, i soldi in contanti per darsi alla fuga sono gli indizi di un quadro che sarà più chiaro dopo l’interrogatorio. Tutti elementi di particolare rilievo, poiché nel caso della premeditazione, il codice penale prevede l’ergastolo.

Israele bombarda altri ospedali a Gaza

La guerra a Gaza. Nelle ultime 24 ore sono stati colpiti altri ospedali. L’esercito israeliano sostiene che le strutture sanitarie vengano utilizzate da Hamas. Da diverse parti sono arrivate altre richieste di una tregua, mentre prosegue il negoziato per arrivare a un accordo sugli ostaggi.

(di Emanuele Valenti)

Dopo l’ospedale al-Shifa tocca all’ospedale indonesiano, sempre nel nord della Striscia. Questa mattina presto è stato colpito dall’esercito israeliano, che ha detto di aver risposto al fuoco nemico. Sta di fatto che all’interno sarebbero morte almeno 12 persone – personale medico e pazienti – e altre decine sarebbero rimaste feriti.
A Gaza City invece è finita sotto il fuoco una clinica di Medici Senza Frontiere. Alcuni veicoli dell’organizzazione sono stati bruciati. “Siamo molto preoccupati”, hanno detto i rappresentanti di MSF. Il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Ghebreyesus, ha fatto sapere di essere scioccato.
L’ultimo bilancio delle autorità locali è di 13.300 morti, di cui 5.600 bambini. “Il numero di vittime civili – ha commentato il segretario generale ONU Guterres – è senza precedenti”.
Il dramma della popolazione di Gaza sta nell’ultima stima delle Nazioni Unite sui profughi interni: 1 milione e 700mila su una popolazione di 2 milioni e 200mila persone. Quindi quasi l’80%. In un territorio piccolissimo e senza luoghi sicuri.
La Giordania sta per costruire un ospedale da campo nel sud, a Khan Yunis. Sarà il primo.
Sugli ostaggi ci sono state altre voci di una possibile intesa. Si è detto ottimista, questa sera, anche il presidente americano Biden. Aumenta ancora intanto l’intensità degli scambi a fuoco nel nord tra esercito israeliano ed Hezbollah libanesi.

La società israeliana è sempre più divisa

Alla Knesset, il parlamento israeliano, c’è stato uno scontro tra alcuni familiari degli ostaggi in mano ad Hamas e alcuni esponenti del governo Netanyahu. I familiari degli ostaggi chiedono che non venga approvata una proposta di legge che introdurrebbe la pena di morte per i detenuti accusati di terrorismo. Quello che sta succedendo conferma le tante spaccature all’interno della società israeliana. Gabriele Segre, presidente della Fondazione Vittorio Dan Segre, vive tra Italia e Israele:


 

207 condanne nel processo Rinascita Scott a Vibo Valentia

Oltre 200 condanne per ‘ndrangheta al maxi processo Rinascita Scott di Vibo Valentia. Tra questa quella a 11 anni per l’ex deputato di Forza Italia Giancarlo Pittelli. In tutto sono 338 gli imputati: imprenditori, politici, professionisti, carabinieri, oltre a bosse e affiliati alle cosche. L’inchiesta è della dda di Catanzaro, guidata fino a poche settimane fa da Nicola Gratteri. Il tribunale di primo grado, con le condanne di oggi, conferma in sostanza l’impianto delle accuse. Vale la pena leggere le parole del pubblico ministero della Dda di Catanzaro Vincenzo Capomolla: “La pervasività dell’organizzazione criminale nella provincia di Vibo Valentia era così radicata, così diffusa, così allarmante così inquietante che penso possa essere rilevato come non ci fosse nessun aspetto della vita, del tessuto economico e sociale della provincia che non fosse condizionato dalla forza di intimidazione di questa organizzazione criminale così pericolosa”.

Cosa sta succedendo in casa OpenAI?

Più di 500 dipendenti di OpenAI minacciano di lasciare la società se il consiglio di
amministrazione non si dimette e Sam Altman non torna. Lo riporta il Wall Street Journal citando alcune fonti. Sam Altman – licenziato dal consiglio di amministrazione della società che ha creato ChatGpt, il programma che ha fatto esplodere il fenomeno intelligenza artificiale – guiderà il nuovo team di intelligenza artificiale di Microsoft. Cosa sta succedendo e quali ipotesi si fanno sulla vicenda? Marco Schiaffino, conduttore di Doppio Click:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 28/05 8:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 28/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di martedì 28/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 28-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 27/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 27-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 27/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 27-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 27-05-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 27/05/2024 - ore 20:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 27-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 27-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 27-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 27/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 27-05-2024

Adesso in diretta