Approfondimenti

Le accuse di Yulia Navalnaya a Putin, le pressioni dell’esercito russo lungo il confine ucraino e le altre notizie della giornata

Yulia Navalnaya - navalny

Il racconto della giornata di lunedì 19 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La vedova dell’oppositore ucciso nel Gulag accusa direttamente Vladimir Putin dell’omicidio di Alexei Navalny, sostenendo che sia stato avvelenato con il Novichok. Oggi a Milano, l’associazione Annaviva ha organizzato un presidio in risposta a quello di ieri, durante il quale i partecipanti, che deponevano fiori nel giardino in memoria di Navalny, sono stati identificati dalla Digos. Dopo aver conquistato la località di Avdiivka, vicino a Donetsk, nel Donbas, le truppe di Mosca stanno aumentando la pressione anche in altre zone lungo la linea del fronte. Dopodomani a Firenze si terrà una manifestazione in seguito alla recente tragedia in cui sabato scorso cinque operai hanno perso la vita a causa del crollo di un cantiere.

Yulia Navalnaya punta il dito contro Vladimir Putin

(di Michele Migone)
L’accusa è precisa, inequivocabile. Yulia Navalnaya, la vedova dell’oppositore ucciso nel gulag, in un video di otto minuti punta il dito contro Vladimir Putin e lo accusa di aver ucciso Alexei Navalny avvelenandolo con il Novichok, un gas nervino già usato contro di lui nel tentativo di omicidio dell’agosto del 2020.

L’accusa della donna è credibile. Il corpo di Alexei Navalny verrà restituito alla famiglia solo tra 14 giorni. Il motivo ufficiale: Devono essere fatti esami chimici. Il cadavere dell’oppositore non è stato ancora visto dalla madre e tanto meno consegnato a lei, arrivata sabato scorso a Salekhard, il piccolo centro abitato vicino alla colonia IK 3, circolo polare artico, 1900 chilometri da Mosca, Da tre giorni le autorità locali accampano una scusa dietro l’altra per impedire l’accesso all’obitorio. Però qualche notizia è trapelata. Il corpo presenterebbe dei lividi e delle compressioni sullo sterno. I primi sarebbero lievi. Potrebbero essere dati dal tentativo di bloccarlo mentre Navalny aveva delle convulsioni. Le compressioni invece potrebbero essere fatti risalire a un tentativo di massaggio cardiaco.

Le convulsioni sarebbero collegate al Novichok. Sono la conseguenza dell’avvelenamento, poco prima di entrare in coma. Le tracce di questa sostanza in genere spariscono dopo quattro o cinque giorni dalla sua assunzione. Si comprende la ragione per cui le autorità russe non hanno fretta alcuna fretta di riconsegnare il corpo.

Il Novichok venne usato nel 2018 contro Serghei Skripal e sua figlia vicino a Salisbury in Inghilterra. L’ex agente del Kgb venne colpito per vendetta. Altre persone vennero raggiunte dalla sostanza e una di loro morì. Le autorità britanniche tre spie di Mosca, tutte collegate al servizio segreto militare russo. L’uso del Novichok è una firma

Il presidio dell’associazione Annaviva a Milano

Nuovo presidio oggi a Milano per Alexey Navalny organizzato dall’associazione Annaviva, un’associazione che nasce per ricordare la giornalista dissidente russa Anna Politkovskaia.

Un appuntamento organizzato in risposta a quello di ieri, quando i partecipanti, che posavano dei fiori nel giardino per ricordare Navalny, sono stati identificati dalla Digos. Nome, cognome, documenti fotografati uno a uno. Un episodio che ha suscitato proteste ma anche una domanda: perché? E’ quella che è stata posta anche in parlamento da un’interpellanza al ministro dell’interno, che oggi, incalzato dalle domande dei giornalisti, ha minimizzato: normale procedura.

Mattia Guastafierro ha raggiunto Martina Davydova, dell’associazione Annaviva

 

Aumenta la pressione delle truppe russe lungo il confine ucraino

Per la Russia questo è uno momento particolarmente favorevole.
Dopo aver conquistato la località di Avdiivka, vicino a Donetsk, nel Donbas, le truppe di Mosca stanno aumentando la pressione anche in altre zone lungo la linea del fronte.
Gli ucraini sono sulla difensiva, avrebbero bisogno delle armi occidentali e iniziano a mancare anche uomini, forze fresche in grado di combattere al fronte.

Oggi i media americani, citando fonti all’interno della Casa Bianca, hanno detto che se il Congresso dovesse dare il via libera al nuovo invio di armi a Kiev, l’amministrazione Biden sarebbe pronta a mandare anche nuovi missili a lungo raggio.

Il nostro collaboratore Sabato Angieri è a Kramatorsk, nel Donbas…

 

Mai più morti sul lavoro, la manifestazione dopo la strage a Firenze

Mai più morti sul lavoro: sarà intitolata così la manifestazione che ci sarà dopo domani, mercoledì, a Firenze dopo la strage sul lavoro in cui sono morti sabato 5 operai travolti dal crollo di un cantiere. Cgil e Uil hanno anche proclamato due ore di sciopero a livello nazionale.

Nel cantiere si sta ancora cercando il corpo della quinta vittima: si chiama Bouzekri Rachimi, 56 anni migrante dal Marocco.

Intanto l’inchiesta fa i primi passi. E già si profilano irregolarità. Oggi il procuratore capo di Firenze ha fatto un punto

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 22/04 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 22/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/04/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 22/04/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 22-04-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 22/04/2024

    Ospite della puntata Alain Johannes per una bella intervista con tre brani live.

    Jack - 22-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 22/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi Giornata della Terra ha ospitato Ed Winters, autore del libro Questa è propaganda Vegan, @edizioni Sonda, @Essere Animali per parlare del suo libro, ma anche di Mulazzano e del CLA Club Lettori Accaniti della scuola secondaria e della presentazione di Me l'ha detto l'armadillo, @Altreconomia editore e scopriamo che Ed voleva essere scoiattolo

    Considera l’armadillo - 22-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 22/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-04-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 22/04/2024

    Oggi a Cult: Massimiliano Tarantino introduce il ciclo di incontri "Democrazia a rischio" presso la Fondazione Feltrinelli, fra cui quello del 23 aprile con Antonio Scurati, recentemente censurato dalla RAi per il suo monologo antifascista; Giacomo Papi su "A cena con Kafka", appuntamento del Laboratorio Formentini; Martina Bagnoli, la nuova direttrice dell'Accademia Carrara; Mario Pianta di Sbilanciamoci.it sul convegno e la serata dedicati a Rossana Rossanda a Roma; la rubrica di classica a cura di Giuseppe Califano...

    Cult - 22-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E13

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese con voci, testimonianze e progetti.

    Clip - 22-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 22/04/2024

    Il caso Scurati e la destra al potere. Per i meloniani l’antifascismo è un nemico, non un valore. Lo spiega il ministro Lollobrigida, di Fratelli d’Italia, che replica così al monologo censurato: «la parola antifascista è troppo generica...purtroppo ha portato in tanti anni a morti». Il partito di Meloni non rinuncia alla fiamma nel simbolo, presentato anche alle europee. Una conferma del legame ideologico di FdI con la storia del neofascismo in Italia. Ospiti a Pubblica lo storico Luca Alessandrini e lo scrittore Sandro Veronesi.

    Pubblica - 22-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 22/04/2024

    Con o senza nome? Il PD discute se inserire il nome della Segretaria nel simbolo elettorale delle prossime europee. Questione di lana caprina, di adeguamento all'oggi o di rinuncia a una tradizione? Conduce Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 22-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 22/04/2024

    Angelo Miotto, ci racconta il successo storico della sinistra nelle elezioni nei Paesi Baschi; Sabato Angeri, analizza le conseguenze dello sblocco degli aiuti militari statunitensi all'Ucraina; Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese nella rubrica "un 25 aprile popolare"; Anna Bredice ci spiega i dibattito nel Pd sul simbolo con il nome di Elly Schlein per le Europee; Lucia Ercoli (intervistata da Massimo Alberti) mette in relazione la rinuncia alla cure con l'impoverimento delle famiglie; Valentino Segato della Cgil annuncia le iniziative sulla filiera della raccolta e trattamento dei rifiuti dopo l'incidente mortale in un impianto di Cusago di venerdì notte.

    Giorni Migliori – Intro - 22-04-2024

  • PlayStop

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME - presentato da Tizian Ricci

    Note dell’autore - 22-04-2024

Adesso in diretta