Approfondimenti

Il successo del centrosinistra ai ballottaggi, la sconfitta di Meloni e Salvini e le altre notizie della giornata

gualtieri PD Roma ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 18 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il successo del centrosinistra al ballottaggio non si ferma soltanto a Roma e Torino, ma è esteso a quasi tutte le città al voto. Il Partito Democratico ha vinto a Roma nel centro ricco e affluente, non nelle borgate della povertà e dell’abbandono. L’ex commissario straordinario per l’emergenza COVID Domenico Arcuri è stato indagato dalla Procura di Roma per peculato e abuso d’ufficio. Non c’è prova di evidenti carenze di assistenza sugli ospiti, poi morti, del Pio Albergo Trivulzio: con questa motivazione i pubblici ministeri milanesi hanno chiesto l’archiviazione per le persone sotto accusa. Nel primo lunedì di certificato obbligatorio su tutti i luoghi di lavoro la protesta si è concentrata nei porti di Genova, Trieste e Ravenna. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il successo del centrosinistra in quasi tutte le città al voto

Il centrosinistra ha vinto in modo netto a Roma e Torino: ma – se queste sono le due città più grandi – il successo è esteso a quasi tutte le città al voto.
Nella Capitale Roberto Gualtieri ha battuto Enrico Michetti in modo schiacciante: venti punti di distacco, con Gualtieri al 60%.
Torino torna al centrosinistra, dopo i 5 anni di Chiara Appendino. La vittoria netta è di Stefano Lo Russo, anche lui attorno al 60% contro Paolo Damilano del Centrodestra.
Trieste resta invece a Roberto Di Piazza, confermato: ma sul filo del rasoio. Il candidato di Centrosinistra Russo ha rimontato quasi sedici punti fermandosi a un passo dalla vittoria.
Si chiama Russo anche il nuovo sindaco di Savona, la città ligure torna al centrosinistra: vittoria schiacciante con il 62% dei voti.
Centrosinistra vincente anche a Varese, che riconferma Davide Galimberti con il 53% dei voti. Ma il centrosinistra vince anche a Latina, con Damiano Coletta che si riconferma sindaco in una delle storiche roccaforti della destra laziale.
Anche Isernia, Caserta e Cosenza vanno al Centrosinistra.A Benevento invece resta sindaco l’intramontabile Clemente Mastella.

La profonda sconfitta di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia

(di Michele Migone)

Il centrodestra ha perso le elezioni amministrative. Per il centrosinistra è un schiacciante 5 a 0, se si calcolano le città principali, ma la sconfitta di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia è ancora più profonda se si tengono conto di tutti i capoluoghi. Giorgia Meloni non ha nascosto la sconfitta, l’ha voluta attribuire alle divisioni nel suo campo (la gara con Salvini che, però, lei stessa ha provocato) e a una campagna elettorale contro la Destra all’insegna di slogan, come ha detto, in stile anni ’70. Matteo Salvini, invece ha cercato di limitare i danni dal punto di vista dell’immagine, ma è evidente che per lui è stata una debacle. Il vincitore di questa tornata elettorale è Enrico Letta che punta ad essere il grande federatore del fronte contro i sovranisti. Ha già fatto capire che la prossima tappa per cementare questa alleanza sarà l’elezione del Presidente della Repubblica in febbraio. Dopo quel passaggio, il leader del PD valuterà cosa fare: se cioè sfruttare quella che appare un’onda politica nel paese con il voto anticipato oppure rimanere, come ha detto oggi, fedele al governo Draghi. Tutti i leader politici sanno però che il dato più significativo è l’alto tasso di astensionismo. La sfida è riuscire ad attrarre il voto di coloro che si sono allontanati dalle urne perché probabilmente saranno i voti decisivi per i prossimi appuntamenti elettorali.

Il PD si è ripreso Roma, ma fa finta di non vedere il problema

(di Luigi Ambrosio)

Roberto Gualtieri è arrivato a piazza Santi Apostoli per festeggiare di fronte ad alcune decine di militanti e dirigenti del centrosinistra, presenti in numero quasi pari a quello di telecamere e giornalisti.
Ha parlato e non si capiva se si riferisse a Roma o all’Italia. In realtà, probabilmente, pensava a entrambe le cose.
“Tutta Italia è del centrosinistra, con l’unità si vince e si governa” ha detto.
“Vedo tutte le bandiere della coalizione, sono la nostra forza, uniti si vince” ha insistito.
In piazza anche alcuni dei protagonisti della breve stagione di Ignazio Marino, compresi quelli che corsero dal notaio per licenziarlo, aprendo la strada a Virginia Raggi. Ora il PD si è ripreso Roma, Raggi è stata la sola politica fischiata dalla piazza, perfino il candidato meloniano Michetti è stato applaudito, ma lei no.
“Oggi festeggiamo” ha detto Gualtieri “si vince a Roma e si può vincere anche in Italia”.
Manca un soggetto, non invitato alla festa di Gualtieri. Un soggetto a cui non si è fatto cenno. Gli astenuti. Nelle periferie non si è votato. Deluse da Raggi, deluse dalla destra, le periferie non hanno creduto nemmeno nel centrosinistra.
Il Pd ha vinto nel centro ricco e affluente, non nelle borgate della povertà e dell’abbandono. E qui, nel centro di Roma, mentre va la musica di Tommaso Paradiso, la stessa che mette Renzi, si fa finta di non vedere il problema. O forse, va bene così.
“Roma sarà la sorpresa dei prossimi anni” chiude il nuovo sindaco dal palco.
In fondo, alcuni ragazzi sventolano bandiere rosse e cantano Bella Ciao. La destra è sconfitta. La destra è rimasta a casa.

L’ex commissario straordinario Arcuri indagato per peculato e abuso d’ufficio

Milioni di mascherine irregolari e pericolose per la salute. Dispositivi di protezione acquistati nel corso della prima ondata della pandemia. C’era il governo Conte e c’era il commissario straordinario Domenico Arcuri. Materiale acquistato dalla Cina per il quale oggi la Procura di Roma ha disposto il sequestro presso la struttura commissariale e alcune sue sedi regionali. Arcuri è indagato per peculato e abuso d’ufficio, indagato anche l’imprenditore Mario Benotti per frode nelle pubbliche forniture. L’attuale numero uno di Invitalia, è stato interrogato sabato. Nei suoi confronti i magistrati contestavano anche il reato di corruzione su questo però è stata chiesta l’archiviazione.

Chiesta l’archiviazione per gli indagati del Pio Albergo Trivulzio

(di Alessandro Braga)

Non c’è prova di evidenti carenze di assistenza sugli ospiti, poi morti, del Pio Albergo Trivulzio. Con questa motivazione i pubblici ministeri milanesi hanno chiesto l’archiviazione per le persone sotto accusa. In pratica, dicono i magistrati, non è possibile rintracciare un nesso causale che possa portare alla condanna. Questo nonostante tra gennaio e aprile del 2020 il 33% delle morti registrate al Trivulzio, che sono state oltre trecento, come emerso dalla consulenza, sarebbe attribuibile con alta probabilità al covid e nello stesso periodo si era registrato un tasso di mortalità del 40% più alto rispetto ai periodi normali e sempre a causa del coronavirus. Una decisione, che ora dovrà essere confermata o meno, che ha lasciato l’amaro in bocca ai parenti delle vittime, che nell’ultimo anno e mezzo hanno lottato per avere verità su quanto successo ai propri cari.

La protesta contro il Green Pass si concentra a Trieste, Genova e Ravenna

Trieste, Genova e Ravenna. Si è concentrata nei porti di queste città la protesta contro il green pass, nel primo lunedì di certificato obbligatorio su tutti i luoghi di lavoro. Nel capoluogo friulano stamattina la polizia ha usato idranti e lacrimogeni per sgomberare le persone che manifestavano. Alcune migliaia poi si sono radunate nella centrale piazza unità d’Italia e una delegazione è stata ricevuta in Prefettura, mentre la contestazione continuava anche in altre zone della città, con nuove cariche della polizia. La mobilitazione prosegue anche al porto di Genova, dove nel pomeriggio è stato bloccato uno dei varchi per alcune ore. A Ravenna ci sono stati dei blocchi stradali, sgomberati senza tensioni dopo alcune ore. Dal resto d’Italia nessuna notizia di proteste di ampia portata.

La Festa del Cinema di Roma tra Johnny Depp e Favino

(di Barbara Sorrentini)

Tutti aspettavano Johnny Depp, ma è arrivato Favino. Due ore di attesa per il divo più maledetto di Hollywood a Roma per presentare la serie animata “Puffins” e tenere una master class. Bloccato dai fans in hotel e ancora con le accuse di violenza pendenti nei confronti della moglie Amber Head, al suo arrivo in Auditorium si è dedicato al pubblico.
In perfetto orario, scusandosi per la puntualità, invece è arrivato Pierfrancesco Favino, protagonista di “Promises” di Amanda Sthers, scrittrice e regista francese che ha ambientato il suo film nel Regno Unito, facendo recitare Favino in perfetto inglese londinese. È la storia di Alexander che si muove in un tempo arzigogolato e di andirivieni tra un passato doloroso in Italia e un presente confuso e sentimentale a Londra. Un ritorno felice per il regista cinese Zhang Yimou. Il suo “One second” è un omaggio al cinema in pellicola, quando durante la Rivoluzione Culturale un detenuto cerca in un fotogramma la figlia perduta e una ragazzina abbandonata dal padre cerca sostentamento per il fratellino. Il film ha uno stile che richiama il neorealismo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1450118229045690372

https://twitter.com/RegLombardia/status/1450127746785492993

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

Adesso in diretta